Osa, il Venezuela nell’occhio dell’uragano

oea

CARACAS – Polemica in seno all’Osa. Durante il dibattito nel Consiglio Permanente dell’organismo americano, dopo la richiesta del Segretario Generale, Luis Almagro, di applicare la “Carta Democratica” nel caso del Venezuela per quelle che ha considerato reiterate violazioni della Costituzione e dei Diritti Umani, sono state presentate diverse proposte.

Brasile, Messico, Argentina e Costa Rica hanno suggerito di analizzare la congiuntura del Venezuela alla luce del precario equilibrio politico. Dal canto loro, Bolivia e Nicaragua hanno insistito sull’opportunità di discutere sui continui attacchi denunciati dal presidente della Repubblica, Nicolás Maduro.

All’inizio del conclave, l’ambasciatore del Venezuela presso l’Osa, Bernardo Alvarez, ha assicurato che il governo del presidente Nicolás Maduro promuove la pace e la sicurezza.

Condividi: