Renzi accusa il colpo, ora il Pd teme l’alleanza Lega-M5S

Pubblicato il 06 giugno 2016 da redazione

salvini-grillo

ROMA. – Dal rigore, che Matteo Renzi invitava Beppe Sala a tirare a Milano, al ‘biscotto’, ovvero la ‘Santa Alleanza’ tra Lega e M5S per togliere Roma e Milano a Matteo Renzi. La metafora, ai piani alti del Nazareno, resta calcistica ma l’atmosfera è ben altra: il primo turno delle comunali, su cui nessuno alla vigilia nutriva in realtà grandi aspettative, sono andate, nelle grandi città, peggio del previsto.

E se è vero che, come ripete il premier ai suoi, “ora si riparte da zero”, sono molti i timori che, senza dichiararlo, gli avversari del governo si coalizzino per indebolire il governo in vista del referendum di ottobre.

Il risveglio, dopo una notte di incertezze, non è stato più dolce al Nazareno e a Palazzo Chigi: è vero che Roberto Giachetti è riuscito ad arrivare al ballottaggio, un “mezzo miracolo”, ammette Renzi visto che nella capitale il voto di protesta contro il Pd c’è stato eccome.

Ma il gap con la Raggi è enorme ed i risultati finali a Milano, Torino e a Bologna sono stati inferiori alle attese della vigilia. “A Sala sono mancati almeno 2-3 punti”, spiegano i dirigenti dem alludendo a quella soglia psicologica che avrebbe permesso al candidato dem di affrontare il secondo turno senza sentire sul collo il fiato di Stefano Parisi.

Ora sulla ‘finale’ sotto il Duomo sono tutti molto cauti: big e dirigenti si spenderanno per due settimane a sostegno dell’ex Mister Expo ma c’è consapevolezza che i margini per allargare i consensi sono pochi “mentre dopo che Salvini ha detto che a Roma, senza la Meloni, al ballottaggio voterebbe Raggi, è immaginabile che i grillini ricambino il favore” a Milano con l’unico scopo di colpire Renzi.

Per questo il leader dem non ha ancora deciso, proprio per evitare di dare valore nazionale alle comunali, se spendersi con energia sotto il Duomo o sostenere, ma a distanza di sicurezza, Sala.

La minoranza intanto affila le armi in attesa dell’esito dei ballottaggi. Gianni Cuperlo, come già fatto nelle ultime direzione, parla di fuga dell’elettorato dem, Roberto Speranza denuncia il calo dei democrats nei quartieri periferici. Ed entrambi puntano l’indice contro il segretario, reo di non occuparsi del partito. E di stringere alleanze “improprie” con Denis Verdini che poi neanche paga alle urne.

Ma i risultati deludenti di Ala a Napoli come a Cosenza dimostra ai renziani un’altra cosa: “Proprio i dati di Verdini e della sinistra dimostrano che l’Italicum non si cambia perchè il voto alla coalizione non serve”.

E chi si attende che Renzi, davanti ai risultati deludenti delle comunali, cambi atteggiamento verso la minoranza e la sinistra sbaglia. “Loro vogliono solo azzopparlo – spiegano al Nazareno – vadano pure avanti ma pure se al referendum riuscissero nella spallata dove vanno?”.

Perchè la battaglia finale resta per il premier l’appuntamento di ottobre. E la convinzione è che, al netto dei big dei partiti, i cittadini, non solo quelli del Pd, non potranno dire no alla riforma. Anche perchè, dopo la parentesi del voto nelle città, Renzi ha messo in cantiere una campagna comunicativa a tappeto che non conoscerà vacanza estiva.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

23:47Calcio: Quagliarella, a Schick dico di restare alla Samp

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Consiglio a Schick di restare un altro anno alla Sampdoria per confermare quanto di buono fatto e continuare a crescere. Non ho mai giocato con un calciatore simile". Fabio Quagliarella, vincitore del 22esimo 'Premio Gentleman', suggerisce al suo compagno di aspettare a lasciare Genova, ma concede un indizio sull'altro oggetto del desiderio del mercato, Muriel: "Muriel è nell'età giusta per poter partire se ci sono delle richieste che soddisfano il presidente. Contro l'Udinese non ha fatto una cosa bella, ma si è reso conto dell'errore. Non c'è stato alcuna rissa con Danilo e alla fine ha chiesto scusa". Quagliarella conferma il suo desiderio di restare alla Samp ("ho ancora due anni di contratto") e spende parole al miele per Francesco Totti: "E' una leggenda. Sono orgoglioso si averci giocato contro. Un ragazzo eccezionale, c'e solo da togliersi il cappello. Non mi permetto di dire nulla a Spalletti, ma Totti non va trattato così".

