Una donna alla Casa Bianca?

Pubblicato il 09 giugno 2016 da Luca Marfé

Hillary Clinton - Foto di Luca Marfé

Hillary Clinton – Foto di Luca Marfé

Personalmente, non ho mai creduto nelle cosiddette “quote” né tantomeno in quelle “rosa”. Ho sempre pensato che una donna abbia il diritto, sacrosanto, di arrivare ad occupare la poltrona che le spetta non perché stabilito da una legge, ma per merito, capacità e nient’altro.
Eppure sono necessarie, mi ripetono in molti. Forse, mi dico di tanto in tanto.
Ma è proprio qui dagli Stati Uniti, come spesso accade del resto, che arriva il più potente segnale di cambiamento del nostro tempo: una donna, Hillary Diane Rodham Clinton, è la candidata del Partito Democratico per la presidenza del Paese.
Non si tratta, dunque, di fare la Storia. Perché Hillary, di fatto, nella Storia c’è già.
Ben lontana dall’essere amata da tutti. Sul suo profilo pesano come macigni una certa maniera di fare politica, che a detta di molti sa di vecchio, e l’oramai noto scandalo delle email (è accusata di aver dato seguito a conversazioni “sensibili” dal suo account personale). Non solo. Non se ne parla molto, ma il fatto di aver vestito i panni della First Lady rappresenta di per sé un ulteriore ostacolo. Per quanto avesse già ampiamente dato prova di sé in termini di personalità e professionalità (la Clinton è stata nell’ordine avvocato, docente universitario, senatrice e Segretario di Stato), per otto lunghi anni, dal 1993 al 2001, è stata spesso considerata “la moglie di” e nulla più.
E invece eccola. Più forte del maschilismo che continua ad impregnare la società americana. Più forte degli scandali (ricordate una certa Monica Lewinsky?). Più forte di Bernie Sanders e delle divisioni che in questi mesi hanno animato il fronte interno del Partito Democratico.
Eccola di fronte al sogno. Un sogno che non è soltanto il suo, ma che potrebbe entrare con prepotenza nell’immaginario collettivo di migliaia e migliaia di fanciulle americane che ambiscano a raggiungere grandi traguardi. Un sogno che di fatto, all’indomani della vittoria in New Jersey ed in California, si sta già materializzando. E che la stessa Hillary ha voluto celebrare così.
«Ad ogni giovane donna che sogna in grande: sì, tu puoi essere tutto ciò che vuoi, persino presidente. Questa notte è per te».

Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

lucamarfe
Luca Marfé

Papà di Laerte. Un sognatore contagioso, un entusiasta. (Giornalista professionista OdG). Manhattan, NY.

www.lucamarfe.com




Ultimi articoli


20 dicembre 2016

Buon Natale, nonostante tutto



09 dicembre 2016

Renzi, da rottamatore a rottamato



24 novembre 2016

25 anni senza Freddie Mercury



04 ottobre 2016

Tutti diversi, tutti uguali



25 agosto 2016

C’è differenza



29 giugno 2016

Leggere anziché scrivere