La senatrice Warren vice di Clinton? Sono pronta

Pubblicato il 10 giugno 2016 da redazione

Elizabeth Warren e Hillary Clinton durante un'udienza al Senato

Elizabeth Warren e Hillary Clinton durante un’udienza al Senato

WASHINGTON. – Ora sono tutti uniti con Hillary contro Trump “il razzista e aspirante tiranno”, probabilmente tra poco anche il suo rivale Bernie Sanders.

La candidata democratica alla Casa Bianca ha incassato tre endorsement pesanti che suggellano forse la sua migliore settimana nelle primarie: prima quello di Barack Obama, poi quello del vicepresidente Joe Biden ed infine quello della senatrice Elisabeth Warren, icona liberal del partito, che oggi ha incontrato per oltre un’ora nella sua casa di Washington alimentando l’ipotesi di un ticket tutto femminile, altro possibile primato storico dopo il traguardo della prima nomination ad una donna.

Un “grande onore” riceverli, ha detto oggi tornando ad aggredire il candidato repubblicano in un centro per la pianificazione familiare a Washington: “Vuole tagliarvi i fondi e portare indietro le lancette dell’orologio, quando l’aborto era illegale, le donne avevano molte meno opzioni e la vita per troppe donne e ragazze era limitata”, ha denunciato, ricordando tutti gli epiteti “disgustosi” usati dal tycoon contro le donne.

Il suo è l’ultimo di una serie di attacchi convergenti dai pezzi da novanta del partito contro il tycoon, che fatica invece a guadagnarsi l’unità dei repubblicani. Obama ha criticato più volte Trump, pur senza mai nominarlo, e ospite del ‘Tonight Show’ di Jimmy Fallon, lo ha sbeffeggiato quando gli è stato chiesto se di recente ha seguito la vittoria del magnate alle primarie: “No, ma ho visto il mio nuovo show preferito, ‘Orange is Not the New Black'”, un riferimento al colore dei capelli del tycoon.

Poi è stato il turno di Biden: “La condotta di Donald Trump sta letteralmente minando la fiducia nella giustizia e rischia di danneggiare l’indipendenza dei giudici. I suoi comportamenti sono riprovevoli e razzisti, puzzano di autoritarismo e di tirannia”, ha incalzato, commentando l’attacco del tycoon al giudice “messicano” che si sta occupando del caso della Trump University.

“Un razzista prepotente e permaloso. Un aspirante tiranno”, ha infine affondato la Warren, che pur essendo stata l’unica senatrice democratica a non sbilanciarsi nelle primarie ha ingaggiato da tempo un duro scontro, anche via twitter, con Trump.

E proprio lei potrebbe essere il numero 2 del ticket di Hillary. “Io sono pronta”, ha fatto sapere. Tra loro non c’è un legame profondo ma l’intesa sta crescendo, con reciproci attestati di stima. L’eventuale scelta delle senatrice avrebbe pro e contro.

Potrebbe giocare a sfavore il fatto di un tandem tutto al femminile con due donne vicine ai 70 anni. Trump ci spera, anche se forse sotto sotto la teme: “Di nuovo Pocahontas (così l’ha soprannominata per le sue origini legate agli Indiani d’America, ndr)! La stupida Elisabeth Warren, uno dei senatori meno produttivi, ha una bocca odiosa. Spero che sia scelta Vp”, ha twittato.

Ma ci sarebbero anche indubbi vantaggi per Hillary: non solo poter contare su un ‘cane da attacco’ formidabile, ma anche su una figura capace di attrarre l’elettorato giovane e liberal di Sanders. Anche quest’ultimo potrebbe vederla come una garanzia per una piattaforma più di sinistra, convincendosi a serrare i ranghi, dopo aver incassato in qualche modo l’onore delle armi da Obama e dai vertici del partito democratico.

In ogni caso ci penserà anche il presidente, che gode di una popolarità sopra al 50%, a dare una mano a Hillary dove è più debole, ad esempio tra i giovani, tra gli indipendenti, facendo campagna con lei negli swing states, ossia negli stati in bilico. Prima uscita insieme la prossima settimana in Wisconsin.

Trump ha già cominciato ad usare la carta del “terzo mandato di Obama” e l’ha nuovamente accusata per i suoi discorsi pagati a peso d’oro da Wall Street e per l’Emailgate, tornato a perseguitarla per una serie di email tra diplomatici americani a Islamabad e i loro superiori a Washington sugli attacchi con droni.

E, davanti ad una platea di cristiani evangelici del movimento Fede e libertà, ha cercato di riposizionarsi sottolineando il suo impegno per le cause conservatrici, per la fede, la famiglia e la vita, con una virata sull’aborto.

Ma per ora continua a essere protagonista di guai giudiziari (in 30 anni 3.500 cause, di cui 60 recenti, per lavori non pagati) e stenta ad unire i repubblicani: il leader della maggioranza Mitch McConnell ha ammesso che non ha esperienza su tante cose e lo ha invitato a trovare un numero due “altamente sperimentato”.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

17:00Calcio: Leicester cerca tecnico, il primo nome è Ancelotti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il proprietario di Leicester, Vichai Srivaddhanaprabha, è stato chiaro: dopo il licenziamento di Craig Shakespeare, il club è in cerca di un allenatore di peso, in grado di tirare su la squadra dalle sabbie mobili della bassa classifica. Le 'Volpi' si trovano attualmente al terz'ultimo posto in Premier, davanti solo a Bournemouth e al Crystal Palace. Il primo nome di una lista di tecnici che il patron sta vagliando - secondo quanto riferisce Sport - è quello di Carlo Ancelotti, che ieri sera ha assistito dalla tribuna alla sfida di Champions fra Chelsea e Roma. Difficile che l'ex trainer del Bayern accetti un eventuale incarico, visto che ha sempre dichiarato di non voler prendere alcuna squadra a stagione iniziata. Se Ancelotti rifiutasse, l'alternativa per il proprietario di Leicester sarebbe il gallese Chris Coleman, reduce dalla mancata qualificazione con la Nazionale ai Mondiali. Possibili alternative sono quelle di David Wagner, Huddersfield, Sean Dyche, Burnley, Roy Hodgson, Ryan Giggs o Martin O'Neil.

16:51Malta: ‘bomba su auto azionata da cellulare’

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - La bomba esplosa nell'auto della giornalista maltese, Daphne Caruana Galizia, rimasta uccisa lunedì scorso, 'sarebbe stata azionata grazie ad un cellulare'. Ne sono convinti gli inquirenti che indagano sul delitto stando a quanto scrive il giornale online The Times of Malta. Sono in corso indagini in particolare per capire chi abbia azionato il congegno mortale, dove e quando. Secondo altre fonti citate dal giornale la bomba sarebbe stata posta nella parte inferiore del veicolo sotto il posto del passeggero accanto alla guida. Gli inquirenti sperano anche di essere in grado di poter raccogliere dei dati dal laptop della giornalista pesantemente danneggiato e bruciato in seguito all'esplosione. Inoltre in base al danno subito dall'auto si presume che la bomba contenesse circa mezzo chilo di esplosivo.

16:47Provoca incidenti e inneggia a Isis, arrestato da Cc

(ANSA) - CATANZARO, 19 OTT - Ha provocato una serie di incidenti causando, tra l'altro, il ferimento non grave di due ragazze. E quando ha bloccato l'automobile di cui era alla guida, ha cominciato ad urlare frasi sconnesse riconducibili all'Isis ed a pratiche terroristiche. L'estremismo islamico, comunque, a detta dei carabinieri, non c'entra nulla col comportamento dell'uomo, un trentaduenne di Catanzaro di origini sudamericane in evidente stato di alterazione psicofisica. Nei suoi confronti, così, sono scattati gli arresti domiciliari con l'accusa di danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. I proprietari dei veicoli danneggiati dal trentaduenne nel corso della sua scorribanda hanno presentato denuncia nei suoi confronti per il risarcimento dei danni subiti. (ANSA).

