2 giugno, orgoglio sindaci. Mattarella, rilanciare i principi e i valori della nostra democrazia

Pubblicato il 03 giugno 2016 da redazione

ROMA. – In via dei Fori Imperiali è stato il giorno dell’orgoglio dei sindaci. “Tutti, di ogni partito e arrivati da ogni regione”, assicura il presidente del consiglio nazionale dell’Anci, Enzo Bianco. Ma soprattutto quelli dei Comuni più piccoli, “emozionati”. Hanno marciato in 400, nelle loro fasce tricolori, “perché il 2 giugno è la festa di tutti, non solo dei militari”.

I sindaci in marcia – “spina dorsale di un’Italia orgogliosa”, sempre parole di Bianco – sono la novità dell’ edizione 2016 della parata per la Festa della Repubblica, in occasione del suo 70/o anniversario. Settanta anni durante i quali, ha sottolineato il presidente Mattarella, la Carta Costituzionale è stata “ispirazione e guida lungimirante della rinascita” del Paese e, “da allora, fondamento della democrazia italiana.

sfilata 2giugno

Quei valori di libertà, giustizia, uguaglianza fra gli uomini e rispetto dei diritti di ognuno e dei popoli sono, ancora oggi, il fondamento della coesione della nostra società ed i pilastri su cui poggia la costruzione dell’Europa”.

E questa ricorrenza, ha proseguito il capo dello Stato, deve essere “un’occasione per rilanciare i principi e i valori di fondo della nostra democrazia. E rilanciarli non vuol dire ribadirli. Vuol dire verificare la loro attuazione. Fare una sorta di tagliando, fare il punto per far avanzare l’attuazione di questi principi”.

“Bisogna recuperare il senso della coesione”, ha concluso. Di “unità nazionale” parlano anche i sindaci, che hanno aperto la parata tra gli applausi, ricevuti dal pubblico e ricambiati. “E’ la prima volta che veniamo coinvolti, soprattutto noi sindaci di piccole realtà”, racconta al termine Aldo Luongo, primo cittadino di Cuccaro Vetere, 581 abitanti in provincia di Salerno.

“E’ un fatto importante perché anche questo è un momento di unità del Paese, sempre più esposto a spinte che puntano invece ad allontanare e dividere”. In tanti hanno risposto all’appello dell’Anci, dice Bianco, sindaco di Catania. “Commossi e orgogliosi, presenti in maniera trasversale per dare una speranza al nostro Paese. I sindaci sono un grande patrimonio dell’Italia che guarda avanti”.

A moment of the military parade for the Italian Republic Day in Rome, Italy, 02 June 2016. ANSA/GIUSEPPE LAMI

A moment of the military parade for the Italian Republic Day in Rome, Italy, 02 June 2016.
ANSA/GIUSEPPE LAMI

Sindaci a parte, il copione è stato sostanzialmente quello delle passate edizioni. Primo atto solenne, con Mattarella e tutti i vertici istituzionali, l’omaggio al sacello del Milite ignoto, al Vittoriano. A seguire breve “pausa-caffé” per il premier e il presidente del Senato, in un bar lì vicino, e successiva camminata fino alla tribuna presidenziale.

Una breve passeggiata segnata, per Renzi, da applausi, selfie, strette di mano e inviti a “non mollare”. “Presidente vinci il referendum”, gli urla un cittadino. E Renzi: “Eh, dammi una mano”. La pioggia, incombente per tutta la mattinata, ha graziato lo sfilamento ma è cominciata a cadere fitta alla fine: Mattarella era appena salito sulla Flaminia scoperta, insieme al ministro Pinotti, e non ha voluto che venisse chiusa la capote fino all’ arrivo al Quirinale. Non solo un bagno di folla, per lui.

Tremilaseicento i militari e i civili sfilati a due passi dal Colosseo. Grandi applausi al passaggio del drappello degli atleti del Gruppo paralimpico della Difesa: davanti a tutti Gianfranco Paglia, il parà Medaglia d’oro al valor militare, ferito nella battaglia del pastificio a Mogadiscio e da allora, era il ’93, costretto su una sedia a rotelle.

Applausi per i marò Latorre e Girone, quanto è stata la volta del passaggio di una compagnia del reggimento San Marco: sono rimasti a casa (“evitiamo strumentalizzazioni”, aveva detto il Renzi) e lo speaker si è limitato a un laconico: “a loro va il saluto di tutti noi”. I due fucilieri di Marina hanno trascorso il 2 giugno con le loro famiglie in Puglia, senza partecipare nemmeno alle cerimonie organizzate a livello locale. La linea è quello del basso profilo. “Buona festa della Repubblica e grazie a chi ci ha sostenuto”, si è limitato a dire Girone.

Ad assistere alla parata anche gli alunni e i docenti di una cinquantina di scuole, mentre un drappello di bambini ha aspettato al varco il capo dello Stato, alla fine della manifestazione, per srotolargli davanti uno striscione in memoria del “Settantesimo anniversario del voto alle donne”.

Nel palco presidenziale, con il capo dello Stato – che ha ricordato come la “calorosa partecipazione” dei cittadini alla “sobria” parata sia l’ennesima conferma “dell’affetto del popolo italiano verso le Forze armate” – i vertici istituzionali e molto Governo, con diversi ministri e sottosegretari, mentre nessun big di M5S e Lega è stato avvistato almeno nelle prime file.

Del resto il leader del Carroccio Salvini, al presidente Mattarella che oggi ha parlato della “festa di un’Italia migliore”, ha replicato secco su Facebook: “Cosa c’è da festeggiare in una Italia invasa e disoccupata? L’Italia sarà migliore quando si libererà di Renzi e dei suoi compari”.

(di Vincenzo Sinapi/ANSA)

Ultima ora

17:30Siccità: Gentiloni, arrivate richieste stato emergenza

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Il premier Paolo Gentiloni ha informato durante il consiglio dei ministri della richiesta, avanzata da alcune Regioni e in particolare dalla Regione Lazio soprattutto in riferimento a Roma, per la dichiarazione dello stato di emergenza a causa della crisi nel sistema idrico. In proposito, spiega il governo, sono in corso "i tempestivi adempimenti istruttori, previsti dalla legge, da parte della Protezione civile, in esito ai quali, nei prossimi giorni, potranno essere compiute le valutazioni del Governo".

17:26Fassone a Pallotta, su debiti-fatturato Milan meglio di Roma

(ANSA) - MILANO, 28 LUG - "Io non so come Pallotta possa pensare che gli stipendi del Milan un domani possano essere uguali ai ricavi. Tutto il nostro piano prevede che gli stipendi rimangano entro una soglia pari al 50-60% dei ricavi della società. Quest'anno è così". Marco Fassone replica così al n.1 della Roma, sottolineando che "il livello dell'indebitamento del club, e cioè di 120 milioni, rispetto al fatturato del club è straordinariamente migliore percentualmente di quello che ha la Roma che - ha continuato l'ad rossonero nel video sulla pagina Facebook del Milan -, essendo quotata in Borsa, ha un bilancio che è pubblico. Io non mi permetto minimamente di commentarlo ma chiunque può andare a vedere e verificare il livello di indebitamento".

17:09Uomo accoltella clienti supermarket Amburgo, un morto

(ANSA) - AMBURGO, 28 LUG - Un uomo ha accoltellato alcuni clienti di un supermarket di Amburgo: il bilancio è di "un morto e diversi feriti" Lo riferisce la Bild citando la polizia locale. L'aggressore, che ha tentato di darsi alla fuga, è stato arrestato.

16:53Migranti: Viminale, passi avanti con ong, lunedì firma

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Sul codice di condotta delle Ong durante i soccorsi di migranti in mare ci sono stati "passi avanti" e sono state accolte alcune delle richieste delle organizzazioni. Lo ha fatto sapere il Viminale che al termine di una riunione questa mattina durata circa due ore ha indicato lunedì prossimo come data per la firma del documento. Rimangono però ancora delle distanze, come emerge dalle dichiarazioni dei rappresentanti di alcune delle principali sigle, tra cui Medici senza Frontiere, Save the Children, Sea Watch, che hanno chiesto modifiche su alcuni punti. Due i più critici: l'impegno a non effettuare trasbordi delle persone salvate su altre navi e quello ad accettare la presenza di personale di polizia giudiziaria a bordo. Su quest'ultimo in particolare le visioni sono divergenti e le Ong chiedono che la polizia non sia armata. Senza un accordo su questo aspetto "potremo non firmare", dice Sea Watch. Le Ong si dicono comunque fiduciose in un'intesa e sottolineano le aperture manifestate dal Viminale.

16:39Calcio: l’agente di Rodriguez, al Milan è felicissimo

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Ricardo si trova molto bene, il Milan è un gruppo unito e questo è importante per lui che è nuovo nel campionato italiano". Lo ha detto a radio Crc Gianluca Di Domenico, procuratore di Ricardo Rodriguez, ieri nel suo debutto in rossonero autore del gol partita al Craiova, nel terzo turno preliminare di Europa League. "Il Milan - ha proseguito l'agente del 24enne difensore - ha cercato Ricardo e lui è felicissimo; lavorerà molto e sono contento che sia in Italia. Anche la sua compagna lo è. Uno come Ricardo, che ha trascorso 5 anni a Wolfsburg, potrebbe restare tutta la vita a Milano. Il calcio italiano è migliorato tantissimo: se si vuole giocare per soldi, si va in Cina; in Italia, invece, mancano solo le infrastrutture e spero che l'Uefa aiuti le società. Il campionato? Sarà molto equilibrato. Napoli e Juve sono compatte, hanno cambiato poco, ma anche Milan e Inter faranno la loro parte. Quando si prendono 10 giocatori nuovi, bisogna creare un'amalgama, spero che il Milan disputi un buon campionato".

16:36F1:Ungheria,Vettel scherza in italiano ‘oggi insalata mista’

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - E' stata un po' un'insalata mista, non so se mi spiego. Oggi è stato un po' altalenante''. Sebastian Vettel gioca con le parole tra l'italiano e l'inglese ma fa capire di essere abbastanza ottimista dopo il venerdì di prove libere in vista del Gran Premio d'Ungheria a Budapest. ''Ho avuto alti e bassi - aggiunge il pilota tedesco della Ferrari ai microfoni di Sky - non è andata troppo male e sembriamo tutti vicini. Dovrebbe essere divertente domani, lavorando più sulle gomme dovremmo andare meglio''. La gara? ''Se ci sarà l'opportunità cercheremo di vincere''. Tutto sommato soddisfatto anche l'altro ferrarista Kimi Raikkonen: ''non è andata male, abbiamo provato diverse cose anche se non abbiamo girato quanto avremmo voluto. La partenza è importante come sempre, ma qui è il momento più semplice per guadagnare posizioni''.

16:31Calcio: Milan “Caro Pallotta, pronti a confronto bilanci”

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Caro Pallotta, siamo pronti a un confronto sui bilanci del Milan e della Roma". E' questo il senso immediato della risposta che l' A.d. del Milan, Fassone, dà al presidente della Roma, James Pallotta. "Siamo sbalorditi per lo stile - afferma Fassone in una dichiarazione che tra poco andrà sulla pagina facebook della società rossonera - e per il fatto veramente inusuale che un club attacchi in modo così diretto una consorella. Tra l'altro, quante imprecisioni...".

Archivio Ultima ora