2 giugno, orgoglio sindaci. Mattarella, rilanciare i principi e i valori della nostra democrazia

Pubblicato il 03 giugno 2016 da redazione

ROMA. – In via dei Fori Imperiali è stato il giorno dell’orgoglio dei sindaci. “Tutti, di ogni partito e arrivati da ogni regione”, assicura il presidente del consiglio nazionale dell’Anci, Enzo Bianco. Ma soprattutto quelli dei Comuni più piccoli, “emozionati”. Hanno marciato in 400, nelle loro fasce tricolori, “perché il 2 giugno è la festa di tutti, non solo dei militari”.

I sindaci in marcia – “spina dorsale di un’Italia orgogliosa”, sempre parole di Bianco – sono la novità dell’ edizione 2016 della parata per la Festa della Repubblica, in occasione del suo 70/o anniversario. Settanta anni durante i quali, ha sottolineato il presidente Mattarella, la Carta Costituzionale è stata “ispirazione e guida lungimirante della rinascita” del Paese e, “da allora, fondamento della democrazia italiana.

sfilata 2giugno

Quei valori di libertà, giustizia, uguaglianza fra gli uomini e rispetto dei diritti di ognuno e dei popoli sono, ancora oggi, il fondamento della coesione della nostra società ed i pilastri su cui poggia la costruzione dell’Europa”.

E questa ricorrenza, ha proseguito il capo dello Stato, deve essere “un’occasione per rilanciare i principi e i valori di fondo della nostra democrazia. E rilanciarli non vuol dire ribadirli. Vuol dire verificare la loro attuazione. Fare una sorta di tagliando, fare il punto per far avanzare l’attuazione di questi principi”.

“Bisogna recuperare il senso della coesione”, ha concluso. Di “unità nazionale” parlano anche i sindaci, che hanno aperto la parata tra gli applausi, ricevuti dal pubblico e ricambiati. “E’ la prima volta che veniamo coinvolti, soprattutto noi sindaci di piccole realtà”, racconta al termine Aldo Luongo, primo cittadino di Cuccaro Vetere, 581 abitanti in provincia di Salerno.

“E’ un fatto importante perché anche questo è un momento di unità del Paese, sempre più esposto a spinte che puntano invece ad allontanare e dividere”. In tanti hanno risposto all’appello dell’Anci, dice Bianco, sindaco di Catania. “Commossi e orgogliosi, presenti in maniera trasversale per dare una speranza al nostro Paese. I sindaci sono un grande patrimonio dell’Italia che guarda avanti”.

A moment of the military parade for the Italian Republic Day in Rome, Italy, 02 June 2016. ANSA/GIUSEPPE LAMI

A moment of the military parade for the Italian Republic Day in Rome, Italy, 02 June 2016.
ANSA/GIUSEPPE LAMI

Sindaci a parte, il copione è stato sostanzialmente quello delle passate edizioni. Primo atto solenne, con Mattarella e tutti i vertici istituzionali, l’omaggio al sacello del Milite ignoto, al Vittoriano. A seguire breve “pausa-caffé” per il premier e il presidente del Senato, in un bar lì vicino, e successiva camminata fino alla tribuna presidenziale.

Una breve passeggiata segnata, per Renzi, da applausi, selfie, strette di mano e inviti a “non mollare”. “Presidente vinci il referendum”, gli urla un cittadino. E Renzi: “Eh, dammi una mano”. La pioggia, incombente per tutta la mattinata, ha graziato lo sfilamento ma è cominciata a cadere fitta alla fine: Mattarella era appena salito sulla Flaminia scoperta, insieme al ministro Pinotti, e non ha voluto che venisse chiusa la capote fino all’ arrivo al Quirinale. Non solo un bagno di folla, per lui.

Tremilaseicento i militari e i civili sfilati a due passi dal Colosseo. Grandi applausi al passaggio del drappello degli atleti del Gruppo paralimpico della Difesa: davanti a tutti Gianfranco Paglia, il parà Medaglia d’oro al valor militare, ferito nella battaglia del pastificio a Mogadiscio e da allora, era il ’93, costretto su una sedia a rotelle.

Applausi per i marò Latorre e Girone, quanto è stata la volta del passaggio di una compagnia del reggimento San Marco: sono rimasti a casa (“evitiamo strumentalizzazioni”, aveva detto il Renzi) e lo speaker si è limitato a un laconico: “a loro va il saluto di tutti noi”. I due fucilieri di Marina hanno trascorso il 2 giugno con le loro famiglie in Puglia, senza partecipare nemmeno alle cerimonie organizzate a livello locale. La linea è quello del basso profilo. “Buona festa della Repubblica e grazie a chi ci ha sostenuto”, si è limitato a dire Girone.

Ad assistere alla parata anche gli alunni e i docenti di una cinquantina di scuole, mentre un drappello di bambini ha aspettato al varco il capo dello Stato, alla fine della manifestazione, per srotolargli davanti uno striscione in memoria del “Settantesimo anniversario del voto alle donne”.

Nel palco presidenziale, con il capo dello Stato – che ha ricordato come la “calorosa partecipazione” dei cittadini alla “sobria” parata sia l’ennesima conferma “dell’affetto del popolo italiano verso le Forze armate” – i vertici istituzionali e molto Governo, con diversi ministri e sottosegretari, mentre nessun big di M5S e Lega è stato avvistato almeno nelle prime file.

Del resto il leader del Carroccio Salvini, al presidente Mattarella che oggi ha parlato della “festa di un’Italia migliore”, ha replicato secco su Facebook: “Cosa c’è da festeggiare in una Italia invasa e disoccupata? L’Italia sarà migliore quando si libererà di Renzi e dei suoi compari”.

