Obama: nessuno meglio di Hillary per la presidenza

Pubblicato il 09 giugno 2016 da redazione

obama-hillary

WASHINGTON. – “Sono con lei”. “Non credo ci sia mai stato nessuno di altrettanto qualificato”. Barack Obama rompe gli indugi e si schiera al fianco di Hillary Clinton, annunciando ufficialmente il suo endorsement per la candidata a succedergli alla Casa Bianca.

Lo fa comparendo in video per chiedere ai suoi sostenitori e all’elettorato democratico di votare per Hillary, la sua ex segretario di Stato, ma anche la sua ex rivale. E come a dare garanzia di qualità afferma: “So quanto è difficile questo lavoro. Per questo so che Hillary lo farà bene”.

“Ha il coraggio, la comprensione e il cuore per farlo”. “Ho visto la sua capacità di giudizio, la sua tenacia, il suo impegno per i nostri valori e la sua determinazione a dare un’opportunità a tutti gli americani”, spiega.

E la cnadidata alla casa Bianca non si fa attendere nel ringraziare: sono “onorata di averti con me, presidente”, twitta. Diffuso su twitter dalla campagna della candidata, il video chiude una mattinata intensa alla Casa Bianca, aperta con un lungo e atteso incontro tra il presidente e Bernie Sanders, che ancora non molla e resta ad oggi lo sfidante di Hillary.

Ma apre alla candidata affermando che farà tutto il possibile, anche e soprattutto in chiave anti-Trump. Sono le prove tecniche di quell’unità che Obama auspica e cui ha fatto appello in maniera sempre più intensa anche nelle ultime ore.

Ogni mossa appare come una prova di tatto politico, un ‘balletto’ che a piccoli passi ha visto il presidente schierarsi, ufficializzando quella che ormai da giorni in molti davano come la sua scelta. Ma senza mai sminuire il ruolo del senatore liberal, la sua sorprendente campagna, che Obama nel video torna a ringraziare per l’energia portata al partito. E anche per i voti.

Sanders era arrivato in mattinata alla Casa Bianca atteso quasi come un capo di Stato, con decine di telecamere e reporter schierati. Oltre un’ora di faccia a faccia con il presidente. L’incontro lo aveva voluto Sanders e Obama ha aspettato che il senatore parlasse ai cronisti, che ripetesse i pilastri della sua campagna elettorale e rinnovasse l’impegno a portarli uno per uno alla convention del partito a Filadelfia, determinato a contare.

A dire ancora una volta che vuole andare fino in fondo, fino alle ultime primarie democratiche martedì a Washington DC. Ma non senza una apertura, la prima così netta, nella promessa di fare “tutto il possibile per scongiurare che Donald Trump diventi presidente”, pronto anche ad incontrare presto Hillary Clinton per discutere con lei dei possibili sforzi comuni per sconfiggere il tycoon.

Sanders è andato poi a Capitol Hill, la sua ‘casa’ da senatore, ha visto Harry Reid, il leader della minoranza democratica al Senato e una delle figure più influenti del partito democratico. E si vocifera ci sia stato anche un incontro con il vicepresidente Biden. Con tutti per delineare il prossimo passo. Consapevole che l’endorsement di Obama sarebbe giunto di lì a poco.

Il video di Obama era stato registrato martedì, nel giorno dell’ultimo Super Tuesday delle primarie 2016 e all’indomani di quel conteggio effettuato dalla Associated Press che dava ad Hillary Clinton già il vantaggio aritmetico necessario per la storica nomination.

Obama torna in campo, quindi, ‘on the road’ con Hillary già a partire dal prossimo mercoledì in Wisconsin, a Green Bay per il primo evento elettorale al fianco della candidata. E pensare che l’ultima volta in cui i due erano sul campo insieme lo erano da rivali, acerrimi, con una sfida senza esclusioni di colpi che ha visto la coppia Obama-Hillary fare la Storia.

Potrebbero tornare a farlo per la seconda volta, ma stavolta alleati per la prima donna alla Casa Bianca.

Trump intanto non resta nell’ombra. E subito dopo le parole di Obama non tarda a sferrare la sua ‘stoccata’, via twitter: “con il suo endorsement alla corrotta Hillary, Obama vuole altri 4 anni”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

23:04I campioni dell’ Nba non andranno alla Casa Bianca, ‘delusi’

(ANSA) - NEW YORK, 23 SET - L'intera squadra dei Golden State Warriors, campione in carica della Nba, la principale lega professionistica del basket americano, non andrà alla Casa Bianca. In una nota il team si dice "deluso" e difende la sua star Stephen Curry, attaccata dal presidente americano. "Non c'è niente di più americano della possibilità che ogni cittadino possa esprimere liberamente le sue opinioni", si legge. I Warriors annunciano comunque che saranno ugualmente a Washington in febbraio e, invece della programmata visita alla Casa Bianca, troveranno il modo per "celebrare l'uguaglianza, la diversità e l'inclusione. Tutti valori che la nostra organizzazione - si legge ancora - sostiene da sempre".

21:32Minniti a Atreju,applausi e fischi,’ma non sono Crozza’

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Il timore lo confessa subito: "mentre venivo qui pensavo: se mi applaudono troppo, significa che mi hanno scambiato per Crozza". Il ministro dell'Interno Marco Minniti esordisce così al dibattito ad Atreju, la festa di Fratelli d'Italia. Alla fine di un vivace confronto durato oltre un'ora, avrà incassato molti applausi ma anche qualche fischio - soprattutto quando liquida il fascismo - da parte di una platea con diversi nostalgici del Ventennio. Minniti strizza l'occhio al pubblico di Atreju quando ricorda che da sottosegretario alla presidenza del Consiglio gli fu assegnata la stanza con la scrivania di Mussolini e, da sottosegretario alla Difesa, quella di Balbo. Rivendica i risultati ottenuti sul fronte dell'immigrazione illegale, la direttiva sugli sgomberi che "concilia il principio di legalità con quello di umanità" e l'eliminazione del grado di appello nei ricorsi contro il diniego dello status di rifugiato: "sono ministro da 9 mesi, perché queste cose non le hanno fatte i governi di centrodestra?".

21:26Calcio: Sarri “Non ci sentiamo l’antagonista della Juventus”

(ANSA) - ROMA, 23 SET - "La Spal ha fatto un'ottima partita e abbiamo giocato su un terreno indegno per questa categoria. E per una squadra come la nostra essere costretti a fare sempre un tocco in più il problema si accentua". E' l'unico neo che Maurizio Sarri vede nella vittoria del Napoli a Ferrara. Parlando a Premium, il tecnico azzurro innanzitutto "la grande partita degli avversari. Abbiamo dovuto fare un secondo tempo di buon livello per vincere. Se la Spal è giocherà così per tutto l'anno, questo sarà un campo difficile". Nessuna novità sulle condizioni di Milik: "Domani farà un controllo e avremo le idee più chiare. Non è comunque il ginocchio che si è infortunato l'anno scorso", chiarisce Sarri che non si sente l'antagonista principale della Juventus: "Non ci sentiamo l'anti-Juve, siamo una squadra che sta facendo tanti punti e siamo migliorati rispetto agli scorsi anni: siamo più capaci di sopportare gli eventi negativi delle gare. Abbiamo fatto un buon inizio, questo ci dà fiducia per continuare a lavorare".

21:12Premier: Liverpool corsaro a Leicester, vetta a -5

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Vittoria sofferta e 'pesante' del Liverpool al Leicester Stadium. E' finita 3-2 per la squadra di Jurgen Klopp che deve ringraziare Jamie Vardy che ha sbagliato il rigore del possibile pari a 17' minuti dal termine. Reds avanti 2-0 grazie alle reti di Salah (15') e Coutinho (23') prima del risveglio della squadra di casa con Okazaki (48' pt). Nella ripresa Herserson (68') porta a tre le reti degli ospiti ma Vardy un minuto dopo (69') riporta sotto le Foxes. Decisivo, come detto, l'errore dal dischetto dell'attaccante che al 73' spara sui guantoni di Mignolet la palla del possibile pareggio. In classifica il Liverpool sale a 11 punti, cinque in meno delle capoliste City e United (16) e due in meno del Chelsea (13).

Archivio Ultima ora