Opec non limita la produzione, Barkindo è il nuovo segretario

Pubblicato il 03 giugno 2016 da redazione

A general view prior to the start of the 169th meeting of the Organisation of Petroleum Exporting Countries (OPEC) in Vienna, Austria, 02 June 2016.  EPA/HANS PUNZ

A general view prior to the start of the 169th meeting of the Organisation of Petroleum Exporting Countries (OPEC) in Vienna, Austria, 02 June 2016. EPA/HANS PUNZ

MILANO. – Il petrolio dei Paesi dell’Opec continuerà ad affluire sui mercati senza alcun contingentamento. La riunione del cartello, a Vienna, si è infatti chiusa senza la fissazione di alcun tetto alla produzione. L’intransigenza dell’Iran, contraria a mettere un tetto dopo la fine dell’embargo, ha impedito il raggiungimento di un’intesa su un’azione coordinata, come invece avrebbe voluto l’Arabia Saudita e i Paesi, come il Venezuela, più sotto pressione a causa delle quotazioni dell’oro nero.

Il ministro del petrolio iraniano, Bijan Zanganeh, ha ribadito che il suo Paese non intende “rispettare gli attuali tetti di produzione” e vuole “ritornare alla situazione antecedente alle sanzioni in termini di quantità e percentuale di quote di produzione”.

Tuttavia la ripresa del barile nelle ultime settimane, con il greggio che stazione in area 50 dollari, ha stemperato gli animi rispetto alla riunione dello scorso dicembre. “L’atmosfera è stata calma e senza tensioni” ha detto Zanganeh, il suo collega saudita, Khalid Al-Falih, ha parlato di riunione “molto collaborativa” e anche il rappresentante del Venezuela ha definito l’incontro “molto positivo”.

Il mercato ha accolto il nulla di fatto sulle quote con un po’ di delusione, ma il calo del petrolio, che è arrivato a perdere anche il 2%, è stato riassorbito dopo che l’Agenzia internazionale dell’energia ha reso noti i dati sulle scorte di greggio negli Usa, scese la scorsa settimana di 1,37 milioni di barili.

Il clima più disteso ha permesso di nominare il nigeriano Mohammed Barkindo, nuovo segretario generale al posto di Abdalla El-Badri, ‘scaduto’ nel 2012 dopo aver raggiunto il limite dei due mandati triennali, ma mai sostituito a causa delle divisioni sul nome del successore.

Barkindo ha lavorato per più di 23 anni alla Nigerian National Petroleum Corporation, dove ha occupato varie posizioni, inclusa quello di responsabile dell’unità di trading internazionale, ed è rappresentante della Nigeria all’interno dell’Opec da 15 anni.

Ultima ora

08:16Sudafrica: morto Ahmed Kathrada, uno dei padri antiapartheid

(ANSA) - JOHANNESBURG, 28 MAR - E' morto questa mattina a Johannesburg Ahmed Kathrada, uno dei padri della lotta antiapartheid in Sudafrica e compagno di prigione di Nelson Mandela: Kathrada aveva 87 anni, 26 dei quali trascorsi in carcere, molti insieme a Mandela. La sua fondazione ha annunciato che il 'grande vecchio' del partito di Zuma, detto anche Kathy, e' morto dopo essere stato ricoverato in ospedale per un'embolia cerebrale all'inizio di questo mese. Nato il 21 agosto del 1929 nel nordovest del Sudafrica, Kathrada e' stato impegnato contro l'apartheid fin da giovane. Arrestato nel luglio del 1963 alla periferia di Johannesburg, fu condannato all'ergastolo l'anno successivo.

07:15Pakistan: treno merci contro autocisterna, due morti

ISLAMABAD - Almeno due persone sono morte ed altre 10 sono rimaste ferite ieri sera in Pakistan quando un'autocisterna per il trasporto di carburante si e' bloccata sui binari di un passaggio a livello incustodito nella provincia di Punjab poco prima che sopraggiungesse un treno merci. La tv DawnNews ha indicato che l'incidente e' avvenuto nel distretto di Sheikhupura ed ha coinvolto un convoglio partito da Lahore e diretto a Karachi.

05:30Giappone:bilancio valanga Tochigi sale a 9 morti e 40 feriti

TOKYO - Ammonta a 9 il bilancio finale delle vittime della valanga che si e' abbattuta nella prefettura di Tochigi, a circa 100 km a nord di Tokyo, nel corso di un evento di arrampicata in programma a inizio settimana. Le autorita' municipali hanno confermato la morte di 8 studenti di scuola superiore e un insegnante, oltre al ferimento di 40 persone. La polizia ha aperto un'indagine sui motivi per i quali la manifestazione era stata organizzata malgrado la forte nevicata, circa 30 centimetri di neve, caduta il giorno prima sul villaggio.

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

Archivio Ultima ora