L’Italia scalda i motori per l’Europeo. Positivo test con la Finlandia

Pubblicato il 06 giugno 2016 da redazione

italia

VERONA. – A sette giorni dall’esordio a Euro 2016 contro il Belgio, l’Italia di Antonio Conte scalda i motori per il decollo. Un lieve progresso rispetto al test contro la Scozia vale una vittoria per 2-0 sulla Finlandia, utile soprattutto a procurare un po’ di autostima e a verificare il progresso nella condizione fisica.

Resta il problema del gol, perché neanche il cambio totale nel reparto d’attacco ha sblocaato le punte azzurre: né Zaza, molto attivo, né Immobile hanno esultato. Al loro posto, Candreva su rigore e De Rossi, subentrato a un Thiago Motta quasi ingolfato.

Restano sette giorni, sottolinea Conte, per trovare brillantezza, velocità, aggressività. E soprattutto il gol degli avanti. A conti fatti, più luci che ombre per l’Italia. Candreva e De Rossi firmano il successo sulla Finlandia che nella gara precedente a quella di Verona aveva costretto guarda caso il Belgio al pareggio.

Le certezza anche sul prato del Bentegodi non vengono scalfite. La porta azzurra resta un tabù per molti avversari e le giocate di Candreva e la volontà di Zaza accendono la serata scaligera. Conte mischia le carte e come annunciato i cambi rispetto alla sfida di Malta con la Scozia sono a trazione anteriore.

Fiducia al tandem Immobile-Zaza supportato sugli esterni da Candreva a destra e Giaccherini. “Thiago Motta sta bene” aveva detto Conte alla vigilia e il tecnico azzurro consegna all’oriundo le chiavi del centrocampo.

Spazio poi a Sirigu tra i pali con Buffon inizialmente in panchina. La Finlandia accenna ad una formazione a specchio con un 3-5-2 che si trasforma sempre in un 5-3-2 quando l’Italia ha la palla tra i piedi. I finnici fanno soprattutto tanta densità in mezzo al campo cercando si sporcare le trame di gioco azzurre, con una squadra che, complice anche i non tanti centimetri a disposizione, manovra in primis palla a terra.

L’Italia si accende a sprazzi. Zaza è certamente il più attivo. Un colpo di testa su traversone di Giaccherini, un tiro dalla distanza preciso ma non violento, tante sponde di ottima fattura, l’ex juventino ha voglia da vendere. Più opaco l’apporto di Immobile che svaria molto, ma fatica a trovare i tempi per incunearsi nella rocciosa retroguardia finlandese.

Tra le emozioni di una ventina di minuti tutto sommato soporiferi un maldestro recupero difensivo del difensore Arajuuri che scavalca l’estremo Hradecky, “gollonzo” reso vano dal precedente offside di Immobile.

La fiammata che fa male agli ospiti arriva al 26′ guarda caso complice l’ennesima giocata di volontà di Zaza. Lo juventino difende caparbiamente palla sulla destra e scaraventa sul fronte opposto. Puntuale il controllo di Candreva, Hetemaj, centrocampista del Chievo, non smentisce anche in nazionale la sua irruenza e sgambetta il laziale.

Candreva dal dischetto mette il sigillo per il vantaggio italiano. La reazione della Finlandia è impalpabile anche perché il terzetto davanti a Sirigu non può spaventarsi davanti alla poca qualità di Ring o Eremenko.

Nella ripresa il canovaccio tattico non muta. Il tecnico svedese Backe inserisce Lod, più punta rispetto a Pukki, ma il centrocampo finlandese non accompagna mai l’azione offensiva lasciando sempre troppo isolata la fase d’attacco.

L’Italia prova a sfruttare gli esterni come Conte indica sempre più sovente dalla panchina. La palla, tuttavia, circola troppo lentamente per prendere in fallo la difesa finlandese che si chiude a riccio davanti alla propria area.

