L’analisi del voto alle Comunali: chi vince e chi perde

Pubblicato il 07 giugno 2016 da redazione

comunali

Come di consueto all’indomani di una tornata elettorale, è tempo di analisi e soprattutto di bilanci. E lo è ancor di più se, pur trattandosi di elezioni comunali, si è votato in città importanti come Roma, Milano, Napoli, Torino e Bologna.

La prima considerazione da fare è che il Partito Democratico, alla guida del Paese, da questo primo turno non ne esca benissimo. Tutt’altro. Ed in particolare non ne esce benissimo Renzi, apparso in imbarazzo come non mai in occasione della conferenza stampa del giorno dopo.

Il Matteo nazionale non ci gira troppo attorno e ammette, seppur parzialmente, la sconfitta.
Roberto Giachetti a Roma si ferma al 24,9%, surclassato dalla candidata del Movimento 5 Stelle Virginia Raggi che vola con 35,2 punti percentuali. Se la giocheranno al ballottaggio, ma la “freschezza” quantomeno ipotetica della pentastellata (secondo alcuni “teleguidata” da Paola Taverna e compagnia) la lancia come grande favorita nella corsa al Campidoglio.

La sensazione che aleggia fuori e dentro i circoli della politica romana, però, è che Renzi non fosse poi così interessato a queste elezioni amministrative in generale ed alle beghe della capitale in particolare.

Perché, infatti, non schierare un candidato “di peso” per una città di fatto così rilevante? Con tutto il rispetto per Giachetti, il suo nome è suonato ai più come quello di uno sconosciuto qualsiasi al momento di essere annunciato dai vertici del partito.

Tra gli strascichi folli della vicenda del dimissionario Marino e gli scandali del PD romano, sembra quasi che Renzi e i suoi abbiano voluto concedersi un giro di pausa. Il tutto lasciando Roma in pasto ai 5 Stelle, quasi a voler dimostrare la loro incapacità di governare. 5 Stelle che, a questo punto, hanno la possibilità concreta di ritrovarsi al vertice del comune, rischiando magari di fare anche bene. E con cui, volenti o nolenti, gli stessi signori del governo dovranno pur relazionarsi.

E la sensazione che le comunali interessassero e continuino ad interessare soltanto relativamente è data ancor di più dal fatto che in queste ultime settimane, ed addirittura nel corso della stessa conferenza stampa del lunedì post-voto, l’argomento di punta del premier sia stato e continui ad essere il referendum costituzionale.

Chiunque abbia avuto modo di scambiare anche soltanto due parole con Matteo Renzi sa che questo è il vero grande obiettivo che gli ronza nella testa, pur mancando un’intera stagione al voto di ottobre. Già partita infatti, ed in pompa magna aggiungerei, la campagna elettorale per il sì, con quel “casa per casa” invocato dallo stesso presidente del Consiglio.

A Milano, invece, l’uomo chiave di Expo 2015 e candidato forte dei dem, riesce a spuntarla: Beppe Sala, infatti, stacca il ticket per il ballottaggio con un 41,7% che tuttavia lascia spazio e speranze al candidato di centrodestra Stefano Parisi, indietro in fondo per una manciata di voti.

Nel frattempo a Napoli va in scena il trionfo di De Magistris che, con la sua verve populista e “rivoluzionaria” (non si capisce bene cosa debba rivoluzionare un sindaco già in carica da 5 anni), incassa un 42,8% con cui “doppia” Lettieri e Valente, rispettivamente candidati per il centrodestra e per il PD. Quasi scontata dunque, salvo colpi di scena clamorosi, la sua riconferma.

Torino e Bologna, infine, con i due candidati del centrosinistra, Fassino e Merola, avanti agli altri, ma entrambi costretti ad un ballottaggio il cui esito rischia di essere equilibrato ed incerto.

Due settimane e si torna alle urne. Ma una sensazione, un “mezzo” risultato di natura politica, c’è già ed è che Renzi abbia in qualche modo abusato della sicurezza in sé stesso (per alcuni arroganza vera e propria) e che, come scrive il suo antagonista Luigi Di Maio, “gli elettori gli abbiano restituito il #Ciaone” di qualche tempo fa (un’uscita a dir poco di cattivo gusto con cui il deputato PD Ernesto Carbone aveva sbeffeggiato promotori e sostenitori del referendum sulle trivelle).

Una battuta d’arresto evidente, dunque. Ed è difficile non pensare ad un anno fa, quando all’indomani dei risultati delle elezioni europee lo stesso Renzi non aveva esitato ad incassare la vittoria anche e soprattutto in chiave nazionale.

Si trattava sì di elezioni politiche, mentre in questo caso siamo di fronte a delle “semplici” amministrative, ma è abbastanza evidente il giochetto: quando si vince, vince il governo; quando si perde, invece, perdono i singoli candidati o si grida addirittura allo scandalo (leggi alla voce PD napoletano, di cui Renzi chiede il commissariamento).

