Sharapova squalificata per due anni, addio Rio

Pubblicato il 08 giugno 2016 da redazione

A file picture dated 26 January 2016 of Maria Sharapova of Russia reacting during her quarter final match against Serena Williams of the USA at the Australian Open tennis tournament in Melbourne, Australia. EPA/LUKAS COCH AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT

A file picture dated 26 January 2016 of Maria Sharapova of Russia reacting during her quarter final match against Serena Williams of the USA at the Australian Open tennis tournament in Melbourne, Australia. EPA/LUKAS COCH AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT

ROMA. – Addio Giochi e carriera a rischio. Pugno duro la federazione internazionale del tennis che ha deciso di squalificare Maria Sharapova per due anni: la 29enne giocatrice russa, trovata positiva al Meldonium lo scorso 26 gennaio durante gli Australian Open, potrà tornare a giocare soltanto il 25 gennaio del 2018.

Una sentenza per certi versi inattesa visto che nei mesi scorsi la Wada aveva aperto ad una possibile sanatoria, in mancanza di dati certi sulla tempistica di permanenza del farmaco nell’organismo, per tutti gli atleti che hanno cominciato ad assumere il Meldonium prima dell’inizio 2016, quando la sostanza è stata poi inserita nella lista proibita. Tanto che anche la federazione russa aveva ottimisticamente già inserito la Sharapova nella squadra per Rio 2016.

Di certo una sanzione che non è andata giù alla cinque volte vincitrice di Slam che, con una lettera pubblicata sulla sua pagina facebook, ha immediatamente annunciato il ricorso al Tas. “Mi appellerò contro questa squalifica perché la ritengo dura e ingiusta – ha spiegato – il tribunale ha riconosciuto all’unanimità la mia condotta non intenzionale e che non ho usato il farmaco per migliorare le mie prestazioni”.

Toni duri soprattutto nei confronti della federazione internazionale: “Hanno speso tanto tempo e molte risorse per dimostrare che avevo violato intenzionalmente le regole dell’antidoping – ha aggiunto – fortunatamente il tribunale ha creduto alla mia buona fede rigettando così la richiesta della federazione che aveva chiesto di sospendermi addirittura per quattro anni”.

Il caso Sharapova era esploso lo scorso 7 marzo, con la conferenza stampa convocata dalla tennista a Los Angeles. Lei stessa aveva dato la notizia della propria positività dopo un controllo eseguito agli Australian Open: “Sono 10 anni che prendo un prodotto contro il diabete – aveva ammesso – il Meldonium, ma quella sostanza dalla fine di dicembre è tra quelle proibite”.

Questo perché, nato per curare l’angina e prevenire l’infarto, il Meldonium è però anche un modulatore del metabolismo, in grado di aumentare la resistenza alla fatica ed accelerare i tempi di recupero. E’ inoltre considerato un “coprente” per l’Epo.

Prodotto dalla Gridesk in Lettonia (la quale aveva precisato che la durata di un trattamento normale va da 4 a 6 settimane; non certo i 10 anni citati dalla Sharapova), è utilizzato prevalentemente nei paesi del blocco ex-sovietico.

Nelle motivazioni della sanzione inflitta alla russa, il tribunale della Itf precisa che ”la violazione delle regole antidoping” da parte della Sharapova ”non è stata intenzionale in quanto non si è resa conto che il Mildronate (il farmaco assunto dalla tennista, ndr) contenesse una sostanza proibita dal primo gennaio 2016”.

Tuttavia, secondo l’organismo, ”se lei non avesse nascosto l’uso del Mildronate alle autorità antidoping, ai membri del suo stesso team e ai dottori che ha consultato, la violazione sarebbe stata evitata”.

I due anni di stop decorreranno dal 26 gennaio 2016, giorno in cui è stata riscontrata la positività. Oltre alla squalifica il tribunale Itf ha cancellato i punti e i premi in denaro conquistati dalla Sharapova nello Slam australiano (sconfitta ai quarti per mano di Serena Williams).

”Mi manca il tennis – conclude nella lettera la bella Maria – Mi mancano i miei fans. Il loro supporto mi è di conforto in questo momento. Lotterò perché ritengo di essere nel giusto e farò di tutto per tornare a giocare il prima possibile”.

Ultima ora

19:57Russiagate: da Mueller mandato comparizione per Steve Bannon

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'ex stratega della Casa Bianca Steve Bannon ha ricevuto dal procuratore del Russiagate, Robert Mueller, un mandato di comparizione per testimoniare davanti ad un grand jury nell'ambito delle indagini su una possibile collusione tra l'entourage di Donald Trump e i russi. Lo scrive il New York Times, sottolineando che è la prima volta che Mueller usa un mandato per ottenere informazioni da un membro dell'inner circle del presidente.

19:53Colombia: crolla un ponte in sospensione, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte a sospensione in costruzione sopra una gola in Colombia. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi. Il ponte crollato era una struttura in sospensione di 450 metri, sull'autostrada tra Bogotà e Villavicencio. I lavoratori si stavano occupando del drenaggio sul lato della struttura, appesa a dei cavi a centinaia di metri dal fondovalle, quando questa è crollata. L'incidente si è verificato nel settore noto come Chirajara, una zona molto montuosa dove è stata costruita l'autostrada Bogotá-Villavicencio, che lungo i suoi 120 chilometri comprende decine di viadotti e gallerie.

19:49Calcio: dall’Arsenal offerta 35 mln e Giroud per Aubameyang

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Olivier Giroud e 35 milioni di sterline per Pierre-Emerick Aubameyang: sarebbe questa, stando all'Evening standard, l'offerta che l'Arsenal starebbe per presentare al Borussia Dortmund per l'attaccante gabonese. Secondo il tabloid britannico, che rilancia anche l'operazione Alexis Sanchez-Manchester United. Il centravanti giallonero, valutato 53,3 milioni di sterline (all'incirca 60 milioni di euro), nello scacchiere di Wenger andrebbe a sostituire l'attaccante cileno in predicato di lasciare l'Emirates stadium.

19:45Circolare Ps, gira pistola grande come carta di credito

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Con l'allarme terrorismo sempre alto, da poco è in commercio una pistola che è poco più grande di una carta di credito: un'arma che si può nascondere con facilità e, soprattutto, può essere portata in giro senza che nessuno se ne accorga. L'allerta arriva dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza che ha inviato una circolare a tutte le Questure d'Italia per invitare le forze di polizia sul territorio a segnalare immediatamente eventuali sequestri o ritrovamenti di questo tipo di pistola.

19:44Yemen: Ong, 8 mln persone a rischio di morte per fame

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Nello Yemen in preda alla guerra ben 8 milioni di persone sono a rischio di morire di fame: è quanto denunciano in una nota Save the Children e altre 16 organizzazioni umanitarie operanti in territorio yemenita, che chiedono urgentemente la riapertura completa e incondizionata del porto di Hudaydah per consentire l'ingresso ininterrotto di cibo e carburante nel Paese. Inoltre, oltre 3 milioni di bambini sono nati in Yemen dopo l'escalation delle violenze, nel marzo 2015, si legge nel rapporto di Unicef 'Born into War'. Secondo l'agenzia dell'Onu, oltre 5.000 bambini sono stati uccisi o feriti nelle violenze, in media cinque al giorno da marzo 2015. Oltre 11 milioni di bambini hanno bisogno di assistenza umanitaria, praticamente tutti quelli nello Yemen, e circa 1,8 milioni di bambini sono gravemente malnutriti, tra cui circa 400.000 che stanno lottando per la vita. Inoltre, quasi 2 milioni di bambini non vanno a scuola.

19:43Figc: Lega Serie B, obiettivo rafforzare asse con Serie A

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - La Lega di Serie B vuole contare e far sentire la propria voce nella scelta sofferta del presidente della Figc, una corsa a tre fra Gravina, Sibilia e Tommasi. Oggi Consiglio della Lega B, una riunione in parte interlocutoria anche se si punta a rafforzare l'asse con la Lega A per non andare in ordine sparso e cercare un'alleanza concreta in nome dell'unità di intenti. Giornate di grandi manovre con il rischio di commissariamento che incombe sulla Federazione. E, proprio la Lega di B, è riuscita a dare un segnale forte eleggendo presidente il 23 novembre scorso Mauro Balata, ricompattandosi intorno al nome dell'ex commissario. Prossima assemblea il 25 gennaio, in attesa di sviluppi.

19:36Repubblica ceca: Parlamento nega fiducia a governo Babis

(ANSA) - PRAGA, 16 GEN - Il governo monocolore di minoranza formato dall'imprenditore populista euroscettico Andrej Babis, il premier e leader del movimento Ano (Azione del cittadino scontento) non ha ottenuto la fiducia in Parlamento. Contrari alla fiducia erano 117 deputati dei 195 presenti in Parlamento. Il governo sarà costretto a dimettersi ma governerà fino alla nomina di un esecutivo nuovo. Il presidente ceco, Milos Zeman, presente alla prima seduta del Parlamento dedicata al voto di fiducia, ma interrotta e spostata a oggi, ha promesso a Babis, il vincitore delle elezioni di ottobre scorso, di reincaricarlo del secondo tentativo di formare un governo, a condizione di ottenere prima da lui i nomi di 101 deputati disposti a sostenerlo. Il Comitato delle immunità parlamentari ha raccomandato al Parlamento di consegnare Babis e il suo vice Jaroslav Faltynek alla giustizia penale per l'affare dell'abuso dei contributi Ue nella costruzione di un agriturismo.

Archivio Ultima ora