Comunali, domenica si vota. Per Renzi non è test governo

Pubblicato il 04 giugno 2016 da redazione

renzi

ROMA. – Nessun verdetto è scontato e tanti sono gli indecisi ancora da convincere, a quarantotto ore dall’apertura delle urne. E anche se, avverte Matteo Renzi, quello di domenica “non è un voto sul governo”, i partiti si contendono le più grandi città d’Italia: Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Trieste, Cagliari. E fanno le ‘prove generali’ in vista del referendum costituzionale di ottobre, che deciderà le sorti dell’esecutivo. Perciò non si risparmiano i leader nell’ultimo giorno di campagna elettorale.

Il premier fa la spola tra Bologna, Rimini e Ravenna, ma passa anche da Napoli, per provare a conquistare al Pd un ballottaggio assai difficile. Beppe Grillo fa un passo “di lato” e sul palco di piazza del Popolo, dove il M5s concentra tutte le sue energie per vincere a Roma, si fa sentire solo al telefono. Concludono invece da ‘separati in casa’ Silvio Berlusconi e Matteo Salvini.

Renzi sa che gli avversari sono pronti a rinfacciargli un eventuale risultato non brillante del Pd alle amministrative. Perciò a poche ore dal primo turno torna a mettere in chiaro i termini della sfida: “Non è un voto sul governo, ma è molto importante per scegliere il futuro delle città”, afferma il premier. Il referendum, ribadisce, sarà “la partita vera”, con “in gioco” la vita del governo: “Ci divertiremo e vinceremo – assicura – ma se si perde si va a casa”.

Intanto però, sottolinea, il Pd è mobilitato per i suoi “candidati liberi e autorevoli”. E il partito mette in sordina anche le polemiche interne. Tanto che in platea a Napoli, per il comizio finale di Valeria Valente con Renzi e Vincenzo De Luca, si fa vedere anche Antonio Bassolino.

E lo stesso Renzi, che sceglie di chiudere a Ravenna, mette da parte le diversità d’idee con Virginio Merola, per tirargli la volata per la conferma a sindaco di Bologna. Al secondo mandato puntano anche il Dem Piero Fassino a Torino e l’arancione Luigi De Magistris a Napoli.

Ed è ancora polemica tra il sindaco partenopeo e il premier: Renzi lo accusa di pensare “solo a insultare gli altri” e De Magistris, pacato più del solito, replica che “a volte c’è bisogno di far sentire la voce”. Sinistra italiana chiede intanto di tenere alta la sorveglianza nei seggi a Napoli e solleva il ‘caso’ del festival di Trento, dove – rompendo il silenzio elettorale – parleranno Raggi e Fassino e domenica Maria Elena Boschi.

“Se vinciamo al primo turno Renzi si dimette”, suona la carica la grillina Virginia Raggi. Mentre i contendenti Roberto Giachetti e Giorgia Meloni trascorrono l’ultimo giorno di campagna in giro per la capitale, Stefano Fassina sceglie il quartiere Centocelle e Alfio Marchini chiude a Ostia, il M5s sceglie di chiudere a piazza del Popolo e portano sul palco Dario Fo, Claudio Santamaria, Fiorella Mannoia.

Se Raggi sarà sindaco, assicura Luigi Di Maio, avrà “l’ultima parola su ogni atto”: nessun controllo dall’alto, come sostiene il Pd. “Renzi è ossessionato da noi e ci attacca”, urla Alessandro Di Battista mentre i militanti in piazza gridano “onestà”.

Il centrodestra, che prova a impensierire il Dem Beppe Sala a Milano, guarda alle comunali come a un test per pesarsi in vista delle sfide future. Ma la chiusura della campagna segna ancora la distanza tra Berlusconi da un lato e Salvini e Meloni dall’altro.

Il leader di FI decide infatti di non partecipare, se non con una telefonata, all’evento finale della campagna di Stefano Parisi – candidato unitario del centrodestra – in un mega-store di abbigliamento a Milano, ma preferisce essere a Roma, dove i voti di centrodestra sono contesi da Marchini e Meloni. “Mi spiace che sia lontano da Milano, io tengo all’unità della coalizione”, lo punzecchia Matteo Salvini.