16:45Cade pietra in S.Croce a Firenze, morto turista

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - Un turista spagnolo di 52 anni è morto colpito da un elemento architettonico caduto dalla sommità di una navata della Basilica di Santa Croce a Firenze. Inutili i soccorsi del 118 e della polizia municipale.

16:41Torino: revisori, ok a piano rientro ma con qualche riserva

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - E' favorevole, ma con qualche riserva, il parere espresso dai revisori dei conti al piano di rientro annunciato nei giorni scorsi dal Comune di Torino per riportare in equilibrio i conti della Città. Nel documento, i revisori si chiedono se tutte le azioni annunciate dall'amministrazione siano realizzabili. Il piano di rientro, da 80 milioni in quattro anni, prevede tagli alla spesa corrente, dismissioni delle partecipate e degli immobili. Ed è proprio su quest'ultimo punto che si soffermano i dubbi dei revisori. Per gli esperti contabili, inoltre, bisogna capire quale sarà l'effetto dei tagli e delle riorganizzazioni previste sul bilancio. E, pur evidenziando che il debito diminuirà, si chiedono se si riuscirà a raggiungere l'equilibrio. Il parere torna anche sul debito di 5 milioni di euro nei confronti della Ream, per il quale la sindaca Appendino è indagata per falso ideologico. E ribadisce che andava inserito nel bilancio 2017.(ANSA).

16:41Maltrattamenti a disabili: chieste condanne di 3 infermiere

(ANSA) - CAGLIARI, 19 OTT - Per i maltrattamenti sui pazienti disabili dell'Aias di Decimomannu (Cagliari) il pubblico ministero Liliana Ledda ha chiesto la condanna a due anni nei confronti delle operatrici sanitarie Sabrina Carta e Elsa Giorgi, e due anni e otto mesi nei confronti della collega Monica Frau. E' approdata davanti alla Gup del Tribunale di Cagliari, Gabriella Muscas, la parte in abbreviato del procedimento penale scaturito dall'indagine della Procura, affidata ai carabinieri del Nas e della sezione di polizia giudiziaria, nei confronti di operatori socio sanitari e infermieri dell'Aias di Decimomannu accusati di aver picchiato e insultato alcuni dei pazienti ricoverati nella struttura che assiste i malati psichici. Altri otto indagati avevano già scelto il patteggiamento, mentre il processo ai vertici del centro Aias si sta celebrando con rito ordinario davanti in Tribunale e vede imputati il direttore amministrativo, Vittorio Randazzo, e la responsabile del centro Sandra Murgia. I due sono accusati di omissioni d'atti d'ufficio in relazione ai maltrattamenti contestati a vari operatori sanitari della struttura. Per quanto riguarda il dibattimento, si è ancora alle fasi iniziali, con l'accusa che sta portando in aula i propri testimoni. Oggi, invece, il pm Ledda ha concluso la requisitoria nell'abbreviato chiedendo la condanna dei tre operatori colpevoli di maltrattamenti verbali. Nelle prossime udienze la parola passerà alle difese e poi ci sarà la sentenza. (ANSA).

16:28Migranti: operatore Hub denuncia, minacciato con pistola

(ANSA) - BOLOGNA, 19 OTT - Un dipendente di una cooperativa sociale, che lavora nell'Hub regionale dei migranti di Bologna, ha denunciato di essere stato avvicinato all'uscita dal centro da un'auto, minacciato da una persona che gli ha puntato contro una pistola e poi ha sparato due colpi in aria. L'episodio è di lunedì sera e la vittima il giorno dopo si è rivolta ai Carabinieri. Sono in corso indagini e al momento non sono chiari i motivi del gesto intimidatorio, che gli investigatori stanno cercando di inquadrare. L'Hub di via Mattei è la struttura visitata da Papa Francesco durante la sua recente visita a Bologna, luogo dove vengono ospitati gli stranieri sbarcati nell'Italia del Sud, prima di essere smistati nei centri in regione. L'operatore, a quanto si apprende un ragazzo di colore, avrebbe riferito che verso le 21.30, quando era uscito dal centro, è stato avvicinato da due auto e che il passeggero di una di queste gli ha puntato contro l'arma. (ANSA).

Archivio Ultima ora