Il giallo dell’uccisione del funzionario del Consolato italiano a Caracas

Pubblicato il 07 giugno 2016 da redazione

Nel riquadro Mauro Monciatti, dal suo profilo Facebook

Nel riquadro Mauro Monciatti, dal suo profilo Facebook

CARACAS – Ancora tante ombre e nessuna certezza sulla tragica morte del connazionale Mauro Monciatti, responsabile dell’Ufficio Contabile del nostro Consolato Generale di Caracas, in Venezuela da appena tre mesi. Gli inquirenti indagano a tutto campo senza tralasciare alcuna ipotesi.

Monciatti è stato trovato morto all’interno del suo appartamento nell’elegante quartiere di Altamira, abitato da industriali e professionisti di classe media agiata.

– Attendiamo il rapporto della polizia, che dovrebbe esserci consegnato a breve – ha riferito alla “Voce” il Console Generale Mauro Lorenzini, assai scosso da quanto accaduto.

Per quel che riguarda il ritrovamento del corpo senza vita di Mauro Monciatti, il Console Generale Lorenzini ha raccontato che nel notare che non si era recato in ufficio – stando ai colleghi la vittima era assai puntuale – sono sorti i primi sospetti.

– Abbiamo chiamato Monciatti al telefonino – ha proseguito il Console Lorenzini -. Visto che non rispondeva ho chiesto al nostro Carabiniere di recarsi a casa sua. Il Carabiniere ha trovato la porta dell’appartamento aperta e ha notato alcune macchie di sangue. Allora ha chiamato immediatamente la polizia. Non sembra sia stata una rapina ma per saperne di piú – prosegue – è necessario avere pazienza e attendere il rapporto della polizia.

Il corpo di Monciatti, sempre secondo il racconto del nostro Console Generale, è stato trovato riverso in una pozza di sangue con una visibile ferita alla testa e il telefonino poco distante. Ma nessun segno di ferite d’arma bianca, segnali di violenza e tantomeno di arma da fuoco. Dopo l’arrivo della Polizia è giunta anche la “scientifica” che ha iniziato le indagini.

Gli inquirenti, con gli elementi a loro disposizione, cercano di ricostruire quanto accaduto. Ma sembra un “puzzle” difficile da ordinare. Infatti, non pare sia stato un furto – nell’appartamento almeno in apparenza non mancherebbe nulla – e la serratura dell’uscio, che il nostro Carabiniere ha trovato socchiuso come se qualcuno fosse uscito lasciandolo aperto, non sembrerebbe essere stata forzata.

Elementi importanti per l’indagine verranno forniti dall’analisi forense – apparentemente il corpo rinvenuto dal nostro Carabiniere presentava solo una forte contusione alla testa ma saranno i medici, dopo l’autopsia, a stabilirlo.

La tesi, comunque, dei delinquenti che avrebbero intercettato in strada il connazionale obbligandolo poi a recarsi in casa per svaligiare l’appartamento, sembrerebbe la piú accreditata. Non si sa, però, cosa possa essere accaduto una volta dentro e perchè i ladri, se l’ipotesi dovesse trasformarsi in certezza, siano fuggiti sensa rubare nulla.

Il Console Generale Lorenzini si sta incaricando personalmente delle pratiche per riportare la salma in Italia.
– La famiglia – ha spiegato il nostro Console Generale – ha chiesto che la salma sia trasferita in Italia. Abbiamo giá provveduto ad ottenere le autorizzazioni dalla polizia per farlo nel piú breve tempo possibile.

Mentre gli inquirenti indagano, quindi, il nostro Consolato di Caracas sta procedendo velocemente a disbrigare tutte le pratiche burocratiche per consegnare il corpo dello sventurato connazionale alla famiglia. Mauro Monciatti sarebbe dovuto partire per l’Italia proprio in questi giorni per raggiungere la moglie che, con le due figliole, era tornata in Italia sabato scorso.

Monciatti, un diploma al liceo classico e due lauree (la prima in lettere moderne e l’altra in scienze politiche) aveva iniziato la sua carriera di funzionario diplomatico nel 1987. Il suo primo incarico all’estero fu in Camerun.

Da circa tre mesi in Venezuela, Mauro Monciatti, 65 anni, di Sinalunga in provincia di Siena, era il responsabile dell’Ufficio Contabile del nostro Consolato Generale di Caracas. Sia i colleghi in Venezuela che gli amici del suo paese lo ricordano come una persona “mite e scherzosa”.

– Era molto affezionato al suo paese di origine – ha commentato il sindaco di Sinalunga Riccardo Agnoletti.

Monciatti, a Sinalunga, era molto conosciuto. E vi tornava ogni qualvolta il suo lavoro glielo permetteva. Comunque, non meno di due o tre volte l’anno. A Sinalunga aveva una casa e in paese vivono il fratello e alcuni cugini.

Ultima ora

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

21:59Casaleggio, aiutiamo Di Maio, M5s sia squadra volontari

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "In bocca al lupo a Di Maio. Lo dovremo aiutare tutti assieme perche' dobbiamo essere una squadra di volontari ignoti". Lo afferma Davide Casaleggio dal palco di Italia 5 Stelle. "Dobbiamo aiutare il M5S a cambiare l'Italia senza cercare qualcosa subito ma per cercare di cambiare questa nazione", prosegue Casaleggio ribadendo come su Rousseau saranno fatte le scelte piu' importanti per "creare una smart nation, una nazione intelligente"

Archivio Ultima ora