Sindaco M5s Assemini indagato per mobbing su posto lavoro

(ANSA) – CAGLIARI, 8 GIU – Al momento c’è solo la querela presentata dall’ex segretaria comunale nel fascicolo aperto dalla Procura di Cagliari a carico di Mario Puddu, il sindaco del Movimento 5 Stelle di Assemini, accusato dalla dipendente di demansionamento. In queste ore l’esponente grillino è stato formalmente indagato con l’ipotesi di abuso d’ufficio dal sostituto procuratore Giangiacomo Pilia – titolare dell’inchiesta – che ha firmato la delega agli investigatori della Guardia di Finanza per far luce su quanto contenuto nell’esposto presentata dall’ex segretaria del Comune Daniela Petricci, assistita dall’avvocato Carlo Amat. I finanzieri già nelle prossime settimane dovrebbero iniziare gli interrogatori dei primi testimoni, mentre non è stata ancora disposta alcuna acquisizione documentale. La donna accusa il primo cittadino di mobbing: comportamenti vessatori sfociati nella rimozione dal suo incarico dopo una campagna denigratoria. Da qui l’ipotesi di demansionamento.

Condividi: