La senatrice Warren vice di Clinton? Sono pronta

Pubblicato il 10 giugno 2016 da redazione

Elizabeth Warren e Hillary Clinton durante un'udienza al Senato

Elizabeth Warren e Hillary Clinton durante un’udienza al Senato

WASHINGTON. – Ora sono tutti uniti con Hillary contro Trump “il razzista e aspirante tiranno”, probabilmente tra poco anche il suo rivale Bernie Sanders.

La candidata democratica alla Casa Bianca ha incassato tre endorsement pesanti che suggellano forse la sua migliore settimana nelle primarie: prima quello di Barack Obama, poi quello del vicepresidente Joe Biden ed infine quello della senatrice Elisabeth Warren, icona liberal del partito, che oggi ha incontrato per oltre un’ora nella sua casa di Washington alimentando l’ipotesi di un ticket tutto femminile, altro possibile primato storico dopo il traguardo della prima nomination ad una donna.

Un “grande onore” riceverli, ha detto oggi tornando ad aggredire il candidato repubblicano in un centro per la pianificazione familiare a Washington: “Vuole tagliarvi i fondi e portare indietro le lancette dell’orologio, quando l’aborto era illegale, le donne avevano molte meno opzioni e la vita per troppe donne e ragazze era limitata”, ha denunciato, ricordando tutti gli epiteti “disgustosi” usati dal tycoon contro le donne.

Il suo è l’ultimo di una serie di attacchi convergenti dai pezzi da novanta del partito contro il tycoon, che fatica invece a guadagnarsi l’unità dei repubblicani. Obama ha criticato più volte Trump, pur senza mai nominarlo, e ospite del ‘Tonight Show’ di Jimmy Fallon, lo ha sbeffeggiato quando gli è stato chiesto se di recente ha seguito la vittoria del magnate alle primarie: “No, ma ho visto il mio nuovo show preferito, ‘Orange is Not the New Black'”, un riferimento al colore dei capelli del tycoon.

Poi è stato il turno di Biden: “La condotta di Donald Trump sta letteralmente minando la fiducia nella giustizia e rischia di danneggiare l’indipendenza dei giudici. I suoi comportamenti sono riprovevoli e razzisti, puzzano di autoritarismo e di tirannia”, ha incalzato, commentando l’attacco del tycoon al giudice “messicano” che si sta occupando del caso della Trump University.

“Un razzista prepotente e permaloso. Un aspirante tiranno”, ha infine affondato la Warren, che pur essendo stata l’unica senatrice democratica a non sbilanciarsi nelle primarie ha ingaggiato da tempo un duro scontro, anche via twitter, con Trump.

E proprio lei potrebbe essere il numero 2 del ticket di Hillary. “Io sono pronta”, ha fatto sapere. Tra loro non c’è un legame profondo ma l’intesa sta crescendo, con reciproci attestati di stima. L’eventuale scelta delle senatrice avrebbe pro e contro.

Potrebbe giocare a sfavore il fatto di un tandem tutto al femminile con due donne vicine ai 70 anni. Trump ci spera, anche se forse sotto sotto la teme: “Di nuovo Pocahontas (così l’ha soprannominata per le sue origini legate agli Indiani d’America, ndr)! La stupida Elisabeth Warren, uno dei senatori meno produttivi, ha una bocca odiosa. Spero che sia scelta Vp”, ha twittato.

Ma ci sarebbero anche indubbi vantaggi per Hillary: non solo poter contare su un ‘cane da attacco’ formidabile, ma anche su una figura capace di attrarre l’elettorato giovane e liberal di Sanders. Anche quest’ultimo potrebbe vederla come una garanzia per una piattaforma più di sinistra, convincendosi a serrare i ranghi, dopo aver incassato in qualche modo l’onore delle armi da Obama e dai vertici del partito democratico.

In ogni caso ci penserà anche il presidente, che gode di una popolarità sopra al 50%, a dare una mano a Hillary dove è più debole, ad esempio tra i giovani, tra gli indipendenti, facendo campagna con lei negli swing states, ossia negli stati in bilico. Prima uscita insieme la prossima settimana in Wisconsin.

Trump ha già cominciato ad usare la carta del “terzo mandato di Obama” e l’ha nuovamente accusata per i suoi discorsi pagati a peso d’oro da Wall Street e per l’Emailgate, tornato a perseguitarla per una serie di email tra diplomatici americani a Islamabad e i loro superiori a Washington sugli attacchi con droni.

E, davanti ad una platea di cristiani evangelici del movimento Fede e libertà, ha cercato di riposizionarsi sottolineando il suo impegno per le cause conservatrici, per la fede, la famiglia e la vita, con una virata sull’aborto.

Ma per ora continua a essere protagonista di guai giudiziari (in 30 anni 3.500 cause, di cui 60 recenti, per lavori non pagati) e stenta ad unire i repubblicani: il leader della maggioranza Mitch McConnell ha ammesso che non ha esperienza su tante cose e lo ha invitato a trovare un numero due “altamente sperimentato”.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora