L’Italia scalda i motori per l’Europeo. Positivo test con la Finlandia

Pubblicato il 06 giugno 2016 da redazione

italia

VERONA. – A sette giorni dall’esordio a Euro 2016 contro il Belgio, l’Italia di Antonio Conte scalda i motori per il decollo. Un lieve progresso rispetto al test contro la Scozia vale una vittoria per 2-0 sulla Finlandia, utile soprattutto a procurare un po’ di autostima e a verificare il progresso nella condizione fisica.

Resta il problema del gol, perché neanche il cambio totale nel reparto d’attacco ha sblocaato le punte azzurre: né Zaza, molto attivo, né Immobile hanno esultato. Al loro posto, Candreva su rigore e De Rossi, subentrato a un Thiago Motta quasi ingolfato.

Restano sette giorni, sottolinea Conte, per trovare brillantezza, velocità, aggressività. E soprattutto il gol degli avanti. A conti fatti, più luci che ombre per l’Italia. Candreva e De Rossi firmano il successo sulla Finlandia che nella gara precedente a quella di Verona aveva costretto guarda caso il Belgio al pareggio.

Le certezza anche sul prato del Bentegodi non vengono scalfite. La porta azzurra resta un tabù per molti avversari e le giocate di Candreva e la volontà di Zaza accendono la serata scaligera. Conte mischia le carte e come annunciato i cambi rispetto alla sfida di Malta con la Scozia sono a trazione anteriore.

Fiducia al tandem Immobile-Zaza supportato sugli esterni da Candreva a destra e Giaccherini. “Thiago Motta sta bene” aveva detto Conte alla vigilia e il tecnico azzurro consegna all’oriundo le chiavi del centrocampo.

Spazio poi a Sirigu tra i pali con Buffon inizialmente in panchina. La Finlandia accenna ad una formazione a specchio con un 3-5-2 che si trasforma sempre in un 5-3-2 quando l’Italia ha la palla tra i piedi. I finnici fanno soprattutto tanta densità in mezzo al campo cercando si sporcare le trame di gioco azzurre, con una squadra che, complice anche i non tanti centimetri a disposizione, manovra in primis palla a terra.

L’Italia si accende a sprazzi. Zaza è certamente il più attivo. Un colpo di testa su traversone di Giaccherini, un tiro dalla distanza preciso ma non violento, tante sponde di ottima fattura, l’ex juventino ha voglia da vendere. Più opaco l’apporto di Immobile che svaria molto, ma fatica a trovare i tempi per incunearsi nella rocciosa retroguardia finlandese.

Tra le emozioni di una ventina di minuti tutto sommato soporiferi un maldestro recupero difensivo del difensore Arajuuri che scavalca l’estremo Hradecky, “gollonzo” reso vano dal precedente offside di Immobile.

La fiammata che fa male agli ospiti arriva al 26′ guarda caso complice l’ennesima giocata di volontà di Zaza. Lo juventino difende caparbiamente palla sulla destra e scaraventa sul fronte opposto. Puntuale il controllo di Candreva, Hetemaj, centrocampista del Chievo, non smentisce anche in nazionale la sua irruenza e sgambetta il laziale.

Candreva dal dischetto mette il sigillo per il vantaggio italiano. La reazione della Finlandia è impalpabile anche perché il terzetto davanti a Sirigu non può spaventarsi davanti alla poca qualità di Ring o Eremenko.

Nella ripresa il canovaccio tattico non muta. Il tecnico svedese Backe inserisce Lod, più punta rispetto a Pukki, ma il centrocampo finlandese non accompagna mai l’azione offensiva lasciando sempre troppo isolata la fase d’attacco.

L’Italia prova a sfruttare gli esterni come Conte indica sempre più sovente dalla panchina. La palla, tuttavia, circola troppo lentamente per prendere in fallo la difesa finlandese che si chiude a riccio davanti alla propria area.

