Obama: nessuno meglio di Hillary per la presidenza

Pubblicato il 09 giugno 2016 da redazione

obama-hillary

WASHINGTON. – “Sono con lei”. “Non credo ci sia mai stato nessuno di altrettanto qualificato”. Barack Obama rompe gli indugi e si schiera al fianco di Hillary Clinton, annunciando ufficialmente il suo endorsement per la candidata a succedergli alla Casa Bianca.

Lo fa comparendo in video per chiedere ai suoi sostenitori e all’elettorato democratico di votare per Hillary, la sua ex segretario di Stato, ma anche la sua ex rivale. E come a dare garanzia di qualità afferma: “So quanto è difficile questo lavoro. Per questo so che Hillary lo farà bene”.

“Ha il coraggio, la comprensione e il cuore per farlo”. “Ho visto la sua capacità di giudizio, la sua tenacia, il suo impegno per i nostri valori e la sua determinazione a dare un’opportunità a tutti gli americani”, spiega.

E la cnadidata alla casa Bianca non si fa attendere nel ringraziare: sono “onorata di averti con me, presidente”, twitta. Diffuso su twitter dalla campagna della candidata, il video chiude una mattinata intensa alla Casa Bianca, aperta con un lungo e atteso incontro tra il presidente e Bernie Sanders, che ancora non molla e resta ad oggi lo sfidante di Hillary.

Ma apre alla candidata affermando che farà tutto il possibile, anche e soprattutto in chiave anti-Trump. Sono le prove tecniche di quell’unità che Obama auspica e cui ha fatto appello in maniera sempre più intensa anche nelle ultime ore.

Ogni mossa appare come una prova di tatto politico, un ‘balletto’ che a piccoli passi ha visto il presidente schierarsi, ufficializzando quella che ormai da giorni in molti davano come la sua scelta. Ma senza mai sminuire il ruolo del senatore liberal, la sua sorprendente campagna, che Obama nel video torna a ringraziare per l’energia portata al partito. E anche per i voti.

Sanders era arrivato in mattinata alla Casa Bianca atteso quasi come un capo di Stato, con decine di telecamere e reporter schierati. Oltre un’ora di faccia a faccia con il presidente. L’incontro lo aveva voluto Sanders e Obama ha aspettato che il senatore parlasse ai cronisti, che ripetesse i pilastri della sua campagna elettorale e rinnovasse l’impegno a portarli uno per uno alla convention del partito a Filadelfia, determinato a contare.

A dire ancora una volta che vuole andare fino in fondo, fino alle ultime primarie democratiche martedì a Washington DC. Ma non senza una apertura, la prima così netta, nella promessa di fare “tutto il possibile per scongiurare che Donald Trump diventi presidente”, pronto anche ad incontrare presto Hillary Clinton per discutere con lei dei possibili sforzi comuni per sconfiggere il tycoon.

Sanders è andato poi a Capitol Hill, la sua ‘casa’ da senatore, ha visto Harry Reid, il leader della minoranza democratica al Senato e una delle figure più influenti del partito democratico. E si vocifera ci sia stato anche un incontro con il vicepresidente Biden. Con tutti per delineare il prossimo passo. Consapevole che l’endorsement di Obama sarebbe giunto di lì a poco.

Il video di Obama era stato registrato martedì, nel giorno dell’ultimo Super Tuesday delle primarie 2016 e all’indomani di quel conteggio effettuato dalla Associated Press che dava ad Hillary Clinton già il vantaggio aritmetico necessario per la storica nomination.

Obama torna in campo, quindi, ‘on the road’ con Hillary già a partire dal prossimo mercoledì in Wisconsin, a Green Bay per il primo evento elettorale al fianco della candidata. E pensare che l’ultima volta in cui i due erano sul campo insieme lo erano da rivali, acerrimi, con una sfida senza esclusioni di colpi che ha visto la coppia Obama-Hillary fare la Storia.

Potrebbero tornare a farlo per la seconda volta, ma stavolta alleati per la prima donna alla Casa Bianca.

Trump intanto non resta nell’ombra. E subito dopo le parole di Obama non tarda a sferrare la sua ‘stoccata’, via twitter: “con il suo endorsement alla corrotta Hillary, Obama vuole altri 4 anni”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

10:06Gambia: ultimatum a Jammeh, lascia o intervento truppe

(ANSA) - DAKAR, 20 GEN - Il presidente sconfitto del Gambia, Yahya Jammeh, dovrà lasciare il Paese di sua spontanea volontà entro mezzogiorno ora locale (le 13:00 in Italia) o sarà costretto ad andarsene con la forza: lo ha detto Marcel Alain de Souza, presidente dell'Ecowas, l'organizzazione che raggruppa i Paesi dell'Africa occidentale. Le truppe dell'Ecowas sono entrate in Gambia ieri sera, dopo il giuramento del presidente eletto Adama Barrow nell'ambasciata gambiana del vicino Senegal.

09:23Trump: viaggio e’ iniziato, voglio cambiamento reale

(ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - "Il viaggio e' iniziato, e' iniziato 18 mesi fa. Quello che voglio e' un cambiamento reale": cosi' Donald Trump intervenendo nel corso del concerto inaugurale. "Voglio unire il Paese e fare l'America di nuovo grande. Grande per tutti".

08:44Messico: ‘El Chapo’ estradato in Usa, in volo per NY

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 GEN - Joaquin 'El Chapo' Guzman, ex signore della droga messicano, è stato estradato verso gli Usa dove deve rispondere di accuse legate al narcotraffico. Lo ha annunciato il governo messicano, che lo ha trasferito all'aeroporto di Ciudad Juarez, dove è stato preso in consegna da agenti Usa. Funzionari statunitensi hanno confermato che l'ex capo del cartello di Sinaloa è atterrato in un aeroporto di periferia, dove lo aspettava una colonna di suv per portarlo via. Passerà la notte in una prigione di New York, prima della comparizione prevista oggi in un tribunale federale di Brooklyn. L'ex boss dei narcos si è reso protagonista di due arresti e altrettante fughe avventurose, fino a quando non è stato preso per la terza volta.

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

Archivio Ultima ora