Primi raid da portaerei Usa nel Mediterraneo contro l’Isis

Pubblicato il 04 giugno 2016 da redazione

Caccia decollati da portaerei Truman

Caccia decollati da portaerei Truman

WASHINGTON. – Gli Usa intensificano la lotta all’Isis lanciando raid aerei dalla portaerei Harry S. Truman, per la prima volta dal Mediterraneo orientale, dopo quasi due anni di guerra al Califfato. Ma è anche la prima volta che si utilizza una portaerei americana nel Mediterraneo per prendere di mira bersagli in Medio Oriente dall’inizio della guerra in Iraq nel 2003, quando la stessa Truman fu impiegata a sostegno dell’operazione ‘Iraqi Freedom”.

L’annuncio è stato dato dal comando delle forze Usa in Europa e confermato dalla marina americana, che non ha tuttavia precisato ufficialmente se gli attacchi siano avvenuti in Siria – come indica una fonte a Fox news – o in Iraq, né il tipo di bersaglio.

“Finché il gruppo d’attacco della Harry S. Truman si troverà nell’area delle operazioni della Sesta flotta, continuerà a proiettare forza verso terra contro i terroristi e gli estremisti violenti”, ha dichiarato il vice ammiraglio James Foggo, comandante della Sesta flotta Usa.

“Questo dimostra la mobilità, la flessibilità e l’adattabilità della nostra marina, come pure il nostro impegno a eseguire una vasta gamma di operazioni militari in coordinamento con i nostri indispensabili alleati e partner europei”.

Nessun cenno sull’ipotesi che prima dei raid sia stato chiesto il permesso del governo siriano o dei militari russi, che a Latakia hanno installato i missili anti-aerei S-400. La posizione di Washington è che attualmente non sta coordinando i suoi raid in Siria con Mosca, ma Usa e Russia si parlano costantemente anche per evitare possibili incidenti.

Più illuminante un altro ufficiale anonimo della marina Usa: “Questo dimostra che possiamo condurre operazioni di volo contro l’Isis anche da altri luoghi, non solo dal Golfo Persico”, ha confidato a Fox News. Potrebbe quindi essere un messaggio alla Turchia, il cui governo recentemente si è lamentato per il sostegno Usa alle milizie curde che combattono l’Isis: come a dire che gli Stati Uniti non dipendono esclusivamente dalla base turca di Incirlick.

Ma potrebbe essere un messaggio pure per Mosca, per la sua crescente presenza militare e la sua progressiva influenza nella regione. Anche la Russia del resto presidia il Mediterraneo orientale, da dove in passato ha già lanciato missili contro l’Isis a Raqqa, dopo la dimostrazione di muscoli con i missili sparati dalla flotta nel Caspio.

Finora invece gli Usa avevano fatto partire i loro attacchi aerei all’Isis dal Golfo persico, dove la Uss Truman ha stazionato otto mesi, o da basi a terra di vari Paesi: non solo la Turchia, ma anche il Bahrain e gli Emirati Arabi.

Un recente rapporto del dipartimento di stato americano sul terrorismo nel 2015 conferma che l’Isis “resta la più grande minaccia globale, mantenendo una formidabile forza in Iraq e in Siria”, e contando fino a 5.000 combattenti in Libia. Anche se dalla seconda metà dello scorso anno ha cominciato a perdere potere, territori (il 40%) e fonti di finanziamento.

Ora si sta stringendo il cerchio sulle loro roccaforti, come Raqqa, Mosul e Falluja. E i raid aerei Usa che partono dal Mediterraneo sono un’altra mossa a sorpresa per far sentire il fiato sul collo ai militanti dell’Isis.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

20:26Attacco Londra: Francia annulla le gite scolastiche

(ANSA) - PARIGI, 23 MAR - Dopo l'attentato di Londra, i direttori delle scuole francesi hanno ricevuto una circolare che ordina la sospensione di tutte le gite nella capitale britannica, salvo le soste per transito. Anche tenendo conto dei tre studenti francesi rimasti feriti e la preoccupazione delle famiglie di classi in partenza, è stato deciso di annullare tutte le gite dopo la "valutazione del rischio da parte delle autorità britanniche". Circa 4.200 studenti francesi sono a Londra e sono autorizzati a proseguire il viaggio.

