Padoan: 20 anni congelati, usciamo da una trappola infernale

Pubblicato il 08 giugno 2016 da redazione

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan a Palazzo Chigi in una foto dell'8 Aprile 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan a Palazzo Chigi in una foto dell’8 Aprile 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Pier Carlo Padoan non ci sta a parlare di incertezza e rallentamento. Ancora una volta, l’ennesima nel giro di meno di una settimana, il ministro dell’Economia difende l’azione di politica economica del governo, definisce la crescita italiana in accelerazione, migliore anche di altri Paesi, e – abbandonando temporaneamente il suo tradizionale aplomb – usa parole decise.

L’Italia sta finalmente uscendo dalla “trappola infernale” che l’ha tenuta bloccata per 20 anni, scandisce, e lo sta facendo proprio grazie agli sforzi messi in campo dall’esecutivo con le riforme, con una politica di bilancio orientata allo sviluppo e nello stesso tempo con il pieno rispetto delle regole europee.

Da Bankitalia intanto si spinge: per il 2016 stima una crescita dell’1,1% e dell’1,2% nel 2017 e questo “va bene, perché rispetto ai segni meno del passato va bene, – dice il direttore generale di Bankitalia, Salvatore Rossi – ma è ovvio che non è abbastanza”.

E’ chiaro che “ci vuole uno scatto, bisogna passare da semplice ripresa a un rilancio dello sviluppo economico”. Dopo il taglio delle stime sul Pil arrivato proprio da Bankitalia e dopo il raffreddamento delle prospettive macro evidenziato ieri dall’Istat, Padoan si è comunque tolto qualche sassolino dalla scarpa.

L’Italia non sta uscendo “solo da una recessione profonda” che ha fatto arretrate il Pil di oltre 10 punti. L’Italia, ha insistito, “deve liberarsi da impedimenti strutturali che durano da almeno due decenni. Il Paese non deve semplicemente tornare ad avere una ripresa ciclica, deve aggredire le cause strutturali di debolezza e – ha puntualizzato – lo sta facendo”.

Per vedere i risultati, che saranno importanti, non serviranno decenni, ma “alcuni anni”, anzi alcuni “si stanno già vedendo” in questa fase.

Davanti all’ambasciatore americano John R. Phillips e ai rappresentanti dell’American Chamber of Commerce, il titolare di Via XX Settembre ha quindi rivendicato le riforme approvate e in corso di attuazione: il jobs act, le banche popolari e di credito cooperativo, la giustizia civile, la p.a., il fisco e soprattutto la riforma istituzionale, essenziale per far quadrare l’intero cerchio.

Padoan nomina anche il pacchetto Finanza per la crescita, ma solo quello già approvato lo scorso anno, non facendo invece riferimento, nemmeno nella successiva audizione in Commissione Attività produttive della Camera, alle nuove misure allo studio del governo, date fino a poco tempo fa per imminenti e poi rimandate.

Il programma di taglio delle tasse avviato comunque continuerà, nel rispetto del “sentiero stretto” a cui il governo è obbligato come “disciplinato” interprete delle regole di finanza pubblica imposte dall’Europa.

Ma per portare a termine tutto il lavoro avviato è altrettanto fondamentale, secondo il ministro, che l’azione del governo abbia un orizzonte temporale di medio periodo. La riforma della Carta servirà anche a questo, a dare la stabilità necessaria per non limitarsi ad interventi spot.

Alla modifica della Costituzione guarda peraltro anche Fitch, che in vista del referendum sospende il giudizio sugli altri interventi. L’agenzia di rating riconosce che in Italia “sono state approvate riforme del lavoro, del sistema elettorale, sui fallimenti aziendali e sull’istruzione, ma è ancora troppo presto per dire se queste riforme alzeranno significativamente il Pil nel lungo termine”.

In questo quadro, “l’esito del referendum di ottobre 2016 sarà fondamentale per determinare se la spinta alle riforme continua o va in stallo”.

Ultima ora

14:47Diritti tv: scaduto termine offerte, ora valutazioni Lega A

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - E' scaduto alle 13 il termine per la presentazione delle offerte per il bando domestico dei diritti tv della Lega Serie A del triennio 2018-21, che verranno valutate dall'assemblea dei club in programma alle 15. Alle 11 era convocata, ma non si è ancora aperta, un'altra assemblea, con all'ordine del giorno il rinnovo delle cariche e l'approvazione della modifica dello statuto che introduce per le elezioni il quorum a maggioranza semplice a partire dal terzo scrutinio. I dirigenti delle società sono riuniti informalmente e sul fronte della governance della Lega Serie A, commissariata da nove mesi, è atteso un nuovo rinvio.

14:44Calcio: Inter, visite mediche per Rafinha

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Rafinha sta svolgendo le visite mediche con l'Inter e, a ore, è attesa l'ufficialità del suo trasferimento in nerazzurro dal Barcellona con la formula del prestito con diritto di riscatto. Il centrocampista, arrivato a Milano nella serata di ieri, ha già svolto la prima parte delle visite alla clinica Humanitas e ora sta sostenendo quelle al Coni. Non è escluso che Rafinha raggiunga Appiano Gentile per una prima seduta di allenamento e per incontrare il tecnico Luciano Spalletti.

14:39Suicida dopo accusa abusi: impiccato davanti a una chiesa

(ANSA) CASSINO (FROSINONE), 22 GEN -Ha deciso di suicidarsi all'ingresso di una piccola chiesa di montagna, non distante da Cassino, l'agente della penitenziaria accusato di aver abusato della figlia 14enne. A notare il corpo dell'uomo è stato un passante che ha avvisato i carabinieri. Il corpo si trovava all'ingresso del luogo di culto, in uno spazio delimitato da una grata a protezione del portone. Per togliersi la vita ha utilizzato uno spago da imballaggio. Secondo una prima ricostruzione l'uomo non avrebbe lasciato nessun biglietto.

14:37Catalogna: Torrent, Puigdemont candidato presidente

(ANSA) - MADRID, 22 GEN - Il presidente del parlamento catalano Roger Torrent ha annunciato che presenterà il nome di Carles Puigdemont come candidato presidente della Catalogna che sarà sottoposto all'investitura della plenaria a fine mese. Quello di Puigdemont, appoggiato dal fronte indipendentista che ha la maggioranza assoluta, è il solo nome emerso dal giro di consultazioni con i gruppi politici degli ultimi giorni, ha precisato. La sessione di investitura del nuovo presidente catalano è prevista entro il 31 gennaio.

14:37Calcio: Sun, Raiola porterà Balotelli alla Juve

(ANSA) - LONDRA, 22 GEN - Calciomercato o fantacalcio? L'ultima clamorosa voce arriva dall'Inghilterra: al centro Mario Balotelli e il suo agente Mino Raiola. Secondo il tabloid inglese Sun, l'attaccante sarebbe vicino a un clamoroso ritorno in Italia, per vestire la maglia della Juventus. Il giornale scrive di un contratto già pronto a Torino per l'attuale punta del Nizza che a fine stagione sarà svincolato per scadenza contratto. Balotelli ha giocato nelle ultime due stagioni con la maglia del Nizza e quest'anno ha già messo a segno 17 reti, stabilendo il nuovo record personale. Secondo le indiscrezioni provenienti dall'Inghilterra l'accordo, della durata di cinque anni, prevedrebbe per SuperMario un ruolo centrale nel progetto di Massimiliano Allegri, e non di semplice alternativa a Gonzalo Higuain.

14:23Tennis: Australia, Chung elimina Djokovic

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Sorpresa agli Open d'Australia di tennis, dove Novak Djokovic è stato eliminato negli ottavi di finale. Il serbo, ex numero 1 del mondo e vincitore per sei volte a Melbourne, si è arreso al giovane sudcoreano Hyeon Chung, che si è imposto in tre set con il punteggio di 7-6, 7-6, 7-6. Chung, 21 anni, vincitore a novembre nelle Next gen Atp Finals a Milano, e autore al turno precedente dell'eliminazione del tedesco Alexander Zverev, incontrerà adesso lo statunitense Tennys Sandgren che ha sconfitto per 6-2, 4-6, 7-6 (4), 6-7 (7), 6-3 l'austriaco Dominic Thiem, numero 5 del seeding.

13:58Calcio: Cagliari, arrivano Lykogiannis e Ceter

(ANSA) - CAGLIARI, 22 GEN - Ora è ufficiale: il greco Charalampos Lykogiannis, classe 1993 e il colombiano Damir Ceter, classe 1997 sono due giocatori del Cagliari. Lykogiannis arriva dallo Sturm Graz e si trasferisce in rossoblù a titolo definitivo legandosi al club rossoblù sino al 2022. È un difensore che gioca abitualmente sulla fascia sinistra, bravo in fase di copertura ma anche nelle ripartenze. È cresciuto nell'Olympiakos e con la squadra greca ha vinto un campionato nazionale, due coppe e ha esordito in Champions League. Lo scorso settembre ha anche esordito in nazionale. Nelle ultime due stagioni ha giocato nel campionato austriaco: 81 presenze e sei gol. In rossoblù e con contratto sino al 2022 anche Ceter (FOTO): attaccante centrale alto e fisicamente ben piazzato è considerato uno dei nomi emergenti del calcio sudamericano. Nell'ultima stagione ha giocato con l'Independiente di Santa Fè: 12 presenze e due gol. Alle 15.30 nella sala stampa della Sardegna Arena, la presentazione ufficiale dell'attaccante.

Archivio Ultima ora