Bimbi schiavi in Turchia fanno le divise per l’Isis

Pubblicato il 06 giugno 2016 da redazione

bimbi

LONDRA. – Dopo gli orrori della guerra in Siria una decina di bimbi rifugiati ad Antiochia in Turchia sono stati costretti a lavorare fino a dodici ore al giorno per cucire uniformi militari vendute ai jihadisti dell’Isis e a vari gruppi ribelli anti-Assad.

A rivelarlo è il Mail Online che pubblica un reportage in esclusiva con le immagini dei piccoli siriani intenti a usare macchine da cucire e forbici in un laboratorio senza finestre e illuminato dai neon.

Come si legge sul sito del tabloid britannico, i cui giornalisti hanno visitato lo scorso febbraio la fabbrica poi apparentemente chiusa, a sfruttare la loro manodopera è stato un 35enne che si definisce ”imprenditore”, chiamato Abu Zakour, e tenta di difendersi dalle accuse sostenendo che sono gli stessi genitori dei giovanissimi profughi a volere che i figli lavorino per poter contribuire alla sopravvivenza delle famiglie.

Zakour afferma anche di pagarli un minimo di 40 lire turche, l’equivalente di una dozzina di euro al giorno. Dice di farlo per denaro e di non voler sostenere nessuna formazione impegnata nella guerra civile in Siria.

Fuggito dalla martoriata Aleppo, ha vissuto per qualche tempo a Raqqa, considerata la ‘capitale’ dello Stato islamico, dove già sfruttava il lavoro minorile, per poi riparare in Turchia.

I bambini hanno cucito divise a seconda delle diverse esigenze di tutte le forze anti-Assad che le commissionavano: dai jihadisti dello Stato Islamico, ai qaedisti di Al Nusra, fino ai filo-occidentali dell’Esercito libero siriano.

Ai piccoli era permesso giocare in strada solo dopo i turni massacranti, per poi tornare sfiniti dalle loro famiglie. Questa situazione riguarda molti altri minori fuggiti dal conflitto in Siria che vivono in Turchia. Secondo l’Unicef infatti, circa l’80% dei bambini profughi non vanno a scuola e molti di loro finiscono a lavorare per pochi soldi per adulti senza scrupoli.

Ultima ora

21:04Migranti: archiviata inchiesta molestie in Cpa nel Padovano

(ANSA) - PADOVA, 22 SET - La Procura di Padova ha disposto l'archiviazione dell'inchiesta che vedeva alcuni migranti ospitati nel centro di accoglienza di Bagnoli di Sopra (Padova) accusati di molestie sessuali nei confronti di alcune dipendenti di una cooperativa che si occupa delle pulizie nel centro. La denuncia era stata avanzata nello scorso marzo da un gruppo di lavoratrici che hanno raccontato ai carabinieri di essere state prima vittime di battute oscene da parte dei richiedenti asilo, poi di essere state seguite nei locali della base durante il turno di lavoro. Tra le motivazioni dell'archiviazione da parte della Procura c'è anche l'impossibilità di individuare con certezza i responsabili delle presunte molestie. (ANSA).

20:55Peschereccio sequestrato: marinai bloccati a Sfax

(ANSA) - PALERMO, 22 SET - L'equipaggio del peschereccio Anna Madre, da una settimana a Sfax dopo il sequestro ad opera delle autorità tunisine, non potrà fare ritorno in Italia perché "bloccato per motivi burocratici" nel paese maghrebino. L'hanno detto i familiari dei marinai che vivono a Mazara del Vallo. L'annuncio del loro ritorno, previsto in serata, era stato dato dall'armatore del peschereccio, Giampiero Giacalone.

20:54Tar sospende test ammissione Psicologia La Sapienza

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Il nuovo test di psicologia alla Sapienza è stato sospeso con un provvedimento del Tar del Lazio. Il Tar il prossimo 18 ottobre dovrà decidere anche sulla richiesta dei ricorrenti a riconoscere come libero e a numero aperto l'accesso al primo anno del corso di laurea in Psicologia Clinica, Psicologia della Comunicazione e del Marketing, Psicologia applicata ai contesti della salute, del lavoro e giuridico-forense, Neuroscienze cognitive e Riabilitazione psicologica, Psicologia dello sviluppo tipico ed atipico e psicopatologia dinamica e dello sviluppo.

