L’America si ferma per l’addio ad Ali. Scoppia il caso Erdogan

Pubblicato il 10 giugno 2016 da redazione

A collage of Muhammad Ali images is displayed as a visitor is reflected in the glass while looking over a makeshift memorial to Ali at the Muhammad Ali Center Thursday, June 9, 2016, in Louisville, Ky.  (ANSA/AP Photo/David Goldman)

A collage of Muhammad Ali images is displayed as a visitor is reflected in the glass while looking over a makeshift memorial to Ali at the Muhammad Ali Center Thursday, June 9, 2016, in Louisville, Ky.
(ANSA/AP Photo/David Goldman)

NEW YORK. – Ali, Ali, Ali. E’ interminabile la catena umana che ai bordi delle strade di Louisville, in Kentucky, accompagna l’ultimo viaggio del campione verso lo storico cimitero di Cave Hill. Tutti scandiscono il suo nome, molti sono in lacrime. Le vie dove passa il corteo funebre tappezzate con petali di rosa.

L’addio al più grande di sempre – come è tornato a definirlo Barack Obama con un video postato su Facebook – è proprio come lui lo aveva immaginato: una splendida giornata di sole, e un enorme bagno di folla senza distinzione di razze, di religioni, di età.

Fuori Lousville c’è un intero Paese che per un attimo si è fermato per rendere omaggio al mito. Milioni di americani incollati davanti alla tv per seguire almeno una parte della cerimonia svoltasi nell’enorme ‘Yum Kc Center’, dove si accalcano almeno 20mila persone.

Circa 300 le personalità del mondo della politica, dello sport, dello spettacolo presenti. Tra queste l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, incaricato dell’orazione funebre, e le star di Hollywood Billy Crystal e Will Smith, che ha magistralmente interpretato Ali sul grande schermo.

A stringersi attorno alla famiglia di Ali – dalla moglie ai nove figli, a due delle sue ex mogli – anche due eredi sul ring: Mike Tyson e Lennox Lewis. All’esterno altre migliaia di persone. Molte anche davanti alla casa natale di Ali, anch’essa sommersa di fiori e ghirlande intrecciate, per ricordare non solo il campione che ha interpretato ai massimi livelli l’arte della boxe, ma anche il campione dei diritti civili.

E altre persone ancora davanti al cimitero dove nel corso di una cerimonia privata, senza telecamere, è stata sepolta la bara di legno di ciliegio di Ali, avvolta in un velo dalla simbologia islamica.

L’unica nota stonata della giornata il caso Erdogan. Il premier turco, come il re di Giordania Abdullah II, era tra gli invitati, ma avrebbe lasciato gli Usa in fretta e furia senza partecipare alla cerimonia interreligiosa d’addio.

Il motivo? Si sarebbe offeso per quella che avrebbe definito una mancanza di rispetto da parte degli organizzatori. Cosa sia successo veramente non è chiaro. Molte le versioni che circolano sui media, tra cui quella che ad Erdogan non sia stato permesso di porre sulla bara di Ali un pezzo di stoffa proveniente dalla Kaaba, l’antica costruzione al centro della Mecca, il luogo più sacro dell’Islam.

Altri invece parlano di un Erdogan infuriato perché gli sarebbe stato negato il permesso di leggere un passo del Corano durante la cerimonia. Come non bastasse, si sarebbe verificato anche un parapiglia tra le guardie del corpo del presidente turco e alcuni agenti del Secret Service.

Un episodio al limite dell’incidente diplomatico, visto che il Secret Service è il corpo votato alla protezione delle più alte cariche dello stato americano a partire dal presidente e dagli ex presidenti degli Stati Uniti.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

00:53Cnn turca, arrestato killer di Capodanno a Istanbul

(ANSAmed) - ROMA, 16 GEN - Il killer del nightclub 'Reina' a Istanbul, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è stato arrestato stasera con il figlio di 4 anni nel quartiere di Esenyurt a Istanbul. Lo riferisce la Cnn Turk. Altre 3 persone sono state arrestate stasera dall'antiterrorismo turca. I 3 sospetti sono stati trovati nella stessa abitazione dell'attentatore nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul, durante il blitz che ha portato al suo arresto. Abdulkadir Masharipov si sarebbe nascosto 3 giorni fa nell'abitazione in cui è stato arrestato. Lo riferisce Ntv, secondo cui si tratterebbe di un covo dell'Isis e le 3 persone trovate insieme a lui sarebbero anche loro militanti jihadisti. La polizia turca ha rilasciato una foto in cui si vede il volto del principale sospettato per la strage del Reina con ecchimosi e ferite e macchie di sangue sulla maglietta.

