Milizie vicine a centro Sirte, verso scontro finale

Pubblicato il 08 giugno 2016 da redazione

scontro finale

IL CAIRO.- Verso la liberazione di Sirte. Pochi chilometri separano oramai i miliziani di Misurata dalla riconquista delle zone centrali della città, divenuta l’anno scorso la roccaforte dello Stato islamico in Libia. Le forze ‘Al-Bonyan Al-Marsous’, i miliziani che sostengono il governo di unità nazionale del premier Fayez Al Sarraj, hanno annunciato progressi nella loro avanzata.

Il Centro informazioni dell’operazione ‘Solida struttura’ per la liberazione della città ha infatti pubblicato una mappa che mostra l’andamento dell’offensiva. I miliziani, riferiscono loro fonti, hanno sottratto ai jihadisti “il campo militare di Taqreft”, prendendone il “controllo totale” e stanno bonificando “l’area per eliminare le mine lasciate da Daesh”.

In mano ai miliziani anche il “campo el Jalett, l’area di Abou Hadi e il ponte al Ghorbyat”, zone usate dai tagliagole del Califfo per le loro terribili esecuzioni pubbliche. Proseguono in queste ore gli “scontri, violenti, nell’area di Zafrana con l’appoggio delle forze dell’aviazione e della Marina”, con inevitabili vittime.

Sarebbero infatti “decine i jihadisti uccisi”, ha riferito il generale Mohammed al-Ghasri, portavoce delle forze libiche fedeli a Sarraj, aggiungendo che “gli ordini sono di bombardare senza pietà le postazioni” del’Isis, con “tutta la forza necessaria e ogni sorta di armi”.

Sangue anche tra le fila dei miliziani – riferisce il sito dell’operazione – con almeno “sei ‘martiri’ uccisi e 27 feriti”.

A testimoniare i progressi appena compiuti anche un video pubblicato sul web che mostra un miliziano che annuncia di essere a “pochi chilometri dal centro di Sirte”. Alle sue spalle alcuni segnali stradali sui quali è scritto “Sirte” e “centro-città”.

La battaglia finale per la ripresa di Sirte – dove nelle ultime settimane oltre 6.000 famiglie sono scappate per sfuggire agli scontri – sembrerebbe dunque essere iniziata.

Intanto in un’intervista a Sky News Arabiya, l’inviato dell’Onu Martin Kobler ha lanciato un nuovo appello all’unità tra i libici, chiedendo che vanga approvato da parte di tutte le realtà locali l’accordo sul governo di unità.

Il diplomatico ha poi toccato il dossier caldo della rivalità fra le forze armate, invocando un “esercito libico unificato che affronti Daesh”.

A Roma, alle commissioni riunite Difesa-Esteri di Camera e Senato, il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha affermato che “sul tema migratorio, la Libia non è la Turchia”.

“Non possiamo fare con la Libia quello che è stato fatto in ambito europeo con la Turchia. Non dobbiamo immaginare che vedremo domani mattina motovedette libiche schierate a fermare i migranti. Non scambiamo la Libia con la Turchia, non possiamo fare dei lager in Libia che comunque non sarebbe in grado di gestire il trattenimento” di migliaia di migranti, ha concluso il ministro.

(di Giuseppe Maria Laudani/ANSAmed)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora