Nato: Stoltenberg, ‘non vogliamo una nuova guerra fredda’

Pubblicato il 09 giugno 2016 da ansa

(ANSA) – BERLINO, 9 GIU – L’Alleanza Atlantica non vuole una nuova guerra fredda e rispetterà l’atto fondatore Nato-Russia firmato a Parigi nel 1997: lo garantisce in una lunga intervista a Der Spiegel il segretario generale Jens Stoltenberg. A pochi giorni dal Vertice di Varsavia, ai primi di luglio, Stoltenberg spiega che c’é’ l’ipotesi di “inviare unita’ delle dimensioni di un battaglione verso diversi paesi nelle aree orientali dell’Alleanza, che potranno essere rapidamente rafforzate in caso di emergenza”, mentre la forza di reazione rapida “e’ triplicata in dimensioni, fino a 40mila militari”, per rispondere ad una eventuale minaccia russa. Ma il segretario generale garantisce che “rispetteremo i nostri obblighi internazionali e con l’atto fondatore Nato-Russia. La nostra presenza più forte ad est sarà sotto forma di truppe a rotazione, insieme con la possibilità di portare rinforzi in caso di incidenti”. “Non dimentichiamo – aggiunge Stoltenberg – che non siamo più nella guerra fredda. A quei tempi c’erano centinaia di migliaia di soldati stazionati in permanenza alle frontiere della Nato”. L’atto fondatore “stabilisce che non verranno stazionate unita’ sostanziali di combattimento nelle aree orientali dell’Alleanza. I nostri piani sono ad ogni modo sotto al di sotto di questa soglia, comunque venga interpretato questo accordo”. Infine Stoltenberg, afferma: “La nostra risposta ad una nuova situazione dal punto di vista della sicurezza, con una Russia più aggressiva, e’ di difesa ed e’ proporzionata. Abbiamo detto con chiarezza che non vogliamo un confronto. Non vogliamo una nuova guerra fredda, stiamo lavorando per una relazione più costruttiva con Mosca”. (ANSA).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

13:15Basket: Nba, Rockets si inchinano ai Warriors

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Golden State ha vinto il match clou della notte in Nba, battendo 125-108 gli Houston Rockets di Mike D'Antoni. La squadra più forte della Western Conference ha confermato il suo primato tenendo a bada una delle avversarie più pericolose e conquistando la sesta vittoria di fila. James Harden ha potuto fare poco (17 punti e 11 assist), contro il reparto difensivo dei Warriors, mentre in attacco i suoi rivali hanno spadroneggiato, Kevin Durant con 32 punti e Stephen Curry con 24. La sfida è finita nel terzo quarto, quando i Warriors hanno preso 20 punti di vantaggio che sono rimasti più o meno costanti fino al termine. Negli altri incontri, hanno vinto gli Hornets di Marco Belinelli, autore di sei punti negli ultimi minuti nel 113-78 inflitto ai Toronto Raptors.

13:12Rigopiano: si cercano tracce cellulari, è corsa contro tempo

(ANSA) - RIGOPIANO (PESCARA), 21 GEN - Nella corsa contro il tempo per salvare le persone intrappolate dalla slavina nell'albergo Rigopiano a Farindola giocano un ruolo-chiave anche le sofisticate tecnologie in uso alla Polizia Scientifica. Analoghe sofisticate apparecchiature vengono utilizzate dalla Guardia di Finanza. Ieri sera il gatto delle nevi è riuscito a portare sul posto le strumentazioni elettroniche che vengono abitualmente utilizzate dalla Polizia per la geolocalizzazione dei cellulari e che sono state posizionate nella mansarda dell'albergo per catturare i segnali provenienti da una lista di undici cellulari forniti dalla squadra mobile di Pescara e appartenenti ai dispersi. Le strumentazioni, nonostante il buio, il freddo e la neve, hanno consentito di individuare il punto preciso in cui scavare, dando una traccia preziosa ai soccorsi.

13:02May, Trump riconoscerà importanza e significato Nato

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La premier britannica Theresa May è convinta che il neo presidente degli Stati Uniti Donald Trump "riconosce l'importanza ed il significato della Nato" e "della cooperazione che abbiamo in Europa per garantire la nostra difesa e sicurezza collettiva". In una intervista al Financial Times, May, attesa il mese prossimo a Washington per un incontro con Trump, conferma di puntare ad un ampio accordo commerciale Gb-Usa per il dopo Brexit, ma non condivide con il tycoon l'ipotesi che l'Ue possa in futuro disintegrarsi.

13:00Bus ungherese: Alfano, profondo dolore, vicinanza a vittime

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Ho appreso con profondo dolore la notizia del terribile incidente di un pullman ungherese sulla A4, a causa del quale hanno perso la vita sedici giovani studenti". Lo ha dichiarato in una nota il ministro degli Esteri, Angelino Alfano. "Esprimo solidarietà e forte vicinanza del governo italiano alle autorità ungheresi, ai familiari delle vittime, ai feriti, confidando per questi ultimi in una pronta guarigione", ha aggiunto il ministro.

13:00Bus ungherese: Alfano, profondo dolore, vicinanza a vittime

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Ho appreso con profondo dolore la notizia del terribile incidente di un pullman ungherese sulla A4, a causa del quale hanno perso la vita sedici giovani studenti". Lo ha dichiarato in una nota il ministro degli Esteri, Angelino Alfano. "Esprimo solidarietà e forte vicinanza del governo italiano alle autorità ungheresi, ai familiari delle vittime, ai feriti, confidando per questi ultimi in una pronta guarigione", ha aggiunto il ministro.

12:56Morto Renato Buzzonetti, per 30 anni medico dei Papi

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 GEN - E' morto questa notte a Roma all'età di 92 anni il dottor Renato Buzzonetti, che dal 1978 era stato medico di san Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI. Lo rendono noto l'Osservatore Romano su Twitter e la Radio Vaticana sul suo sito. Nato a Roma il 23 agosto 1924, Buzzonetti era andato in pensione nel giugno 2009. Per ventisei anni medico principale di Karol Wojtyla, per quattro di Joseph Ratzinger e, prima, del beato Paolo VI, come secondo del dottor Mario Fontana, e di Albino Luciani. Benedetto XVI gli aveva concesso il titolo onorifico di archiatra pontificio emerito.

12:54Sci: cdm, Lindsey Vonn vince discesa Garmisch-Partenkirchen

(ANSA) - GARMISCH-PARTENKIRCHEN (GERMANIA), 21 GEN - La statunitense Lindsey Vonn ha vinto la discesa di coppa del mondo di Garmisch-Partenkirchen, cogliendo la sua vittoria n.77 in coppa del mondo: mai una donna era riuscita a tanto. Inoltre, la campionessa Usa era solo alla seconda gara dopo il suo rientro alle competizioni a causa di un paio di incidenti che l'hanno tenuta bloccata per quasi un anno. Vonn - 32 anni, tre titoli mondiali, un oro olimpico e quattro coppe del mondo - ha chiuso con il tempo di 1.43.41, precedendo la svizzera Lara Gut in 1.43.56 e la tedesca VIktoria Rebensburg in 1.43.89. Miglior azzurra e' stata Sofia Goggia, quinta in 1.44.29.

Archivio Ultima ora