San Gottardo simbolo dell’unità dell’Europa

Pubblicato il 01 giugno 2016 da redazione

gottardo

POLLEGIO (SVIZZERA). – Dalla Svizzera arriva una lezione di unità all’Unione Europea, a quell’Europa di cui la Svizzera non fa parte. A meno di un mese dal referendum in Gran Bretagna per uscire dalla Ue, mentre continuano le polemiche e le minacce di costruire muri, di chiudere i confini e sospendere il trattato di Schengen, la cancelliera Angela Merkel, il presidente francese Francois Hollande e il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, hanno salutato come “un simbolo di unità e di apertura” l’inaugurazione della galleria del San Gottardo, il tunnel ferroviario più lungo del mondo (57,1 km).

Merkel, Hollande e Renzi hanno voluto essere presenti e insieme all’inaugurazione (anche se per Renzi si è trattato di un blitz a causa di una cerimonia al Quirinale). Insieme hanno preso il treno a Erstfeld (nel Canton dell’Uri) per arrivare a Pollegio-Bodio (in Canton Ticino) condividendo il vagone con il presidente della Confederazione elvetica, Johann Schneider-Amman. Insieme hanno sottolineato come “un simbolo” il tunnel del Gottardo. Poi Renzi ha lasciato al ministro dei Trasporti, Graziano Delrio l’incombenza del discorso ufficiale.

Ma alla tv svizzera il premier ha detto che l’Italia è “grata” per “quest’opera di collegamento che ha anche un valore simbolico, in tempi in cui altri vogliono costruire muri”. Un tema ripreso sia da Angela Merkel, sia da Francois Hollande. “Oggi si parla di confini e dobbiamo proteggere quelli esterni” ha sottolineato la Cancelliera tedesca, ma il miglior modo per farlo è “la difesa degli scambi interni e del mercato comune”.

Merkel ha anche chiesto di ricordare le nove persone che hanno perso la vita nella costruzione del tunnel e ha definito il Gottardo “un simbolo” perché “il Nord e il Sud si avvicinano”: “L’identità europea è sempre stata la nostra ricchezza culturale e così deve rimanere”.

Francois Hollande invece nel suo intervento ha parlato direttamente della Gran Bretagna, dove è imminente il voto sulla Brexit, ricordando che vent’anni fa è stato fatto il tunnel sotto la Manica: “nessuno pensava fosse possibile, invece è stato realizzato. Siamo stati uniti più che mai e spero che i britannici se ne ricorderanno”. Applausi per lui dalla platea.

“Oggi – hanno aggiunto nel suo intervento il Cancelliere austriaco Christian Kern e del primo ministro del Liechtenstein Adrian Hasler – è in Svizzera che il sogno Europa si realizza”. Un sogno che rende più facili i collegamenti. Nel 2020 meno di tre ore da Zurigo e Milano. E già dal prossimo 11 dicembre, quando la galleria entrerà ufficialmente in funzione, già 65 treni passeggeri e 260 treni merci transiteranno dal nuovo Gottardo, togliendo tir dalla strada e quindi inquinando meno. Quest’opera, costata oltre 11 miliardi di euro, ha concluso il presidente Schneider-Ammann “è stata realizzata dalla Svizzera, ma è per tutta l’Europa”.

(dell’inviata Bianca Maria Manfredi/ANSA)

Ultima ora

16:57Moto3: Aragon pole Martin poi Bastianini

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Lo spagnolo Jorge Martin domani in pole position nella gara delle Moto3 del Gp di Aragon. Lo spagnolo, che guida una Honda del team Gresini ha fatto segnare il tempo di 1'58"067 precedendo Enea Bastianini e lo spagnolo Aron Canet (entrambi su Honda Estella Galicia), staccati rispettivamente di 358 e 449 millesimi di secondo. Seguono Nicolò Bulega e Dennis Foggia -entrambi dello Sky Racing Team VR 46 - mentre il leader del Mondiale, lo spagnolo Joan Mir, è sesto. Undicesimo crono per Romano Fenati (Honda). In Moto2 sarà il portoghese Manuel Oliveira a partire dalla pole position. Il pilota della Ktm ha girato in 1'53"736 precedendo di soli 21 millesimi Mattia Pasini e di 71 lo spagnolo Alex Marquez, entrambi su Kalex. Quarto tempo con un ritardo di 105 millesimi per Franco Morbidelli, leader del Mondiale.

16:56Montenegro: a Podgorica Gay Pride senza incidenti

(ANSAmed) - BELGRADO, 23 SET - A Podgorica, capitale del Montenegro, si è svolto oggi pacificamente e senza incidenti la quinta edizione del Gay Pride. Secondo la polizia locale al corteo che ha attraversato il centro della città hanno partecipato circa 300 persone con cartelli e striscioni contro ogni forma di violenza e intolleranza. Ai manifestanti, riferiscono i media locali, si sono uniti il capo della rappresentanza Ue e gli ambasciatori di Stati Uniti e Gran Bretagna. Nelle edizioni passate il Gay Pride in Montenegro era stato segnato da violenze scatenate da gruppi di estremisti e nazionalisti omofobi.

16:56Calcio: Juric, a San Siro daremo battaglia

(ANSA) - GENOVA, 23 SET - "Sono tranquillo e sereno, col Chievo ad esempio per molti tratti abbiamo fatto bene, peccato per il gol subito che era evitabile. Domani a San Siro daremo battaglia". Lo ha detto Ivan Juric, tecnico del Genoa, alla vigilia della difficile trasferta contro l'Inter. "E' un momento delicato ma ne usciremo con carattere - ha proseguito Juric - e non rinunceremo a giocare. Di fronte troveremo una squadra molto solida in particolare in casa. L' Inter è micidiale soprattutto in attacco. Icardi fa gol in tutti i modi, sarà importante soprattutto non lasciargli la possibilità di giocare 1 contro 1 per questo servirà raddoppiarlo" Dopo aver cambiato molto nelle ultime partite, per domani Juric ha ancora "molti dubbi" di formazione. "Alla terza partita in una settimana e con una rosa non ancora al meglio fisicamente devo valutare quanto e quanti hanno recuperato dopo la sfida con il Chievo" dice.

16:52Catalogna: Madrid coordinerà polizia, anche i Mossos

(ANSA) - ROMA, 23 SET - I vertici della polizia nazionale spagnola, la Guardia Civil e i Mossos d'Esquadra, la polizia catalana, che hanno il compito di garantire la sicurezza e l'ordine in Catalogna in vista del proclamato referendum sull'indipendenza il prossimo primo ottobre, saranno coordinati da un alto ufficiale del ministero degli Interni di Madrid. Lo riferisce El Mundo. Ma la mossa non è piaciuta al governo di Barcellona che ha già avvertito Madrid che "non accetterà" che tale decisione. Secondo El Pais, il coordinamento è stato affidato a Diego Pérez de los Cobos, già colonnello della Guardia Civil e direttore dell'Ufficio di Coordinamento del Segretario di Stato per la Sicurezza. Los Cobos è stato nominato dal Procuratore come "direttore tecnico".

16:48Abusi minore senza colpevoli, reati prescritti dopo 16 anni

(ANSA) - TORINO, 23 SET - Sono emerse "alcune anomalie", a Torino, nell'iter del processo per abusi sessuali su una minorenne terminato giovedì sera in Cassazione con l'annullamento senza rinvio della sentenza per la prescrizione dei reati. E' quanto rivela Arturo Soprano, presidente della Corte d'appello di Torino, che oggi, a Palazzo di Giustizia, ha cominciato ad acquisire informazioni e a svolgere accertamenti. "Se dovessero ravvisarsi delle responsabilità - aggiunge il magistrato - prenderemo dei provvedimenti". La storia inizia nel 2001 quando una ragazza, allora sedicenne, abusata del padre viene affidata a una comunità, a Torino, dove la giovane è a sua volta vittima di abusi da parte di un'operatrice che la costringe anche a partecipare a orge. "Per ora - osserva Soprano - abbiamo avuto un pubblico ministero solerte, che ha chiuso in fretta le indagini preliminari, un processo di primo grado con tempistiche da lumaca, un periodo di vuoto fra il 2007 e il 2013, tre anni per fissare l'udienza. Accerteremo il motivo".

16:44Ucraina: Saakashvili solo multato per ingresso illegale

(ANSA) - MOSCA, 23 SET - Una multa di 130 dollari: è questa la condanna inflitta ieri da un tribunale di Leopoli all'ex governatore georgiano ed ex governatore della regione di Odessa, Mikheil Saakashvili, per essere entrato illegalmente in Ucraina dalla Polonia con decine di sostenitori che gli hanno aperto la strada scontrandosi con le guardie di frontiera. Secondo la procura generale ucraina, Saakashvili non sarà né arrestato né estradato in Georgia, dove è accusato di malversazione e appropriazione indebita, crimini che lui nega e ritiene gli siano contestati per motivi politici. Il presidente ucraino Petro Poroshenko a fine luglio ha revocato la cittadinanza ucraina all'ex leader della Rivoluzione delle Rose mentre questi si trovava all'estero vietandogli di rimettere piede nel paese e minacciando di estradarlo in Georgia.

16:32Isis: raid a Istanbul, arrestati 36 presunti jihadisti

(ANSA) - ISTANBUL, 23 SET - Almeno 36 presunti membri dell'Isis sono stati arrestati dalla polizia di Istanbul. Lo riferisce l'agenzia di stampa turca Anadolu. In base a quanto si è appreso, le forze dell'antiterrorismo hanno condotto raid in 15 abitazioni di Istanbul arrestando cinque sospetti che avrebbero viaggiato in Siria e in Iraq per l'Isis. Altri 31 sospetti sono stranieri, ma le loro nazionalità non sono state rese note.

Archivio Ultima ora