Saranno due settimane dense ed interessanti. Ed è ancor più interessante immaginare che cosa succederebbe se si andasse al voto per delle elezioni politiche domani mattina.

(Luca Marfé/Voce)

Ultima ora

16:19Hong Kong: nuovo arresto per Gui Minhai, uno dei ‘librai’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Gui Minhai, uno dei "librai" di Hong Kong rilasciato a ottobre dalle autorità cinesi dopo due anni di detenzione, è stato nuovamente fermato mentre era diretto sabato a Pechino per sottoporsi a importanti visite mediche, malgrado siano indefinite le ragioni della mossa. Lo ha riferito la figlia Angela parlando con Radio Sweden. Gui, in possesso di passaporto svedese, era tra i 5 "librai" dell'ex colonia britannica misteriosamente spariti a ottobre 2015 ed è stato arrestato mentre era in compagnia di due diplomatici di Stoccolma. L'uomo è affetto da una forma incurabile di sclerosi laterale amiotrofica, nota come morbo di Lou Gehrig. "Dato che è cittadino svedese, voleva trattamenti medici in Svezia o in altre parti d'Europa. Per questo ha coordinato con l'ambasciata svedese il viaggio in treno a Pechino per sabato al fine di poter incontrare un medico svedese fatto arrivare per poterlo visitare", ha aggiunto la figlia.

16:16Italia Team: Coni ufficializza primi 84 azzurri per i Giochi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Giunta Nazionale del Coni, che si è riunita oggi a Firenze, ha ufficilaizzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli invernali (Fisi).

16:15Dramma Cassino, ‘voleva dimostrare innocenza’

(ANSA) - CASSINO (FROSINONE), 23 GEN - "L'avevo sentito l'ultima volta pochi giorni fa, avevamo parlato della eventuale nomina di un consulente di parte in vista dell'imminente incidente probatorio. C'era tutta la volontà di collaborare con la magistratura e di dimostrare la sua innocenza". Lo ha detto l'avvocato Domenico Di Tano, che assisteva il poliziotto della penitenziaria suicidatosi ieri mattina a Roccasecca (Frosinone) dopo le accuse di presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 14enne.

16:14Filippine: sale a 56 mila numero persone in fuga da vulcano

(ANSA) - LEGAZPI (FILIPPINE) 23 GEN - Sale ancora, a oltre 56.000 persone, il numero degli evacuati, fuggiti dai villaggi vicino al vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine. Quarantasei i campi allestiti per ospitarli. Le ceneri dell'eruzione si sono elevate fino a un'altezza di tre chilometri. Le autorità filippine temono che potrebbe verificarsi una violenta eruzione 'esplosiva' entro breve tempo, poche ore, qualche giorno al massimo.

16:13Calcio:cori a Koulibaly,stop con condizionale curva Atalanta

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il giudice sportivo ha stabilito una giornata di chiusura con la condizionale per la curva nord 'Pisani' dell'Atalanta, per i cori razzisti indirizzati al difensore del Napoli, Koulibaly, nella partita vinta dai partenopei domenica a pranzo. Il club orobico "disputerà una partita con il settore privo di spettatori - si legge nel comunicato ufficiale della Lega di Serie A -, disponendo che l'esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l'avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione".

16:12Terremoto nel golfo dell’Alaska, rientra rischio tsunami

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - L'istituto geofisico americano Usgs ha rivisto la magnitudo del terremoto con epicentro nel golfo di Alaska, a circa 278 km a sudest dell'isola di Kodiak, a 10 km di profondità, abbassandone l'intensità a 7.9 da 8.2. Inoltre il centro d'allerta tsunami americano Pacific Tsunami Warning Center ha reso noto che non esiste un rischio tsunami.

16:10Totoscommesse: Snai, Roma da 1,90 sulla Samp, Lazio da Over

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Roma è favorita dai 'quotisti' Snai, nel recupero sul campo della Samp di domani sera: 1,90 il successo dei giallorossi. La vittoria dei blucerchiati è a 3,85, il primo pareggio in casa è quotato 3,70. L'Over è a 1,57. Caldissimo il nome di Quagliarella (a 2,75) come marcatore; tra i giallorossi spicca El Shaarawy (2,85). In campo anche la Lazio, che recupera il match contro l'Udinese. Il segno '1' è pagato a 1,50, mentre si sale a 4,50 per il pareggio. L'Udinese, con due pari di fila ha leggermente frenato dopo uno sprint di cinque vittorie. All'Olimpico ha perso le ultime tre sfide con i biancocelesti e il ritorno del '2' è pagato 6,25. Media-gol pesante per la Lazio che, nelle sole partite interne, ha il miglior attacco della A: 25 reti in 9 partite, 2,7 ciascuna: almeno tre gol dei biancocelesti (scommessa Over 2,5 sui padroni di casa) viaggiano a 2,50.

Archivio Ultima ora