Migranti: ecco la Blu card Ue per attrarre talenti

(ANSAmed) – BRUXELLES, 7 GIU – “Insufficiente e poco attraente” e per questo “poco utilizzata”: Bruxelles propone una revisione della Blu card varata nel 2009 per l’impiego in Europa dei lavoratori altamente qualificata di Paesi terzi, con l’abolizione degli schemi nazionali e l’apertura ai profughi. La proposta prevede di unificare tutto in un solo strumento, la Blu card Ue, che si stima porterà un impatto economico positivo tra 1,4 e 6,2 miliardi di euro l’anno. A presentare l’iniziativa al Parlamento Ue è il commissario Dimitris Avramopoulos.

Condividi: