Il sogno spezzato di Bernie, rivoluzionario “gentile”

Pubblicato il 09 giugno 2016 da redazione

bernie

WASHINGTON. – “La lotta continua”. Verso la prossima ed ultima tappa delle primarie democratiche, a Washington DC. Verso la convention di Filadelfia. Nemmeno il trionfo di Hillary Clinton in California induce Bernie Sanders a cedere le armi: il 74enne senatore ‘socialista’ del Vermont ha fatto sognare una parte d’America, ha sognato lui stesso, e adesso non vuole smettere.

Il perché lo spiega bene nel suo appassionato discorso dopo l’ultimo Super Tuesday del 2016: dapprima sembra cedere al richiamo all’unità che adesso giunge -anche se non ancora nero su bianco- da Barack Obama in persona.

Lo fa riconoscendo l’imperativo di non consentire l’elezione di Donald Trump. Ma poi in un crescendo misto di entusiasmo e commozione elenca i motivi per cui -ripete- “la lotta continua”. Eguaglianza economica, sociale, razziale. Rivoluzione politica. Quindici minuti tra gli applausi per ripercorrere la sorprendente ascesa del senatore liberal determinato fino alla fine a dimostrare che un’America diversa c’è.

Perché questo è adesso l’obiettivo di Sanders, seppure appaia ormai ‘disperato’: contare e far contare quella parte di elettorato che senza la sua proposta ‘alternativa’ sarebbe rimasto a casa e a votare alle primarie non ci avrebbe nemmeno pensato.

Sono i molti giovani mobilitati al grido di ‘feel the Bern’ (‘senti il Bern’, gioco di parole con ‘feel the burn’, ‘senti il bruciore’, frase che indica quando i muscoli lavorano, resa celebre da Jane Fonda nelle sue lezioni di aerobica) e chi ha trovato nella sfida di Sanders una ‘casa’ per le proprie idee e i propri desideri che non credeva di avere.

Partito da uno svantaggio letto come naturale un anno fa -è il solito movimento marginale, si osservava- l’entusiasmo è cresciuto comizio dopo comizio e piccola donazione dopo piccola donazione. Al punto che all’inizio delle primarie in Iowa la sinistra americana aveva già davanti a sé una scelta di campo. E in numeri sempre maggiori sceglievano Sanders.

Notevoli i picchi di popolarità, diverse le sorprese alle urne e nei caucus suo punto forte. Coerente fino ad essere ripetitivo. Dalla sua il vantaggio di portare una raggio di novità dalla forza travolgente quasi paragonabile alla sorpresa dell’America per il primo Obama. Con la differenza però che Bernie Sanders c’era da sempre. Forse non lo si vedeva.

Ma il senatore con il record di presenze al Congresso alla politica ha dedicato una vita e professando sempre lo stesso credo. E diventato però ‘mainstream’ solo adesso, quando a 74 anni ha sfidato Hillary Clinton, ovvero l’establishment democratico per eccellenza.

Hillary però l’ha pure ‘migliorata’. Ne ha fatto una candidata migliore. L’ha anche spinta a sinistra. L’ha indotta a parlare più chiaramente di disuguaglianza economica, a scendere nel dettaglio per un ‘oltre Obamacare’, a promettere di più nella lotta ai cambiamenti climatici.

Sanders ha illuminato una quinta sul palco del partito democratico che se lasciato ad Hillary Clinton da sola per il suo ‘one woman show’ sarebbe rimasto in ombra. Oltre però il senatore liberal non è andato: sarà perché non ha voluto cedere allo stile dei colpi bassi, sarà per quella convinzione che la gentilezza paga (forse meno davanti alle telecamere nei dibattiti in tv), sta di fatto che l’attacco ultimo non lo ha mai sferrato davvero, la battaglia senza esclusione di colpi, l’affondo per colpire dove fa male.

Così più di questo adesso Bernie Sanders non può fare. Ed è anche rischiosa questa sua determinazione nel non voler mollare. I democratici per rimanere alla Casa Bianca hanno bisogno anche dell’elettorato di Sanders. Ne ha bisogno Hillary.

Se ne parlerà tra poche ore nel faccia a faccia tra il senatore e Barack Obama, che sta di certo ritardando l’endorsement ufficiale alla sua ex segretario di Stato perché nel partito vuole mantenere la ‘grazia’. Mentre alla fine poca ne ha mostrata Sanders verso Hillary, nemmeno menzionando l’impresa storica della ex first lady prima donna a conquistare la nomination per le presidenziali.
(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

12:23Iran: accusato spionaggio, Djalali condannato a morte

(ANSA) - TORINO, 23 OTT - Ahmadreza Djalali, il medico iraniano arrestato a Teheran lo scorso anno con l'accusa di essere una spia, è stato condannato a morte. Lo rende noto la senatrice novarese del Pd Elena Ferrara, tra le prime a mobilitarsi nei mesi scorsi a favore del ricercatore, che per quattro anni ha lavorato all'Università del Piemonte Orientale. "La notizia ci è arrivata dalla moglie - dice la senatrice - e questa mattina è stata confermata dalla Farnesina. Ridaremo vigore alla mobilitazione, non ci arrendiamo".

12:19Referendum: Salvini, lezione democrazia, vinti poteri forti

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Ieri in Lombardia e Veneto "e' stata una lezione di democrazia per tutta Europa, abbiamo scelto la via legale, pacifica e costituzionale. La stessa opportunità la offriremo da nord a sud a chi ce lo chiederà". Così il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini nella conferenza stampa in via Bellerio a Milano. "Il nostro interlocutore è il presidente del Consiglio dei Ministri. Non mi stupirei che al tavolo della trattativa ci siano Zaia, Maroni, Bonaccini. E sentivo che anche il governatore della Puglia Emiliano si era espresso in questi giorni in tal senso", spiega Salvini che sull'esito della consultazione sottolinea: ""Meglio di così non poteva andare. Abbiamo vinto sui poteri forti cinque a zero. Ora mi aspetto che il Governo dica quando intende accogliere questa richiesta che sale dal popolo".

12:19Catalogna:indipendentisti, sessione Parlamento giovedì

(ANSA) - BARCELLONA, 23 OTT - I partiti indipendentisti che hanno la maggioranza assoluta nel Parlamento catalano hanno chiesto questa mattina all'ufficio di presidenza di tenere giovedì mattina una seduta dedicata alla risposta da dare all'attivazione da parte di Madrid dell'articolo 155. L'ufficio di presidenza si riunirà di nuovo in giornata per confermare la data. Secondo i media, durante la riunione potrebbe essere proclamata la Repubblica.

12:17Tennis: classifiche, Nadal e Halep sempre al comando

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Situazione stabile nel tennis maschile che vede Rafael Nadal al comando del ranking mondiale per la decima settimana: lo spagnolo mantiene un vantaggio di poco meno di duemila punti sullo svizzero Roger Federer. Sempre terzo lo scozzese Andy Murray davanti al croato Marin Cilic ed al tedesco Alexander Zverev Fabio Fognini si conferma n.1 azzurro: il 30enne ligure è stabile al numero 27. Un passo indietro per Paolo Lorenzi, ora 41/o. Sale invece di tre gradini Thomas Fabbiano (n.72) così come Andreas Seppi(n.85). Per quanto riguarda la classifica femminile sempre al comando la romena Simona Halep, alla sua terza settimana sul trono. Fa il suo ingresso per la prima volta nella top ten la francese Kristina Mladenovic. Camila Giorgi è sempre la prima delle azzurre: la 25enne di Macerata perde una posizione e scende al n.78. Francesca Schiavone è 91/a mentre Roberta Vinci scivola al n.109. Grazie al successo nel torneo di Suzhou, in Cina, Sara Errani guadagna 35 posizioni e risale fino al numero 145.

12:13Sport: Cantone, corruzione si combatte dall’interno

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - "Il Coni può e deve provare da rendere sempre più obbligatori i sistemi di compliance alle società sportive, ad esempio con le norme di 'self cleaning' della legge 231 del 2001 (Responsabilità amministrativa delle società e degli enti) stimolandone l'adozione nelle società professionistiche private". Così il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, intervenendo al convegno 'La governance dello sport'. Cantone ha evidenziato che 'il piano della prevenzione della corruzione può essere utile, non è repressione ma viene fatta dall'interno (del movimento sportivo, ndr) ed è in grado di capire dove si possono annidare i rischi e come possono essere sterilizzati", suddividendo la corruzione su due piani: 'on the field', per tutti i fatti che avvengono in gara come doping e match fixing, e 'off the field', vale a dire tutto quel sistema di interessi economici che prescinde dalla competizione sportiva, come i meccanismi elettivi, le sponsorizzazioni e i rapporti con i terzi.

12:08Salvini, ieri lezione democrazia a Italia ed Europa

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - Ieri in Lombardia e Veneto "è stata una lezione di democrazia per tutta Europa, abbiamo scelto la via legale, pacifica e costituzionale. La stessa opportunità la offriremo da nord a sud a chi ce lo chiederà". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, in conferenza stampa in via Bellerio.

12:04Sport: Malagò, evitare qualsiasi tipo conflitto interesse

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - "Occorre evitare qualsiasi tipo di conflitto di interesse, drasticamente e a tutti i livelli. Vale per chiunque lavora da noi e con noi. La nostra competenza è in linea con i dettami dell'Anac e dei valori morali di chi si occupa di sport". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, durante il suo intervento al convegno 'La governance dello sport' in corso al Salone d'Onore del Coni. "Lo sport deve dare il buon esempio - ha proseguito il capo dello sport italiano - Non perché sia un settore più importante rispetto ad altri, ma perché noi siamo un modello. I nostri atleti, i nostri tecnici, i nostri dirigenti: se noi sbagliamo, facciamo un danno enorme. Per questo dobbiamo vivere dalla mattina alla sera con un vademecum, delle regole da rispettare".

Archivio Ultima ora