Ma il Cavaliere, che debutta anche con un messaggio di invito al voto su Whatsapp, preferisce scagliarsi contro la “bulimia di potere” e il tentativo di instaurare un “regime” da parte di Renzi. Perché, a dispetto di quanto dice il premier, per il leader di FI questo voto sarà un test anche per il governo.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

19:15Calcio: Antognoni, Kalinic? Piace ma situazione è invariata

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "Kalinic? Al momento la situazione è invariata. Sicuramente fa piacere che i nostri giocatori siano richiesti in Italia e in Europa, significa che abbiamo seminato bene in precedenza. La Fiorentina ha cercato di accontentare anche i giocatori: Bernardeschi non ha voluto firmare il suo nuovo contratto e lo abbiamo mandato via. E ci sono stati giocatori che volevano iniziare nuove esperienze". Giancarlo Antognoni, club manager della Fiorentina, a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di serie A, fa il punto sul mercato del club viola e assicura che per ogni giocatore ceduto ne "arriverà uno di pari valore". Poi sul futuro di Vecino, che è ad un passo dall'Inter, chiarisce: "Aveva una clausola di 24 milioni e su quello non possiamo fare niente. Andrà nel club che ci darà i soldi che sono stabiliti precedentemente".

19:04Siccità: Pili, ora commissario governativo in Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 26 LUG - "Il Governo deve immediatamente deliberare lo stato di calamità, nominare un commissario per la siccità e nel contempo emanare un atto emergenziale per attivare le interconnessioni esistenti tra i sistemi idrici". La proposta arriva dal deputato di Unidos Mauro Pili, che è intervenuto in Commissione ambiente e infrastrutture alla Camera nel corso dell'audizione del ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti. "Sull'emergenza idrica il Governo e la Regione Sardegna stanno gravemente perdendo tempo - attacca il parlamentare sardo - Nessun provvedimento è stato adottato né per quanto riguarda la dichiarazione dello stato di calamità, tantomeno per quanto riguarda la gestione commissariale della gravissima emergenza. La situazione sta divenendo giorno dopo giorno più grave dal nord al sud della Sardegna senza che niente venga pianificato per dare risposte urgenti all'emergenza". "Nell'Isola - ricorda Pili - si stima una perdita di almeno il 50% delle produzioni agricole. Siamo dinanzi ad una gestione scandalosa della risorsa idrica sia per la scarsa o inattendibile pianificazione sia per la superficialità con la quale ci si rapporta al sistema agricolo". Secondo il deputato, "il fatto che le aree in crisi siano quelle non connesse tra loro dimostra l'esigenza di far ripartire le opere in grado di collegare i bacini".(ANSA).

19:04Calcio: Astori, mi aspetto una Fiorentina competitiva

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Sono felice di essere capitano in una piazza come Firenze, mi rende orgoglioso. Vorrei però una squadra competitiva come ci ha promesso la società": è il messaggio lanciato alla società da Davide Astori attraverso i microfoni di Sky Sport. "I giocatori che se ne sono andati sono tutti importanti e hanno dato tanto alla Fiorentina lasciando il segno - ha detto ancora il neocapitano viola - Penso a Borja Valero, Gonzalo Rodriguez e Bernardeschi, sul quale la Juve ha investito molto considerandolo un grande acquisto. Ora, però, i nostri tifosi sono tutti curiosi di sapere chi prenderà il loro posto". Oggi, intanto, la squadra è tornata ad allenarsi dopo due giorni di riposo, presenti anche il neoacquisto Veretout (cui nelle prossime ore si aggiungerà l'ex Nizza Eysseric), Vecino e Kalinic, quest'ultimo reduce dal lungo permesso per ragioni familiari e sempre al centro di voci di mercato, tra Milan e Inter. Il club lavora poi per completare la difesa: i nomi più gettonati restano quelli di Paletta e Tonelli.