Thiago Motta è troppo scolastico e spesso il centrocampo azzurro perde il tempo della giocata per mettere in ambasce gli avversari. Non è un caso che il raddoppio azzurro arriva quando Conte rimodella il centrocampo.

Fuori Giaccherini e Thiago Motta dentro Sturaro e De Rossi. Più muscoli, Sturaro, più tempi di inserimento, De Rossi. E il romanista sfrutta al meglio le sue caratteristiche, andando a colpire di testa sul bel traversone di Candreva e mettendo la ciliegina sulla torta alla serata del Bentegodi.

Verona fa festa, l’Italia si prende un giorno e mezzo di riposo prima di partire per la Francia. In valigia, sogni e incognite in pari misura.

Ultima ora

19:20Atalanta: a Clusone, 3-1 alla Giana

(ANSA) - BERGAMO, 23 LUG - L'Atalanta vince 3-1 a Clusone contro la Giana Erminio (Serie C), nella seconda e ultima amichevole in Valseriana, dopo i 15 gol al Brusaporto di mercoledì scorso a Rovetta, sede degli allenamenti nerazzurri. Nel primo tempo vantaggio ospite con Bonalumi (13') che insacca un angolo di Chiarello deviato da Perna, pari di Cornelius di testa (14') su cross di Orsolini e autogol di Sosio su un retropassaggio sbagliato al portiere (35'); nella ripresa chiude Vido, incornando l'assist di Spinazzola. A riposo Berisha, Rossi, Petagna, Schmidt, Eguelfi, Melegoni e Caldara, arrivato in ritiro solo ieri. Mercoledì 26 luglio alle 20,30 a Bergamo si disputerà il Trofeo Bortolotti contro il Lilla, l'indomani il trasferimento a San Gallo in Svizzera per la seconda fase della preparazione che culminerà con il test del primo agosto ad Altach (Austria) alle 19,30 contro il Bortussia Dortmund. Il 2 agosto (18) a Zingonia c'è il Novara, venerdì 11 il Trofeo Naranja al Mestalla di Valencia contro i padroni di casa.

19:15Russiagate: Kislyak esce di scena,concluso il mandato in Usa

(ANSA) - MOSCA, 23 LUG - Fine del mandato come ambasciatore russo negli Usa per Serghiei Kislyak, uno dei personaggi più implicati nel Russiagate. L'ambasciata russa con un tweet ha confermato che il suo lavoro è finito ieri. Il suo successore non è stato ancora nominato ufficialmente anche se ci si aspetta che sia Anatoly Antonov, vice ministro degli Esteri ed ex vice ministro della Difesa, considerato uno dell'ala dura rispetto agli Stati Uniti. Il primo consigliere della sicurezza nazionale del presidente Donald Trump, Michael Flynn, ha dato le dimissioni perché aveva mentito sui suoi contatti con Kilsyak. Le possibili interferenze della Russia nella campagna elettorale americana dello scorso anno sono al centro dell'inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller.

19:14Calcio: Fiorentina ufficializza, Milic all’Olimpiakos

(ANSA) - FIRENZE, 23 LUG - La Fiorentina ha ufficializzato la cessione a titolo definitivo di Hrovje Milic, classe '89, all'Olimpiakos. L'esterno croato lascia la squadra viola dopo una sola stagione, il suo addio frutterà circa 1,5 milioni di euro. In partenza anche Vecino (Inter), Kalinic (Milan) e Tatarusanu (Nantes) mentre tra martedì e mercoledì arriveranno i due acquisti francesi, il mediano Veretout dell'Aston Villa e il centrocampista offensivo del Nizza Eysseric. Per l'attacco i nomi più gettonati sono quelli di Zapata, Simeone, Nestorovski. Intanto la Fiorentina ha concluso la preparazione a Moena da cui è rientrata nel pomeriggio. Pioli ha concesso due giorni di riposo fissando la ripresa per mercoledì. Prossima amichevole sabato a Lisbona contro lo Sporting cui seguirà la tournée in Germania dove i viola affronteranno il 1° agosto l'Eintracht e il 6 il Wolfsburg dell'ex Mario Gomez.

19:12Libia: inviato Onu, martedì all’Eliseo Haftar e Sarraj

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - La riconciliazione della Libia passa per Parigi: martedì, a tre mesi dal primo faccia a faccia ad Abu Dhabi, i protagonisti della crisi libica il primo ministro Fayez Al Sarraj il generale Khalifa Haftar, su invito del presidente Emanuelle Macron, si incontreranno all'Eliseo alla presenza dell'inviato dell'Onu per la Libia Ghassan Salamè. E' lo stesso Salamè a confermarlo al Journal du Dimanache. L'indiscrezione sull'iniziativa libica del presidente francese era già circolata nei giorni scorsi su diversi quotidiani arabi, nonostante l'appuntamento non figuri sull'agenda ufficiale dell'Eliseo. "E' un nuovo tentativo perchè queste persone si parlino ed uniscano le loro forze per impedire che le metastasi dell'Daesh si ricostituiscano in Libia", ha dichiarato al Jdd un responsabile francese che si occupa del dossier libico.

19:04Gerusalemme: Alfano, appello alla moderazione e al dialogo

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Seguo con grande preoccupazione la spirale di tensione e violenza in atto a Gerusalemme e in tutta la Cisgiordania", ha dichiarato il ministro degli Esteri Angelino Alfano. "La morte di due poliziotti nella Città vecchia, quella di tre cittadini israeliani in Cisgiordania, così come l'uccisione di giovani palestinesi negli scontri - ha aggiunto il ministro - sono eventi tragici. Non esiste alcuna giustificazione per gli assassini né per la glorificazione della violenza. Ogni attacco terroristico, a prescindere da dove è compiuto, deve essere condannato. Pertanto, lancio un appello alla moderazione e al dialogo ed esorto tutte le parti coinvolte a collaborare e ad agire con responsabilità nella gestione della difficile situazione nella Città vecchia e ad adoperarsi per un'immediata riduzione delle violenze e per scongiurare ulteriori vittime".

18:50Calcio: Gold Cup, morsi a rivali,squalificati 2 salvadoregni

(ANSA) - MIAMI (USA), 23 LUG - Henry Romero e Darwin Ceren, come Luis Suarez, il bomber dell'Uruguay. I due difensori della nazionale di El Salvador sono stati squalificati dalla Concacaf per aver morso degli avversari durante la partita dei quarti di finale di Gold Cup di mercoledì scorso persa contro gli Usa, come fece il Pistolero con Chiellini nel match del Mondiale brasiliano. Il provvedimento è stato preso dalla commissione disciplinare della confederazione nord e centro americana dopo aver preso visione dei filmati. Così Romero ha preso 6 turni di squalifica, mentre 3 sono state date a Ceren. Il tutto per "comportamento antisportivo". Romero ha preso pena doppia perchè ha morso lo statunitense Altidore sia ad una spalle che sul petto, mentre Ceren ha fatto lo stesso a spese di Gonzalez, limitandosi a una spalla. "Sono sicuro che non sarà fiero di ciò che ha fatto", ha commentato Altidore dopo aver appreso della squalifica di Romero.

18:32Calcio: Vecino a un passo dall’Inter, domani attese visite

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - Matias Vecino è a un passo dall'Inter, tanto che il centrocampista potrebbe svolgere le visite mediche per il club nerazzurro già domani. L'Inter è decisa a versare i 24 milioni della clausola imposta dalla Fiorentina per regalare a Luciano Spalletti il secondo rinforzo, dopo Borja Valero a centrocampo. Vecino è il terzo acquisto per l'Inter in questo mercato, dopo il difensore Milan Skriniar e, appunto, Borja Valero.

Archivio Ultima ora