Il sogno spezzato di Bernie, rivoluzionario “gentile”

Pubblicato il 09 giugno 2016 da redazione

bernie

WASHINGTON. – “La lotta continua”. Verso la prossima ed ultima tappa delle primarie democratiche, a Washington DC. Verso la convention di Filadelfia. Nemmeno il trionfo di Hillary Clinton in California induce Bernie Sanders a cedere le armi: il 74enne senatore ‘socialista’ del Vermont ha fatto sognare una parte d’America, ha sognato lui stesso, e adesso non vuole smettere.

Il perché lo spiega bene nel suo appassionato discorso dopo l’ultimo Super Tuesday del 2016: dapprima sembra cedere al richiamo all’unità che adesso giunge -anche se non ancora nero su bianco- da Barack Obama in persona.

Lo fa riconoscendo l’imperativo di non consentire l’elezione di Donald Trump. Ma poi in un crescendo misto di entusiasmo e commozione elenca i motivi per cui -ripete- “la lotta continua”. Eguaglianza economica, sociale, razziale. Rivoluzione politica. Quindici minuti tra gli applausi per ripercorrere la sorprendente ascesa del senatore liberal determinato fino alla fine a dimostrare che un’America diversa c’è.

Perché questo è adesso l’obiettivo di Sanders, seppure appaia ormai ‘disperato’: contare e far contare quella parte di elettorato che senza la sua proposta ‘alternativa’ sarebbe rimasto a casa e a votare alle primarie non ci avrebbe nemmeno pensato.

Sono i molti giovani mobilitati al grido di ‘feel the Bern’ (‘senti il Bern’, gioco di parole con ‘feel the burn’, ‘senti il bruciore’, frase che indica quando i muscoli lavorano, resa celebre da Jane Fonda nelle sue lezioni di aerobica) e chi ha trovato nella sfida di Sanders una ‘casa’ per le proprie idee e i propri desideri che non credeva di avere.

Partito da uno svantaggio letto come naturale un anno fa -è il solito movimento marginale, si osservava- l’entusiasmo è cresciuto comizio dopo comizio e piccola donazione dopo piccola donazione. Al punto che all’inizio delle primarie in Iowa la sinistra americana aveva già davanti a sé una scelta di campo. E in numeri sempre maggiori sceglievano Sanders.

Notevoli i picchi di popolarità, diverse le sorprese alle urne e nei caucus suo punto forte. Coerente fino ad essere ripetitivo. Dalla sua il vantaggio di portare una raggio di novità dalla forza travolgente quasi paragonabile alla sorpresa dell’America per il primo Obama. Con la differenza però che Bernie Sanders c’era da sempre. Forse non lo si vedeva.

Ma il senatore con il record di presenze al Congresso alla politica ha dedicato una vita e professando sempre lo stesso credo. E diventato però ‘mainstream’ solo adesso, quando a 74 anni ha sfidato Hillary Clinton, ovvero l’establishment democratico per eccellenza.

Hillary però l’ha pure ‘migliorata’. Ne ha fatto una candidata migliore. L’ha anche spinta a sinistra. L’ha indotta a parlare più chiaramente di disuguaglianza economica, a scendere nel dettaglio per un ‘oltre Obamacare’, a promettere di più nella lotta ai cambiamenti climatici.

Sanders ha illuminato una quinta sul palco del partito democratico che se lasciato ad Hillary Clinton da sola per il suo ‘one woman show’ sarebbe rimasto in ombra. Oltre però il senatore liberal non è andato: sarà perché non ha voluto cedere allo stile dei colpi bassi, sarà per quella convinzione che la gentilezza paga (forse meno davanti alle telecamere nei dibattiti in tv), sta di fatto che l’attacco ultimo non lo ha mai sferrato davvero, la battaglia senza esclusione di colpi, l’affondo per colpire dove fa male.

Così più di questo adesso Bernie Sanders non può fare. Ed è anche rischiosa questa sua determinazione nel non voler mollare. I democratici per rimanere alla Casa Bianca hanno bisogno anche dell’elettorato di Sanders. Ne ha bisogno Hillary.

Se ne parlerà tra poche ore nel faccia a faccia tra il senatore e Barack Obama, che sta di certo ritardando l’endorsement ufficiale alla sua ex segretario di Stato perché nel partito vuole mantenere la ‘grazia’. Mentre alla fine poca ne ha mostrata Sanders verso Hillary, nemmeno menzionando l’impresa storica della ex first lady prima donna a conquistare la nomination per le presidenziali.
(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

00:35Basket: l’ex Melli condanna l’EA7, Bamberg passa a Milano

(ANSA) - MILANO, 23 MAR - Nicolò Melli applaudito e poi giustiziere dell'EA7 Milano in Eurolega (76-84). L'ala italiana del Brose Bamberg, protagonista con l'Olimpia dello scudetto 2014, prima viene omaggiato con un video emozionale proiettato sul cubo del Forum che si chiude con la scritta "Nick uno di noi" e accolto con un standing ovation da parte di tutto il pubblico, poi sale in cattedra e abbatte come una furia la sua ex squadra che ancora lo rimpiange. I numeri non dicono tutto (9 punti e 8 rimbalzi), ma è enciclopedica, seppur viziata da un'infrazione di passi, la gestione del possesso che porta alla decisiva tripla di Causeur (72-80 al 39'), migliore in campo con 17 punti e 8 rimbalzi. Per Milano si tratta della settima sconfitta consecutiva in Eurolega, la ventunesima complessiva: a due turni dal termine lo spettro dell'ultimo posto aleggia sinistro al Forum.

