Hillary a un passo dalla nomination, Obama si schiera

Pubblicato il 06 giugno 2016 da redazione

clinton

WASHINGTON. – Hillary Clinton sempre più vicina a diventare la prima donna candidata per la presidenza degli Stati Uniti. Con la vittoria nelle primarie di Porto Rico, la ex first lady accorcia le distanze dalla nomination democratica: le mancano adesso infatti meno di 30 delegati (23 secondo alcuni conteggi) per raggiungere il ‘numero magico’ (2.383) necessario per assicurarsela, in vista della convention di luglio e alla vigilia della tappa decisiva con il voto in sei Stati, tra cui la California.

Punto di svolta, tra l’altro, per l’endorsement ufficiale di Barack Obama, suo ex rivale nelle primarie del 2008 ma che adesso si dice determinato a sostenerla prestando alla campagna di Hillary la sua influente voce, e a contare nel tentativo di scongiurare che Donald Trump gli succeda alla Casa Bianca.

Eppure soltanto poco fa Bernie Sanders dichiarava: “non è ancora finita. Sarà una convention aperta”. Il senatore liberal del Vermont, che ha annunciato una sua conferenza stampa nelle prossime ore, ha tenuto il punto fino alla fine nella sua sorprendente corsa che, invocando una “rivoluzione politica”, lo ha portato a pungolare non poco la ex first lady, ex senatrice, ex segretario di Stato che si gioca l’opportunità della vita e della Storia promettendo all’America e al mondo il primo presidente donna degli Stati Uniti.

Adesso però che i numeri sono ormai smaccatamente a favore della frontrunner, nell’altrimenti compattissimo fronte Sanders cominciano ad intravedersi le prime crepe: ‘team Bernie’ si divide, con da una parte i ‘Sanderistas’, i falchi che vogliono combattere contro Hillary fino alla fine, e dall’altra le colombe, che pensano sia giunto il momento di unire le forze dietro alla candidata, riferisce il Wall Street Journal riportando indiscrezioni di una spaccatura accentuatasi con la nuova vittoria di Hillary nelle primarie di Porto Rico.

Intanto il suo appello all’unità Hillary l’ha già lanciato, ricordando a Sanders e ai suoi supporter quello che fece lei nel 2008 quando la sfida era con Barack Obama: si ritirò e ‘concesse’ il suo seguito al rivale (poi eletto presidente che la scelse come sua segretario di Stato). Soltanto così, ha incalzato, battiamo Donald Trump.

In questo senso, un aiuto con l’elettorato liberal glielo darà senz’altro Obama, pronto a scendere in campo al suo fianco, con l’annuncio ufficiale atteso già entro questa settimana stando al New York Times. Del resto i segnali c’erano tutti, di una certa impazienza da parte del presidente di mettere a frutto la straordinaria popolarità (il 50% di gradimento) di cui gode in questa coda di mandato.

E’ allora sua intenzione “passare molto tempo impegnato sul campo in campagna elettorale”, ha detto la responsabile per la comunicazione di Obama, Jennifer Psaki, confermando quindi che il suo staff alla Casa Bianca sta già lavorando sui dettagli “per come utilizzare al meglio la sua forza e il suo capacità di attrazione”.

Può spingere verso Hillary gli elettori indipendenti ancora perplessi e attirare i più giovani che fino ad ora hanno preferito Sanders. Ma soprattutto potrà a quel punto dare un nome all’oggetto delle dure critiche che va ripetendo da giorni.

Contro Donald Trump il monito di Obama da giorni è ormai costante, l’ultimo in occasione dell’inizio del Ramadan: “Con fermezza resto accanto alle comunità dei musulmani americani nel respingere le voci che vogliono dividerci o limitare le nostre libertà religiose o i nostri diritti civili”, ha sottolineato nel messaggio per il mese sacro per i musulmani.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

08:46Mafia: Gabrielli, reato da cambiare

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Dobbiamo convincerci tutti che la corruzione è l'incubatrice delle mafie. E invece vedo un atteggiamento da scampato pericolo nei confronti della sentenza sul Mondo di Mezzo". Il capo della polizia Franco Gabrielli interviene a sostegno della tesi della procura di Roma sull'accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso. "Il procuratore capo Giuseppe Pignatone - dice - ha fornito un'interpretazione avanzata del reato. Non credo che in questo processo sia stato sconfitto". Probabilmente, osserva "bisogna rimodellare la formulazione del reato 416 bis".

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

Archivio Ultima ora