Quando Trump aiutò Gheddafi a piantare la tenda a Ny

Pubblicato il 06 giugno 2016 da redazione

Roma, a Villa Pamphili la tenda di Gheddafi

Roma, a Villa Pamphili la tenda di Gheddafi

WASHINGTON. – Donald Trump non esita a vantarsi in tv di aver fatto “un sacco di soldi” con il defunto leader libico Muammar Gheddafi, quasi raggirandolo, quando nel 2009 gli affittò un pezzo di terra alla periferia di New York per fargli montare la sua inseparabile tenda beduina in occasione della sua prima partecipazione all’assemblea generale dell’Onu.

Niente di clamoroso rispetto a quanto accaduto in Italia con le visite del colonnello in epoca Berlusconi, quando arrivava circondato dalle sue amazzoni e – sempre nel 2009 – riuscì a piantare gratis la sua tenda dentro Villa Doria Pamphilj, il più grande parco pubblico di Roma. In quello stesso anno invece Gheddafi non trovò un posto sicuro per onorare la sua tradizione nel Central Park e neppure nell’Upper East side o a Englewood, nel vicino New Jersey.

Troppe proteste, anche per l’accoglienza trionfale che Tripoli, dopo il rilascio da parte delle autorità scozzesi, aveva riservato ad Abdelbaset Ali al-Megrahi, il cervello dell’attentato di Lockerbie, nel 1988 con 270 vittime.

Ma questo non impedì a Trump, ora alfiere della lotta al terrorismo, di rimediargli la tenuta con parco da una novantina di ettari di Seven Springs, una sua proprietà terriera a Bedford, una enclave per ricchi e famosi a poca distanza da New York.

Il colonnello libico non ci andò mai ma la vicenda sollevò curiosità e proteste. Fu eretta una grande tenda bianca, rivestita con disegni di palme e cammelli, e dotata di divani di cuoio e tavolini da caffè.

La struttura fu abbattuta dopo che le autorità locali minacciarono di fare causa a Trump ma poi fu ricostruita, anche se non fu mai utilizzata dal dittatore.

All’epoca il re del mattone prese le distanze dalla vicenda, sostenendo di non sapere che vi era coinvolto il leader libico. Ma due anni dopo cambiò tono vantandosi in tv (Fox e Cnn) di aver in qualche modo imbrogliato Gheddafi per avergli fatto pagare una cifra astronomica per un pezzo di terra che alla fine non poté usare.

“Mi pagò per una notte più di quanto il terreno potesse fruttare in uno o due anni”, dichiarò, compiacendosi per la beffa che Gheddafi non poté usarlo. “Questo è quello che dovremmo fare”, “Questo vuol dire essere intelligenti”, disse. Ora è tornato a vantarsi in una intervista con la Cbs nel programma “Di fronte alla nazione”: “mi pagò una fortuna e non è mai stato lì. E diventò una sorta di grande gioco””.

Il portavoce della campagna del tycoon, Hope Hicks, non ha risposto alle domande se Trump all’epoca fosse a conoscenza che stava trattando con Gheddafi e quanto guadagnò da quell’affare. Ma la vicenda conferma ancora una volta la sua propensione a mentire e ad essere spregiudicato negli affari: “segni particolari” che non hanno fermato la sua corsa alla nomination.

Ultima ora

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

15:42Avvelenati tallio: killer ha usato acqua minerale

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Avrebbe utilizzato l'acqua minerale per avvelenare i suoi familiari Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso di aver ucciso volontariamente i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidete i nonni materni, due zii e la badante, perché "soggetti impuri". È quanto emerso stamane dall'interrogatorio di garanzia reso dal giovane al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza si concentrano quindi sulle bottiglie a cui il giovane aveva accesso nella cantina comune della palazzina dove vive tutta la sua famiglia a Nova. Il veleno, senza sapore o odore, potrebbe essere inoltre stato inserito dal giovane anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche.

15:19Violenza sessuale: aggrediva minorenni, va ai domiciliari

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Un uomo di 50 anni, con una vecchia condanna per reati sessuali, è stato arrestato dai carabinieri di Milano con l'accusa di violenza e atti sessuali su minori nei confronti di tre ragazzine di 7, 12 e 13 anni. L'uomo, secondo quanto spiegato, le individuava a caso, per strada, e le seguiva negli androni quando rientravano a casa da scuola. Le avvicinava fulmineamente, le palpeggiava e scappava. I carabinieri lo hanno individuato dopo sei mesi di indagine dal primo caso, avvenuto ad aprile (gli altri due a maggio e ad agosto) e dopo altri sei mesi l'autorità giudiziaria ha emesso un'ordinanza che ha posto l'uomo, impiegato amministrativo, sposato e con figli, ai domiciliari. Al vaglio degli investigatori dell'Arma, però, ci sarebbero in totale una ventina di episodi. A indagare sui casi sono stati i carabinieri della stazione San Cristoforo, che incrociando telecamere e tabulati sono arrivati a uno scooter, guidato dall'uomo poi raggiunto dall'ordinanza mentre si trovava a lavoro.

15:17Maltempo: Umbria, tanti interventi per problemi vento

(ANSA) - PERUGIA, 11 DIC - Sono oltre un centinaio gli interventi nei quali sono impegnati i vigili del fuoco in quasi tutta l'Umbria a causa dei danni provocati dal forte vento. Al momento non vengono comunque segnalati problemi particolari. In provincia di Perugia gli interventi, più di un centinaio, riguardano rami e alberi caduti, danni ai tetti, ai cartelloni pubblicitari divelti dal vento ma anche a pali della luce. I vigili del fuoco del comando provinciale sono impegnati con tutte le squadre disponibili. Situazione analoga in provincia di Terni dove sono decine gli interventi, soprattutto a Terni e in periferia. (ANSA).

Archivio Ultima ora