Voragine in centro a Milano, gup manda a processo 4 persone

(ANSA) – MILANO, 9 GIU – Per la voragine profonda una dozzina di metri e dell’ampiezza di 6 metri per 3 che si era aperta in centro a Milano la mattina del 26 luglio di due anni fa, complici le forti piogge, quattro persone sono state rinviate a giudizio con l’accusa di disastro doloso. Lo ha deciso oggi il gup Chiara Valori che ha accolto la richiesta del pm Maura Ripamonti, titolare dell’inchiesta. Secondo il capo di imputazione i quattro imputati avrebbero cagionato “con colpa consistita in negligenza, imprudenza e imperizia, il crollo del manto stradale” in corso di Porta Romana all’angolo con via Madre Cabrini. Parti civili, già ammesse in udienza preliminare, sono il Comune di Milano, Metropolitana Milanese e A2A per il danneggiamento della rete del gas.

Condividi: