2 giugno, orgoglio sindaci. Mattarella, rilanciare i principi e i valori della nostra democrazia

Pubblicato il 03 giugno 2016 da redazione

ROMA. – In via dei Fori Imperiali è stato il giorno dell’orgoglio dei sindaci. “Tutti, di ogni partito e arrivati da ogni regione”, assicura il presidente del consiglio nazionale dell’Anci, Enzo Bianco. Ma soprattutto quelli dei Comuni più piccoli, “emozionati”. Hanno marciato in 400, nelle loro fasce tricolori, “perché il 2 giugno è la festa di tutti, non solo dei militari”.

I sindaci in marcia – “spina dorsale di un’Italia orgogliosa”, sempre parole di Bianco – sono la novità dell’ edizione 2016 della parata per la Festa della Repubblica, in occasione del suo 70/o anniversario. Settanta anni durante i quali, ha sottolineato il presidente Mattarella, la Carta Costituzionale è stata “ispirazione e guida lungimirante della rinascita” del Paese e, “da allora, fondamento della democrazia italiana.

sfilata 2giugno

Quei valori di libertà, giustizia, uguaglianza fra gli uomini e rispetto dei diritti di ognuno e dei popoli sono, ancora oggi, il fondamento della coesione della nostra società ed i pilastri su cui poggia la costruzione dell’Europa”.

E questa ricorrenza, ha proseguito il capo dello Stato, deve essere “un’occasione per rilanciare i principi e i valori di fondo della nostra democrazia. E rilanciarli non vuol dire ribadirli. Vuol dire verificare la loro attuazione. Fare una sorta di tagliando, fare il punto per far avanzare l’attuazione di questi principi”.

“Bisogna recuperare il senso della coesione”, ha concluso. Di “unità nazionale” parlano anche i sindaci, che hanno aperto la parata tra gli applausi, ricevuti dal pubblico e ricambiati. “E’ la prima volta che veniamo coinvolti, soprattutto noi sindaci di piccole realtà”, racconta al termine Aldo Luongo, primo cittadino di Cuccaro Vetere, 581 abitanti in provincia di Salerno.

“E’ un fatto importante perché anche questo è un momento di unità del Paese, sempre più esposto a spinte che puntano invece ad allontanare e dividere”. In tanti hanno risposto all’appello dell’Anci, dice Bianco, sindaco di Catania. “Commossi e orgogliosi, presenti in maniera trasversale per dare una speranza al nostro Paese. I sindaci sono un grande patrimonio dell’Italia che guarda avanti”.

A moment of the military parade for the Italian Republic Day in Rome, Italy, 02 June 2016. ANSA/GIUSEPPE LAMI

A moment of the military parade for the Italian Republic Day in Rome, Italy, 02 June 2016.
ANSA/GIUSEPPE LAMI

Sindaci a parte, il copione è stato sostanzialmente quello delle passate edizioni. Primo atto solenne, con Mattarella e tutti i vertici istituzionali, l’omaggio al sacello del Milite ignoto, al Vittoriano. A seguire breve “pausa-caffé” per il premier e il presidente del Senato, in un bar lì vicino, e successiva camminata fino alla tribuna presidenziale.

Una breve passeggiata segnata, per Renzi, da applausi, selfie, strette di mano e inviti a “non mollare”. “Presidente vinci il referendum”, gli urla un cittadino. E Renzi: “Eh, dammi una mano”. La pioggia, incombente per tutta la mattinata, ha graziato lo sfilamento ma è cominciata a cadere fitta alla fine: Mattarella era appena salito sulla Flaminia scoperta, insieme al ministro Pinotti, e non ha voluto che venisse chiusa la capote fino all’ arrivo al Quirinale. Non solo un bagno di folla, per lui.

Tremilaseicento i militari e i civili sfilati a due passi dal Colosseo. Grandi applausi al passaggio del drappello degli atleti del Gruppo paralimpico della Difesa: davanti a tutti Gianfranco Paglia, il parà Medaglia d’oro al valor militare, ferito nella battaglia del pastificio a Mogadiscio e da allora, era il ’93, costretto su una sedia a rotelle.

Applausi per i marò Latorre e Girone, quanto è stata la volta del passaggio di una compagnia del reggimento San Marco: sono rimasti a casa (“evitiamo strumentalizzazioni”, aveva detto il Renzi) e lo speaker si è limitato a un laconico: “a loro va il saluto di tutti noi”. I due fucilieri di Marina hanno trascorso il 2 giugno con le loro famiglie in Puglia, senza partecipare nemmeno alle cerimonie organizzate a livello locale. La linea è quello del basso profilo. “Buona festa della Repubblica e grazie a chi ci ha sostenuto”, si è limitato a dire Girone.

Ad assistere alla parata anche gli alunni e i docenti di una cinquantina di scuole, mentre un drappello di bambini ha aspettato al varco il capo dello Stato, alla fine della manifestazione, per srotolargli davanti uno striscione in memoria del “Settantesimo anniversario del voto alle donne”.

Nel palco presidenziale, con il capo dello Stato – che ha ricordato come la “calorosa partecipazione” dei cittadini alla “sobria” parata sia l’ennesima conferma “dell’affetto del popolo italiano verso le Forze armate” – i vertici istituzionali e molto Governo, con diversi ministri e sottosegretari, mentre nessun big di M5S e Lega è stato avvistato almeno nelle prime file.

Del resto il leader del Carroccio Salvini, al presidente Mattarella che oggi ha parlato della “festa di un’Italia migliore”, ha replicato secco su Facebook: “Cosa c’è da festeggiare in una Italia invasa e disoccupata? L’Italia sarà migliore quando si libererà di Renzi e dei suoi compari”.

(di Vincenzo Sinapi/ANSA)

Ultima ora

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

23:05Moglie uccisa a bastonate,rinvio a giudizio per Cagnoni

(ANSA) - RAVENNA, 25 MAG - E' stata depositata la richiesta di rinvio a giudizio per Matteo Cagnoni, il dermatologo 52enne di Ravenna, accusato di aver ucciso a bastonate la moglie Giulia Ballestri,di 39 anni. Le ipotesi di reato formulate dalla procura sono omicidio pluriaggravato da premeditazione, crudeltà e dall'avere agito nei confronti del coniuge, e l'occultamento di cadavere nella cantina della villa dove è stato compiuto il delitto. Matteo Cagnoni é in carcere dal 19 settembre scorso, giorno del fermo a Firenze, con l'accusa di avere ucciso tre giorni prima a bastonate in una villa di famiglia di Ravenna, da tempo disabitata, la moglie. Secondo quanto contestato dai Pm Alessandro Mancini e Cristina D'Aniello sulla base delle indagini della polizia, la premeditazione sul delitto la si può dedurre in particolare da due elementi: sin dal 14 settembre Cagnoni aveva dato disposizione alla segreteria della clinica di Bologna dove prestava attività ambulatoriale, di annullare tutti gli appuntamenti per il 16, giorno del delitto.

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

Archivio Ultima ora