Obama: nessuno meglio di Hillary per la presidenza

Pubblicato il 09 giugno 2016 da redazione

obama-hillary

WASHINGTON. – “Sono con lei”. “Non credo ci sia mai stato nessuno di altrettanto qualificato”. Barack Obama rompe gli indugi e si schiera al fianco di Hillary Clinton, annunciando ufficialmente il suo endorsement per la candidata a succedergli alla Casa Bianca.

Lo fa comparendo in video per chiedere ai suoi sostenitori e all’elettorato democratico di votare per Hillary, la sua ex segretario di Stato, ma anche la sua ex rivale. E come a dare garanzia di qualità afferma: “So quanto è difficile questo lavoro. Per questo so che Hillary lo farà bene”.

“Ha il coraggio, la comprensione e il cuore per farlo”. “Ho visto la sua capacità di giudizio, la sua tenacia, il suo impegno per i nostri valori e la sua determinazione a dare un’opportunità a tutti gli americani”, spiega.

E la cnadidata alla casa Bianca non si fa attendere nel ringraziare: sono “onorata di averti con me, presidente”, twitta. Diffuso su twitter dalla campagna della candidata, il video chiude una mattinata intensa alla Casa Bianca, aperta con un lungo e atteso incontro tra il presidente e Bernie Sanders, che ancora non molla e resta ad oggi lo sfidante di Hillary.

Ma apre alla candidata affermando che farà tutto il possibile, anche e soprattutto in chiave anti-Trump. Sono le prove tecniche di quell’unità che Obama auspica e cui ha fatto appello in maniera sempre più intensa anche nelle ultime ore.

Ogni mossa appare come una prova di tatto politico, un ‘balletto’ che a piccoli passi ha visto il presidente schierarsi, ufficializzando quella che ormai da giorni in molti davano come la sua scelta. Ma senza mai sminuire il ruolo del senatore liberal, la sua sorprendente campagna, che Obama nel video torna a ringraziare per l’energia portata al partito. E anche per i voti.

Sanders era arrivato in mattinata alla Casa Bianca atteso quasi come un capo di Stato, con decine di telecamere e reporter schierati. Oltre un’ora di faccia a faccia con il presidente. L’incontro lo aveva voluto Sanders e Obama ha aspettato che il senatore parlasse ai cronisti, che ripetesse i pilastri della sua campagna elettorale e rinnovasse l’impegno a portarli uno per uno alla convention del partito a Filadelfia, determinato a contare.

A dire ancora una volta che vuole andare fino in fondo, fino alle ultime primarie democratiche martedì a Washington DC. Ma non senza una apertura, la prima così netta, nella promessa di fare “tutto il possibile per scongiurare che Donald Trump diventi presidente”, pronto anche ad incontrare presto Hillary Clinton per discutere con lei dei possibili sforzi comuni per sconfiggere il tycoon.

Sanders è andato poi a Capitol Hill, la sua ‘casa’ da senatore, ha visto Harry Reid, il leader della minoranza democratica al Senato e una delle figure più influenti del partito democratico. E si vocifera ci sia stato anche un incontro con il vicepresidente Biden. Con tutti per delineare il prossimo passo. Consapevole che l’endorsement di Obama sarebbe giunto di lì a poco.

Il video di Obama era stato registrato martedì, nel giorno dell’ultimo Super Tuesday delle primarie 2016 e all’indomani di quel conteggio effettuato dalla Associated Press che dava ad Hillary Clinton già il vantaggio aritmetico necessario per la storica nomination.

Obama torna in campo, quindi, ‘on the road’ con Hillary già a partire dal prossimo mercoledì in Wisconsin, a Green Bay per il primo evento elettorale al fianco della candidata. E pensare che l’ultima volta in cui i due erano sul campo insieme lo erano da rivali, acerrimi, con una sfida senza esclusioni di colpi che ha visto la coppia Obama-Hillary fare la Storia.

Potrebbero tornare a farlo per la seconda volta, ma stavolta alleati per la prima donna alla Casa Bianca.

Trump intanto non resta nell’ombra. E subito dopo le parole di Obama non tarda a sferrare la sua ‘stoccata’, via twitter: “con il suo endorsement alla corrotta Hillary, Obama vuole altri 4 anni”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

04:21Russiagate: Senato chiede documenti a campagna Trump da 2015

NEW YORK - La commissione di intelligence del Senato, alla quale fa capo l'indagine sulla possibile interferenza della Russia alle elezioni del 2016, ha chiesto alla campagna di Donald Trump di raccogliere e presentare tutti i documenti, le email e le telefonate con la Russia a partire dal 2015, da quando Trump ha lanciato la sua campagna elettorale. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti.

04:16Russiagate: democratici attaccano, Trump licenzi Kushner

NEW YORK - Donald Trump ''non ha altra scelta'' che licenziare Jared Kushner, uno dei suoi consiglieri piu' stretti e marito di Ivanka. Lo afferma il Democratic National Committee, commentando le indiscrezioni del Washington Post, secondo le quali Kushner avrebbe chiesto all'ambasciatore russo negli Stati Uniti un canale di comunicazione diretto e segreto con il Cremlino.

04:13Russiagate: Wp, Kushner voleva canale diretto Cremlino

NEW YORK - Jared Kushner, il consigliere di Donald Trump e marito di Ivanka, ha discusso con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak, la possibilita' di instaurare un canale di comunicazione segreto e sicuro fra il transition team di Trump e il Cremlino. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe suggerito di usare le strutture diplomatiche russe per le comunicazioni in modo da schermarle.

04:06Afghanistan: talebani uccidono 18 soldati in Kandahar

KABUL - Un folto gruppo di talebani ha attaccato nella notte fra mercoledì e giovedi' una base dell'esercito afghano nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 18 soldati e ferendone altri 16. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pajhwok. Un ufficiale, che ha chiesto di non essere identificato, ha indicato che l'attacco e' avvenuto nell'area di Zangitan del distretto di Shah Walikot provocando uno scontro a fuoco durato tre ore.

Archivio Ultima ora