Il sogno spezzato di Bernie, rivoluzionario “gentile”

Pubblicato il 09 giugno 2016 da redazione

bernie

WASHINGTON. – “La lotta continua”. Verso la prossima ed ultima tappa delle primarie democratiche, a Washington DC. Verso la convention di Filadelfia. Nemmeno il trionfo di Hillary Clinton in California induce Bernie Sanders a cedere le armi: il 74enne senatore ‘socialista’ del Vermont ha fatto sognare una parte d’America, ha sognato lui stesso, e adesso non vuole smettere.

Il perché lo spiega bene nel suo appassionato discorso dopo l’ultimo Super Tuesday del 2016: dapprima sembra cedere al richiamo all’unità che adesso giunge -anche se non ancora nero su bianco- da Barack Obama in persona.

Lo fa riconoscendo l’imperativo di non consentire l’elezione di Donald Trump. Ma poi in un crescendo misto di entusiasmo e commozione elenca i motivi per cui -ripete- “la lotta continua”. Eguaglianza economica, sociale, razziale. Rivoluzione politica. Quindici minuti tra gli applausi per ripercorrere la sorprendente ascesa del senatore liberal determinato fino alla fine a dimostrare che un’America diversa c’è.

Perché questo è adesso l’obiettivo di Sanders, seppure appaia ormai ‘disperato’: contare e far contare quella parte di elettorato che senza la sua proposta ‘alternativa’ sarebbe rimasto a casa e a votare alle primarie non ci avrebbe nemmeno pensato.

Sono i molti giovani mobilitati al grido di ‘feel the Bern’ (‘senti il Bern’, gioco di parole con ‘feel the burn’, ‘senti il bruciore’, frase che indica quando i muscoli lavorano, resa celebre da Jane Fonda nelle sue lezioni di aerobica) e chi ha trovato nella sfida di Sanders una ‘casa’ per le proprie idee e i propri desideri che non credeva di avere.

Partito da uno svantaggio letto come naturale un anno fa -è il solito movimento marginale, si osservava- l’entusiasmo è cresciuto comizio dopo comizio e piccola donazione dopo piccola donazione. Al punto che all’inizio delle primarie in Iowa la sinistra americana aveva già davanti a sé una scelta di campo. E in numeri sempre maggiori sceglievano Sanders.

Notevoli i picchi di popolarità, diverse le sorprese alle urne e nei caucus suo punto forte. Coerente fino ad essere ripetitivo. Dalla sua il vantaggio di portare una raggio di novità dalla forza travolgente quasi paragonabile alla sorpresa dell’America per il primo Obama. Con la differenza però che Bernie Sanders c’era da sempre. Forse non lo si vedeva.

Ma il senatore con il record di presenze al Congresso alla politica ha dedicato una vita e professando sempre lo stesso credo. E diventato però ‘mainstream’ solo adesso, quando a 74 anni ha sfidato Hillary Clinton, ovvero l’establishment democratico per eccellenza.

Hillary però l’ha pure ‘migliorata’. Ne ha fatto una candidata migliore. L’ha anche spinta a sinistra. L’ha indotta a parlare più chiaramente di disuguaglianza economica, a scendere nel dettaglio per un ‘oltre Obamacare’, a promettere di più nella lotta ai cambiamenti climatici.

Sanders ha illuminato una quinta sul palco del partito democratico che se lasciato ad Hillary Clinton da sola per il suo ‘one woman show’ sarebbe rimasto in ombra. Oltre però il senatore liberal non è andato: sarà perché non ha voluto cedere allo stile dei colpi bassi, sarà per quella convinzione che la gentilezza paga (forse meno davanti alle telecamere nei dibattiti in tv), sta di fatto che l’attacco ultimo non lo ha mai sferrato davvero, la battaglia senza esclusione di colpi, l’affondo per colpire dove fa male.

Così più di questo adesso Bernie Sanders non può fare. Ed è anche rischiosa questa sua determinazione nel non voler mollare. I democratici per rimanere alla Casa Bianca hanno bisogno anche dell’elettorato di Sanders. Ne ha bisogno Hillary.

Se ne parlerà tra poche ore nel faccia a faccia tra il senatore e Barack Obama, che sta di certo ritardando l’endorsement ufficiale alla sua ex segretario di Stato perché nel partito vuole mantenere la ‘grazia’. Mentre alla fine poca ne ha mostrata Sanders verso Hillary, nemmeno menzionando l’impresa storica della ex first lady prima donna a conquistare la nomination per le presidenziali.
(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

11:08Mostro Firenze: si riapre caso, indagato ex legionario

(ANSA) - FIRENZE, 26 LUG - Per i delitti del mostro di Firenze ci sarebbe una nuova pista che legherebbe gli 8 duplici omicidi alla 'strategia della tensione', a una 'pista nera'. Il pm che ha sempre indagato sui delitti del mostro, Paolo Canessa, ora procuratore capo a Pistoia, avrebbe indagato secondo quanto scritto sui quotidiani locali, un ex legionario, Giampiero Vigilanti, 86 anni, residente a Prato. L'inchiesta sarebbe condotta in collaborazione con il procuratore aggiunto di Firenze Luca Turco. L'uomo, secondo quanto spiegato, conosceva Pietro Pacciani: come lui nel 1951 abitava a Vicchio, nel Mugello, quando quest'ultimo uccise l'ex rivale sorpreso con la sua ragazza. Vigilanti sarebbe stato sentito da Canessa più volte negli ultimi mesi e condotto nei luoghi dove vennero uccise le coppiette. Era già stato coinvolto marginalmente dalle indagini. La pista nera era stata già emersa 30 anni fa e poi ripresa dopo un esposto dell'avvocato Vieri Adirani, legale dei familiari di Nadine Mauriot, una delle vittime del mostro.

11:02Calcio: Spalletti, frecciata a Jovetic

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "Ci sono calciatori protagonisti, che all'interno di un gruppo dove c'è concorrenza fanno fatica a stare. Non riescono ad autostimolarsi: o giocano, oppure non sono d'accordo a restare per giocarsi il posto. Pretendono di avere un numero di partite garantite, io questo non posso farlo. Quindi è meglio parlarsi chiaro sin da subito per evitare problemi". Il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, alla vigilia della partita contro il Bayern a Singapore per l'International Champions Cup, manda un chiaro messaggio a Stevan Jovetic, autore del gol partita contro il Lione ma destinato a andare via. Sabato l'Inter affronterà il Chelsea di Antonio Conte che ieri ha speso belle parole per il tecnico toscano "Lui è forte e vincente - aggiunge Spalletti - quindi sono contento che abbia espresso certe idee su di me. Antonio è un tecnico attuale, è riuscito a far giocare il Chelsea a 3 in un campionato dove il modulo a 4 era quasi una regola".

10:53Calcio: Di Francesco, ho visto una Roma in crescita

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Nei primi 30' la mia squadra mi è piaciuta tantissimo. Abbiamo avuto un ottimo possesso e fatto pressione contro una squadra abituata ad avere un grande palleggio in Premier e in Champions. Non mi è piaciuta la superficialità in alcune situazioni negli ultimi minuti, ma in generale sono soddisfatto della crescita della squadra: dal punto di vista della manovra è migliorata tanto". Eusebio Di Francesco promuove la sua Roma dopo il successo per 3-2 nell'amichevole contro il Tottenham giocata alla Red Bull Arena di Harrison, negli Stati Uniti, secondo match dell' International Champions Cup. "Ho visto una squadra che deve giocare più in verticale. Tutte le volte in cui lo abbiamo fatto abbiamo fatto male al Tottenham", ha aggiunto il tecnico giallorosso che ha poi parlato di mercato: "Come scelta primaria stiamo cercando un esterno a destra, poi valuteremo se prendere il quinto centrale", ha affermato Di Francesco, secondo il quale tuttavia a luglio "è prematuro" parlare di gap ridotto con la Juventus.

10:51Corte Ue, Hamas resta nella ‘lista nera’ del terrorismo

(ANSA) - BRUXELLES, 26 LUG - Nella sua sentenza del 2014, il Tribunale dell'Unione europea non avrebbe dovuto annullare il mantenimento di Hamas nell'elenco europeo delle organizzazioni terroristiche. E' quanto sancito dalla Corte di giustizia dell'Ue che ha quindi rinviato allo stesso Tribunale la causa intentata dal movimento palestinese al Consiglio Ue che nel 2001 lo aveva inserito nella 'lista nera', con il congelamento dei beni. La Corte ha confermato la cancellazione delle Tigri per la liberazione della patria Tamil dalla lista.

10:46India: palazzo crollato a Mumbai, 17 morti

(ANSA) - NEW DEHLI, 26 LUG - Le squadre di soccorso al lavoro fra le macerie di un edificio crollato ieri a Mumbai (India centrale) hanno rinvenuto durante la notte altri cinque cadaveri facendo salire a 17 il bilancio dell'incidente. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Secondo le prime verifiche realizzate nel quartiere di Ghatkopar la struttura del palazzo di quattro piani afflosciatosi, secondo testimoni oculari, "come un castello di carte", sarebbe stata resa fragile da lavori di ristrutturazione non autorizzati al piano terra per l'adeguamento di una casa di riposo. La polizia, si è appreso, ha arrestato al termine di un interrogatorio il responsabile dei lavori.

10:32Incendio Milano: in corso ‘smassamento’, fumi diminuiti

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - Hanno lavorato ancora tutta la scorsa notte i vigili del fuoco che sono intervenuti nell' incendio divampato nell'azienda di stoccaggio rifiuti Carluccio srl, nella periferia nord di Milano. Secondo quanto riferito, la nube di fumo biancastro e denso sprigionata per tutta la giornata di ieri, e che aveva invaso un intero quartiere, diffondendo l'odore acre fino in centro città, è ora molto contenuta. I pompieri da stamani stanno procedendo allo "smassamento" delle macerie, operazione lunga e difficoltosa durante la quale, con pale meccaniche e 'ragni', si separano dal mucchio varie parti ancora incandescenti e poi si spengono con acqua. Un'operazione che produce fumi, ma meno rilevanti. Al momento, in via Senigallia, operano ancora 6 squadre di pompieri, e le operazioni andranno avanti per almeno tutta la giornata di oggi.

10:31Incendi: scoppia rogo nel Sassarese, già spento

(ANSA) - SASSARI, 26 LUG - Non cala la forza del maestrale e resta alta in Sardegna l'allerta per il pericolo incendi. Dopo i numerosi roghi scoppiati ieri dal sud al nord dell'isola (con abitazioni evacuate e turisti in fuga dalle spiagge), oggi la giornata è iniziata con un incendio nei boschi intorno a Nughedu San Nicolò, vicino a Ozieri (Sassari), prontamente domato dai vigili del fuoco di Sassari e dagli uomini del Corpo forestale della Regione Sardegna. Per fermare le fiamme prima che si impossessassero della vasta area boschiva è stato necessario anche l'intervento di un elicottero, che solo poco fa, dopo un'ora di intervento, ha bonificato l'area e ha definitivamente spento il rogo. Date le condizioni climatiche resta comunque l'allerta massima in tutta la zona. (ANSA).

Archivio Ultima ora