Milizie vicine a centro Sirte, verso scontro finale

Pubblicato il 08 giugno 2016 da redazione

scontro finale

IL CAIRO.- Verso la liberazione di Sirte. Pochi chilometri separano oramai i miliziani di Misurata dalla riconquista delle zone centrali della città, divenuta l’anno scorso la roccaforte dello Stato islamico in Libia. Le forze ‘Al-Bonyan Al-Marsous’, i miliziani che sostengono il governo di unità nazionale del premier Fayez Al Sarraj, hanno annunciato progressi nella loro avanzata.

Il Centro informazioni dell’operazione ‘Solida struttura’ per la liberazione della città ha infatti pubblicato una mappa che mostra l’andamento dell’offensiva. I miliziani, riferiscono loro fonti, hanno sottratto ai jihadisti “il campo militare di Taqreft”, prendendone il “controllo totale” e stanno bonificando “l’area per eliminare le mine lasciate da Daesh”.

In mano ai miliziani anche il “campo el Jalett, l’area di Abou Hadi e il ponte al Ghorbyat”, zone usate dai tagliagole del Califfo per le loro terribili esecuzioni pubbliche. Proseguono in queste ore gli “scontri, violenti, nell’area di Zafrana con l’appoggio delle forze dell’aviazione e della Marina”, con inevitabili vittime.

Sarebbero infatti “decine i jihadisti uccisi”, ha riferito il generale Mohammed al-Ghasri, portavoce delle forze libiche fedeli a Sarraj, aggiungendo che “gli ordini sono di bombardare senza pietà le postazioni” del’Isis, con “tutta la forza necessaria e ogni sorta di armi”.

Sangue anche tra le fila dei miliziani – riferisce il sito dell’operazione – con almeno “sei ‘martiri’ uccisi e 27 feriti”.

A testimoniare i progressi appena compiuti anche un video pubblicato sul web che mostra un miliziano che annuncia di essere a “pochi chilometri dal centro di Sirte”. Alle sue spalle alcuni segnali stradali sui quali è scritto “Sirte” e “centro-città”.

La battaglia finale per la ripresa di Sirte – dove nelle ultime settimane oltre 6.000 famiglie sono scappate per sfuggire agli scontri – sembrerebbe dunque essere iniziata.

Intanto in un’intervista a Sky News Arabiya, l’inviato dell’Onu Martin Kobler ha lanciato un nuovo appello all’unità tra i libici, chiedendo che vanga approvato da parte di tutte le realtà locali l’accordo sul governo di unità.

Il diplomatico ha poi toccato il dossier caldo della rivalità fra le forze armate, invocando un “esercito libico unificato che affronti Daesh”.

A Roma, alle commissioni riunite Difesa-Esteri di Camera e Senato, il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha affermato che “sul tema migratorio, la Libia non è la Turchia”.

“Non possiamo fare con la Libia quello che è stato fatto in ambito europeo con la Turchia. Non dobbiamo immaginare che vedremo domani mattina motovedette libiche schierate a fermare i migranti. Non scambiamo la Libia con la Turchia, non possiamo fare dei lager in Libia che comunque non sarebbe in grado di gestire il trattenimento” di migliaia di migranti, ha concluso il ministro.

(di Giuseppe Maria Laudani/ANSAmed)

Ultima ora

19:18Bagnasco, preoccupa biotestamento, aiutare famiglie

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Aiutare le famiglie ancora in difficoltà per la crisi introducendo subito il Reddito d'Inclusione. E' questo l'appello del Presidente della Cei, il card. Angelo Bagnasco, alla politica, presa invece da altre questioni come il fine vita. E Bagnasco al proposito sottolinea: "Ci preoccupano non poco le proposte legislative che rendono la vita un bene ultimamente affidato alla completa autodeterminazione dell'individuo". Il Presidente Cei ha aperto i lavori del Consiglio Episcopale Permanente esprimendo "vicinanza solidale" alle popolazioni colpite dal terremoto e dal maltempo e ha sottolineato che "la tragedia ci sta consegnando il volto migliore del nostro Paese". Infine sugli scandali di alcuni preti: "sono motivo di dolore" ma non fanno diminuire "la stima e l'ammirazione" per i sacerdoti nel loro complesso, sempre "in prima linea".

19:12Usa: Bush padre fuori da rianimazione, Barbara Bush dimessa

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - L'ex presidente degli Stati Uniti George H. W. Bush esce dall'unità di rianimazione dello Houston Methodist Hospital dove è ricoverato per polmonite, mentre la moglie -la ex first lady Barbara Bush- e' stata dimessa dallo stesso ospedale dove era stata ammessa per una forte bronchite qualche giorno dopo il marito. I medici del 92enne ex presidente hanno fatto sapere che le sue funzioni vitali risultano nella normalità e che l'intenzione e' di dimetterlo dalla unita' di rianimazione nelle prossime ore. George H. W. Bush era stato ricoverato il 14 gennaio con la diagnosi di polmonite. La moglie Barbara, che ha 91 anni, era stata a sua volta ricoverata pochi giorni dopo, il 18 gennaio.

19:11Protezione civile Marche, tutte le frazioni liberate

(ANSA) - ANCONA, 23 GEN - Tutte le frazioni delle Marche sono state liberate. Lo rende noto la Protezione civile regionale. Nell'Ascolano resta difficile il transito per una decina di frazioni, dove si continua a lavorare per sgomberare le strade dalla neve. Molte di queste frazioni comunque non sono abitate, dove invece ci sono persone, sono raggiunte ogni giorno per l'assistenza sanitaria e per fornire generi di prima necessità. Le utenze Enel ancora interrotte sono circa 200. Attivi ad Amandola (Fermo) e a Pieve Torina (Macerata) due centri a servizio degli allevatori per ritirare foraggi e mangimi. Intanto proseguono i sopralluoghi dei tecnici della Protezione civile per monitorare il rischio valanghe e i fronti nevosi verticali ai bordi delle strade: con l'aumentare delle temperature possono verificarsi scaricamenti di neve con conseguenti problemi per la circolazione.

19:02Governo: Pinotti, andrà avanti fino a quando avrà fiducia

(ANSA) - LA SPEZIA, 23 GEN - "Vale quanto ha già detto il presidente. Questo Governo resterà in carica fino a quando avrà la fiducia". Lo ha detto il ministro della Difesa Roberta Pinotti, a margine di una iniziativa nello Spezzino. "La penso come il presidente Paolo Gentiloni, fino a quando avremo la fiducia governeremo".

18:55Calcio: 25 anni Champions, nessuno come il Real

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il Real Madrid era il club più vincente con la 'vecchia' Coppa dei Campioni, e dopo aver conquistato il titolo altre 5 volte dal 1993, i campioni in carica sono primi anche nell'era Champions. Ma non di molto. Dopo quasi 25 anni e oltre 220 partite a testa, appena 5 punti separano i merengue dai rivali storici del Barcellona in questa classifica non ufficiale pubblicata oggi dall'Uefa. Sul gradino più basso del podio c'è il Bayern Monaco, davanti a Manchester United, Arsenal e alle prime due italiane: Juventus(6/a) e Milan (7/o). In questi 25 anni, il Real Madrid è la squadra che ha giocato più partite (231), vinto più gare (136) e segnato più gol (483), ma ha anche subito più reti delle altre (247). Real Madrid e Barcellona hanno la stessa differenza reti (+236), anche se i catalani svettano nella classifica per percentuale di vittorie (59%, 131 vittorie in 222 partite), davanti al Real (58,8%, 136 vittorie in 231 partite).

18:54Usa: Obama ufficialmente un pensionato, 200mila dlr l’anno

(ANSA) - NEW YORK, 23 GEN - A soli 55 anni Obama è ufficialmente un pensionato dello Stato. Da ex presidente, infatti, percepirà una pensione federale da oltre 200mila dollari all'anno, la metà del suo stipendio da commander in chief, in più avrà la scorta a vita e copertura spese per viaggi, ufficio nonché copertura sanitaria. Secondo quanto scrive Cnn, le spese extra pensione per un ex presidente variano. Nel 2015, infatti, per Jimmy Carter sono state di 200mila dollari mentre per George W. Bush di 800mila dollari. Le pensioni e i benefit per gli ex presidenti risalgono al 1958. Furono istituite dopo che Harry Truman andò incontro a guai finanziari dopo la presidenza. Attualmente lo stipendio da presidente è di 400mila dollari all'anno. Durante la campagna elettorale, Trump aveva detto di volerci rinunciare se eletto alla Casa Bianca.

18:49Rigopiano: estratto corpo settima vittima, è una donna

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 23 GEN - Sale a sette il bilancio ufficiale della valanga che si è abbattuta sull'hotel Rigopiano: i vigili del fuoco hanno individuato ed estratto poco fa dalle macerie il corpo di una donna. Il cadavere era in uno stanzino vicino alla zona della cucina e del bar. Si sta invece ancora lavorando per liberare il corpo della sesta vittima, individuata nella giornata di ieri.

Archivio Ultima ora