(di Vincenzo Sinapi/ANSA)

Ultima ora

20:53Ultrà: processo appello Agnelli il 15 novembre

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - E' stato fissato per il 15 novembre prossimo l'appello per il processo sportivo al presidente Andrea Agnelli e alla Juve, per rapporti non consentiti con la tifoseria. Lo apprende l'Ansa. In primo grado Agnelli era stato condannato a un anno di inibizione, il club a 300 mila euro di multa. La corte d'appello della Figc si riunirà il 15 novembre alle 15, per esaminare i ricorsi.

20:38Champions: Qarabag-Atletico Madrid 0-0

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Buone notizie per la Roma da Baku, dove il Qarabag ha imposto lo 0-0 all'Atletico Madrid, in una partita della terza giornata del Gruppo C di Champions League. Con questo punteggio gli spagnoli salgono a 2 punti ma restano alle spalle dei giallorossi, che di punti ne hanno invece 4 e hanno già vinto in trasferta contro gli azeri. Il Qarabag, reduce dalle sconfitte con Chelsea e Roma, ottiene il suo primo punto.

20:37Chelsea-Roma: De Rossi e Florenzi fuori

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Eusebio Di Francesco rinuncia a Daniele De Rossi e Alessandro Florenzi per Chelsea-Roma, nella terza giornata della fase a gironi della Champions League. Al loro posto, il tecnico giallorosso metterà in campo Maxime Gonalons e Gerson, per un inedito 4-3-2-1. Per il Chelsea, in campo dal primo minuto, l'ex Juventus Alvaro Morata, recuperato da un infortunio.

20:26Hiv: condannato per aver trasmesso virus al compagno

(ANSA) - TEMPIO, 18 OTT - E' stato condannato a otto anni di carcere senza sospensione condizionale della pena per aver nascosto al convivente di essere sieropositivo. Un olbiese di 36 anni dovrà scontare la pena per lesioni gravi perché, non informando l'uomo che viveva con lui ed avendo rapporti sessuali non protetti, gli ha trasmesso il virus dell'Hiv. La sentenza è stata emessa dal Tribunale di Tempio Pausania, collegio presieduto dal magistrato Marco Contu, che ha accolto le richieste del pm Cristina Carunchio. Si tratta di una delle prime sentenze per casi di questo tipo in Italia.

20:01Papa: chi lotta per il potere non santifica nome di Dio

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 18 OTT - "Diciamo di essere cristiani, di avere un Padre, ma viviamo, non dico come animali, ma come persone che non credono né in Dio né nell'uomo, senza fede, e viviamo anche facendo del male, non nell'amore ma nell'odio, nella competizione, nelle guerre. E' santificato nei cristiani che lottano fra loro per il potere? E' santificato nella vita di quelli che assoldano un sicario per liberarsi di un nemico? E' santificato nella vita di coloro che non si curano dei propri figli? No, lì non è santificato il nome di Dio". Così Papa Francesco a don Marco Pozza, cappellano del carcere di Padova, nel colloquio in onda su Tv2000 nel programma 'Padre nostro', dal 25 ottobre ogni mercoledì alle 21.00. L'anteprima è stata presentata oggi alla Filmoteca Vaticana dal prefetto per la Comunicazione, mons. Dario E. Viganò, il direttore di Tv2000, Paolo Ruffini, don Pozza e il regista Andrea Salvadore. Dall'incontro è nato anche il libro 'Padre nostro' di Papa Francesco (Rizzoli-Lev) in uscita il 23 novembre.

19:52Noemi:conferito incarico perizia psichiatrica,Lucio presente

(ANSA) - LECCE, 18 OTT - Era presente anche Lucio, questa mattina, nel Tribunale per i minorenni di Lecce al conferimento dell'incarico per la perizia psichiatrica che dovrà accertare se il diciassettenne fosse in grado di intendere e volere nel momento in cui ha ucciso Noemi Durini, la sua fidanzata 16enne. La ragazza di Specchia, scomparsa il 3 settembre scorso, fu trovata morta il 13 settembre sotto un cumulo di pietre in una campagna di Acquarica del Capo (Lecce). Il 17enne reo confesso del delitto si é presentato a sorpresa, accompagnato dagli educatori dell'Ipm di Quartuccio (Cagliari), dove attualmente é detenuto. Il giovane, accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, dalla crudeltà e dai utili motivi, é rimasto in silenzio per tutta l'udienza facendo rientro già in giornata in Sardegna. Il gip del Tribunale per i Minorenni Ada Colluto ha dato 80 giorni per il deposito delle consulenze. Il 3 novembre cominceranno le operazioni peritali.

19:50Calcio: Fiorentina, allenamento a porte aperte

(ANSA) - FIRENZE, 18 OTT - Dopo la lezione tattica ai giornalisti la scorsa settimana, Stefano Pioli questa mattina ha permesso loro di assistere all'allenamento all'interno del centro sportivo. Una novità assoluta considerando le precedenti gestioni, e non è finita qui. Perché in vista della gara con la Roma del 5 novembre il tecnico della Fiorentina ha intenzione di aprire l'allenamento in un giorno precedente anche ai tifosi, facendolo svolgere dentro lo stadio Franchi. Alla sessione di stamani erano presenti anche il dg Corvino, il ds Freitas e il club manager Antognoni. Il tecnico viola ha lavorato in particolare sull'intensità, con esercitazioni e una partitella finale. Il ritorno al successo contro l'Udinese ha riportato serenità nella squadra viola attesa dalla trasferta con il Benevento per la quale Pioli dovrà fare a meno degli infortunati Saponara e Gil Dias. L'obiettivo è sfruttare il calendario che vedrà la Fiorentina impegnata, oltre che in Campania, con il Torino in casa e il Crotone fuori prima della Roma.

Archivio Ultima ora