00:34Argentina: ex presidente Kirchner a processo

(ANSA) - BUENOS AIRES, 23 MAR - Un magistrato argentino ha deciso che l'ex presidente Cristina Fernandez de Kirchen sarà processata per amministrazione fraudolenta, dopo essere stata accusata di aver ordinato vendite di futures sul dollaro a prezzi più bassi di quelli del mercato negli ultimi mesi del suo mandato, causando così perdite per poco meno di 10 milioni di dollari allo Stato. Il giudice Claudio Bonadio ha emesso un'ordinanza in base alla quale Kirchner dovrà essere processata insieme al suo ex ministro dell'Economia, Axel Kicillof, l'ex presidente della Banca Centrale, Alejandro Vanoli e altri dirigenti della sua ultima amministrazione. E' la prima volta che l'ex presidente deve affrontare un processo giudiziario, ma Kirchner è anche sotto indagine in altre inchieste, riguardanti tra l'altro l'aumento del suo patrimonio famigliare durante i suoi anni al governo e le presunte tangenti pagate da imprenditori vicini alla sua famiglia per aggiudicarsi contratti ed appalti di opere pubbliche.

00:32Colloqui esplorativi a quattro per nuovo governo in Olanda

(ANSA) - BRUXELLES, 23 MAR - Il partito conservatore Vvd del premier olandese Mark Rutte e altre tre formazioni politiche (cristiani democratici, i socialdemocratici D66 e i verdi dei GroenLinks) hanno raggiunto un'intesa per avviare dei colloqui per la formazione del nuovo governo. Colloqui solo esplorativi, per ora, con il premier Rutte che sottolinea: "Le differenze politiche tra questi partiti sono significative". "Terremo dei colloqui per vedere se queste divergenze possono essere superate", spiega il leader di GroenLinks, Jesse Klaver, ribattezzato il 'Trudeau olandese' dalla stampa.

00:31Calcio: 2-1 alla Polonia, buon test europei per Italia U21

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Buon test in vista degli europei per l'Italia Under 21. Gli azzurrini di Gigi Di Biagio hanno battuto a Cracovia la Polonia 2-1 (1-1), nella penultima amichevole prima del torneo continentale in programma a giugno. Italia in vantaggio al 30' con Pellegrini, i polacchi pareggiano al 43' con Kownacki. In avvio di ripresa, al 5', è Benassi a riportare in vantaggio gli azzurrini. Per l'Italia anche un calcio di rigore (Di Francesco atterrato da Kedziora), ma Cerri dal dischetto prende il palo. A Cracovia ha esordito da titolare Federico Chiesa, che ha giocato un tempo. "Abbiamo fatto risultato e prestazione - dice soddisfatto Gigi Di Biagio - in tanti si sono messi in mostra e molti li ho trovati in ottime condizioni. Sono molto contento di questi ragazzi. Chiesa era programmato che giocasse un tempo, ho preferito preservarlo e sostituirlo, nonostante avesse fatto molto bene". L'Under 21 torna in campo lunedì a Roma nell'amichevole con la Spagna.

00:02Attacco al Shabaab, ’17 soldati somali uccisi’

(ANSA) - MOGADISCIO, 23 MAR - E' di almeno 17 soldati somali uccisi e 22 feriti il bilancio di un attacco organizzato dai fondamentalisti islamici al Shabaab nel sudovest del Paese. Lo ha reso noto il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web, precisando che il gruppo terrorista, legato ad al Qaida, ha rivendicato l'attacco su Facebook. Gli estremisti hanno anche aggiunto di avere bombardato una base dell'Unione africana (Ua) nella notte di ieri nella città di Barawe. Il governo di Mogadiscio ha confermato l'assalto precisando che è stato respinto con un bilancio di due persone.

23:59Attacco Londra: morto uno dei feriti gravi

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - E' morto uno dei feriti dell'attacco a Londra. Lo ha riferito la polizia. Si tratta di un uomo di 75 anni che era rimasto ferito sul ponte di Westminster. Salgono così a cinque, compreso l'attentatore, le vittime.

23:31Francia: Fillon accusa Hollande, ‘voglio inchiesta’

(ANSA) - PARIGI, 23 MAR - "Accuso il presidente della Repubblica": Francois Fillon, candidato della destra alle presidenziali, non usa più mezzi termini e, in diretta al talk show "L'Emission politique" di France 2, ha puntato il dito contro il presidente Francois Hollande, secondo lui all'origine dei suoi guai giudiziari. "C'è un libro di cui ho letto le bozze - ha detto - che spiega come Hollande fa arrivare le intercettazioni nel suo ufficio, come riesca ad essere al corrente di tutto, pedinamenti compresi". Fillon, denunciando "uno scandalo di stato", ha detto di volere "l'apertura di un'inchiesta". Poi ha affermato di aver "sbagliato" ad accettare gli abiti regalati dal suo "amico" Robert Bourgi, ed ha aggiunto di averli "restituiti". Ho "fatto un errore" su quei tre abiti di lusso di un valore di 13.000 euro, che gli furono regalati da "un vecchissimo amico, di oltre 20 anni", il noto avvocato Robert Bourgi.

Archivio Ultima ora