L’analisi del voto alle Comunali: chi vince e chi perde

Pubblicato il 07 giugno 2016 da redazione

comunali

Come di consueto all’indomani di una tornata elettorale, è tempo di analisi e soprattutto di bilanci. E lo è ancor di più se, pur trattandosi di elezioni comunali, si è votato in città importanti come Roma, Milano, Napoli, Torino e Bologna.

La prima considerazione da fare è che il Partito Democratico, alla guida del Paese, da questo primo turno non ne esca benissimo. Tutt’altro. Ed in particolare non ne esce benissimo Renzi, apparso in imbarazzo come non mai in occasione della conferenza stampa del giorno dopo.

Il Matteo nazionale non ci gira troppo attorno e ammette, seppur parzialmente, la sconfitta.
Roberto Giachetti a Roma si ferma al 24,9%, surclassato dalla candidata del Movimento 5 Stelle Virginia Raggi che vola con 35,2 punti percentuali. Se la giocheranno al ballottaggio, ma la “freschezza” quantomeno ipotetica della pentastellata (secondo alcuni “teleguidata” da Paola Taverna e compagnia) la lancia come grande favorita nella corsa al Campidoglio.

La sensazione che aleggia fuori e dentro i circoli della politica romana, però, è che Renzi non fosse poi così interessato a queste elezioni amministrative in generale ed alle beghe della capitale in particolare.

Perché, infatti, non schierare un candidato “di peso” per una città di fatto così rilevante? Con tutto il rispetto per Giachetti, il suo nome è suonato ai più come quello di uno sconosciuto qualsiasi al momento di essere annunciato dai vertici del partito.

Tra gli strascichi folli della vicenda del dimissionario Marino e gli scandali del PD romano, sembra quasi che Renzi e i suoi abbiano voluto concedersi un giro di pausa. Il tutto lasciando Roma in pasto ai 5 Stelle, quasi a voler dimostrare la loro incapacità di governare. 5 Stelle che, a questo punto, hanno la possibilità concreta di ritrovarsi al vertice del comune, rischiando magari di fare anche bene. E con cui, volenti o nolenti, gli stessi signori del governo dovranno pur relazionarsi.

E la sensazione che le comunali interessassero e continuino ad interessare soltanto relativamente è data ancor di più dal fatto che in queste ultime settimane, ed addirittura nel corso della stessa conferenza stampa del lunedì post-voto, l’argomento di punta del premier sia stato e continui ad essere il referendum costituzionale.

Chiunque abbia avuto modo di scambiare anche soltanto due parole con Matteo Renzi sa che questo è il vero grande obiettivo che gli ronza nella testa, pur mancando un’intera stagione al voto di ottobre. Già partita infatti, ed in pompa magna aggiungerei, la campagna elettorale per il sì, con quel “casa per casa” invocato dallo stesso presidente del Consiglio.

A Milano, invece, l’uomo chiave di Expo 2015 e candidato forte dei dem, riesce a spuntarla: Beppe Sala, infatti, stacca il ticket per il ballottaggio con un 41,7% che tuttavia lascia spazio e speranze al candidato di centrodestra Stefano Parisi, indietro in fondo per una manciata di voti.

Nel frattempo a Napoli va in scena il trionfo di De Magistris che, con la sua verve populista e “rivoluzionaria” (non si capisce bene cosa debba rivoluzionare un sindaco già in carica da 5 anni), incassa un 42,8% con cui “doppia” Lettieri e Valente, rispettivamente candidati per il centrodestra e per il PD. Quasi scontata dunque, salvo colpi di scena clamorosi, la sua riconferma.

Torino e Bologna, infine, con i due candidati del centrosinistra, Fassino e Merola, avanti agli altri, ma entrambi costretti ad un ballottaggio il cui esito rischia di essere equilibrato ed incerto.

Due settimane e si torna alle urne. Ma una sensazione, un “mezzo” risultato di natura politica, c’è già ed è che Renzi abbia in qualche modo abusato della sicurezza in sé stesso (per alcuni arroganza vera e propria) e che, come scrive il suo antagonista Luigi Di Maio, “gli elettori gli abbiano restituito il #Ciaone” di qualche tempo fa (un’uscita a dir poco di cattivo gusto con cui il deputato PD Ernesto Carbone aveva sbeffeggiato promotori e sostenitori del referendum sulle trivelle).

Una battuta d’arresto evidente, dunque. Ed è difficile non pensare ad un anno fa, quando all’indomani dei risultati delle elezioni europee lo stesso Renzi non aveva esitato ad incassare la vittoria anche e soprattutto in chiave nazionale.

Si trattava sì di elezioni politiche, mentre in questo caso siamo di fronte a delle “semplici” amministrative, ma è abbastanza evidente il giochetto: quando si vince, vince il governo; quando si perde, invece, perdono i singoli candidati o si grida addirittura allo scandalo (leggi alla voce PD napoletano, di cui Renzi chiede il commissariamento).

Saranno due settimane dense ed interessanti. Ed è ancor più interessante immaginare che cosa succederebbe se si andasse al voto per delle elezioni politiche domani mattina.

(Luca Marfé/Voce)

Ultima ora

14:34Terremoto: allarme per allevatori Arquata, 12 ritrovati

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 18 GEN - Allarme dopo le forti scosse di stamani per 15 allevatori della zona di Arquata del Tronto, con cui i familiari non erano riusciti a mettersi in contatto. Dodici sono stati ritrovati sani e salvi, mentre 3 mancano ancora all'appello. Vigili del fuoco e agenti del Corpo forestale dello Stato stanno cercando di raggiungerli, anche se la gran quantità di neve caduta e il pericolo di slavine complicano le ricerche. Si tratta di persone che tengono i loro animali a Spelonga e Colle di Arquata, e vivono nei container.

14:29Maltempo: Sardegna, arriva l’esercito a Fonni e Desulo

(ANSA) - NUORO, 18 GEN - Un battaglione dell'esercito e i mezzi pesanti dei vigili del fuoco, allertati dalla Prefettura di Nuoro, sono in arrivo da Cagliari a Fonni e Desulo, i due paesi più alti del Nuorese isolati da ieri per le abbondanti nevicate. I mezzi dell'Anas e della Provincia non riescono a sfondare i muri di neve e ghiaccio depositati sulle strade. "Mi è stata appena comunicata la notizia dell'arrivo dell'esercito chiamato dalla Prefettura - conferma all'ANSA il sindaco di Desulo Gigi Littarru - Il loro aiuto serve principalmente per liberare la Desulo-Fonni che ci impedisce di uscire dal pese, poi una volta qui spero ci diano una mano per sfondare i muri di neve sia in paese che in campagna dove sono ancora tanti i pastori isolati". La situazione è "drammatica" soprattutto nelle campagne, scrive su Facebook la sindaca di Fonni Daniela Falconi. "L'emergenza da noi c'è ancora tutta. Siamo praticamente isolati: la Fonni-Desulo, il passo Caravai e la statale 389 da Jenna Erru a Fonni sono intransitabili e i mezzi della Provincia e dell'Anas non riescono a fare breccia. Da Cagliari stanno arrivando i vigili del fuoco con i mezzi pesanti e una squadra farà base in Comune per coordinare la macchina dei soccorsi e provare a raggiungere gli ovili. Il vero disastro - ribadisce la prima cittadina - è nelle campagne, gli ovili sono inaccessibili e quasi tutti irraggiungibili. Le persone stanno bene ma la situazione è davvero drammatica". Quanto all'abitato di Fonni, la sindaca scrive: "In paese operano quattro ruspe di privati ma molti punti rimangono inaccessibili. Ci sono circa 30 persone tra volontari e operai dell'Agenzia Forestas che stanno liberando manualmente i viottoli con pale e turbine del Comune. La Pro Vita sta aiutando le assistenti sociali e le ragazze dell'assistenza domiciliari a gestire tutte le persone che sono in difficoltà". (ANSA).

14:27Giorno memoria: Fedeli ad Auschwitz, da qui si torna diversi

(ANSA) - CRACOVIA, 18 GEN - "Un viaggio della memoria nei luoghi dove si è consumata la più grande tragedia del 900. Da lì si torna diversi, anche nei comportamenti quotidiani, nei valori, nel senso di responsabilità". La ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli saluta così i circa cento studenti che partecipano con lei al Viaggio della Memoria organizzato insieme all'Ucei, l'Unione delle comunità ebraiche italiane. Prima tappa Cracovia, domani Auschwitz: è "contenta e orgogliosa", la neo ministra, che il suo primo viaggio all'estero sia nei luoghi della Shoah. "Ciascuno di noi - ha detto agli studenti- dovrà misurarsi con quello che ha letto, studiato, visto nei film. Ma non sarà la stessa cosa. Andare nei luoghi dello sterminio è un'esperienza che segna ciascuno di noi e che ti fa tornare diverso. Questo viaggio ci fa diventare tutti testimoni e protagonisti attivi di una diversa cultura e di una diversa conoscenza della storia".

14:22Gentiloni a Berlino

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni è appena giunto a Berlino nella sede della Cancelleria dove lo ha accolto Angela Merkel. Il premier, in costante contatto con l'Italia per seguire l'evoluzione delle forti scosse di terremoto che hanno colpito l'Italia centrale, avrà ora un bilaterale con la cancelliera, al termine del quale è prevista una conferenza stampa.

14:22Pd: Rossi, io mai in staff Renzi, vincerò corsa congressuale

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - "Faccio il presidente della Regione Toscana, mi candido per fare il segretario nazionale del Pd e vincerò pure la corsa congressuale", e "quindi non entrerò mai nello staff di Renzi". Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, e candidato alla segreteria nazionale del partito, Enrico Rossi, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento sulle ipotesi di composizione della nuova segreteria del Pd guidato da Matteo Renzi. Per Rossi "il partito ha bisogno di essere profondamente ricostruito, però bisogna partire anche da un'autocritica sugli errori fatti sia come segretario sia come premier". "Siamo nello stesso partito, non c'è storia, non c'è prospettiva fuori dal Pd - ha aggiunto -. Voglio costruire all'interno del Pd un'area che si ispiri e che si richiami alle idee di fondo del socialismo, dell'eguaglianza, della redistribuzione della ricchezza. Insomma, occorre spostare l'asse del Pd a sinistra".

14:21Terremoto: Gentiloni, rafforzare impegno esercito

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, in contatto continuo con la Protezione Civile e il Commissario Errani, ha chiesto al Ministro Pinotti un ulteriore, rafforzato impegno dell'esercito - assieme alla strutture operative già presenti - per garantire la massima presenza e prossimità dello Stato nei luoghi già colpiti dal sisma e oggi interessati dalle nuove scosse.

14:19Esercito Iraq, abbiamo preso pieno controllo Mosul est

(ANSA) - BAGHDAD, 18 GEN - Le forze militari irachene hanno annunciato di avere preso "il pieno controllo" della parte orientale della città di Mosul, dopo averne scacciato i militanti del cosiddetto Stato islamico (Isis).

Archivio Ultima ora