Il giallo dell’uccisione del funzionario del Consolato italiano a Caracas

Pubblicato il 07 giugno 2016 da redazione

Nel riquadro Mauro Monciatti, dal suo profilo Facebook

Nel riquadro Mauro Monciatti, dal suo profilo Facebook

CARACAS – Ancora tante ombre e nessuna certezza sulla tragica morte del connazionale Mauro Monciatti, responsabile dell’Ufficio Contabile del nostro Consolato Generale di Caracas, in Venezuela da appena tre mesi. Gli inquirenti indagano a tutto campo senza tralasciare alcuna ipotesi.

Monciatti è stato trovato morto all’interno del suo appartamento nell’elegante quartiere di Altamira, abitato da industriali e professionisti di classe media agiata.

– Attendiamo il rapporto della polizia, che dovrebbe esserci consegnato a breve – ha riferito alla “Voce” il Console Generale Mauro Lorenzini, assai scosso da quanto accaduto.

Per quel che riguarda il ritrovamento del corpo senza vita di Mauro Monciatti, il Console Generale Lorenzini ha raccontato che nel notare che non si era recato in ufficio – stando ai colleghi la vittima era assai puntuale – sono sorti i primi sospetti.

– Abbiamo chiamato Monciatti al telefonino – ha proseguito il Console Lorenzini -. Visto che non rispondeva ho chiesto al nostro Carabiniere di recarsi a casa sua. Il Carabiniere ha trovato la porta dell’appartamento aperta e ha notato alcune macchie di sangue. Allora ha chiamato immediatamente la polizia. Non sembra sia stata una rapina ma per saperne di piú – prosegue – è necessario avere pazienza e attendere il rapporto della polizia.

Il corpo di Monciatti, sempre secondo il racconto del nostro Console Generale, è stato trovato riverso in una pozza di sangue con una visibile ferita alla testa e il telefonino poco distante. Ma nessun segno di ferite d’arma bianca, segnali di violenza e tantomeno di arma da fuoco. Dopo l’arrivo della Polizia è giunta anche la “scientifica” che ha iniziato le indagini.

Gli inquirenti, con gli elementi a loro disposizione, cercano di ricostruire quanto accaduto. Ma sembra un “puzzle” difficile da ordinare. Infatti, non pare sia stato un furto – nell’appartamento almeno in apparenza non mancherebbe nulla – e la serratura dell’uscio, che il nostro Carabiniere ha trovato socchiuso come se qualcuno fosse uscito lasciandolo aperto, non sembrerebbe essere stata forzata.

Elementi importanti per l’indagine verranno forniti dall’analisi forense – apparentemente il corpo rinvenuto dal nostro Carabiniere presentava solo una forte contusione alla testa ma saranno i medici, dopo l’autopsia, a stabilirlo.

La tesi, comunque, dei delinquenti che avrebbero intercettato in strada il connazionale obbligandolo poi a recarsi in casa per svaligiare l’appartamento, sembrerebbe la piú accreditata. Non si sa, però, cosa possa essere accaduto una volta dentro e perchè i ladri, se l’ipotesi dovesse trasformarsi in certezza, siano fuggiti sensa rubare nulla.

Il Console Generale Lorenzini si sta incaricando personalmente delle pratiche per riportare la salma in Italia.
– La famiglia – ha spiegato il nostro Console Generale – ha chiesto che la salma sia trasferita in Italia. Abbiamo giá provveduto ad ottenere le autorizzazioni dalla polizia per farlo nel piú breve tempo possibile.

Mentre gli inquirenti indagano, quindi, il nostro Consolato di Caracas sta procedendo velocemente a disbrigare tutte le pratiche burocratiche per consegnare il corpo dello sventurato connazionale alla famiglia. Mauro Monciatti sarebbe dovuto partire per l’Italia proprio in questi giorni per raggiungere la moglie che, con le due figliole, era tornata in Italia sabato scorso.

Monciatti, un diploma al liceo classico e due lauree (la prima in lettere moderne e l’altra in scienze politiche) aveva iniziato la sua carriera di funzionario diplomatico nel 1987. Il suo primo incarico all’estero fu in Camerun.

Da circa tre mesi in Venezuela, Mauro Monciatti, 65 anni, di Sinalunga in provincia di Siena, era il responsabile dell’Ufficio Contabile del nostro Consolato Generale di Caracas. Sia i colleghi in Venezuela che gli amici del suo paese lo ricordano come una persona “mite e scherzosa”.

– Era molto affezionato al suo paese di origine – ha commentato il sindaco di Sinalunga Riccardo Agnoletti.

Monciatti, a Sinalunga, era molto conosciuto. E vi tornava ogni qualvolta il suo lavoro glielo permetteva. Comunque, non meno di due o tre volte l’anno. A Sinalunga aveva una casa e in paese vivono il fratello e alcuni cugini.

Ultima ora

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

22:33Venezuela: ferito giovane violinista simbolo delle proteste

(ANSA) - CARACAS, 21 LUG - Wuilly Arteaga, il 23/enne violinista venezuelano simbolo delle proteste anti-Maduro, è stato ferito oggi durante una marcia dell'opposizione a Caracas. Arteaga è stato raggiunto da un pallettone di gomma sparato dagli uomini della 'guardia nazionale bolivariana' e subito dopo, ha precisato la stampa locale, è stato portato in un ospedale. Stava suonando il violino durante una manifestazione di piazza nella capitale per raggiungere la sede del Tribunale supremo di giustizia. Il giovane è spesso al centro dell'interesse dei media venezuelani e internazionali perchè durante le manifestazioni suona l'inno nazionale e canzoni tradizionali con il suo violino. E' stato fotografato e filmato decine di volte durante le proteste contro il 'chavismo'. Lo scorso 15 giugno aveva incontrato quattro membri del congresso Usa ai quali aveva chiesto di far pressione contro i paesi che vendono gas lacrimogeni e blindati al governo del presidente Nicolas Maduro.

Archivio Ultima ora