Comunali, domenica si vota. Per Renzi non è test governo

Pubblicato il 04 giugno 2016 da redazione

renzi

ROMA. – Nessun verdetto è scontato e tanti sono gli indecisi ancora da convincere, a quarantotto ore dall’apertura delle urne. E anche se, avverte Matteo Renzi, quello di domenica “non è un voto sul governo”, i partiti si contendono le più grandi città d’Italia: Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Trieste, Cagliari. E fanno le ‘prove generali’ in vista del referendum costituzionale di ottobre, che deciderà le sorti dell’esecutivo. Perciò non si risparmiano i leader nell’ultimo giorno di campagna elettorale.

Il premier fa la spola tra Bologna, Rimini e Ravenna, ma passa anche da Napoli, per provare a conquistare al Pd un ballottaggio assai difficile. Beppe Grillo fa un passo “di lato” e sul palco di piazza del Popolo, dove il M5s concentra tutte le sue energie per vincere a Roma, si fa sentire solo al telefono. Concludono invece da ‘separati in casa’ Silvio Berlusconi e Matteo Salvini.

Renzi sa che gli avversari sono pronti a rinfacciargli un eventuale risultato non brillante del Pd alle amministrative. Perciò a poche ore dal primo turno torna a mettere in chiaro i termini della sfida: “Non è un voto sul governo, ma è molto importante per scegliere il futuro delle città”, afferma il premier. Il referendum, ribadisce, sarà “la partita vera”, con “in gioco” la vita del governo: “Ci divertiremo e vinceremo – assicura – ma se si perde si va a casa”.

Intanto però, sottolinea, il Pd è mobilitato per i suoi “candidati liberi e autorevoli”. E il partito mette in sordina anche le polemiche interne. Tanto che in platea a Napoli, per il comizio finale di Valeria Valente con Renzi e Vincenzo De Luca, si fa vedere anche Antonio Bassolino.

E lo stesso Renzi, che sceglie di chiudere a Ravenna, mette da parte le diversità d’idee con Virginio Merola, per tirargli la volata per la conferma a sindaco di Bologna. Al secondo mandato puntano anche il Dem Piero Fassino a Torino e l’arancione Luigi De Magistris a Napoli.

Ed è ancora polemica tra il sindaco partenopeo e il premier: Renzi lo accusa di pensare “solo a insultare gli altri” e De Magistris, pacato più del solito, replica che “a volte c’è bisogno di far sentire la voce”. Sinistra italiana chiede intanto di tenere alta la sorveglianza nei seggi a Napoli e solleva il ‘caso’ del festival di Trento, dove – rompendo il silenzio elettorale – parleranno Raggi e Fassino e domenica Maria Elena Boschi.

“Se vinciamo al primo turno Renzi si dimette”, suona la carica la grillina Virginia Raggi. Mentre i contendenti Roberto Giachetti e Giorgia Meloni trascorrono l’ultimo giorno di campagna in giro per la capitale, Stefano Fassina sceglie il quartiere Centocelle e Alfio Marchini chiude a Ostia, il M5s sceglie di chiudere a piazza del Popolo e portano sul palco Dario Fo, Claudio Santamaria, Fiorella Mannoia.

Se Raggi sarà sindaco, assicura Luigi Di Maio, avrà “l’ultima parola su ogni atto”: nessun controllo dall’alto, come sostiene il Pd. “Renzi è ossessionato da noi e ci attacca”, urla Alessandro Di Battista mentre i militanti in piazza gridano “onestà”.

Il centrodestra, che prova a impensierire il Dem Beppe Sala a Milano, guarda alle comunali come a un test per pesarsi in vista delle sfide future. Ma la chiusura della campagna segna ancora la distanza tra Berlusconi da un lato e Salvini e Meloni dall’altro.

Il leader di FI decide infatti di non partecipare, se non con una telefonata, all’evento finale della campagna di Stefano Parisi – candidato unitario del centrodestra – in un mega-store di abbigliamento a Milano, ma preferisce essere a Roma, dove i voti di centrodestra sono contesi da Marchini e Meloni. “Mi spiace che sia lontano da Milano, io tengo all’unità della coalizione”, lo punzecchia Matteo Salvini.

Ma il Cavaliere, che debutta anche con un messaggio di invito al voto su Whatsapp, preferisce scagliarsi contro la “bulimia di potere” e il tentativo di instaurare un “regime” da parte di Renzi. Perché, a dispetto di quanto dice il premier, per il leader di FI questo voto sarà un test anche per il governo.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

00:58Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:55Calcio: Var irrompe in Fa cup e regala un gol al Leicester

(ANSA) - LONDRA, 16 GEN - Svolta storica nel calcio inglese dove, per la prima volta, un gol è stato assegnato con l'ausilio della Var, sperimentata nella Fa cup nell'attesa della sua introduzione anche in Premier League. Durante la partita fra Leicester e Fleetwood Town (squadra di III Divisione), vinta dalle 'Foxes' 2-0 e valida per il terzo turno, l'arbitro ha fatto ricorso al sussidio tecnologico e, dopo avere annullato in un primo momento la rete del 2-0 firmata da Kelechi Iheanacho, dopo 70" di consultazione, ha ribaltato la propria decisione, concedendo il gol del raddoppio che era stato realizzato al 32' del secondo tempo. Una rivoluzione nella terra dove è nato il calcio. Un "grazie" con tanti punti esclamativi è apparso sull'account Twitter ufficiale del Leicester. (ANSA).

00:51Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:33Calcio: doppio Balo non basta, 2-2 in derby Costa Azzurra

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una doppietta di Balotelli non basta al Nizza per aggiudicarsi in trasferta il derby della Costa Azzurra. Sul terreno del Louis II, a Montecarlo, finisce 2-2 con il Monaco, passato in vantaggio con Diakhaby (33'), ma raggiunto al 2' st e superato al 23' st dall'attaccante italiano, ora a quota 9 gol. Al 48' st Radamel Falcao mette tutti d'accordo e regala il definitivo 2-2 al Monaco. Nel tardo pomeriggio si erano disputate altre due partite della 21/a di Ligue 1: il Bordeaux è stato sconfitto in casa 2-0 dal Caen, in vantaggio al 44' st con Santini su rigore; il raddoppio è arrivato in pieno recupero, al 49', con Rodelin. Il Marsiglia, invece, ha sfruttato il fattore campo e superato 2-0 lo Strasburgo: gol di N'Jie al 34' st e Payet al 43' st. Nuova classifica: Paris Saint-Germain punti 53; Marsiglia 44; Monaco 43; Lione 42; Nantes; Nizza 31; Guincamp 39; Caen e Montpellier 27; Digione 25; Stade Rennais 25; Strasburgo 24; Bordeaux e Saint-Etienne 23; Lilla 22; Amiens e Troyes 21; Angers e Tolosa 19; Metz 12.(ANSA).

00:27Medico Casa Bianca, la salute di Trump è ottima

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - La salute di Donald Trump complessivamente è eccellente: lo ha detto il controammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, in un briefing sul primo checkup medico del presidente effettuato venerdì scorso. Anche la salute cardiaca è eccellente, ha aggiunto l'ufficiale medico, secondo cui Trump ha fortissime probabilità di completare il suo mandato senza problemi medici. Jackson ha fornito nel corso del briefing alcuni dati della visita: il presidente pesa 239 libbre (108,4 kg) mentre la sua pressione del sangue è 122/74. Donald Trump ha superato "estremamente bene" anche gli esami cognitivi (30 su 30), ha detto il medico. Se ci fosse stata la presenza dell'Alzheimer o di altri problemi mentali, ha aggiunto, i test lo avrebbero rivelato.

00:00Calcio: Ronaldinho si ritira, partita d’addio dopo Mondiali

(ANSA-AP) - SAN PAOLO (BRASILE), 16 GEN - Il fratello e agente del vincitore del Pallone d'Oro 2005, Roberto Assis, ha dichiarato che Ronaldinho lascia il calcio professionistico. Assis ha detto che la partita d'addio del fratello, che oggi ha 37 anni, molto probabilmente verrà disputata dopo la fine della Coppa del mondo in Russia, prevista il 15 luglio. Nel luglio dell'anno scorso, Ronaldinho, al termine di una partita-esibizione disputata in Cecenia, dichiarò che ormai si sentiva troppo vecchio per un certo tipo di calcio. 'Ronnie' aveva disputato l'ultima partita da professionista nel 2015, in Brasile, con la maglia del Fluminense. Nel corso della carriera ha vinto un titolo mondiale, nel 2002, una Champions con il Barcellona nel 2006 e il Pallone d'Oro. Ha pure giocato in Italia, con la maglia del Milan.

23:14Usa tagliano metà fondi all’agenzia Onu per i palestinesi

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'amministrazione Trump ha annunciato oggi di aver tagliato 65 dei 125 milioni di dollari destinati alla Unrwa, l'agenzia dell'Onu che assiste i profughi palestinesi. Lo rende noto il dipartimento di stato Usa in una lettera nella quale chiede all'agenzia un "riesame fondamentale" della sua attività. I restanti 60 milioni saranno erogati per impedire che l'Unrwa finisca il cash entro fine mese e chiuda. Era stato il presidente Donald Trump a minacciare il taglio dei fondi ai palestinesi se non fossero tornati al tavolo dei negoziati di pace con Israele.

Archivio Ultima ora