00:36Maradona ‘dopo 30 anni chiedo scusa a mio figlio Diego’

(ANSA) - NAPOLI 16 GENNAIO - 'Chiedo scusa dopo 30 anni a mio figlio Diego. Non ti lascerò mai più''. Così Diego Maradona ha concluso a sorpresa lo spettacolo 'Tre volte dieci', rivolgendosi al figlio avuto dalla napoletana Cristiana Sinagra che sedeva nella platea del San Carlo. Il ragazzo si è alzato ed ha salutato inchinandosi verso il pubblico che applaudiva. Prima, accanto a Alessandro Siani, autore dello show, Maradona aveva detto: 'Auguro che il Napoli vinca tutto quello che deve vincere. So che la gente di Napoli ha bisogno'. Ora devo andare a Dubai, ho tre anni di contratto. Ma ci sono giocatori del Napoli che vogliono che la gente sia felice, quindi sono tranquillo. E il presidente vuole vincere''.

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

23:44Juve:Agnelli, disappunto per ko, ma obiettivo leggenda

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - "Il risultato di ieri è un motivo di disappunto, ma dobbiamo restare concentrati sull'obiettivo finale: questa stagione ci può e deve portare nella leggenda". Così il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, questa sera al Museo delle Scienze e della Tecnologia di Milano dove presenta il nuovo logo del club.

23:26Investiti da treno nel Fiorentino, 1 morto e un ferito

(ANSA) - MONTELUPO (FIRENZE), 16 GEN - Una persona è morta, un'altra è rimasta ferita, sembra in modo non grave, in un incidente avvenuto, poco dopo le 21, alla stazione ferroviaria di Montelupo (Firenze). Secondo le prime informazioni le due persone sarebbero state investite dal treno regionale Pisa-Firenze. Ancora da chiarire la dinamica di quanto successo. Sul posto, oltre al 118, la polfer e i carabinieri. La linea ferroviaria è interrotta in entrambe le direzioni. (ANSA).

23:21Maltempo: Firenze, domani chiusi parchi, giardini e cimiteri

(ANSA) - FIRENZE, 16 GEN - Chiusi domani a Firenze parchi, giardini e cimiteri comunali. Lo ha deciso l'unità di crisi, presieduta dalla vicesindaca Giachi, che si è insediata alle 19 al centro operativo della Protezione civile all'Olmatello, a Firenze. In un nuovo alert system lanciato dalla protezione civile del Comune dopo che le nuove previsioni meteo hanno confermato, per domani, codice arancione per il vento forte, si invitano poi i cittadini a prestare la massima attenzione ed evitare, domani, spostamenti e attività all'aperto in particolare dalle 7 alle 13. Il centro coordinerà l'attività delle strutture operative per fronteggiare eventuali criticità. Al momento, però, non si registrano emergenze. (ANSA).

23:15Trasporti: riattivato traffico in Stazione Centrale a Milano

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - E' stato pienamente riattivato alle 19.45 il traffico ferroviario nella stazione Milano Centrale, dopo che un guasto alla linea elettrica di alimentazione dei treni ha fortemente rallentato la circolazione ferroviaria dalle 17.05. Secondo quanto comunica RFI, i treni a lunga percorrenza e i regionali hanno registrato ritardi medi di circa un'ora, con un picco massimo di tre ore per due treni, oltre a limitazioni di percorso, deviazioni e cancellazioni. Sono in corso di accertamento le cause del guasto che ha interessato i binari dall'1 al 12. (ANSA).

Archivio Ultima ora