Comunali, domenica si vota. Per Renzi non è test governo

Pubblicato il 04 giugno 2016 da redazione

renzi

ROMA. – Nessun verdetto è scontato e tanti sono gli indecisi ancora da convincere, a quarantotto ore dall’apertura delle urne. E anche se, avverte Matteo Renzi, quello di domenica “non è un voto sul governo”, i partiti si contendono le più grandi città d’Italia: Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Trieste, Cagliari. E fanno le ‘prove generali’ in vista del referendum costituzionale di ottobre, che deciderà le sorti dell’esecutivo. Perciò non si risparmiano i leader nell’ultimo giorno di campagna elettorale.

Il premier fa la spola tra Bologna, Rimini e Ravenna, ma passa anche da Napoli, per provare a conquistare al Pd un ballottaggio assai difficile. Beppe Grillo fa un passo “di lato” e sul palco di piazza del Popolo, dove il M5s concentra tutte le sue energie per vincere a Roma, si fa sentire solo al telefono. Concludono invece da ‘separati in casa’ Silvio Berlusconi e Matteo Salvini.

Renzi sa che gli avversari sono pronti a rinfacciargli un eventuale risultato non brillante del Pd alle amministrative. Perciò a poche ore dal primo turno torna a mettere in chiaro i termini della sfida: “Non è un voto sul governo, ma è molto importante per scegliere il futuro delle città”, afferma il premier. Il referendum, ribadisce, sarà “la partita vera”, con “in gioco” la vita del governo: “Ci divertiremo e vinceremo – assicura – ma se si perde si va a casa”.

Intanto però, sottolinea, il Pd è mobilitato per i suoi “candidati liberi e autorevoli”. E il partito mette in sordina anche le polemiche interne. Tanto che in platea a Napoli, per il comizio finale di Valeria Valente con Renzi e Vincenzo De Luca, si fa vedere anche Antonio Bassolino.

E lo stesso Renzi, che sceglie di chiudere a Ravenna, mette da parte le diversità d’idee con Virginio Merola, per tirargli la volata per la conferma a sindaco di Bologna. Al secondo mandato puntano anche il Dem Piero Fassino a Torino e l’arancione Luigi De Magistris a Napoli.

Ed è ancora polemica tra il sindaco partenopeo e il premier: Renzi lo accusa di pensare “solo a insultare gli altri” e De Magistris, pacato più del solito, replica che “a volte c’è bisogno di far sentire la voce”. Sinistra italiana chiede intanto di tenere alta la sorveglianza nei seggi a Napoli e solleva il ‘caso’ del festival di Trento, dove – rompendo il silenzio elettorale – parleranno Raggi e Fassino e domenica Maria Elena Boschi.

“Se vinciamo al primo turno Renzi si dimette”, suona la carica la grillina Virginia Raggi. Mentre i contendenti Roberto Giachetti e Giorgia Meloni trascorrono l’ultimo giorno di campagna in giro per la capitale, Stefano Fassina sceglie il quartiere Centocelle e Alfio Marchini chiude a Ostia, il M5s sceglie di chiudere a piazza del Popolo e portano sul palco Dario Fo, Claudio Santamaria, Fiorella Mannoia.

Se Raggi sarà sindaco, assicura Luigi Di Maio, avrà “l’ultima parola su ogni atto”: nessun controllo dall’alto, come sostiene il Pd. “Renzi è ossessionato da noi e ci attacca”, urla Alessandro Di Battista mentre i militanti in piazza gridano “onestà”.

Il centrodestra, che prova a impensierire il Dem Beppe Sala a Milano, guarda alle comunali come a un test per pesarsi in vista delle sfide future. Ma la chiusura della campagna segna ancora la distanza tra Berlusconi da un lato e Salvini e Meloni dall’altro.

Il leader di FI decide infatti di non partecipare, se non con una telefonata, all’evento finale della campagna di Stefano Parisi – candidato unitario del centrodestra – in un mega-store di abbigliamento a Milano, ma preferisce essere a Roma, dove i voti di centrodestra sono contesi da Marchini e Meloni. “Mi spiace che sia lontano da Milano, io tengo all’unità della coalizione”, lo punzecchia Matteo Salvini.

Ma il Cavaliere, che debutta anche con un messaggio di invito al voto su Whatsapp, preferisce scagliarsi contro la “bulimia di potere” e il tentativo di instaurare un “regime” da parte di Renzi. Perché, a dispetto di quanto dice il premier, per il leader di FI questo voto sarà un test anche per il governo.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

Archivio Ultima ora