Il Papa nel mirino del terrorismo, ma la prevenzione funziona

Pubblicato il 07 giugno 2016 da redazione

papa-terros

ROMA. – Papa Francesco resta un potenziale bersaglio di attentati terroristici, ma la prevenzione c’è e funziona. A dirlo è il procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti, che nei giorni scorsi è stato anche tra i partecipanti in Vaticano ad un convegno internazionale di magistrati sulla lotta alla tratta di esseri umani, sottoscrivendo un documento finale il cui primo firmatario è stato proprio il Pontefice.

“Il Papa può essere un obiettivo per un attentato? In teoria sì ma in pratica con la costante attenzione investigativa dell’intelligence e delle forze di polizia riusciamo a prevenire eventuali progetti di attentati in Italia. Un buon numero sono stati già prevenuti e bloccati”, ha affermato Roberti in un’intervista a Tv2000, la tv dei vescovi.

“Ultimamente un’indagine della Procura distrettuale di Milano – ha aggiunto – ha arrestato dei soggetti di origine marocchina che vivevano in Italia e che avevano progettato di andare a combattere la jihad in Siria. Ma questi sono stati bloccati in Italia dalla Siria con l’ordine di rimanere nel nostro Paese per commettere attentati. Uno degli indagati aveva già tentato di procurarsi delle armi per eseguire un attentato ma è stato bloccato prima che portasse a compimento questo proposito insano”.

“Speriamo che non si verifichi mai un attentato – ha proseguito il procuratore nazionale antimafia – ma noi non abbassiamo mai la guardia. Non si può escludere il rischio in assoluto ma con la dovuta attenzione investigativa e anche la collaborazione dei cittadini possiamo essere relativamente tranquilli”.

“L’Italia – ha sottolineato Roberti – è sicuramente un paese a rischio attentati come riferiscono i servizi d’intelligence occidentali. Sappiamo anche attraverso le indagini sul web che ci sono progetti e idee di attentati”.

“Lo scambio informativo – ha concluso – è fondamentale. Purtroppo non sempre gli altri Paesi anche dell’Unione europea hanno mostrato questa disponibilità. Alcune volte ci sono state delle riserve, gelosie ed egoismi investigativi assolutamente ingiustificabili. Per fortuna questi atteggiamenti stanno cadendo specialmente dopo gli attentati di Parigi e Bruxelles”.

Ultima ora

19:14Trump: Wsj, Flynn discusse con turchi ‘rapimento’ Gulen

(ANSA) - WASHINGTON, 26 NOV - L'ex consigliere per la sicurezza nazionale Usa Mike Flynn, mentre era ancora tra i collaboratori di Trump durante la campagna elettorale, incontrò alti dirigenti del governo turco e discusse l'ipotesi di portare in Turchia, senza estradizione legale, Fethullah Gulen, l'imam residente in Usa che secondo Ankara avrebbe orchestrato il fallito colpo di stato del luglio scorso. Lo ha rivelato al Wall Street Journal James Woolsey, direttore della Cia sotto Bill Clinton, divenuto poi collaboratore della campagna di Trump. L'idea, ha raccontato Wollsey, era "una iniziativa coperta nel cuore della notte per portare via questa persona", ma non sarebbero stati discussi piani specifici né è dato sapere chi lanciò la proposta. All'incontro, svoltosi in un hotel di Manhattan il 19 settembre scorso, parteciparono anche il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu e Berat Albayrak, genero del presidente Recep Tayyip Erdogan. Un portavoce di Flynn ha negato che si sia discusso di alcunché di illegale.

19:04Russia: polizia conferma, circa 500 fermi oggi a Mosca

(ANSA) - MOSCA, 26 MAR - La polizia di Mosca ha confermato che "circa 500 persone" sono state fermate oggi dalle forze dell'ordine durante la manifestazione non autorizzata indetta da Alexei Navalny. "Sono state portate nelle stazioni distrettuali della polizia per sbrigare le pratiche di violazione delle disposizioni amministrative". Lo riporta la Tass che cita un portavoce della polizia.

18:50Prostituta uccisa Bologna: confessa uomo sentito in questura

(ANSA) - BOLOGNA, 26 MAR - Ha confessato di essere l'autore dell'omicidio l'uomo interrogato in questura a Bologna per la morte di Ana Maria Stativa, la prostituta 30enne trovata deceduta per un colpo al capo ieri pomeriggio nella sua abitazione di via Varthema, in zona Murri. L'uomo, Francesco Serra, 55enne, era un cliente che si era invaghito della donna. Assistito da un avvocato è stato sentito a lungo dagli investigatori della squadra mobile e dal Pm Roberto Ceroni: alla fine ha ammesso l'omicidio e fatto ritrovare l'arma utilizzata per uccidere, una piccola pistola di quelle utilizzate per uccidere i maiali. Serra è ora in stato di fermo per omicidio aggravato premeditato. La scintilla che ha fatto scattare la volontà omicida sarebbe il fatto che Ana Maria voleva tornare in Romania e lui non voleva. Le indagini vagliano anche possibili problemi di ordine economico tra omicida e vittima. La donna era stato trovata morta dal fidanzato che aveva dato l'allarme.(ANSA).

18:42Germania: exit poll Saarland, Cdu in testa con il 40%

(ANSA) - BERLINO, 26 MAR - Resta la Cdu di Angela Merkel il partito più forte del Saarland, in Germania, con il 40% dei voti, stando al primo exit poll. L'Spd avrebbe conquistato invece il 30% dei voti. Stando a questi dati resta fuori dal parlamentino regionale l'Fdp con il 3,5%, mentre i populisti dell'Afd sono dentro con il 6%.

18:39Ciclismo: Olimpionico Van Avermat vince Gand-Wevelgem

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Il campione olimpico di Rio 2016, il belga Greg Van Avermat, ha vinto la 79/a edizione della Gand-Wevelgem, battendo allo sprint l'altro belga Jens Keukeleire. Terzo, staccato di pochi secondi, il campione del mondo Peter Sagan, ancora sul podio di una classica dopo il secondo posto alla Milano-Sanremo.

18:12Russia: Tass, fermi a Mosca salgono a oltre 500

(ANSA) - MOSCA, 26 MAR - "Più di 500 persone" sono state fermate durante la manifestazione non autorizzata organizzata da Alexei Navalni a Mosca. Lo riferisce una fonte della polizia alla Tass. "Molte persone si trovano sugli autobus che si stanno dirigendo verso le stazioni di polizia", ha detto la fonte secondo cui la maggior parte "verrà liberata" dopo la contestazione "di violazione amministrativa". La situazione nel centro di Mosca è calma. Le persone stanno camminando liberamente lungo la via Tverskaya su entrambi i marciapiedi.

18:11Minacce e proiettile a maestra elementare nel nuorese

(ANSA) - NUORO, 26 MAR - "Tratta male i bambini tuoi anziché quelli degli altri. Vattene da qui, Mamoiada non ti vuole". E' il contenuto di una lettera minatoria, con tanto di proiettile nella busta, recapitata ad una maestra elementare di Oliena (Nuoro), che insegna nel vicino paese di Mamoiada. Sull'episodio indagano i Carabinieri della Compagnia di Nuoro, che hanno preso in consegna il plico. Un gesto che ha portato tante mamme, la dirigenza della scuola e il sindaco Luciano Barone, ad esprimere solidarietà all'insegnante oggetto delle minacce, anche sui social network. E domani pomeriggio si terrà un consiglio straordinario dell'istituto comprensivo Mamoiada-Fonni, per discutere del grave episodio. "E' un fatto gravissimo che supera ogni limite - ha detto il sindaco di Mamoiada all'ANSA -. Nel consiglio straordinario ci saremo anche noi dell'amministrazione per riflettere su questo gesto così insensato". "Se ci sono problemi in una classe non è certo con le lettere minatorie che si risolvono, ma col dialogo e con la chiarezza, anche perché è un caso che riguarda bambini ed è a loro che bisogna dare l'esempio. Saremo al consiglio domani anche per ribadire questo concetto che sembra essere stato smarrito", ha concluso Barone. (ANSA).

Archivio Ultima ora