20:17Calcio: Ventura “Albania può fare storia,noi la rispettiamo”

(ANSA) - PALERMO, 23 MAR - "Se l'Albania centra il risultato entra nella storia, noi abbiamo grande rispetto dei nostri avversari. Vincere sarebbe importantissimo per noi, lo stesso cercherà di fare Gianni De Biasi. Sicuramente ci saranno albanesi allo stadio, non so quanti saranno, ma saranno tanti. A Genova erano di più. Mi hanno mandato tanti messaggi e mi hanno scritto degli amici: 'stiamo arrivando'". Lo ha detto Giampiero Ventura, alla vigilia di Italia-Albania. "Non penso che la Spagna sia attesa da una partita facile, perché Israele ha perso solo contro di noi", ha sottolineato il ct.

20:14Calcio: Torino, 11 gol in amichevole contro il Pinerolo

(ANSA) - TORINO, 23 MAR - Il Torino dilaga nell'amichevole disputata oggi pomeriggio contro il Pinerolo, formazione che milita nel campionato di Serie D. I granata si sono imposti 11-0 con tripletta di Iago Falque e doppietta di Maxi Lopez. Senza otto calciatori impegnati con le rispettive nazionali, Mihajlovic ha potuto dare spazio alle seconde linee e ai giocatori reduci da infortunio: in campo anche Obi, recuperato dopo l'ennesimo problema muscolare, e Avelar. Spazio anche per l'attaccante argentino Lucas Boyè, autore di una rete: "Sono contento del mio gol - ha spiegato ai microfoni di Torino Channel - queste partite sono importanti per mantenere il ritmo durante la pausa per le Nazionali". Boyè vuole ritagliarsi maggior spazio nell'ultima parte della stagione: "Sono stati mesi importanti in questo Toro, voglio crescere, inoltre mi manca ancora il gol in campionato e quindi voglio aggiungere minuti - conclude -. Spero di fare un'ottima partita se sarò in campo contro l'Udinese, abbiamo ancora una settimana per prepararci".

20:07Calcio: Ventura, contro l’Albania serve una buona Italia

(ANSA) - PALERMO, 23 MAR - "Mi auguro sia una buona Italia, serve una buona Italia. L'Albania, al di là del valore tecnico, è una squadra di livello. Quanto saremo aggressivi, lo dirà il campo". Lo ha detto Giampiero Ventura, in conferenza stampa, alla vigilia di Italia-Albania, a Palermo. "Mi hanno colpito la disponibilità e la voglia di partecipare dei giocatori, mi aspetto un passo avanti rispetto all'ultima partita, anche se questa volta l'avversario è diverso. Tengo molto a questa sfida, so quanto sia importante e difficile per noi", aggiunge.

19:50Consip: istruttoria Antitrust su mega-appalto

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Istruttoria dell'Antitrust sul mega-appalto Consip per intesa restrittiva della concorrenza. Il Garante ha avviato un procedimento istruttorio nei confronti di Cns, Dussmann Service, Engie Servizi (già Cofely Italia), ManitalIdea, Manutencoop Facility, Romeo Gestioni e Sti, per accertare se tali imprese, anche per il tramite di società dalle stesse controllate, abbiano coordinato le modalità di partecipazione alla gara bandita da Consip per l'affidamento dei servizi di Facility Management destinati agli immobili P.a e alle Università e istituti di ricerca pubblici. Nella giornata di oggi, funzionari dell'Autorità hanno svolto ispezioni nelle sedi delle società interessate, con l'ausilio del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza.

19:49Trattati Roma: Salvini, sabato dimostrare pacificamente

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Spero che sabato la polizia e i carabinieri lavorino il meno possibile. L'invito è a dimostrare pacificamente e se qualcuno sbaglia spero che finisca in galera protestare va bene ma abbiamo visto Londra, ci sono altri problemi" Lo afferma Matteo Salvini, leader della Lega Nord nel corso trasmissione in onda questa sera su Raidue, night tabloid.

19:42Terrorismo: Minniti firma espulsione tunisino

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'Interno, Marco Minniti, è stata eseguita oggi un'espulsione per motivi di sicurezza dello Stato. Si tratta di un 36enne cittadino tunisino, residente a Cinisello Balsamo (Mi), fermato a seguito dell'operazione Da'Wa eseguita dalla Polizia Postale di Perugia su estremisti islamici attivi nel diffondere sul web scritti di propaganda jihadista e sostegno all'Isis. Salgono così a 157 gli estremisti espulsi dal gennaio 2015 ad oggi, 25 nel 2017.

Archivio Ultima ora