20:52Pompieri spengono rogo e trovano cadavere in campo

(ANSA) - CASTIGLION FIORENTINO (AREZZO), 22 SET - Trovato dai vigili del fuoco un cadavere carbonizzato durante un intervento per spegnere un incendio in un terreno a Castiglion Fiorentino (Arezzo), nella campagna di Montecchio. La vittima è un uomo di 82 anni. I pompieri sono intervenuti, dopo una chiamata al 115, in un appezzamento da cui si levava un denso fumo nero e dove le fiamme, pian piano, stavano inghiottendo la vegetazione. Mentre i vigili del fuoco effettuavano le manovre di messa in sicurezza dell'area e di spegnimento, in mezzo al terreno hanno trovato il cadavere. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri che dovranno ricostruire la dinamica dei fatti. Con ogni probabilità l'anziano, residente a Castiglion Fiorentino, stava ripulendo un terreno di sua proprietà quando il fuoco è andato fuori controllo ed è rimasto circondato dalle fiamme.

20:39Stalking: Comi, arrestato uomo che minacciava mia serenità

(ANSA) - MILANO, 22 SET - "Questo pomeriggio le forze dell'ordine hanno provveduto all'arresto del mio stalker che purtroppo da mesi e mesi minacciava la mia serenità e la mia libertà". E' quanto ha reso noto Lara Comi, eurodeputato di Forza Italia e vice capogruppo del Partito Popolare Europeo. "Desidero per questo ringraziare la Polizia di Stato, che mi è sempre stata vicina, con in particolare il prefetto Gabrielli, la Procura di Lecco che si e' attivata subito con il provvedimento di arresto e quella di Busto Arsizio. Purtroppo - ha proseguito l'europarlamentare - la cronaca di questi giorni continua ad offrire storie terribili, finite in tragedia. Per questo il mio impegno per una nuova cultura del rispetto delle donne e per la piena applicazione delle norme contro la violenza continuerà con maggior impegno".

20:38Celebrati i funerali della bambina azzannata da due pitbull

(ANSA) - BRESCIA, 22 SET - In un paese fermo per lutto cittadino sono stati celebrati nel pomeriggio i funerali della piccola Victoria, la bambina di 13 mesi azzannata a morte da due pitbull della famiglia domenica scorsa a Flero, nel Bresciano. Il funerale è stato celebrato in chiesa dal parroco del paese bresciano, ma senza la consacrazione dell'eucarestia perché la bambina, figlia di madre italiana e padre albanese, non era mai stata battezzata. Flero si è stretto attorno ai due giovani genitori e al nonno della bambina, presente in casa al momento della tragedia e unico indagato nell'inchiesta della Procura di Brescia aperta per omicidio colposo come conseguenza della mancata sorveglianza della minore.

20:34Terrorismo: espulso pakistano, inneggiava alla jihad

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Un cittadino pakistano 27enne è stato espulso oggi dal territorio nazionale per motivi di sicurezza nazionale. Lo fa sapere il Viminale. Con questo rimpatrio, il 76/o del 2017, sono 208 le espulsioni di soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso eseguite con accompagnamento nel proprio Paese dal gennaio 2015 ad oggi. Lo straniero espulso era emerso all'attenzione della Digos di Teramo a seguito di una segnalazione che indicava la presenza su Facebook di un profilo ove risultavano postate immagini inneggianti alla Jihad. Dalle analisi investigative dell'account utilizzato erano risultate numerose foto inneggianti all'Isis e a vari gruppi del radicalismo islamico. A conferma del suo profilo radicale, è stato accertato che l'uomo, in più di una circostanza, si era espresso in maniera fortemente critica nei riguardi di alcune donne che, durante una festa in Pakistan, avevano danzato in pubblico insieme ad altri uomini. Beneficiava della protezione sussidiaria, revocatagli a luglio.

Archivio Ultima ora