Hillary a un passo dalla nomination, Obama si schiera

Pubblicato il 06 giugno 2016 da redazione

clinton

WASHINGTON. – Hillary Clinton sempre più vicina a diventare la prima donna candidata per la presidenza degli Stati Uniti. Con la vittoria nelle primarie di Porto Rico, la ex first lady accorcia le distanze dalla nomination democratica: le mancano adesso infatti meno di 30 delegati (23 secondo alcuni conteggi) per raggiungere il ‘numero magico’ (2.383) necessario per assicurarsela, in vista della convention di luglio e alla vigilia della tappa decisiva con il voto in sei Stati, tra cui la California.

Punto di svolta, tra l’altro, per l’endorsement ufficiale di Barack Obama, suo ex rivale nelle primarie del 2008 ma che adesso si dice determinato a sostenerla prestando alla campagna di Hillary la sua influente voce, e a contare nel tentativo di scongiurare che Donald Trump gli succeda alla Casa Bianca.

Eppure soltanto poco fa Bernie Sanders dichiarava: “non è ancora finita. Sarà una convention aperta”. Il senatore liberal del Vermont, che ha annunciato una sua conferenza stampa nelle prossime ore, ha tenuto il punto fino alla fine nella sua sorprendente corsa che, invocando una “rivoluzione politica”, lo ha portato a pungolare non poco la ex first lady, ex senatrice, ex segretario di Stato che si gioca l’opportunità della vita e della Storia promettendo all’America e al mondo il primo presidente donna degli Stati Uniti.

Adesso però che i numeri sono ormai smaccatamente a favore della frontrunner, nell’altrimenti compattissimo fronte Sanders cominciano ad intravedersi le prime crepe: ‘team Bernie’ si divide, con da una parte i ‘Sanderistas’, i falchi che vogliono combattere contro Hillary fino alla fine, e dall’altra le colombe, che pensano sia giunto il momento di unire le forze dietro alla candidata, riferisce il Wall Street Journal riportando indiscrezioni di una spaccatura accentuatasi con la nuova vittoria di Hillary nelle primarie di Porto Rico.

Intanto il suo appello all’unità Hillary l’ha già lanciato, ricordando a Sanders e ai suoi supporter quello che fece lei nel 2008 quando la sfida era con Barack Obama: si ritirò e ‘concesse’ il suo seguito al rivale (poi eletto presidente che la scelse come sua segretario di Stato). Soltanto così, ha incalzato, battiamo Donald Trump.

In questo senso, un aiuto con l’elettorato liberal glielo darà senz’altro Obama, pronto a scendere in campo al suo fianco, con l’annuncio ufficiale atteso già entro questa settimana stando al New York Times. Del resto i segnali c’erano tutti, di una certa impazienza da parte del presidente di mettere a frutto la straordinaria popolarità (il 50% di gradimento) di cui gode in questa coda di mandato.

E’ allora sua intenzione “passare molto tempo impegnato sul campo in campagna elettorale”, ha detto la responsabile per la comunicazione di Obama, Jennifer Psaki, confermando quindi che il suo staff alla Casa Bianca sta già lavorando sui dettagli “per come utilizzare al meglio la sua forza e il suo capacità di attrazione”.

Può spingere verso Hillary gli elettori indipendenti ancora perplessi e attirare i più giovani che fino ad ora hanno preferito Sanders. Ma soprattutto potrà a quel punto dare un nome all’oggetto delle dure critiche che va ripetendo da giorni.

Contro Donald Trump il monito di Obama da giorni è ormai costante, l’ultimo in occasione dell’inizio del Ramadan: “Con fermezza resto accanto alle comunità dei musulmani americani nel respingere le voci che vogliono dividerci o limitare le nostre libertà religiose o i nostri diritti civili”, ha sottolineato nel messaggio per il mese sacro per i musulmani.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

02:19Trump e Melania entrano alla Casa Bianca

(ANSA) - NEW YORK, 21 GEN - Donald Trump e Melania entrano alla Casa Bianca con tutta la famiglia Trump al completo. La coppia uscirà a breve per partecipare ai balli in loro onore.

02:17Trump: polizia, 217 arresti in scontri a Washington

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - Sono 217 gli arresti effettuati a Washington durante le proteste nel corso dell'Inauguration Day. Lo ha reso noto la Polizia della capitale americana, riferendo inoltre che sei poliziotti sono rimasti feriti in maniera lieve negli scontri con i manifestanti.

