Usa2016: Hillary ce l’ha fatta, ma che fatica!

Pubblicato il 08 giugno 2016 da redazione

US Democratic Party presumptive Presidential candidate and former Secretary of State Hillary Clinton speaks to her supporters during a Primary Night campaign event at the Brooklyn Navy Yard in Brooklyn, New York, USA, 07 June 2016. EPA/PETER FOLEY

US Democratic Party presumptive Presidential candidate and former Secretary of State Hillary Clinton speaks to her supporters during a Primary Night campaign event at the Brooklyn Navy Yard in Brooklyn, New York, USA, 07 June 2016. EPA/PETER FOLEY

di Flavia Romani

NEW YORK – Ce l’ha fatta. E’ lei, Hillary Clinton, la candidata dei democratici nella corsa alla Casa Bianca. Non ci sono più dubbi. Con il trionfo in California ha rimosso l’ultimo ostacolo. I pronostici, quindi, sono stati rispettati.

Ma che fatica! Mai, prima d’ora, una campagna per le primarie era stata così avvincente, così incerta, così lunga. E mai, prima d’ora, un candidato aveva legato il proprio futuro alla speranza. Bernie Sanders, ora, dovrà arrendersi, sconfitto più che dall’ex First Lady dall’evidenza della matematica.

La conferma definitiva della sua incoronazione, per Hillary Clinton, è arrivata dal “super-tuesday”. La Associated Press, alla vigilia dell’importante appuntamento in California, già l’aveva proclamata “candidata democratica”.

Sommando il numero dei delegati a quello dei super-delegati che avevano espresso pubblicamente il proprio sostegno all’ex First Lady, era evidente che la corsa di Bernie Sanders era giunta a conclusione.

Con i super delegati, i dignitari del partito per lo più membri del Congresso e Governatori, la soglia dei 2.383 voti necessari alla “Convention” era largamente superata.

Dopo le primarie in California, Clinton potrà fare anche a meno dei super-delegati. La base del partito la proclama vincitrice.

Quindi, ora, si entra in una nuova fase della campagna elettorale. Ovvero, si entra nel vivo della corsa verso la Casa Bianca. Archiviata la “lunga marcia” verso le primarie, senza più la spina nel fianco di Sanders, Clinton potrà dedicarsi ad affrontare a tutto campo l’avversario Trump.

Questi, inseguito dallo scandalo della “frode al fisco” denunciato dal Telegraph in Inghilterra e dalle accuse di truffe ai danni degli studenti della Trump University, cui esigeva alte rette in cambio di corsi inutili e diplomi-patacca, naviga in acque agitate.

A renderle ancor più burrascose il coro di accuse di razzismo, al quale si è unito anche il presidente della Camera Paul Ryan, repubblicano. I prossimi mesi, per Trump, potrebbero essere davvero difficili. E far emergere tutti gli aspetti vulnerabili della sua candidatura.

Vincere negli Stati Uniti senza i voti delle minoranze etniche non è solo difficile, è praticamente impossibile.

Hillary Clinton, nelle prossime ore, spera nel “fair play” del suo avversario, Bernie Sanders; lo stesso “fair-play” che lei, da politica navigata, mostrò otto anni fa quando perse le primarie con Barack Obama e pronunciò il celebre discorso del “soffitto di vetro spezzato”, considerato dagli analisti il più bello mai pronunciato dalla Clinton.

Ma il vecchio “socialista” del Vermont pare voglia continuare fino all’ultimo la sua ormai inutile corsa.

Il presidente della Repubblica, Barack Obama, ha già dato l’endorsement a Hillary Clinton, e lo ha fatto nel riconoscere il suo trionfo alle primarie e nell’invitare i democratici all’unione. Sarà il messaggio che molto probabilmente darà a Sanders nel corso dell’incontro previsto con il candidato, invitandolo a deporre le armi e a mostrare dignità ed eleganza.

Per Hillary Clinton le difficoltà non terminano con la vittoria nelle primarie. Gli scogli, per tornare alla Casa Bianca non da First Lady ma da “Comander in Chef”, sono tanti. In effetti, dovrà superare la riluttanza di una società progressista e aperta sulla carta ma, nel fondo, ancora “machista” e conservatrice che si resiste all’idea di un presidente della Repubblica donna, così come si resisteva a quella di un afroamericano alla “Casa Bianca”.

Inoltre, dovrà convincere gli elettori di essere la candidata ideale, in un momento particolarmente difficile per gli Stati Uniti. E, in questo, l’aiuto di Sanders sarà fondamentale.

L’endorsement di Sanders assicurerebbe il voto giovane e di protesta. Sarà difficile. Sanders, fin dall’inizio della sua campagna per le primarie, ha accusato Clinton di rappresentare tutto ciò contro cui ha sempre lottato. Ovvero, i grandi capitali e Wall Street, le lobby dei banchieri, la politica tradizionale.

Da oggi, comunque, senza importare quella che sarà la decisione di Bernie Sanders, la campagna elettorale avrà un nuovo volto. E la lotta sarà tra il magnate del mattone, Donald Trump, esponente dell’America più reazionaria e xenofoba e l’ex First Lady, rappresentante dell’America che vuole cambiare.

Ultima ora

20:54Calcio: Roma in Champions, ma quanta sofferenza

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con un'imprevista sofferenza supplementare, nel giorno dell'ultima gara di Totti con la Roma, i giallorossi battono - solo in extremis - il Genoa 3-2 e mantengono il secondo posto che vale l'accesso diretto alla Champions League. Rendendo vana la larga vittoria del Napoli sul campo della Sampdoria (2-4). Questo l'esito delle gare delle 18 della 38/a e ultima giornata di Serie A. All'Olimpico stracolmo per l'addio di Totti alla maglia giallorossa, gli ospiti vanno in vantaggio con il baby Pellegri al 3' e Dzeko pareggia al 10'. La Roma preme, ma non sfonda. E il pubblico invoca l'ingresso in campo di Totti che si materializza al 54'. Così, arriva il 2-1 con De Rossi al 74' e sembra fatta. Ma 5 minuti dopo, il Genoa sorprende i giallorossi con Lazovic, il quale all'82' colpisce anche un palo. La Roma sembra stordita e trova il 3-2 solo in pieno recupero con l'ex Perotti. E la festa, a quel punto, può cominciare. A Marassi le reti sono state di Mertens, Insigne, Hamsik, Quagliarella, Callejon e Alvarez.

20:20Gaza: Hamas, ‘niente più cani in spiaggia’

(ANSAmed) - GAZA, 28 MAG - Con un provvedimento che ha colto di sorpresa la popolazione, da questo mese Hamas ha deciso di impedire che i cani siano portati a passeggio sul lungomare di Gaza. Quanti ancora lo fanno sono fermati da agenti che per il momento si limitano ad illustrare la nuova norma, senza fare multe ne' confiscare animali. Fonti locali aggiungono che il passeggio con cani - di tutte le dimensioni - è impedito anche nella centrale via Omar al-Mukhtar, mentre è tollerato nelle strade secondarie e nei quartieri periferici, dove è più raro imbattersi in agenti. Nelle famiglie di Gaza la presenza di cani non è diffusa, anche perché negli ultimi anni mantenere condizioni igieniche nelle abitazioni è divenuto più difficile. Tuttavia nei negozi di animali si afferma che, oltre ad uccellini e gatti, adesso anche i cani vengono richiesti con maggiore frequenza da clienti in cerca di distrazione, dato che la maggior parte del giorno manca loro la corrente elettrica.

20:13Iran: da Khamenei nuove accuse a sauditi

(ANSA) - TEHERAN, 28 MAG - I regnanti dell'Arabia Saudita "stanno dando soldi agli Stati Uniti, così la ricchezza del popolo saudita va ai non credenti e ai nemici dei loro popoli". Lo ha detto la Guida suprema dell'Iran, ayatollah Sayyed Ali Khamenei, aggiungendo che "i governanti sauditi sono troppo duri con i musulmani, ma gentili con i non credenti". Secondo Khamanei, i vertici sauditi "opprimono il proprio popolo", così come "opprimono in modo diverso anche i popoli dello Yemen e del Bahrein. Ma perderanno". La Guida suprema ha definito i governanti sauditi "persone inutili e cattive che dominano una comunità della nazione musulmana", aggiungendo che si stanno facendo "mungere come bestiame" e definendoli "stupidi perché pensano di poter guadagnare l'amicizia dei nemici dell'islam fornendo loro soldi e assistenza", non capendo invece che "non c'è amicizia". Ma, ha aggiunto Khamanei, i regnanti sauditi "sono sul lato sbagliato, così sicuramente periranno".

20:10Calcio: Lega Pro, salvi Carrarese e Catanzaro

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Si sono giocate le gare di ritorno dei play out di Lega Pro che hanno determinato le sei retrocessioni in Serie D. In tre gare sono stati determinanti i piazzamenti nelle classifiche finali di campionato. Questi i risultati, fra parentesi le gare di andata. Girone A: Carrarese-Lupa Roma 1-0 (1-0); Prato-Tuttocuoio 0-0 (2-2). Retrocesse in Serie D: Lupa Roma e Tuttocuoio. A parità di punti e differenza reti con il Tuttocuoio, Prato salvo grazie alla miglior classifica. Girone B: Fano-Forlì 2-0 (1-1); Teramo-Lumezzane 0-0 (1-1). Retrocesse in Serie D: Forlì e Lumezzane. A parità di punti e differenza reti con il Lumezzane, Teramo salvo grazie alla miglior classifica. Girone C: Akragas-Melfi 1-1 (0-0); Vibonese-Catanzaro 1-1 (2-3). Retrocesse in Serie D: Melfi e Vibonese. A parità di punti e differenza reti con il Melfi, Akragas salvo grazie alla migliore classifica.

20:04Moto: domani in Kentucky l’ultimo saluto a Nicky Hayden

(ANSA) - BOLOGNA, 28 MAG - Si terranno domani a Owensboro, la sua cittadina in Kentucky negli Stati Uniti, i funerali di Nicky Hayden, il pilota della Superbike morto lunedì scorso all'ospedale 'Bufalini' di Cesena dove era stato ricoverato in seguito a un incidente stradale, avvenuto cinque giorni prima, mentre si allenava in bicicletta a Misano Adriatico, nel Riminese. La funzione, come si legge sul sito della Red Bull Honda World Superbike, il team con cui ha corso nelle ultime stagioni, verrà celebrata domani a mezzogiorno - le 18 in Italia - nella cattedrale di St. Stephen e sarà trasmessa in diretta sulla fan page del pilota su Facebook.

19:52Calcio: addio Totti, in campo al 9′ st di Roma-Genoa

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Francesco Totti in campo per la sua ultima partita con la Roma. Il n.10 giallorosso e' entrato al minuto del secondo tempo, con le due squadre sull'1-1, sostituendo Salah. La Curva Sud ha salutato l'ingresso del n.10 esponendo uno striscione con sopra scritto: "Del calcio moderno hai vinto la grande battaglia: 25 anni con la stessa maglia".

19:45Calcio: Pellegri, primo gol di un classe 2001 in Serie A

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Nel giorno in cui Francesco Totti dà l'addio alla Roma come calciatore, un ragazzo nato nell'anno dell'ultimo scudetto dei giallorossi, il 2001, segna il suo primo gol in Serie A: proprio all'indomani del primo gol di un classe 2000, quello dello juventino Moises Kean a Bologna. Oggi è toccato ad un ragazzino ancora più giovane, Pietro Pellegri, che al 3' di Roma-Genoa, alla sua prima presenza da titolare nei rossoblù, ha portato gli ospiti in vantaggio segnando la sua prima rete in Serie A all'età di 16 anni, due mesi e un giorno (è nato il 17 marzo 2001). La sua non è tuttavia un record di precocità, perché ancora meglio fece l'attaccante romanista Amedeo Amadei che, contro la Lucchese nel maggio '37, quando non aveva ancora 16 anni (era nato nel luglio 1921), segnò quello che rimane il gol più "giovane" nella storia della A. Pellegri ha comunque eguagliato Amadei il 22 dicembre scorso quando, subentrando nel match con il Torino, ha esordito in A alla stessa età del romanista, ovvero 15 anni e 280 giorni.

Archivio Ultima ora