Sharapova squalificata per due anni, addio Rio

Pubblicato il 08 giugno 2016 da redazione

A file picture dated 26 January 2016 of Maria Sharapova of Russia reacting during her quarter final match against Serena Williams of the USA at the Australian Open tennis tournament in Melbourne, Australia. EPA/LUKAS COCH AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT

A file picture dated 26 January 2016 of Maria Sharapova of Russia reacting during her quarter final match against Serena Williams of the USA at the Australian Open tennis tournament in Melbourne, Australia. EPA/LUKAS COCH AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT

ROMA. – Addio Giochi e carriera a rischio. Pugno duro la federazione internazionale del tennis che ha deciso di squalificare Maria Sharapova per due anni: la 29enne giocatrice russa, trovata positiva al Meldonium lo scorso 26 gennaio durante gli Australian Open, potrà tornare a giocare soltanto il 25 gennaio del 2018.

Una sentenza per certi versi inattesa visto che nei mesi scorsi la Wada aveva aperto ad una possibile sanatoria, in mancanza di dati certi sulla tempistica di permanenza del farmaco nell’organismo, per tutti gli atleti che hanno cominciato ad assumere il Meldonium prima dell’inizio 2016, quando la sostanza è stata poi inserita nella lista proibita. Tanto che anche la federazione russa aveva ottimisticamente già inserito la Sharapova nella squadra per Rio 2016.

Di certo una sanzione che non è andata giù alla cinque volte vincitrice di Slam che, con una lettera pubblicata sulla sua pagina facebook, ha immediatamente annunciato il ricorso al Tas. “Mi appellerò contro questa squalifica perché la ritengo dura e ingiusta – ha spiegato – il tribunale ha riconosciuto all’unanimità la mia condotta non intenzionale e che non ho usato il farmaco per migliorare le mie prestazioni”.

Toni duri soprattutto nei confronti della federazione internazionale: “Hanno speso tanto tempo e molte risorse per dimostrare che avevo violato intenzionalmente le regole dell’antidoping – ha aggiunto – fortunatamente il tribunale ha creduto alla mia buona fede rigettando così la richiesta della federazione che aveva chiesto di sospendermi addirittura per quattro anni”.

Il caso Sharapova era esploso lo scorso 7 marzo, con la conferenza stampa convocata dalla tennista a Los Angeles. Lei stessa aveva dato la notizia della propria positività dopo un controllo eseguito agli Australian Open: “Sono 10 anni che prendo un prodotto contro il diabete – aveva ammesso – il Meldonium, ma quella sostanza dalla fine di dicembre è tra quelle proibite”.

Questo perché, nato per curare l’angina e prevenire l’infarto, il Meldonium è però anche un modulatore del metabolismo, in grado di aumentare la resistenza alla fatica ed accelerare i tempi di recupero. E’ inoltre considerato un “coprente” per l’Epo.

Prodotto dalla Gridesk in Lettonia (la quale aveva precisato che la durata di un trattamento normale va da 4 a 6 settimane; non certo i 10 anni citati dalla Sharapova), è utilizzato prevalentemente nei paesi del blocco ex-sovietico.

Nelle motivazioni della sanzione inflitta alla russa, il tribunale della Itf precisa che ”la violazione delle regole antidoping” da parte della Sharapova ”non è stata intenzionale in quanto non si è resa conto che il Mildronate (il farmaco assunto dalla tennista, ndr) contenesse una sostanza proibita dal primo gennaio 2016”.

Tuttavia, secondo l’organismo, ”se lei non avesse nascosto l’uso del Mildronate alle autorità antidoping, ai membri del suo stesso team e ai dottori che ha consultato, la violazione sarebbe stata evitata”.

I due anni di stop decorreranno dal 26 gennaio 2016, giorno in cui è stata riscontrata la positività. Oltre alla squalifica il tribunale Itf ha cancellato i punti e i premi in denaro conquistati dalla Sharapova nello Slam australiano (sconfitta ai quarti per mano di Serena Williams).

”Mi manca il tennis – conclude nella lettera la bella Maria – Mi mancano i miei fans. Il loro supporto mi è di conforto in questo momento. Lotterò perché ritengo di essere nel giusto e farò di tutto per tornare a giocare il prima possibile”.

Ultima ora

21:21Calcio: Crotone, Cordaz, vogliamo giocarcela fino al termine

(ANSA) - CROTONE, 17 GEN - "Ci crediamo, siamo vivi e vogliamo giocarcela fino al termine". Così Alex Cordaz, portiere e capitano del Crotone, cerca di risollevare il morale della squadra dopo il ko casalingo con il Bologna ed in vista della gara di domenica prossima a Marassi contro il Genoa. "Quella contro l'undici di Juric - dice il numero uno del Crotone - è una gara fondamentale, come sarà peraltro da qui alla fine per ogni partita. Il morale deve essere alto. Non dobbiamo guardare a quello che è successo o non è successo perché non ne abbiamo il tempo. Dobbiamo solo concentrarci su Genoa e cercare di ottenere il massimo". Contro i rossoblu liguri il Crotone ritroverà Ivan Juric, l'allenatore che ha permesso ai calabresi la conquista della Serie A. "Conosciamo bene Juric - dice Cordaz - ma lui ha le sue armi e la sua squadra. Noi adesso non possiamo guardare l'avversario. Che sia Genoa, Empoli o Juventus, dobbiamo giocarcela con chiunque e fare punti''.

21:06Killer Florida, ‘ho agito in nome dell’Isis’

(ANSA) - NEW YORK, 17 GEN - Esteban Santiago, l'uomo accusato di aver ucciso cinque persone all'aeroporto di Fort Lauderdale, in Florida, ha detto agli agenti dell'Fbi di aver effettuato l'attacco a nome dell'Isis: lo ha detto l'agente speciale del Bureau Michael Ferlazzo durante la sua testimonianza in udienza, secondo quanto riporta la Cnn. L'agente non ha spiegato se Santiago sostiene di avere legami con lo Stato Islamico o se e' stato solo ispirato dall'organizzazione terroristica.

20:54Maltempo: partoriente da Desulo a Nuoro in sei ore

(ANSA) - NUORO, 17 GEN - Quasi un'odissea quella vissuta oggi da una partoriente di Desulo che ha impiegato sei ore per percorrere la strada provinciale 7, che collega il paese del Mandrolisai, dove la neve ha superato il mezzo metro, con Nuoro. Tutto comunque è andato bene, la donna è stata ricoverata all'ospedale San Francesco e potrebbe partorire nelle prossime ore. Una vicenda che il sindaco di Desulo, Gigi Littarru, ha stigmatizzato su Facebook: "Secondo voi può una partoriente fare un viaggio di sei ore per raggiungere l'ospedale di Nuoro? In Sardegna, a Desulo accade anche questo. Mi tengo per me le maledizioni di rito. Siamo governati da incapaci, che puntualmente non capiscono o non vogliono capire". La donna, con la gravidanza a termine, è partita verso Nuoro alle prime ore del mattino, dopo le prime avvisaglie del parto, ma raggiungere il capoluogo barbaricino si è rivelato più complicato del previsto. "Con la riforma sanitaria ci hanno chiuso l'ospedale di Sorgono, che era a pochi chilometri, ora però ci permettano di avere i mezzi per liberare la strada - ha dichiarato il sindaco all'ANSA - Chi ci governa ancora non sa che siamo paesi di montagna distanti ore dal primo ospedale. Qui non stiamo chiedendo la luna ma solo mezzi per permetterci di vivere in questo territorio. Quando siamo venuti a conoscenza del viaggio della donna abbiamo allertato la Protezione civile e tutto è andato bene. Ma non si può vivere in queste condizioni. La Regione deve sapere che anche nei piccoli paesi dimenticati dal mondo c'è bisogno della presenza dello Stato". (ANSA).

20:41Maradona: de Magistris’evento per tutti magari il 10 maggio’

(ANSA) - NAPOLI, 17 GEN - "Un evento organizzato e voluto da Alessandro Siani". Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, parlando, nel corso della diretta Facebook dalla pagina di Repubblica Napoli, dello spettacolo di ieri sera al Teatro di San Carlo con Maradona, sottolineando che "è stata una bella serata, il teatro era stracolmo". "Noi lavoriamo a un evento allo stadio San Paolo in occasione dei 30 anni dallo scudetto - ha affermato - se possibile il 10 maggio, ma comunque in quel mese". "Pensiamo a un evento accessibile a tutti - ha aggiunto - durante il quale conferire la cittadinanza onoraria a Maradona". "Noi consideriamo Maradona un bene comune - ha concluso - e per lui deve esserci un evento popolare, accessibile a tutti".

20:39Attivista Femen contro statua Trump a Museo Cere

(ANSA) - MADRID, 17 GEN - Un'attivista dell'organizzazione femminista Femen ha fatto irruzione nel Museo delle Cere di Madrid per contestare a seni nudi l'inaugurazione di una statua dedicata al presidente eletto americano Donald Trump. La donna ha gridato varie volte in inglese "stringete il patriarcato per i testicoli" e "fascista!", prima di essere allontanata dai dipendenti del museo. Femen Spagna ha rivendicato l'iniziativa pubblicando sul proprio sito una foto di spalle della donna, affermando che "Femen ha preso per i testicoli la statua di Trump nel Museo delle Cere".

20:30Calcio: Bologna, problemi difesa,out Gastaldello e Torosidis

(ANSA) - BOLOGNA, 17 GEN - Doppio stop nella difesa del Bologna. Il capitano Daniele Gastaldello, con uno stiramento all'otturatore interno sinistro, ne avrà per due-tre settimane. Il terzino greco Vasilis Torosidis, per un problema al pettineo sinistro, tornerà invece a disposizione tra dieci giorni. Gli esiti degli esami sono resi noti dal club, impegnato in serata in Coppa Italia con l'Inter a Milano.

20:28Calcio: Coppa d’Africa, Ghana-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Ghana ha battuto l'Uganda 1-0 (1-0) in un match valido per la Coppa d'Africa allo stadio di Port Gentil (girone D). Andre Ayew decide il match su rigore al 32' del primo tempo.

Archivio Ultima ora