Al bar o fare spesa durante lavoro, in sette ai domiciliari

(ANSA) – TERNI, 8 GIU – Timbravano il cartellino, qualcuno anche per i colleghi, all’entrata al lavoro, poi però si assentavano per l’intera mattinata o per tutto l’orario previsto, anche con l’auto di servizio, spesso per trattenersi al bar, fare la spesa o altre commissioni personali: è con questa accusa che sette dipendenti del Comune di Stroncone, tutti operai appartenenti all’autoparco dell’ente tra i 37 e i 62 anni, sono finiti agli arresti domiciliari in un’indagine dei carabinieri. Truffa aggravata continuata in concorso il reato contestato nell’ordinanza di custodia cautelare disposta dal gip Maurizio Santoloci. L’indagine è partita dopo un esposto-denuncia presentato, nell’ottobre scorso, dal sindaco di Stroncone Alberto Falcini. “Mi sono sentito in dovere di farlo, era giusto così” il suo commento.

Condividi: