Usa 2016: Hillary nella storia, prima donna in corsa per la Casa Bianca

Pubblicato il 07 giugno 2016 da redazione

US Democratic Presidential candidate and former Secretary of State Hillary Clinton speaks to supporters during a campaign rally at Leimert Park in Los Angeles, California, USA, 06 June 2016. EPA/PAUL BUCK

US Democratic Presidential candidate and former Secretary of State Hillary Clinton speaks to supporters during a campaign rally at Leimert Park in Los Angeles, California, USA, 06 June 2016. EPA/PAUL BUCK

NEW YORK. – “Siamo a un passo da un momento storico e senza precedenti”. Hillary Rodham Clinton è raggiante nel dare la notizia: la nomination democratica è sua. Ora nel mirino c’è solo lui: Donald Trump, costretto a difendersi anche dal fuoco amico in casa repubblicana per le sue accuse “razziste” ad un giudice.

L’annuncio arriva quando i calcoli sulla conta dei delegati tra lei e Bernie Sanders sono stati appena diffusi della Associated Press. L’ex first lady cerca di rimanere cauta, prudente: “Abbiamo ancora del lavoro da fare”. Ma non riesce a nascondere una gioia incontenibile, davanti alla folla di supporter in festa riunita a Long Beach, in California.

Comunque vada lei la storia la sta già facendo: salvo clamorose sorprese sarà la prima donna che correrà per la Casa Bianca nelle elezioni generali. Una rivincita che non ha prezzo: basti pensare che otto anni fa, proprio di questi tempi, Hillary doveva ingoiare il boccone più amaro della sua carriera politica, la sconfitta nei confronti di Barack Obama.

Ora la nomination l’ha conquistata in anticipo e con un distacco sul senatore Bernie Sanders superiore a quello che Barack le diede nel 2008. La certezza di aver raggiunto il numero di delegati e ‘superdelegati’ necessario (2.383) per essere incoronata alla convention di Filadelfia (che si svolgerà dal 25 al 28 luglio) è arrivata a sorpresa, alla vigilia dell’ultimo ‘Super Tuesday’ delle primarie.

E’ questo che ha fatto infuriare il senatore ‘socialista’ del Vermont, che fino all’ultimo sta cercando di dare battaglia all’avversaria e che molte speranze ripone nel voto in California. La diffusione in anticipo da parte dei media dei dati sulle preferenze dei ‘superdelegati’ (sono i leader del partito, compresi i membri del Congresso e i governatori in carica, che siedono di diritto alla convention) viene vista da Sanders come un colpo basso del partito, per stroncare l’affluenza alle urne nel Golden State a favore della Clinton.

“E’ spiacevole vedere come i media stiano ignorando la richiesta della commissione nazionale del partito democratico di aspettare questa estate per la conta”. Ora è da vedere se l’effetto annuncio della nomination della Clinton scoraggerà effettivamente l’afflusso di elettori fedeli a Sanders, oppure spingerà questi a reagire. Fatto sta che, comunque vada, Hillary ha oramai in tasca i numeri per guardare avanti, oltre le primarie, la cui partita è di fatto chiusa.

Sanders non rinuncia comunque a lanciare un ultimo appello su Twitter: “California, oggi puoi inviare un messaggio chiaro, che questo Paese appartiene a tutti noi e non solo a un gruppo di miliardari. Andate a votare”.

Ma a chiamare il senatore lo scorso fine settimana sarebbe stato lo stesso presidente Barack Obama che lo avrebbe vivamente invitato a non accendere di più i toni e a favorire l’unità del partito democratico contro la ‘minaccia’ Trump. Alle urne nel super martedì anche altri cinque stati: New Jersey, Montana, North e South Dakota, New Mexico.

Intanto sul fronte repubblicano tiene banco l’ennesima bufera su Trump e il suo attacco al giudice di origini messicane titolare del caso che riguarda la Trump University. L’ira dello speaker della Camera, Paul Ryan (che pure nei giorni scorsi è capitolato dicendo che appoggerà Trump) non si è fatta attendere: “Sconfesso completamente i suoi commenti, sono indifendibili, è razzismo da manuale”, ha detto in una conferenza stampa.

Poi però smorza i toni, spiegando come nonostante tutto l’agenda del partito repubblicano può essere portata avanti più col controverso tycoon che con Hillary Clinton. Anche Trump cerca di disinnescare la miccia, sostenendo di essere stato “frainteso” e di non aver voluto attaccare la gente con una eredità messicana ma rivendicando il suo diritto a sollevare la questione se sta ricevendo un processo imparziale.

Una parziale correzione di rotta che non però non basta a sedare il crescente malcontento nel suo partito: il senatore dell’Illinois Mark Kirk ha annunciato il ritiro del suo sostegno, accusando il magnate di fare commenti “contrari ai valori americani”.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

06:48Giappone, ministra della Difesa Inada rassegna dimissioni

(ANSA) - TOKYO, 28 LUG - La ministra della Difesa giapponese Tomomi Inada ha presentato la lettera di dimissioni al premier Shinzo Abe, a seguito di un'accesa campagna mediatica condotta negli ultimi mesi dall'opposizione, che accusa la ministra di aver disposto l'insabbiamento di informazioni relative alla missione delle Forze di Autodifesa nel Sud Sudan. Abe ha accettato le dimissioni, che giungono pochi giorni prima del rimpasto di governo in cui la ministra sarebbe stata con ogni probabilità sostituita, e a poche ore dall'annuncio dell'inchiesta della commissione interna per fare luce sulla vicenda.

06:36Sale la tensione in Venezuela, altri 3 giovani morti

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Cresce la tensione in Venezuela in seguito allo sciopero nazionale di 48 ore convocato dall'opposizione contro la riforma costituzionale promossa da Nicolas Maduro. Oggi altri tre giovanissimi, uno di 16, un altro di 28 e un altro ancora di 20 anni, sono morti durante le manifestazioni. Gli Stati Uniti hanno ordinato ai familiari dei diplomatici americani che vivono a Caracas di lasciare la capitale prima della prossima consultazione elettorale.

06:34Usa, Senato approva nuove sanzioni verso Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 28 LUG - Il Senato Usa ha approvato a larghissima maggioranza - 98 voti favorevoli e 2 contrari - un provvedimento legislativo che dà il via libera a nuove sanzioni verso Russia, Iran e Corea del Nord e che include anche limiti al potere del presidente Donald Trump di alleggerire o interrompere misure verso il governo di Mosca. Portando quindi di fatto il pacchetto, dopo l'approvazione avvenuta già alla Camera, sul tavolo del presidente di cui è necessaria la firma. La Casa Bianca ha segnalato aperture a riguardo ma non ha ancora esplicitato l'impegno del presidente alla firma.

00:51Vaccini: Camera conferma fiducia a governo, 305 sì

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La Camera conferma la fiducia al governo sul decreto legge vaccini con 305 voti a favore, 147 contrari e due astenuti. L'esame del testo proseguirà dalle 9, con le votazioni relative agli ordini del giorno. Il voto finale e definitivo sul provvedimento è previsto alle 12 dopo le dichiarazioni di voto che verranno trasmesse in diretta televisiva a partire dalle 10.

23:02Calcio:Montella,ottima vittoria ma non sottovalutare ritorno

(ANSA) - MILANO, 27 LUG - "Il risultato è ottimo ma non ci lascia tranquilli, non possiamo sottovalutare la partita di ritorno, in cui saremo più avanti sul piano fisico e tecnico". Vincenzo Montella commenta così il successo per 1-0 con cui il suo Milan ha vinto l'andata del preliminare di Europa League in trasferta contro i romeni del Craiova. "Non mi potevo aspettare di più, il Craiova ci ha messo in difficoltà perché era più avanti di noi nella preparazione e ha giocatori abili. Mi è piaciuto il modo con cui la squadra si approccia alla sofferenza - ha detto Montella a Sky dopo la partita in Romania -. Siamo stati un po' scolastici. Si sta inserendo qualche calciatore, siamo in costruzione e ci sarà tempo per costruire. Il mio compito è portare avanti più giocatori possibili". Il risultato è stato anche salvato da una prodezza di Gianluigi Donnarumma. "Donnarumma ha fatto una parata importantissima, in un momento decisivo della partita''.

22:24Calcio: Europa League, Craiova-Milan 0-1

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Il Milan batte 1-0 (1-0) la squadra romena del Csu Craiova nella partita di andata del terzo turno preliminare di Europa League. In gol per i rossoneri Rodriguez al 44' pt

21:45Sospeso processo disciplinare a Emiliano

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Sospeso il processo disciplinare al governatore della Puglia Michele Emiliano con invio degli atti alla Consulta. È quanto ha deciso la sezione disciplinare del Csm nel procedimento a Emiliano, magistrato in aspettativa sotto accusa per la sua attività politica come dirigente del Pd. La Consulta dovrà verificare la legittimità costituzionale della norma che prevede come illecito disciplinare per un magistrato, anche se fuori, l'iscrizione ad un partito politico. "Sono molto soddisfatto, avevo più volte detto che c'era un forte dubbio interpretativo e che ci fosse la necessità di un chiarimento. Indipendentemente da come deciderà la Corte Costituzionale, il Csm ha ritenuto che la questione di legittimità da noi sollevata possa avere fondamento". Lo ha detto Michele Emiliano, commentando la decisione della sezione disciplinare del Csm di sospendere il procedimento a suo carico e trasmettere gli atti alla Consulta.

Archivio Ultima ora