01:00Calcio: rientro Balotelli non basta, Nizza fa 1-1 con Bastia

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il ritorno di Mario Balotelli, al rientro dopo aver scontato due giornate di squalifica, non è bastato al Nizza per vincere sul campo dei 'rivali storici' del Bastia nell'anticipo di oggi della Ligue 1. Al vantaggio della squadra della Corsica con Oniangué ha risposto per il Nizza il difensore Souquet. Così adesso per il Nizza sono trascorsi 32 giorni dall'ultima vittoria, quella del 18 dicembre in casa per 2-1 contro il Digione, con doppietta di Balotelli (oggi poco assistito dai compagni). Da quel giorno la squadra rossonera ha ottenuto tre pareggi in campionato e una sconfitta in Coppa di Francia. E ora il Nizza, che è in vetta con 46 punti con + 1 sul Monaco, rischia di perdere il primato ed essere staccato dalla squadra del Principato, in campo domenica contro il Lorient penultimo.

00:42Rugby: 6 Nazioni, lunedì 23 allenamento azzurri è aperto

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - La nazionale italiana di rugby apre subito le porte al proprio pubblico in vista dell'esordio nel 6 Nazioni 2017 fissato per domenica 5 febbraio all'Olimpico di Roma contro il Galles. Parisse e compagni si raduneranno al Centro di Preparazione Olimpica "Giulio Onesti" di Roma nella serata di domenica 22 gennaio, per una tre giorni di raduno in vista delle prime due gare del torneo (l'11 febbraio, sempre a Roma, è in calendario il secondo turno contro l'Irlanda). Lunedì 23 alle ore 14.30 svolgeranno sul prato dell'Onesti la prima sessione di allenamento, interamente aperta ai sostenitori azzurri. Per i tifosi ci sarà la possibilità di incontrare i giocatori, dopo il lavoro sul campo, per foto e autografi di rito.

00:24Atletica: Tamberi ha problemi, venerdì 27 consulto medico

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Su richiesta di Gianmarco Tamberi e del padre allenatore Marco, il medico della Fidal Andrea Billi ha disposto un consulto per definire la natura dei problemi alla caviglia di stacco (operata nel luglio scorso) ancora avvertiti dall'azzurro. Il consulto si terrà venerdì 27 gennaio a Roma, presso l'Istituto di Medicina dello sport, alla presenza degli specialisti in chirurgia artroscopica della caviglia Francesco Allegra, Francesco Lioi, e Raul Zini, oltre che del Direttore dell'Istituto, prof. Antonio Spataro. Tamberi, che ha affrontato un primo periodo di preparazione in Sudafrica, a Stellebosch, a cavallo dei mesi di dicembre e gennaio, è rientrato in Italia da una settimana. L'obiettivo del campione del mondo indoor dell'alto, grande assente dell'Olimpiade di Rio de Janeiro a causa dell'infortunio patito al meeting Diamond League di Montecarlo del 15 luglio scorso, è quello di rientrare alle gare nel corso della stagione estiva. "Ma potrei tornare di nuovo in sala operatoria", commentato l'azzurro.

00:21Calcio: Coppa Africa, Marocco-Togo 3-1

(ANSA) - LIBREVILLE, 20 GEN - Il Marocco ha battuto il Togo per 3-1 in una partita del gruppo C della Coppa d'Africa. Togolesi in vantaggio al 5' pt con Dossevi, poi le reti dei marocchini di capitan Benatia con Bouhaddouz (15' pt) Saiss (21' pt) ed En Nesyri (27' st). Quest'ultimo era entrato al 15' st al posto del napoletano El Kaddouri. Questa del Marocco è una vittoria molto importante, visto che riapre il discorso qualificazione: ora la nazionale del ct Renard se la giocherà contro la Costa d'Avorio. Il Togo, invece, è praticamente fuori dal torneo continentale.

23:01Rigopiano:estratti vivi ultimi 3 bambini

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Tra gli ultimi tre bambini estratti vivi dalle macerie dell'hotel Rigopiano c'é anche Ludovica Parete, figlia del cuoco, Giampiero, sopravvissuto fin dal primo momento alla tragedia e che aveva dato l'allarme del crollo dell'albergo. Questa mattina erano stati estratti vivi la moglie di Parete Adriana e l'altro figlio, Gianfilippo: la famiglia si è così ricomposta. Ci sono ancora superstiti sotto le macerie dell'hotel Rigopiano spazzato via da una slavina. Tre bambini, su quattro salvati, sono stati estratti vivi dai vigili del Fuoco nel tardo pomeriggio dopo oltre 40 ore. L'ultimo salvato è Edoardo Di Carlo, che era nell'albergo con i genitori Sebastiano e Nadia (finora dispersi).

Archivio Ultima ora