Osa, il riconoscimento della crisi in Venezuela

Pubblicato il 07 giugno 2016 da redazione

venezuela-crisi-alimentare

Caos. E’ questa, forse, l’unica parola per descrivere l’attuale congiuntura politica del Paese; una realtà che ha profonde conseguenze sull’economia e sulla qualità di vita del venezuelano. Caos nell’ambito internazionale e, ancor più, in quello nazionale.

Il Segretario Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani, Luis Almagro, nell’ultima sessione dell’organismo ha chiesto l’applicazione della “Carta Democratica” per il Venezuela. La clausola fu approvata nel 2001 per evitare che si ripetessero fatti come quelli accaduti nel Perù di Fujimori, nel 1992. Ovvero, che un governo con una profonda vocazione autoritaria potesse dissolvere il Parlamento, sospendere la Costituzione e istituire una dittatura.

Nel suo rapporto, Almagro ha esposto alcune delle caratteristiche della realtà politica venezuelana: l’inesistenza oggi in Venezuela della separazione dei poteri pubblici, quella indipendenza dei poteri che Montesquieu, ne “Lo spirito delle Leggi” pubblicato anonimamente nel 1748, difendeva considerandola la premessa fondamentale per una democrazia sana e forte;

l’impossibilità del Parlamento di legiferare per l’intervento puntuale dell’Alta Corte che ne abroga ogni legge con la giustificazione di incostituzionalità, intromissione, questa, che mortifica, dissolvendolo “di fatto”, uno dei poteri pubblici che è espressione della volontà del popolo manifestata attraverso il voto segreto e universale;

la presenza di prigionieri politici, eufemisticamente definiti dal Governo “politici in carcere”, nonostante la pressione internazionale e l’indignazione di organismi supra-nazionali;

l’estrema lentezza del Consiglio Nazionale Elettorale nel controllo delle firme raccolte dall’opposizione per attivare il Referendum Revocativo, meccanismo democratico per destituire il capo dello Stato e indire nuove elezioni se realizzato entro i termini stabiliti dalla Costituzione;

e i “decreti di emergenza economica” che hanno permesso fin dall’inizio dell’anno al presidente Maduro di Governare senza sottomettersi all’esame di altri poteri pubblici, come hanno fatto prima di lui e dell’estinto presidente Chàvez tutti i capi di Stato eletti democraticamente dall’insurrezione del 1958 ad oggi.

Dopo mesi di “polemiche a distanza” e di “botta e risposta” anche assai acidi con il governo del Presidente Maduro, Luis Almagro, Segretario Generale dell’Osa, ha deciso di rompere gli indugi e di invocare la “Carta Democratica”.

Il suo gesto era atteso ma, non per questo, ha sorpreso meno. Lo ha fatto soprattutto perché il suo rapporto sulla situazione del Venezuela accompagnato dalla richiesta dell’applicazione della “Carta Democratica”, è stato presentato nel momento in cui Josè Luis Zapatero, Leonel Fernández y Martín Torrijos, con il beneplacito dell’Unasur, realizzavano l’ennesimo tentativo di promuovere il dialogo tra Governo e Opposizione.

Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, ha interpretato la dichiarazione assai timida dei paesi dell’Osa, nel conclave di mercoledì scorso, come un trionfo del suo Governo. In sintesi, la diplomazia dell’organismo sembrerebbe suggerire il dialogo tra le parti e frenare le aspirazioni di Almagro che ha chiesto l’applicazione della “Carta Democratica”.

Una sconfitta dell’Opposizione e un trionfo del Governo in questo primo incontro? Può sembrare strano, ma in realtà nessuna delle due parti può parlare né di trionfo né di sconfitta. L’Opposizione può considerarsi soddisfatta per aver portato il “caso Venezuela” all’Osa e aver obbligato i Paesi dell’emisfero a discuterne; il Governo, dal canto suo, può sentirsi appagato per aver superato un ulteriore esame.

Il governo sa che in realtà l’applicazione della “Carta Democratica” nel caso del Venezuela sarà discussa tra il 10 e il 20 giugno. E cioè, in una prossima riunione dell’Osa, in data ancora da stabilire. Ma non importa, perché giocando sull’equivoco e facendo leva sul potere propagandistico dei mass media pubblici, ha creato in molti venezuelani, soprattutto tra coloro che non seguono i media indipendenti, una matrice d’opinione a sé favorevole.