23:44Calcio: Montella, il Milan vuole tenere Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Il rinnovo di Donnarumma? So che la società sta facendo degli sforzi enormi per riconoscere le grandi qualità di Gigio. Voglio bene come a un figlio a Donnarumma, ma ora deve fare una scelta e capire cosa vuole fare da grande perché é anche diventato maggiorenne. Ma con la massima serenità perché la società sta facendo di tutto per tenerlo". Così Vincenzo Montella a margine del 22esimo Premio Gentleman, parla delle trattative per il rinnovo di Donnarumma, ma non svela nulla su chi sarà il prossimo centravanti del Milan: "Chi sarà il prossimo numero 9 tra Keita, Kalinic e Morata? Forse nessuno dei tre. La maglia numero 9 è di Lapadula e per il momento se la tiene lui".

23:15Calcio: Pescara batte Palermo 2-0

(ANSA) - PESCARA, 22 MAG - Il Pescara ha battuto 2-0 il Palermo nel posticipo della 37/a giornata della serie A di calcio, partita che ha messo di fronte due formazioni già retrocesse. Gli abruzzesi sono passati in vantaggio al 15' con la prima rete in A del croato Robert Muric. Nel finale dell'incontro è giunto il raddoppio siglato dal suo sostituto, il romeno Mitrita. Il Pescara ha così vinto la terza partita in campionato.

23:08Calcio: playoff serie B, Carpi in semifinale

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - Il Carpi è la prima semifinalista dei playoff di serie B ed il 26 e 29 maggio affronterà il Frosinone per contendergli un posto in serie A. La squadra allenata da Fabrizio Castori ha vinto 2-1 sul campo del Cittadella. Carpi in vantaggio con Lollo al 33' del primo tempo: gran tiro dai 35 metri che si è infilato sotto l'incrocio dei pali. Raddoppio degli ospiti al 20' della ripresa con Mbakogu, lanciato a rete da Letizia. Due minuti dopo Iunco, entrato da poco al posto di Chiaretti, ha accorciato le distanze con un colpo di testa su cross dalla sinistra di Valzania. Vano l'assalto finale del Cittadella per portare la partita ai supplementari. L'eventuale parità al termine di questi ultimi avrebbe comunque promosso la squadra veneta, che ha chiuso il campionato un punto sopra il Carpi.

22:21Calcio: Candreva, non siamo stati all’altezza dell’Inter

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Quest'anno non siamo stati all'altezza della maglia che indossiamo". Antonio Candreva, a margine del 22esimo Premio Gentleman, non usa mezze misure per definire la stagione dell'Inter: "Negativa". "Non ce lo aspettavamo nemmeno noi - ammette Candreva - ma ci sono tanti perché. Siamo partiti con tante difficoltà e finito con altrettante difficoltà. I tifosi sono delusi ma lo siamo anche noi. Hanno hanno avuto tanta pazienza per le figure che gli abbiamo fatto fare. Gli dobbiamo delle scuse perché ci sono stati molto vicini. Ripartiremo dalla prossima stagione con un altro registro, con un altro atteggiamento". E sulla scelta del nuovo allenatore, con Spalletti candidato numero uno, Candreva è convinto che la dirigenza saprà scegliere bene: "Io e i miei compagni pensiamo al campo. La società è ambiziosa e vuole tornare in alto e sceglierà un allenatore competente e vincente per tornare in alto".

22:14Calcio: Locatelli, sono contento della mia stagione

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Non ho nulla da recriminare: sono un ragazzo di 19 anni che ha fatto 26 presenze con il Milan. Sono molto felice di come è andata la mia stagione e la stagione della squadra: io lavoro per diventare un giocatore importante per questo club ma sul futuro si vedrà". Così Manuel Locatelli, a margine del 22esimo Premio Gentleman. "Siamo molto contenti di avere raggiunto l'Europa e non è stato facile perché c'erano grandi squadre che cercavano questo obiettivo. È stato importante ritrovare l'Europa League, ma storicamente l'obiettivo del Milan è sempre stata la Champions, e l'Europa che conta deve essere l'obiettivo anche per il prossimo anno".

22:12Obama in Toscana: Barack e Michelle a Siena

(ANSA) - FIRENZE, 22 MAG - Pomeriggio a siena per l'ex presidente Usa Barack Obama e la moglie Michelle: insieme, dopo che lei aveva fatto shopping nel centro della città, hanno visitato Palazzo Pubblico, dove erano stati invitati dal sindaco Bruno Valentini, per vedere il restauro della Maestà di Simone Martini. Poi nel Duomo di Siena dove gli ex inquilini della Casa Bianca si sono fatti fotografare con alcuni turisti americani e dove, prima di uscire, hanno acceso una candela davanti all'immagine della Madonna del Voto.(ANSA).

Archivio Ultima ora