L’analisi del voto alle Comunali: chi vince e chi perde

Pubblicato il 07 giugno 2016 da redazione

comunali

Come di consueto all’indomani di una tornata elettorale, è tempo di analisi e soprattutto di bilanci. E lo è ancor di più se, pur trattandosi di elezioni comunali, si è votato in città importanti come Roma, Milano, Napoli, Torino e Bologna.

La prima considerazione da fare è che il Partito Democratico, alla guida del Paese, da questo primo turno non ne esca benissimo. Tutt’altro. Ed in particolare non ne esce benissimo Renzi, apparso in imbarazzo come non mai in occasione della conferenza stampa del giorno dopo.

Il Matteo nazionale non ci gira troppo attorno e ammette, seppur parzialmente, la sconfitta.
Roberto Giachetti a Roma si ferma al 24,9%, surclassato dalla candidata del Movimento 5 Stelle Virginia Raggi che vola con 35,2 punti percentuali. Se la giocheranno al ballottaggio, ma la “freschezza” quantomeno ipotetica della pentastellata (secondo alcuni “teleguidata” da Paola Taverna e compagnia) la lancia come grande favorita nella corsa al Campidoglio.

La sensazione che aleggia fuori e dentro i circoli della politica romana, però, è che Renzi non fosse poi così interessato a queste elezioni amministrative in generale ed alle beghe della capitale in particolare.

Perché, infatti, non schierare un candidato “di peso” per una città di fatto così rilevante? Con tutto il rispetto per Giachetti, il suo nome è suonato ai più come quello di uno sconosciuto qualsiasi al momento di essere annunciato dai vertici del partito.

Tra gli strascichi folli della vicenda del dimissionario Marino e gli scandali del PD romano, sembra quasi che Renzi e i suoi abbiano voluto concedersi un giro di pausa. Il tutto lasciando Roma in pasto ai 5 Stelle, quasi a voler dimostrare la loro incapacità di governare. 5 Stelle che, a questo punto, hanno la possibilità concreta di ritrovarsi al vertice del comune, rischiando magari di fare anche bene. E con cui, volenti o nolenti, gli stessi signori del governo dovranno pur relazionarsi.

E la sensazione che le comunali interessassero e continuino ad interessare soltanto relativamente è data ancor di più dal fatto che in queste ultime settimane, ed addirittura nel corso della stessa conferenza stampa del lunedì post-voto, l’argomento di punta del premier sia stato e continui ad essere il referendum costituzionale.

Chiunque abbia avuto modo di scambiare anche soltanto due parole con Matteo Renzi sa che questo è il vero grande obiettivo che gli ronza nella testa, pur mancando un’intera stagione al voto di ottobre. Già partita infatti, ed in pompa magna aggiungerei, la campagna elettorale per il sì, con quel “casa per casa” invocato dallo stesso presidente del Consiglio.

A Milano, invece, l’uomo chiave di Expo 2015 e candidato forte dei dem, riesce a spuntarla: Beppe Sala, infatti, stacca il ticket per il ballottaggio con un 41,7% che tuttavia lascia spazio e speranze al candidato di centrodestra Stefano Parisi, indietro in fondo per una manciata di voti.

Nel frattempo a Napoli va in scena il trionfo di De Magistris che, con la sua verve populista e “rivoluzionaria” (non si capisce bene cosa debba rivoluzionare un sindaco già in carica da 5 anni), incassa un 42,8% con cui “doppia” Lettieri e Valente, rispettivamente candidati per il centrodestra e per il PD. Quasi scontata dunque, salvo colpi di scena clamorosi, la sua riconferma.

Torino e Bologna, infine, con i due candidati del centrosinistra, Fassino e Merola, avanti agli altri, ma entrambi costretti ad un ballottaggio il cui esito rischia di essere equilibrato ed incerto.

Due settimane e si torna alle urne. Ma una sensazione, un “mezzo” risultato di natura politica, c’è già ed è che Renzi abbia in qualche modo abusato della sicurezza in sé stesso (per alcuni arroganza vera e propria) e che, come scrive il suo antagonista Luigi Di Maio, “gli elettori gli abbiano restituito il #Ciaone” di qualche tempo fa (un’uscita a dir poco di cattivo gusto con cui il deputato PD Ernesto Carbone aveva sbeffeggiato promotori e sostenitori del referendum sulle trivelle).

Una battuta d’arresto evidente, dunque. Ed è difficile non pensare ad un anno fa, quando all’indomani dei risultati delle elezioni europee lo stesso Renzi non aveva esitato ad incassare la vittoria anche e soprattutto in chiave nazionale.

Si trattava sì di elezioni politiche, mentre in questo caso siamo di fronte a delle “semplici” amministrative, ma è abbastanza evidente il giochetto: quando si vince, vince il governo; quando si perde, invece, perdono i singoli candidati o si grida addirittura allo scandalo (leggi alla voce PD napoletano, di cui Renzi chiede il commissariamento).

Saranno due settimane dense ed interessanti. Ed è ancor più interessante immaginare che cosa succederebbe se si andasse al voto per delle elezioni politiche domani mattina.

(Luca Marfé/Voce)

Ultima ora

21:53Migranti: media, 6,6 milioni in attesa di venire in Europa

(ANSA) - BERLINO, 23 MAG - Fino a 6,66 milioni di migranti attendono nei Paesi nordafricani, in Turchia e in Giordania di mettersi in viaggio verso l'Europa. Secondo la Bild il dato, aggiornato a fine aprile, è contenuto in un documento riservato delle autorità di sicurezza tedesche. A fine gennaio si trattava di 5,95 milioni di persone. In concreto fino a 3,3 milioni di migranti sono in attesa in Turchia (400.000 in più rispetto a gennaio), fino a un milione in Libia (-200.000), altrettanti in Egitto (+500.000), fino a 720.000 in Giordania (+10.000), fino a 430.000 in Algeria (+30.000), fino a 160.000 in Tunisia (+10.000) e fino a 50.000 in Marocco (-10.000). Inoltre 79.000 rifugiati (+1.000) sono bloccati lungo la rotta balcanica, di cui 62.500 in Grecia. Stando al documento, fino alla fine di aprile sono sbarcati in Italia 37.300 migranti, il 55% dei quali arrivano da Nigeria, Bangladesh, Guinea, Costa d'Avorio e Gambia.

21:38Calcio: Lega di Serie B, Corradino candidato alla Presidenza

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - ''Una candidatura per unire la Lega e trovare una soluzione politica alla nostra governance''. Parola di Andrea Corradino, candidato alla presidenza della Lega di Serie B, che a due giorni dalla Assemblea Elettiva della LNPB, prevista per giovedì 25 maggio, aggiunge: ''sento il dovere istituzionale e morale di offrire, in prima persona, una soluzione alla complessa situazione che la nostra Lega sta fronteggiando da qualche settimana, nella ricerca della ricostituzione dell'organo di presidenza dopo le dimissioni di Abodi''. ''Ho cercato in questi mesi di Vice Presidente facente funzioni - aggiunge Corradino - di garantire, con senso di responsabilità, rispetto per il ruolo e impegno, la più alta rappresentatività della Lega, supportato dal prezioso contributo dei consiglieri, ai quali ho costantemente riportato le risultanze della mia attività, coadiuvato dall'operato del Direttore generale e della sua struttura''.

21:15Totti: Monchi, col Genoa ultima in campo poi vedremo futuro

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "A Roma Totti è un idolo, domenica dirà addio alla carriera da calciatore nella partita contro il Genoa e vedremo quale sarà il suo futuro". In attesa che il diretto interessato riveli pubblicamente la propria scelta, il ds giallorosso Monchi ribadisce che per la società il tempo di Francesco Totti calciatore scadrà domenica con l'ultima di campionato all'Olimpico. "Francesco ha tanta esperienza e ciò basta per dare il suo contributo. Nel mio caso sicuramente avrò molto da imparare da lui - aggiunge l'ex dirigente del Siviglia all'emittente radiofonica spagnola Canal Sur Radio -. Per me è ancora una situazione strana vivere e lavorare a Roma. E' complicato e ho ancora dei sentimenti contrastanti. Il calcio in Italia e in particolare a Roma si vive in modo molto caldo, tutto quello che viene fatto è molto amplificato. In questo senso ricorda molto la Spagna, in particolare la questione legata ai tifosi".

21:13Morta triatleta tedesca travolta da camion in Romagna

(ANSA) - BOLOGNA, 22 MAG - E' morta all'ospedale Bufalini di Cesena Julia Viellehner, 31 anni, triathleta tedesca, rimasta vittima di un incidente stradale in allenamento al Passo delle Forche, nel forlivese, il 15 maggio. I suoi organi sono stati trapiantati. Lo ha reso noto un comunicato dell'Ausl di Romagna: "Si comunica che, alle ore 19.21 odierne, il Collegio Medico ha accertato il decesso dell'atleta tedesca Julia Viellehner, da lunedì 15 maggio ricoverata nel reparto di Terapia Intensiva 2 dell'Ospedale Bufalini di Cesena, a seguito del gravissimo politrauma subito nell' incidente stradale occorso in quella stessa data. La Direzione dell'Azienda Usl della Romagna desidera ringraziare la famiglia, che ha voluto dare corso alla volontà manifestata in vita da Julia , acconsentendo alla donazione di organi e tessuti prelevati a scopo di trapianto terapeutico". L'atleta tedesca era stata agganciata da un camion e trascinata sull'asfalto mentre si stava allenando in bicicletta. (ANSA).

20:41Rai: Di Maio, Campo Dall’Orto vada avanti

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "Come dice il M5s, se Campo Dall'Orto non va bene a Renzi è perché avrà detto qualche No di troppo, e chi dice No all'establishment per noi deve andare avanti". Lo ha detto il vicepresidente M5s della Camera, Luigi Di Maio, a Montecitorio.

20:39La 48^ Verzegnis Sella Chianzutan è gara-test per l’Alfa 4C

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - La 48/a Verzegnis-Sella Chianzutan è la cronoscalata delle mille occasioni. Dopo il connubio con il 100° Giro d'Italia e aver annunciato il pienone di 250 iscritti, l'evento del 26-28 maggio organizzato dalla E4Run è confermato come gara-test per l'ammirata silhouette basata sull'Alfa Romeo 4C che domenica scorsa ha mosso i primi passi alla Sarnano-Sassotetto. Marco Gramenzi, pilota e promotore del nuovo progetto, e lo staff impegnato nella preparazione dell'auto hanno ricevuto gli ultimi elementi necessari all'effettivo completamento e ora il 5 volte campione italiano annuncia la sua presenza a Verzegnis, che del Campionato Italiano Velocità Montagna 2017 è terza prova, con validità per la FIA International Hill Climb Cup e per diverse altre serie nazionali ed estere. L'auto del driver teramano è denominata MG-AR1 Furore, monta un motore Zytek V8 3 litri di cilindrata proveniente dalla F.3000

20:36Calcio: studenti Firenze premiano Bernardeschi

(ANSA) - FIRENZE, 23 MAG - "Ringrazio i giovani che mi hanno votato e li invito a inseguire i loro sogni con umiltà e sacrificio". Lo ha detto Federico Bernardeschi ritirando oggi in Palazzo Vecchio il 36/o Trofeo Assi Giglio Rosso. Il n.10 della Fiorentina e della Nazionale è stato il più votato dai 3500 studenti delle scuole fiorentine, precedendo il compagno di squadra Federico Chiesa e la squadra della Fiorentina Women's, vincitrice della Serie A femminile. Intanto Bernardeschi continua ad essere al centro di voci di mercato, voci alimentate anche dal fatto che il giocatore non ha ancora risposto alla proposta di prolungamento avanzata qualche mese fa dalla società viola. Nel frattempo domenica si concluderanno le celebrazioni per i 90 anni della Fiorentina Prima del fischio d'inizio del match con il Pescara sfileranno in campo i protagonisti della stagione 2003/2004 che vide la Fiorentina di tornare in A a 2 anni dal fallimento dopo aver vinto lo spareggio di B con il Perugia.

Archivio Ultima ora