Il sogno spezzato di Bernie, rivoluzionario “gentile”

Pubblicato il 09 giugno 2016 da redazione

bernie

WASHINGTON. – “La lotta continua”. Verso la prossima ed ultima tappa delle primarie democratiche, a Washington DC. Verso la convention di Filadelfia. Nemmeno il trionfo di Hillary Clinton in California induce Bernie Sanders a cedere le armi: il 74enne senatore ‘socialista’ del Vermont ha fatto sognare una parte d’America, ha sognato lui stesso, e adesso non vuole smettere.

Il perché lo spiega bene nel suo appassionato discorso dopo l’ultimo Super Tuesday del 2016: dapprima sembra cedere al richiamo all’unità che adesso giunge -anche se non ancora nero su bianco- da Barack Obama in persona.

Lo fa riconoscendo l’imperativo di non consentire l’elezione di Donald Trump. Ma poi in un crescendo misto di entusiasmo e commozione elenca i motivi per cui -ripete- “la lotta continua”. Eguaglianza economica, sociale, razziale. Rivoluzione politica. Quindici minuti tra gli applausi per ripercorrere la sorprendente ascesa del senatore liberal determinato fino alla fine a dimostrare che un’America diversa c’è.

Perché questo è adesso l’obiettivo di Sanders, seppure appaia ormai ‘disperato’: contare e far contare quella parte di elettorato che senza la sua proposta ‘alternativa’ sarebbe rimasto a casa e a votare alle primarie non ci avrebbe nemmeno pensato.

Sono i molti giovani mobilitati al grido di ‘feel the Bern’ (‘senti il Bern’, gioco di parole con ‘feel the burn’, ‘senti il bruciore’, frase che indica quando i muscoli lavorano, resa celebre da Jane Fonda nelle sue lezioni di aerobica) e chi ha trovato nella sfida di Sanders una ‘casa’ per le proprie idee e i propri desideri che non credeva di avere.

Partito da uno svantaggio letto come naturale un anno fa -è il solito movimento marginale, si osservava- l’entusiasmo è cresciuto comizio dopo comizio e piccola donazione dopo piccola donazione. Al punto che all’inizio delle primarie in Iowa la sinistra americana aveva già davanti a sé una scelta di campo. E in numeri sempre maggiori sceglievano Sanders.

Notevoli i picchi di popolarità, diverse le sorprese alle urne e nei caucus suo punto forte. Coerente fino ad essere ripetitivo. Dalla sua il vantaggio di portare una raggio di novità dalla forza travolgente quasi paragonabile alla sorpresa dell’America per il primo Obama. Con la differenza però che Bernie Sanders c’era da sempre. Forse non lo si vedeva.

Ma il senatore con il record di presenze al Congresso alla politica ha dedicato una vita e professando sempre lo stesso credo. E diventato però ‘mainstream’ solo adesso, quando a 74 anni ha sfidato Hillary Clinton, ovvero l’establishment democratico per eccellenza.

Hillary però l’ha pure ‘migliorata’. Ne ha fatto una candidata migliore. L’ha anche spinta a sinistra. L’ha indotta a parlare più chiaramente di disuguaglianza economica, a scendere nel dettaglio per un ‘oltre Obamacare’, a promettere di più nella lotta ai cambiamenti climatici.

Sanders ha illuminato una quinta sul palco del partito democratico che se lasciato ad Hillary Clinton da sola per il suo ‘one woman show’ sarebbe rimasto in ombra. Oltre però il senatore liberal non è andato: sarà perché non ha voluto cedere allo stile dei colpi bassi, sarà per quella convinzione che la gentilezza paga (forse meno davanti alle telecamere nei dibattiti in tv), sta di fatto che l’attacco ultimo non lo ha mai sferrato davvero, la battaglia senza esclusione di colpi, l’affondo per colpire dove fa male.

Così più di questo adesso Bernie Sanders non può fare. Ed è anche rischiosa questa sua determinazione nel non voler mollare. I democratici per rimanere alla Casa Bianca hanno bisogno anche dell’elettorato di Sanders. Ne ha bisogno Hillary.

Se ne parlerà tra poche ore nel faccia a faccia tra il senatore e Barack Obama, che sta di certo ritardando l’endorsement ufficiale alla sua ex segretario di Stato perché nel partito vuole mantenere la ‘grazia’. Mentre alla fine poca ne ha mostrata Sanders verso Hillary, nemmeno menzionando l’impresa storica della ex first lady prima donna a conquistare la nomination per le presidenziali.
(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

19:18Bagnasco, preoccupa biotestamento, aiutare famiglie

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Aiutare le famiglie ancora in difficoltà per la crisi introducendo subito il Reddito d'Inclusione. E' questo l'appello del Presidente della Cei, il card. Angelo Bagnasco, alla politica, presa invece da altre questioni come il fine vita. E Bagnasco al proposito sottolinea: "Ci preoccupano non poco le proposte legislative che rendono la vita un bene ultimamente affidato alla completa autodeterminazione dell'individuo". Il Presidente Cei ha aperto i lavori del Consiglio Episcopale Permanente esprimendo "vicinanza solidale" alle popolazioni colpite dal terremoto e dal maltempo e ha sottolineato che "la tragedia ci sta consegnando il volto migliore del nostro Paese". Infine sugli scandali di alcuni preti: "sono motivo di dolore" ma non fanno diminuire "la stima e l'ammirazione" per i sacerdoti nel loro complesso, sempre "in prima linea".

19:12Usa: Bush padre fuori da rianimazione, Barbara Bush dimessa

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - L'ex presidente degli Stati Uniti George H. W. Bush esce dall'unità di rianimazione dello Houston Methodist Hospital dove è ricoverato per polmonite, mentre la moglie -la ex first lady Barbara Bush- e' stata dimessa dallo stesso ospedale dove era stata ammessa per una forte bronchite qualche giorno dopo il marito. I medici del 92enne ex presidente hanno fatto sapere che le sue funzioni vitali risultano nella normalità e che l'intenzione e' di dimetterlo dalla unita' di rianimazione nelle prossime ore. George H. W. Bush era stato ricoverato il 14 gennaio con la diagnosi di polmonite. La moglie Barbara, che ha 91 anni, era stata a sua volta ricoverata pochi giorni dopo, il 18 gennaio.

19:11Protezione civile Marche, tutte le frazioni liberate

(ANSA) - ANCONA, 23 GEN - Tutte le frazioni delle Marche sono state liberate. Lo rende noto la Protezione civile regionale. Nell'Ascolano resta difficile il transito per una decina di frazioni, dove si continua a lavorare per sgomberare le strade dalla neve. Molte di queste frazioni comunque non sono abitate, dove invece ci sono persone, sono raggiunte ogni giorno per l'assistenza sanitaria e per fornire generi di prima necessità. Le utenze Enel ancora interrotte sono circa 200. Attivi ad Amandola (Fermo) e a Pieve Torina (Macerata) due centri a servizio degli allevatori per ritirare foraggi e mangimi. Intanto proseguono i sopralluoghi dei tecnici della Protezione civile per monitorare il rischio valanghe e i fronti nevosi verticali ai bordi delle strade: con l'aumentare delle temperature possono verificarsi scaricamenti di neve con conseguenti problemi per la circolazione.

19:02Governo: Pinotti, andrà avanti fino a quando avrà fiducia

(ANSA) - LA SPEZIA, 23 GEN - "Vale quanto ha già detto il presidente. Questo Governo resterà in carica fino a quando avrà la fiducia". Lo ha detto il ministro della Difesa Roberta Pinotti, a margine di una iniziativa nello Spezzino. "La penso come il presidente Paolo Gentiloni, fino a quando avremo la fiducia governeremo".

18:55Calcio: 25 anni Champions, nessuno come il Real

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il Real Madrid era il club più vincente con la 'vecchia' Coppa dei Campioni, e dopo aver conquistato il titolo altre 5 volte dal 1993, i campioni in carica sono primi anche nell'era Champions. Ma non di molto. Dopo quasi 25 anni e oltre 220 partite a testa, appena 5 punti separano i merengue dai rivali storici del Barcellona in questa classifica non ufficiale pubblicata oggi dall'Uefa. Sul gradino più basso del podio c'è il Bayern Monaco, davanti a Manchester United, Arsenal e alle prime due italiane: Juventus(6/a) e Milan (7/o). In questi 25 anni, il Real Madrid è la squadra che ha giocato più partite (231), vinto più gare (136) e segnato più gol (483), ma ha anche subito più reti delle altre (247). Real Madrid e Barcellona hanno la stessa differenza reti (+236), anche se i catalani svettano nella classifica per percentuale di vittorie (59%, 131 vittorie in 222 partite), davanti al Real (58,8%, 136 vittorie in 231 partite).

18:54Usa: Obama ufficialmente un pensionato, 200mila dlr l’anno

(ANSA) - NEW YORK, 23 GEN - A soli 55 anni Obama è ufficialmente un pensionato dello Stato. Da ex presidente, infatti, percepirà una pensione federale da oltre 200mila dollari all'anno, la metà del suo stipendio da commander in chief, in più avrà la scorta a vita e copertura spese per viaggi, ufficio nonché copertura sanitaria. Secondo quanto scrive Cnn, le spese extra pensione per un ex presidente variano. Nel 2015, infatti, per Jimmy Carter sono state di 200mila dollari mentre per George W. Bush di 800mila dollari. Le pensioni e i benefit per gli ex presidenti risalgono al 1958. Furono istituite dopo che Harry Truman andò incontro a guai finanziari dopo la presidenza. Attualmente lo stipendio da presidente è di 400mila dollari all'anno. Durante la campagna elettorale, Trump aveva detto di volerci rinunciare se eletto alla Casa Bianca.

18:49Rigopiano: estratto corpo settima vittima, è una donna

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 23 GEN - Sale a sette il bilancio ufficiale della valanga che si è abbattuta sull'hotel Rigopiano: i vigili del fuoco hanno individuato ed estratto poco fa dalle macerie il corpo di una donna. Il cadavere era in uno stanzino vicino alla zona della cucina e del bar. Si sta invece ancora lavorando per liberare il corpo della sesta vittima, individuata nella giornata di ieri.

Archivio Ultima ora