Usa2016: Hillary ce l’ha fatta, ma che fatica!

Pubblicato il 08 giugno 2016 da redazione

US Democratic Party presumptive Presidential candidate and former Secretary of State Hillary Clinton speaks to her supporters during a Primary Night campaign event at the Brooklyn Navy Yard in Brooklyn, New York, USA, 07 June 2016. EPA/PETER FOLEY

US Democratic Party presumptive Presidential candidate and former Secretary of State Hillary Clinton speaks to her supporters during a Primary Night campaign event at the Brooklyn Navy Yard in Brooklyn, New York, USA, 07 June 2016. EPA/PETER FOLEY

di Flavia Romani

NEW YORK – Ce l’ha fatta. E’ lei, Hillary Clinton, la candidata dei democratici nella corsa alla Casa Bianca. Non ci sono più dubbi. Con il trionfo in California ha rimosso l’ultimo ostacolo. I pronostici, quindi, sono stati rispettati.

Ma che fatica! Mai, prima d’ora, una campagna per le primarie era stata così avvincente, così incerta, così lunga. E mai, prima d’ora, un candidato aveva legato il proprio futuro alla speranza. Bernie Sanders, ora, dovrà arrendersi, sconfitto più che dall’ex First Lady dall’evidenza della matematica.

La conferma definitiva della sua incoronazione, per Hillary Clinton, è arrivata dal “super-tuesday”. La Associated Press, alla vigilia dell’importante appuntamento in California, già l’aveva proclamata “candidata democratica”.

Sommando il numero dei delegati a quello dei super-delegati che avevano espresso pubblicamente il proprio sostegno all’ex First Lady, era evidente che la corsa di Bernie Sanders era giunta a conclusione.

Con i super delegati, i dignitari del partito per lo più membri del Congresso e Governatori, la soglia dei 2.383 voti necessari alla “Convention” era largamente superata.

Dopo le primarie in California, Clinton potrà fare anche a meno dei super-delegati. La base del partito la proclama vincitrice.

Quindi, ora, si entra in una nuova fase della campagna elettorale. Ovvero, si entra nel vivo della corsa verso la Casa Bianca. Archiviata la “lunga marcia” verso le primarie, senza più la spina nel fianco di Sanders, Clinton potrà dedicarsi ad affrontare a tutto campo l’avversario Trump.

Questi, inseguito dallo scandalo della “frode al fisco” denunciato dal Telegraph in Inghilterra e dalle accuse di truffe ai danni degli studenti della Trump University, cui esigeva alte rette in cambio di corsi inutili e diplomi-patacca, naviga in acque agitate.

A renderle ancor più burrascose il coro di accuse di razzismo, al quale si è unito anche il presidente della Camera Paul Ryan, repubblicano. I prossimi mesi, per Trump, potrebbero essere davvero difficili. E far emergere tutti gli aspetti vulnerabili della sua candidatura.

Vincere negli Stati Uniti senza i voti delle minoranze etniche non è solo difficile, è praticamente impossibile.

Hillary Clinton, nelle prossime ore, spera nel “fair play” del suo avversario, Bernie Sanders; lo stesso “fair-play” che lei, da politica navigata, mostrò otto anni fa quando perse le primarie con Barack Obama e pronunciò il celebre discorso del “soffitto di vetro spezzato”, considerato dagli analisti il più bello mai pronunciato dalla Clinton.

Ma il vecchio “socialista” del Vermont pare voglia continuare fino all’ultimo la sua ormai inutile corsa.

Il presidente della Repubblica, Barack Obama, ha già dato l’endorsement a Hillary Clinton, e lo ha fatto nel riconoscere il suo trionfo alle primarie e nell’invitare i democratici all’unione. Sarà il messaggio che molto probabilmente darà a Sanders nel corso dell’incontro previsto con il candidato, invitandolo a deporre le armi e a mostrare dignità ed eleganza.

Per Hillary Clinton le difficoltà non terminano con la vittoria nelle primarie. Gli scogli, per tornare alla Casa Bianca non da First Lady ma da “Comander in Chef”, sono tanti. In effetti, dovrà superare la riluttanza di una società progressista e aperta sulla carta ma, nel fondo, ancora “machista” e conservatrice che si resiste all’idea di un presidente della Repubblica donna, così come si resisteva a quella di un afroamericano alla “Casa Bianca”.

Inoltre, dovrà convincere gli elettori di essere la candidata ideale, in un momento particolarmente difficile per gli Stati Uniti. E, in questo, l’aiuto di Sanders sarà fondamentale.

L’endorsement di Sanders assicurerebbe il voto giovane e di protesta. Sarà difficile. Sanders, fin dall’inizio della sua campagna per le primarie, ha accusato Clinton di rappresentare tutto ciò contro cui ha sempre lottato. Ovvero, i grandi capitali e Wall Street, le lobby dei banchieri, la politica tradizionale.

Da oggi, comunque, senza importare quella che sarà la decisione di Bernie Sanders, la campagna elettorale avrà un nuovo volto. E la lotta sarà tra il magnate del mattone, Donald Trump, esponente dell’America più reazionaria e xenofoba e l’ex First Lady, rappresentante dell’America che vuole cambiare.

Ultima ora

13:15Kirghizistan: aereo caduto, ‘probabile errore pilota’

(ANSA) - MOSCA, 16 GEN - "Stando alle informazioni preliminari, la teoria dell'attacco terroristico è esclusa, probabilmente lo schianto è stato causato da un errore del pilota": lo ha dichiarato il vice premier kirghiso Muhammetkaly Abulgaziev a proposito del disastro aereo avvenuto stamane nei pressi dell'aeroporto Manas di Biskek. Secondo una fonte dello scalo sentita dall'agenzia Interfax, c'era una nebbia molto fitta al momento dell'incidente e la visibilità era scarsa. Sempre stando a Interfax, il Boeing si è schiantato a 1,5-2 chilometri dalla pista finendo tra le case del villaggio Dacha-Suu.

13:11Air India inaugura posti per sole donne nei voli interni

(ANSA) - NEW DELHI, 16 GEN - Di fronte al moltiplicarsi delle lamentele per le persistenti molestie sessuali di cui sono oggetto i passeggeri di sesso femminile nei voli in India, a partire da mercoledì la compagnia Air India inaugurerà nei suoi collegamenti interni la disponibilità di sei posti in economica unicamente riservati alle donne. Lo riferisce Ndtv. Inoltre i membri dell'equipaggio riceveranno una dotazione di manette di plastica da utilizzare per limitare i movimenti dei passeggeri "totalmente fuori controllo". La decisione ha ottenuto consenso, ma anche qualche critica. Tre giorni fa, sull'ultimo numero di Cosmopolitan, Hannah Smothers è stata perentoria sostenendo nella sua colonna che "prendere tutte le donne e riunirle da qualche parte non risolve il problema dei passeggeri maschi che sono stronzi".

13:04Scuola: Fedeli, inaccettabile studenti al freddo

(ANSA) - SALERNO, 16 GEN - "E' inaccettabile che nelle scuole vi siano le caldaie rotte e i ragazzi e le ragazze debbano seguire le lezioni al freddo". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli, oggi a Salerno. "Le risorse in tale senso non competono al ministero della Pubblica Istruzione, però nonostante questo abbiamo subito diramato una circolare ai nostri direttori regionali perché facessero immediatamente una verifica anche delle tipologie ordinarie, in realtà straordinarie, di funzionamento delle scuole". "Con questa ricognizione - ha detto il ministro - intendiamo parlare e dialogare con gli enti locali e quindi dentro il nostro rapporto con la Conferenza Stato-Regioni. Noi abbiamo messo molte risorse esattamente su tutte le tipologie di intervento sull'edilizia, ma anche questo è un ambito fondamentale da non trascurare". "Gli studenti devono stare al caldo - ha aggiunto - e stare bene a scuola".

13:02Tennis: Open Australia, Lorenzi e Seppi al 2/o turno

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Azzurri avanti agli Australian Open. Dopo l'uscita all'esordio di Roberta Vinci e Francesca Schiavone, accedono al secondo turno dello slam in corso a Melbourne Paolo Lorenzi e Andreas Seppi: il senese, numero 43 del ranking mondiale, si è imposto 6-4 7-6(4) 6-7(4) 6-4, dopo una battaglia di tre ore e 15 minuti, sull'australiano James Duckworth. Al prossimo turno Lorenzi troverà il serbo Viktor Troicki, numero 29 del seeding. Seppi ha battuto 6-4 7-6(4) 6-7(3) 7-5, in tre ore e cinque minuti di gioco, il francese Paul-Henri Mathieu, numero 75 del ranking mondiale e ora dovrà sfidare il campione di casa Nick Kyrgios, numero 14 Atp. Esordio sfortunato, invece, per Luca Vanni: il 31enne toscano, numero 157, è stato costretto al ritiro dopo 40 minuti nella sfida con Tomas Berdych per un problema all'inguine della coscia destra. Domani tocca a Fabio Fognini e Thomas Fabbiano.

13:00Trump: ‘assicurazione per tutti’ al posto di Obamacare

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Il presidente eletto Donald Trump intende sostituire la legge sulla sanità voluta dal presidente Barack Obama, la cosiddetta Obamacare, con un piano che prevede una "assicurazione per tutti" e allo stesso tempo costringe le case farmaceutiche a negoziare direttamente con il governo i prezzi applicati dai servizi pubblici Medicare e Medicaid. Lo ha detto lo stesso Trump senza entrare nei dettagli durante un'intervista telefonica al Washington Post.

12:58Cremlino smentisce incontro Trump-Putin in Islanda

(ANSA) - MOSCA, 16 GEN - "Tutte le informazioni su un qualsiasi accordo preliminare per un incontro" tra Putin e Trump "non corrispondono alla realtà": lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, smentendo la notizia pubblicata dal Sunday Time secondo cui il primo summit di Donald Trump da presidente degli Usa sarà in Islanda con Vladimir Putin. "Per il momento - ha aggiunto Peskov - non c'è nessun accordo, nessun progetto, nessun preparativo di incontro. Il presidente Vladimir Putin e il signor Trump per ora non ne hanno discusso in alcun modo e non c'è nessun accordo a proposito".

12:56Thailandia: i due italiani arrestati tornano a casa

(ANSA) - BOLZANO, 16 GEN - Tornano a casa i due giovani italiani, arrestati in Thailandia per aver avere strappato alcune bandiere nazionali. "Il sottosegretario Della Vedova mi ha comunicato che oggi i due altoatesini saranno trasferiti a Bangkok e domani prenderanno il volo di ritorno verso l'Italia, dove arriveranno mercoledì", conferma il senatore Karl Zeller una notizia di Tagszeitung.it. "L'ambasciata si è data molto da fare per accorciare i tempi dell'estradizione, che potevano essere molto più lunghi", aggiunge Zeller.

Archivio Ultima ora