Se non impossibile assai arduo. Sarà molto difficile che si applichi la “Carta Democratica” nel caso del Venezuela; lo sarà poiché per la sua attuazione sarebbero necessari i voti favorevoli di almeno 18 paesi. Determinanti sono i voti delle nazioni centroamericane, che dipendono economicamente dal petrolio venezuelano.

Da rilevare, comunque, che la Carta Democratica è l’”ultima spiaggia”. E l’Osa, prima di applicarla come fece nel 2002, durante la crisi venezuelana, e nel 2009, in occasione di quella in Honduras,
cercherà di esplorare tutti i cammini possibili.

Non deve meravigliare, quindi, l’atteggiamento dell’Argentina. Il presidente Macri, durante la campagna elettorale, si è schierato a favore dell’Opposizione per un calcolo politico. Ora che è al governo, com’è comprensibile, deve cedere la parola alla diplomazia e, suo malgrado, fare un passo indietro di fronte a interessi superiori di Stato.

L’Osa, comunque, non ha poteri punitivi, tantomeno la possibilità d’intervenire militarmente come invece potrebbe fare l’Onu. Le sue dichiarazioni hanno comunque un valore morale che, il più delle volte, sfugge al cittadino comune ma non alla diplomazia internazionale. L’applicazione della “Carta Democratica” è l’ultimo provvedimento possibile che equivale all’espulsione del Paese dall’Organismo. Di fatto, così si decreterebbe l’isolamento politico del governo ma non necessariamente l’interruzione delle relazioni economiche e commerciali tra Paesi.

Al caos internazionale, il caos nazionale. L’Opposizione, riunita nella Mud, attraversa oggi una grave crisi d’identità. Una crisi d’identità aggravata dalla mancanza di un programma d’azione comune coerente e razionale.

Pur non avendo ancora una data per il Referendum Revocativo, alcuni esponenti dell’Opposizione, nella certezza che la consulta popolare comunque castigherà il governo del Presidente Maduro, hanno già indirettamente iniziato la propria campagna elettorale in vista di una presunta, anche se poco probabile, elezione presidenziale. Per il momento, i principali protagonisti sono Henry Ramos Allup e Henrique Capriles Radonski. Il primo, dal Parlamento, il secondo dalla Governazione dello Stato Miranda.

Non due vie parallele da percorrere, ma una sola: quella del referendum. L’Opposizione, oggi, pare aver dimenticato la prossimità delle amministrative, che dovrebbero svolgersi entro l’anno. E ha posto ogni suo interesse e ogni sforzo nella realizzazione della consulta popolare. Le manifestazioni indette da Capriles Radonski, che obbliga la Mud a farle proprie, sono l’unico strumento di pressione su un organismo, il Cne, che continua a “snobbare” i rappresentanti della Mud e a posporre ogni annuncio e decisione.

Di fronte ad un’Opposizione smarrita, indebolita e divisa, il Governo preferisce non prendere l’iniziativa e continuare imperterrito lungo la via tracciata: quella del confronto. Intanto cresce il malcontento.

La manifestazione spontanea di collera nella Avenida Las Fuerzas Armadas, repressa con violenza dalla Guardia Nazionale e dai “colectivos” – bande di motociclisti armati che seminano il terrore come in Italia durante il fascismo facevano le “camicie nere” – è solo la punta dell’Iceberg.

Le proteste piccole e grandi si susseguono quotidianamente. Anche i saccheggi e i linciaggi. Sono manifestazioni di un malcontento che si espande a macchia d’olio e che, per il momento, è contenuto dalla paura.

L’incremento delle proteste, però, potrebbe obbligare il governo a decretare definitivamente provvedimenti d’emergenza, limitare le libertà e, così, aggiungere un ulteriore ingrediente di instabilità alla già esplosiva situazione del Paese. Ingredienti che potrebbero allungare i tempi di realizzazione di un probabile Referendum Revocativo.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

Archivio Ultima ora