18:55Nuoto: Malagò, Pellegrini la più grande

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Sono senza parole, è un'emozione infinita: come il primo giorno, forse di più. Certo è la più grande atleta che io abbia visto". Giovanni Malagò, presidente del Coni, urla all'Ansa la sua gioia per l'impresa di Federica Pellegrini, capace di andare a cogliere l'oro mondiale nei 200 stile libero a quasi 29 anni. "Per certi versi questa è una gioia inaspettata - conclude Malagò, poco prima di premiare lui stesso la Pellegrini - ma Federica non finisce mai di stupire". A Budapest, l'azzurra si è imposta con il tempo di 1'54"73, precedendo la campionessa olimpica in carica, l'americana Katie Ledecky, che ha chiuso in 1'55"18 a pari merito con l'australiana Emma McKeon.

18:46Schulz in Italia, vede Gentiloni a Roma e Minniti a Catania

(ANSA) - CATANIA, 26 LUG - Doppio impegno italiano domani per il candidato Spd alla cancelleria tedesca Martin Schulz. Di mattina avrà un colloquio a Roma con il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sulla crisi migratoria. Nel primo pomeriggio sarà a Catania dove, accompagnato dal sindaco Enzo Bianco, salirà a bordo di un pattugliatore della guardia costiera, ormeggiato al porto, impegnata in operazioni di soccorso di migranti nel mare Mediterraneo. Successivamente, assieme al ministro dell'Interno, Marco Minniti, Schulz si recherà in un centro di accoglienza. Seguirà un incontro nel Municipio del capoluogo etneo. La visita si concluderà con una visita al cimitero monumentale ai migranti morti in mare.

18:46Migranti, Emma Bonino esorta a firma proposta legge popolare

(ANSA) - TORINO, 26 LUG - Emma Bonino, in Consiglio regionale a Torino per la campagna 'Ero straniero', esorta a firmare per la proposta di legge di iniziativa popolare che punta all'abolizione della Bossi-Fini. "Inneschiamo una competizione virtuosa, impegnatevi - chiede - investire su accoglienza e l'integrazione è fondamentale. Finora sono state raccolte circa 30 mila firme, 600 a Torino. Diamoci da fare". "L'Italia - aggiunge il presidente del Consiglio regionale Mauro Laus, che ha ricevuto l'ex senatrice ed ex ministro a porte chiuse prima dell'incontro pubblico - non può ignorare il grido di chi fugge dalla guerra e dalla povertà". Un banchetto per la raccolta delle firme è stato installato nel cortile di Palazzo Lascaris, sede dell'Assemblea legislativa piemontese. Fra coloro che hanno sottoscritto la proposta, anche il presidente della Regione, Sergio Chiamparino, e il segretario del Pd piemontese, Davide Gariglio. Il Pd contribuirà inoltre raccogliendo le firme alla prossima Festa dell'Unità a Torino. (ANSA).

18:43Algeria: migliaia donne lanciano la ‘rivolta del bikini’

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - 'Operazione bikini'. E' la singolare iniziativa ideata su Fb da una donna algerina - che nelle ultime settimane sta raggruppando migliaia di sostenitrici - che rivendica il diritto a portare il costume a due pezzi sulle spiagge. Sebbene l'Algeria, paese musulmano, non vieti formalmente il bikini, in molti non lo apprezzano. Stando a quanto scrive il sito Bfmtv, l'ideatrice del gruppo è una giovane di 27 anni della città costiera di Annaba, che ha scelto lo pseudonimo di Sara. L'iniziativa lanciata per educare alla tolleranza è nata a fine giugno. La sera che festeggia la fine del Ramadan Sara si era recata in spiaggia insieme ai suoi familiari, ma essendo l'unica donna della comitiva aveva deciso che non avrebbe indossato il costume a due pezzi. La svolta è avvenuta una volta rientrata a casa sua quando ha deciso di lanciare la sua rivoluzione a due pezzi, creando il gruppo su Facebook ed invitando le sue amiche a parteciparvi.

Archivio Ultima ora