Il giallo dell’uccisione del funzionario del Consolato italiano a Caracas

Pubblicato il 07 giugno 2016 da redazione

Nel riquadro Mauro Monciatti, dal suo profilo Facebook

Nel riquadro Mauro Monciatti, dal suo profilo Facebook

CARACAS – Ancora tante ombre e nessuna certezza sulla tragica morte del connazionale Mauro Monciatti, responsabile dell’Ufficio Contabile del nostro Consolato Generale di Caracas, in Venezuela da appena tre mesi. Gli inquirenti indagano a tutto campo senza tralasciare alcuna ipotesi.

Monciatti è stato trovato morto all’interno del suo appartamento nell’elegante quartiere di Altamira, abitato da industriali e professionisti di classe media agiata.

– Attendiamo il rapporto della polizia, che dovrebbe esserci consegnato a breve – ha riferito alla “Voce” il Console Generale Mauro Lorenzini, assai scosso da quanto accaduto.

Per quel che riguarda il ritrovamento del corpo senza vita di Mauro Monciatti, il Console Generale Lorenzini ha raccontato che nel notare che non si era recato in ufficio – stando ai colleghi la vittima era assai puntuale – sono sorti i primi sospetti.

– Abbiamo chiamato Monciatti al telefonino – ha proseguito il Console Lorenzini -. Visto che non rispondeva ho chiesto al nostro Carabiniere di recarsi a casa sua. Il Carabiniere ha trovato la porta dell’appartamento aperta e ha notato alcune macchie di sangue. Allora ha chiamato immediatamente la polizia. Non sembra sia stata una rapina ma per saperne di piú – prosegue – è necessario avere pazienza e attendere il rapporto della polizia.

Il corpo di Monciatti, sempre secondo il racconto del nostro Console Generale, è stato trovato riverso in una pozza di sangue con una visibile ferita alla testa e il telefonino poco distante. Ma nessun segno di ferite d’arma bianca, segnali di violenza e tantomeno di arma da fuoco. Dopo l’arrivo della Polizia è giunta anche la “scientifica” che ha iniziato le indagini.

Gli inquirenti, con gli elementi a loro disposizione, cercano di ricostruire quanto accaduto. Ma sembra un “puzzle” difficile da ordinare. Infatti, non pare sia stato un furto – nell’appartamento almeno in apparenza non mancherebbe nulla – e la serratura dell’uscio, che il nostro Carabiniere ha trovato socchiuso come se qualcuno fosse uscito lasciandolo aperto, non sembrerebbe essere stata forzata.

Elementi importanti per l’indagine verranno forniti dall’analisi forense – apparentemente il corpo rinvenuto dal nostro Carabiniere presentava solo una forte contusione alla testa ma saranno i medici, dopo l’autopsia, a stabilirlo.

La tesi, comunque, dei delinquenti che avrebbero intercettato in strada il connazionale obbligandolo poi a recarsi in casa per svaligiare l’appartamento, sembrerebbe la piú accreditata. Non si sa, però, cosa possa essere accaduto una volta dentro e perchè i ladri, se l’ipotesi dovesse trasformarsi in certezza, siano fuggiti sensa rubare nulla.

Il Console Generale Lorenzini si sta incaricando personalmente delle pratiche per riportare la salma in Italia.
– La famiglia – ha spiegato il nostro Console Generale – ha chiesto che la salma sia trasferita in Italia. Abbiamo giá provveduto ad ottenere le autorizzazioni dalla polizia per farlo nel piú breve tempo possibile.

Mentre gli inquirenti indagano, quindi, il nostro Consolato di Caracas sta procedendo velocemente a disbrigare tutte le pratiche burocratiche per consegnare il corpo dello sventurato connazionale alla famiglia. Mauro Monciatti sarebbe dovuto partire per l’Italia proprio in questi giorni per raggiungere la moglie che, con le due figliole, era tornata in Italia sabato scorso.

Monciatti, un diploma al liceo classico e due lauree (la prima in lettere moderne e l’altra in scienze politiche) aveva iniziato la sua carriera di funzionario diplomatico nel 1987. Il suo primo incarico all’estero fu in Camerun.

Da circa tre mesi in Venezuela, Mauro Monciatti, 65 anni, di Sinalunga in provincia di Siena, era il responsabile dell’Ufficio Contabile del nostro Consolato Generale di Caracas. Sia i colleghi in Venezuela che gli amici del suo paese lo ricordano come una persona “mite e scherzosa”.

– Era molto affezionato al suo paese di origine – ha commentato il sindaco di Sinalunga Riccardo Agnoletti.

Monciatti, a Sinalunga, era molto conosciuto. E vi tornava ogni qualvolta il suo lavoro glielo permetteva. Comunque, non meno di due o tre volte l’anno. A Sinalunga aveva una casa e in paese vivono il fratello e alcuni cugini.

Ultima ora

11:29Maltempo: Barbagia sommersa dalla neve

(ANSA) - NUORO, 17 GEN - Nevica abbondantemente da stanotte su tutto il Nuorese, e nel capoluogo la temperatura all'alba è scesa fino a -4 gradi. Il sindaco di Nuoro Andrea Soddu ieri sera ha diramato un'ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Niente lezioni anche in molti altri centri della Barbagia e dell'Ogliastra. A Fonni, a mille metri d'altitudine, la situazione più critica: la neve ha raggiunto i 50 centimetri. "Siamo in piena emergenza - ha spiegato l'assessore comunale dei Lavori Pubblici, Mario Piras -. I nostri mezzi stanno lavorando dalle cinque di questa mattina per liberare le strade, ma è stato azzerato tutto il lavoro dalle intense precipitazioni che hanno ripreso alle sette. Abbiamo allertato la Protezione civile e l'Agenzia Forestas che ci hanno messo a disposizione operai e mezzi. Ora stiamo cercando di liberare le strade più importanti ma non è facile visto le continue nevicate che secondo le previsioni andranno avanti per tutta la giornata". Gli spazzaneve della Provincia sono al lavoro da questa mattina. Mezzi dell'Anas anche sulla statale 389 Nuoro-Lanusei, sulla statale 131 Dcn, ad Abbasanta ma anche a Lanusei e in Baronia. Su molte strade necessarie catene o gomme termiche. (ANSA).

11:27Accordo Ppe-Alde per Tajani, Verhofstadt si ritira

(ANSA) - STRASBURGO, 17 GEN - I gruppi Ppe e Alde al Parlamento europeo hanno siglato un accordo di cooperazione che di fatto spinge Antonio Tajani verso la presidenza dell'eurocamera. Il candidato liberale dell'Alde Guy Verhofstadt ha ritirato la sua candidatura.

11:14Media Gb, May pronta ad annunciare una ‘hard Brexit’

(ANSA) - LONDRA, 17 GEN - Una "hard" Brexit su posizioni molto nette. E' quella che è pronta ad annunciare, secondo i media del Regno Unito, la premier britannica Theresa May nel suo atteso discorso di oggi sul piano che Londra intende adottare nei negoziati con Bruxelles. E appare ormai inevitabile, come sottolinea il Guardian, la rinuncia della Gran Bretagna al suo accesso al mercato unico europeo per poter dare priorità al controllo sull'immigrazione. Il piano prevede in tutto 12 punti negoziali e uno fra i più importanti è proprio il rafforzamento del controllo delle frontiere per limitare gli ingressi anche dai Paesi Ue. May quindi si accinge a rifiutare uno status di adesione "parziale" al club dei 28 per il Regno Unito, sottolineando che il Paese vuole restare in ottimi rapporti coi singoli Stati e commerciare con loro "nel modo più libero possibile".

11:10Siria: Lavrov, giusto invitare Usa e Onu ad Astana

(ANSA) - MOSCA, 17 GEN - Mosca ritiene opportuno invitare ai colloqui di Astana sul conflitto siriano i rappresentanti dell'amministrazione americana entrante e dell'Onu: lo ha dichiarato il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov. Rispondendo alla domanda di un giornalista durante la sua conferenza stampa annuale, Lavrov ha inoltre affermato che "solo i siriani stessi possono decidere sulla federalizzazione della repubblica araba".

11:02Maltempo: bora a 140 kmh a Trieste, chiuse due strade

(ANSA) - TRIESTE, 17 GEN - Disagi a Trieste per le forti raffiche di bora che dalla scorsa notte spazzano la città con raffiche che hanno raggiunto i 140 kmh. Due strade sono state chiuse al traffico in mattinata a causa - si apprende dal Comune - della caduta di un albero (via Ponziana, all'altezza di via Battera) e della caduta di intonaci che hanno danneggiato alcune auto (via Foscolo, fra via Canova e via Rossetti). Decine le richieste di intervento ai vigili del fuoco per cornicioni pericolanti, grossi rami spezzati, cassonetti spostati dal vento, motorini e tavoli "abbattuti" dalla bora, anche nella centrale piazza Unità d'Italia. Confermata dal Comune la chiusura, disposta già ieri in via precauzionale, di numerosi giardini pubblici. Regolare - si apprende dalla Capitaneria di Porto - il traffico delle navi in porto. La bora - secondo le previsioni Osmer e Arpa - soffierà con intensità per tutta la giornata di oggi e anche domani; comincerà ad attenuarsi a partire da giovedì. (ANSA).

11:01Rapine a sale slot e aree servizio, 9 arresti a Padova

(ANSA)- PADOVA, 17 GEN - Nove persone sono state arrestate nell' ambito di un'inchiesta della procura di Padova su furti e rapine compiute nell'autunno 2015. Gli indagati sono stati raggiunti da un provvedimento restrittivo eseguito dai carabinieri. Le accuse, sono a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati contro il patrimonio e rapine. Una donna, invece, è destinataria della misura cautelare dell'obbligo di dimora. L'indagine, denominata convenzionalmente "Gitane Slot", ha consentito di disarticolare un sodalizio criminale caratterizzato da una struttura ben organizzata che operava in più province venete, costituito da più persone impiegate nella commissione dei furti e rapine, oltre da altre che ricoprivano funzioni di collegamento e logistiche. L'attività investigativa ha consentito di scoprire gli autori di 13 rapine tra sale slot, supermercati ed aree di servizio, ma anche del furto e della ricettazione di 11 auto, utilizzate per commettere le rapine. (ANSA).

11:01Criminalità: 16 arresti per assalti ai bancomat

(ANSA) - TREVISO, 17 GEN - Sedici persone sono state raggiunte da una misura di custodia cautelare al termine di un'inchiesta della procura di Treviso sugli assalti a bancomat. Si tratta di 15 misure in carcere e di un obbligo di dimora. I provvedimenti sono stati eseguiti tra le province di Treviso, Padova, Vicenza, Verona, e Venezia dai carabinieri con il supporto del 4/o Battaglione "Veneto", del nucleo cinofili di Torreglia (Padova) e del 14/o Nucleo elicotteri. Gli indagati farebbero parte di due differenti associazioni criminali dedite agli assalti ai bancomat responsabili di almeno 35 episodi in Veneto e Lombardia. I destinatari delle misure sono gli stessi già arrestati il 29 settembre 2016 e successivamente rimessi in libertà a seguito di sentenza del tribunale del riesame di Venezia.

Archivio Ultima ora