Aemilia: beni sottratti ad azienda sequestrata, un arresto

(ANSA) – BOLOGNA, 8 GIU – Continuavano ad incassare somme in pagamento di fatture, sottraendole all’amministrazione giudiziaria di un’azienda sequestrata e sottoposta a misura di prevenzione. E’ l’accusa che la Dda di Bologna, con i Pm Marco Mescolini e Beatrice Ronchi, ha mosso ai parenti di due imputati nel processo di ‘Ndrangheta ‘Aemilia’, Palmo e Giuseppe Vertinelli, imprenditori del Reggiano di origine calabrese, entrambi detenuti. Nei confronti di Antonio Vertinelli, 31 anni, figlio di Giuseppe, il Gip Alberto Ziroldi ha disposto i domiciliari, misura eseguita dai Carabinieri del Ros di Roma e del comando provinciale di Reggio Emilia. Indagati e perquisiti anche un fratello e un cugino dell’arrestato. Si tratta di una delle prime applicazioni di un articolo del codice antimafia, posto a tutela dell’amministrazione giudiziaria: lo sviluppo investigativo nasce dalla segnalazione della sottrazione di beni da parte proprio dell’amministratore giudiziario. (ANSA).

Condividi: