Italia

Tags |

In 11 milioni rinunciano alle cure per difficoltà economiche

Pubblicato il 08 giugno 2016 da redazione

salute

ROMA. – Il dato è allarmante: 11 milioni di italiani nel 2016, ben 2 milioni in più rispetto al 2012, hanno dovuto rinviare o rinunciare a prestazioni sanitarie a causa di difficoltà economiche o sono ricorsi al privato per ovviare alle lunghe liste di attesa.

A denunciarlo è una ricerca Censis-Rbm, presentata oggi in occasione del Welfare Day, alla quale replica prontamente il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin: “E’ un problema che abbiamo presente e trovare una soluzione per noi rappresenta una priorità”. Ma, avverte, “deve essere chiaro a tutti che non si possono fare le nozze con i fichi secchi”.

“E’ chiaro – spiega il ministro – che il Sistema Sanitario Nazionale deve fare i conti con la grave crisi economica che le famiglie italiane stanno vivendo, e questa indagine del Censis ci conferma la necessità di difendere l’aumento previsto del Fondo Sanitario Nazionale per gli anni 2017 e 2018, che intendiamo utilizzare per sbloccare il turn over e stabilizzare il personale sanitario precario, rifinanziare il Fondo per l’epatite C, coprire i costi dei nuovi farmaci oncologici e garantire a tutti i cittadini accesso gratuito alle cure”.

Ma il ministro individua al contempo una soluzione al problema, che passa, spiega, “da una profonda riorganizzazione del sistema delle liste di attesa, soprattutto in alcune regioni italiane”.

L’obiettivo è cioè quello di “uniformare l’intero territorio nazionale su standard elevati” ed a tal fine, annuncia, “ho intenzione di proporre l’inserimento nel mio decreto legislativo sulla nomina dei Direttori Generali delle aziende sanitarie di una norma che imponga di valutare i manager anche in relazione agli obiettivi di riduzione delle liste d’attesa”.

Intanto, afferma, “una prima svolta verrà a breve introdotta con i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, con l’ingresso nel Servizio sanitario nazionale Ssn di nuove prestazioni gratuite attese da 15 anni”.

Lo studio Censis ha suscitato anche la forte critica del segretario generale della Cgil Susanna Camusso, secondo la quale questi dati “sono la dimostrazione che aver progressivamente ridotto gli investimenti nel Ssn mette le persone in condizione di non curarsi. E’ la logica dei commissariamenti e dei tagli”.

E per il Movimento 5 Stelle “la frana del nostro sistema sanitario si è già trasformata in una valanga, e ad essere responsabili, intenzionalmente, di questa demolizione sono il ministro della Salute e tutto il governo. Le conseguenze dei continui tagli inflitti alla sanità oggi sono stati evidenziati dalla ricerca Censis-Rbm”.

Critico pure il sindacato dei medici dirigenti Anaao, che denuncia come “il taglio dei fondi alla Sanità non si sia mai interrotto”. E se il Codacons parla di “dati vergognosi per un paese civile”, la segretaria nazionale della Fp Cgil, Cecilia Taranto, e il segretario nazionale della Fp Cgil Medici, Massimo Cozza, commentano: “Ha ragione il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, quando afferma che non si possono fare le nozze con i fichi secchi. Ma questa affermazione dovrebbe essere rivolta al suo governo che, attraverso precise scelte politiche, continua a destinare più risorse ad altri settori: dagli imprenditori alle banche”.

Ultima ora

18:00Aic, corso gestione impianti sportivi e Scuole Calcio

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Si terrà a Roma dal 19 al 21 giugno prossimi un corso di formazione, riservato agli associati Aic (associazione italiana calciatori), che fornisce gli elementi utili per l'accesso alla linea esclusiva di finanziamento istituita dall'Istituto per il Credito Sportivo per gli iscritti all'Associazione. Il corso sarà incentrato su come gestire, progettare, ristrutturare un centro sportivo e come gestire una scuola calcio seguendo il modello formativo proposto dall'Associazione Italiana Calciatori.

17:52Giro: 17/a tappa, Dumoulin ha conservato la maglia rosa

(ANSA) - CANAZEI (TRENTO), 24 MAG - L'olandese Tom Dumoulin ha conservato la maglia rosa indossata il 16 maggio scorso, dopo la cronometro del 'Sagrantino', vinta sulle strade dell'Umbria. Il capitano della Sunweb, nell'attesa della tappa di domani con 5 Gpm, e dopo i rischi di ieri, oggi si è limitato a controllare la situazione, giungendo sul traguardo con un distacco di 7'53" dal vincitore della tappa, Pierre Rolland.

17:43Ippica:Snai apre ippodromo a scuole,alunni a scoperta S.Siro

(ANSA) - MILANO, 24 MAG - Giornata speciale per l'ippodromo di Milano che, per la prima volta dopo molto tempo, ha aperto le porte alle scuole ospitando 50 bambini di due quarte elementari dell'Istituto Comprensivo Scolastico L. Einaudi e G. Pascoli, nell'ambito dell'iniziativa '#scoprisansiro per i più piccoli'. Accompagnati da maestre e dirigenti scolastici, gli alunni hanno visitato le piste di allenamento, dove erano impegnati i cavalli di trotto e galoppo, le scuderie e poi l'ippodromo SNAI San Siro, consumando la loro merenda ai piedi della statua del Cavallo di Leonardo. Dopo aver corso scalzi sulla pista calcata dai più grandi purosangue della storia dell'ippica, i bambini hanno concluso la loro visita tra i sentieri del parco botanico. "Gli ippodromi di Milano - dichiara Fabio Schiavolin, ad di SNAITECH - sono luoghi straordinari e unici, dove la tradizione ippica si fonde con la storia, l'architettura e la cultura. Per valorizzare e promuovere questo patrimonio della città di Milano''

17:38Migranti: traffico esseri umani, otto indagati a Imperia

(ANSA) - IMPERIA, 24 MAG - Si è chiuso con 8 indagati il filone imperiese della maxi operazione contro il traffico internazionale di migranti iniziata nel gennaio scorso. Il pubblico ministero Lorenzo Fornace ha notificato l'avviso di conclusione indagini agli albanesi Redon Shametaj, 21 anni, Ismailaj Gazmir, 32 anni. Misin Alidini, 30 anni e Neri Shametai, 22 anni, a Tanha Emran Mohammad, afgano di 21 anni, a Edmond Bylibi Bayala, cittadino trentenne del Burkina Faso e all'iraniano Esmatollah Jafari, 28 anni. L'indagine era iniziata quando la Polstrada ha scoperto, il 19 gennaio scorso, quarantuno migranti stipati all'interno di un furgone Renault Master alla barriera autostradale di Ventimiglia. In quell'occasione era stato arrestato Neri Shametaj. Nei confronti di alcuni di loro, il giudice ha disposto il divieto di dimora nelle province di Imperia, Torino e Cuneo. I due cugini Shametaj sono accusati del tentativo di trasporto oltreconfine dei 41 migranti africani. Su di loro pende anche l'aggravante del trattamento disumano. Neri venne arrestato subito, mentre Redon, riuscito a scappare, era stato catturato pochi giorni dopo. Anche Bayala risulta coinvolto tra gli organizzatori di quest'ultimo viaggio. Gli imputati sono difesi dall'avvocato Andi Tahiri. La stessa operazione vede anche un filone milanese, che all'epoca si concluse con trentasei arresti. (ANSA).

17:38Giro: 17/a tappa, a Canazei vince Rolland per distacco

(ANSA) - CANAZEI (TRENTO), 24 MAG - Il francese Pierre Rolland (Cannondale-Drapac), 31 anni ancora da compiere, ha vinto per distacco la 17/a tappa del 100/o Giro d'Italia di ciclismo, da Tirano (Sondrio) a Canazei (Trento), lunga 219 chilometri. Rolland si è classificato al terzo posto il 17 scorso, nell'11/a tappa, conclusa a Bagno di Romagna (Forlì-Cesena). L'azione vincente del francese è partita a circa 8 chilometri dall'arrivo.

17:32Malore durante immersione, morta sub nel Livornese

(ANSA) - CECINA (LIVORNO), 24 MAG - Una donna di 57 anni di Bologna è morta dopo aver accusato un malore durante un'immersione subacquea. La donna, spiegano dal 118, aveva già lamentato un malessere precedente all'immersione. Ad allertare la pubblica assistenza di Cecina (Livorno), intervenuta con un'ambulanza da terra poco dopo mezzogiorno, è stata una richiesta di soccorso proveniente da un'imbarcazione. I sanitari una volta sul posto hanno praticato tutte le manovre rianimatorie, ma per la donna non c'è stato niente da fare. Oltre al 118 è intervenuta anche la Capitaneria di porto. (ANSA).

17:29Figlia Che Guevara a studenti Padova, ‘mi regalò un peluche’

(ANSA) - PADOVA, 24 MAG - "Quando avevo quattro anni e mezzo, mio papà mi teneva in braccio di notte e mi raccontava storie fantastiche. Era molto austero, ma una volta mi regalò un leone di peluche". E' uno dei ricordi privati del 'comandante Che Guevara' raccontato oggi agli studenti dell'Università di Padova da Aleida Guevara March, 56 anni, figlia del guerrigliero cubano ucciso in Bolivia nel 1967. La donna ha risposto all'invito rivoltole dal dipartimento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali dell'ateneo, per celebrare "50 anni dalla morte del Che". Una sala gremita di studenti e nostalgici del Sessantotto, quella del teatro Ruzante. Aleida Guevara ha letto e commentato in spagnolo alcuni brani del padre, ed ha esortato i ragazzi alla solidarietà. "Dopo l'università - ha detto - si pensa di sapere tutto, ma solo chi si rende utile al popolo diventa un vero professionista: ingegneri e architetti devono essere capaci di ascoltare per risolvere i problemi della comunità".

Archivio Ultima ora