Thiago Motta è troppo scolastico e spesso il centrocampo azzurro perde il tempo della giocata per mettere in ambasce gli avversari. Non è un caso che il raddoppio azzurro arriva quando Conte rimodella il centrocampo.

Fuori Giaccherini e Thiago Motta dentro Sturaro e De Rossi. Più muscoli, Sturaro, più tempi di inserimento, De Rossi. E il romanista sfrutta al meglio le sue caratteristiche, andando a colpire di testa sul bel traversone di Candreva e mettendo la ciliegina sulla torta alla serata del Bentegodi.

Verona fa festa, l’Italia si prende un giorno e mezzo di riposo prima di partire per la Francia. In valigia, sogni e incognite in pari misura.

Ultima ora

14:30Autonomia: insediato tavolo Milano, Maroni chiede risorse

(ANSA) - MILANO, 21 NOV - Il Tavolo per l'Autonomia si è insediato anche a Milano, presenti il sottosegretario agli Affari regionali, Gianclaudio Bressa, il presidente della Lombardia, Roberto Maroni e la delegazione dell'Emilia Romagna, ma senza il presidente Stefano Bonaccini. Sede dell'incontro, il belvedere al 39/o piano di Palazzo Lombardia, il grattacielo sede della Giunta regionale. Maroni ha anticipato ai giornalisti il merito della discussione già iniziata a Roma e Bologna. "Qui - ha detto - si discute di istruzione, di grandi reti di trasporto, di coordinamento della finanza pubblica e di rapporti internazionali". "Oggi - ha proseguito - illustriamo le nostre posizioni, il Governo valuterà le richieste nel giro di due settimane e ci darà una risposta. A quel punto inizierà la trattativa vera e propria che mi auguro si concluda entro fine dicembre. A gennaio invece la trattativa sarà sulle risorse, da chiudere entro la fine di gennaio con un accordo che eviti la contaminazione della campagna elettorale". (ANSA).

14:23Crollo Roma: gup, tre rinvii a giudizio e una assoluzione

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Tre rinvii a giudizio e una assoluzione. E' quanto ha deciso il gup di Roma, Costantino De Robbio, in relazione al crollo parziale del palazzo di Lungotevere Flaminio 70 avvenuto la notte del 22 gennaio del 2016. Il giudice ha disposto il processo, che inizierà il prossimo 29 maggio, per coloro che si occuparono dei lavori di ristrutturazione dell'appartamento da cui partì il crollo: Massimo Canepa, legale rappresentante della Edilarch 88 srl, il progettista Roberto Mattei e il titolare della ditta esecutrice dei lavori Pasquale Fama'. I tre sono accusati di disastro colposo, stessa accusa contestata al proprietario dell'appartamento , Giuseppe Rigo De Righi, che è stato, invece, assolto in abbreviato con la formula "per non aver commesso il fatto". Nell'appartamento furono eliminati tutti i tramezzi compromettendo la stabilità del palazzo.

14:19Taxi: adesione massiccia a Milano, garantiti servizi sociali

(ANSA) - MILANO, 21 NOV - Sta registrando una "adesione massiccia", secondo quanto riferito dalla Unica-Filt Cgil, lo sciopero dei taxi a Milano. Nei diversi punti della città abitualmente riservati ai taxi vi sono presidi per informare i cittadini sulle ragioni dello sciopero. Nello stesso tempo sono garantiti i cosiddetti "servizi sociali" sia alla Stazione Centrale, sia agli aeroporti di Linate e di Malpensa, così come nel resto della città: persone in difficoltà (malati, anziani, altro) che hanno bisogno del taxi vengono comunque serviti nonostante l'agitazione. Non sono segnalati episodi di criticità. A Milano la protesta ha il suo fulcro in un presidio organizzato dai sindacati in Stazione Centrale. Le auto bianche, una cinquantina, posteggiate in piazza Luigi di Savoia non caricano passeggeri.

14:18Ucraina: commando blocca accesso sede governo Lugansk

(ANSA) - MOSCA, 21 NOV - Il centro di Lugansk, la capitale dell'autoproclamata repubblica omonima, è stato bloccato da un commando in divisa militare, senza segni di riconoscimento. Gli uomini sono armati con mortai e mitragliatori. E' stato anche sbarrato l'ingresso del palazzo del governo e del 'parlamento'. Lo riporta Novaya Gazeta citando due fonti sul posto. Secondo l'agenzia ucraina Unian, dietro il commando potrebbe esserci l'ex ministro dell'Interno, Igor Kornet, licenziato ieri dal leader della repubblica Igor Plotnitskiy.

14:14Figc: Deodato, commissario atto invasivo

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Il commissariamento è un atto grave che incide sulla vita di un ente che ha una sua autonomia e soggettività giuridica. Io suggerisco di esaminare il caso con estremo scrupolo". Così Carlo Deodato, presidente del Gruppo di Lavoro tecnico Statuti e Regolamenti del Coni e membro del Consiglio di Stato. Deodato ha ricordato le linee guida che nel merito prefigurano il commissariamento: "Posso dire che lo statuto del Coni prevede tre presupposti. L'unico astrattamente configurabile in questa fattispecie è quello relativo alla constatata impossibilità di funzionamento degli organi federali. Io non sono in grado di comprendere se l'esito del consiglio federale e le dimissioni di Tavecchio implichino l'effetto che si verifichi questo presupposto. Questo va valutato dal Coni. Il commissariamento è un atto grave che incide sulla vita di un ente che ha una sua autonomia e soggettività giuridica. Ha l'effetto di sciogliere gli organi e sostituirli con un altro organo fino a nuove elezioni. E' molto invasivo".

14:02Giappone: la principessa Mako si fidanzerà a marzo

(ANSA) - TOKYO, 21 NOV - La principessa giapponese Mako, nipote primogenita dell'imperatore Akihito, annuncerà il suo fidanzamento ufficiale il prossimo marzo nel corso di una cerimonia di corte ufficiale. Lo ha annunciato l'agenzia Kyodo, citando una fonte dell'Agenzia imperiale, spiegando che il rito tradizionale chiamato 'Nosai no Gi' si terrà con molta probabilità il 4 marzo, mentre il matrimonio sarà celebrato in autunno. Lo scorso settembre la principessa 26enne aveva reso pubblici i progetti di nozze col coetaneo Kei Komuro, fidanzato di lunga data, già dai tempi dell'università. Come conseguenza delle nozze con un 'cittadino comune', la principessa Mako dovrà rinunciare al titolo imperiale, una prerogativa del trono del Crisantemo - che è la più antica monarchia ereditaria esistente al mondo senza aver subito interruzioni. a partire dal 660 a.C, e che dal XIX secolo non consente alle donne l'ascesa al trono.

13:54Calcio: Zamparini, a gennaio ci sarà qualcun altro

(ANSA) - PALERMO, 21 NOV - "A gennaio non ci sarò più, ci penserà qualcun altro". Lo ha detto il proprietario del Palermo, Maurizio Zamparini. Ieri i rosanero sono stati sconfitti in casa dal Cittadella per 3-0 e nei giorni scorsi la Procura ha presentato un'istanza di fallimento della società. "Non so se le vicende giudiziarie - ha aggiunto - abbiano influito sul rendimento della squadra, certo sono cose che si ripercuotono nella testa di tutto lo staff e dei giocatori. Io sono in una situazione paradossale dopo tutto quello che ho fatto a Palermo, non so cosa c'è dietro. Gli avvocati stanno lavorando ma sono esterrefatto, non penso che rimarrò a Palermo, mi dispiace solo per voi ragazzi, c'è gente che vuole che io me ne vada".

Archivio Ultima ora