L’America si ferma per l’addio ad Ali. Scoppia il caso Erdogan

Pubblicato il 10 giugno 2016 da redazione

A collage of Muhammad Ali images is displayed as a visitor is reflected in the glass while looking over a makeshift memorial to Ali at the Muhammad Ali Center Thursday, June 9, 2016, in Louisville, Ky.  (ANSA/AP Photo/David Goldman)

A collage of Muhammad Ali images is displayed as a visitor is reflected in the glass while looking over a makeshift memorial to Ali at the Muhammad Ali Center Thursday, June 9, 2016, in Louisville, Ky.
(ANSA/AP Photo/David Goldman)

NEW YORK. – Ali, Ali, Ali. E’ interminabile la catena umana che ai bordi delle strade di Louisville, in Kentucky, accompagna l’ultimo viaggio del campione verso lo storico cimitero di Cave Hill. Tutti scandiscono il suo nome, molti sono in lacrime. Le vie dove passa il corteo funebre tappezzate con petali di rosa.

L’addio al più grande di sempre – come è tornato a definirlo Barack Obama con un video postato su Facebook – è proprio come lui lo aveva immaginato: una splendida giornata di sole, e un enorme bagno di folla senza distinzione di razze, di religioni, di età.

Fuori Lousville c’è un intero Paese che per un attimo si è fermato per rendere omaggio al mito. Milioni di americani incollati davanti alla tv per seguire almeno una parte della cerimonia svoltasi nell’enorme ‘Yum Kc Center’, dove si accalcano almeno 20mila persone.

Circa 300 le personalità del mondo della politica, dello sport, dello spettacolo presenti. Tra queste l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, incaricato dell’orazione funebre, e le star di Hollywood Billy Crystal e Will Smith, che ha magistralmente interpretato Ali sul grande schermo.

A stringersi attorno alla famiglia di Ali – dalla moglie ai nove figli, a due delle sue ex mogli – anche due eredi sul ring: Mike Tyson e Lennox Lewis. All’esterno altre migliaia di persone. Molte anche davanti alla casa natale di Ali, anch’essa sommersa di fiori e ghirlande intrecciate, per ricordare non solo il campione che ha interpretato ai massimi livelli l’arte della boxe, ma anche il campione dei diritti civili.

E altre persone ancora davanti al cimitero dove nel corso di una cerimonia privata, senza telecamere, è stata sepolta la bara di legno di ciliegio di Ali, avvolta in un velo dalla simbologia islamica.

L’unica nota stonata della giornata il caso Erdogan. Il premier turco, come il re di Giordania Abdullah II, era tra gli invitati, ma avrebbe lasciato gli Usa in fretta e furia senza partecipare alla cerimonia interreligiosa d’addio.

Il motivo? Si sarebbe offeso per quella che avrebbe definito una mancanza di rispetto da parte degli organizzatori. Cosa sia successo veramente non è chiaro. Molte le versioni che circolano sui media, tra cui quella che ad Erdogan non sia stato permesso di porre sulla bara di Ali un pezzo di stoffa proveniente dalla Kaaba, l’antica costruzione al centro della Mecca, il luogo più sacro dell’Islam.

Altri invece parlano di un Erdogan infuriato perché gli sarebbe stato negato il permesso di leggere un passo del Corano durante la cerimonia. Come non bastasse, si sarebbe verificato anche un parapiglia tra le guardie del corpo del presidente turco e alcuni agenti del Secret Service.

Un episodio al limite dell’incidente diplomatico, visto che il Secret Service è il corpo votato alla protezione delle più alte cariche dello stato americano a partire dal presidente e dagli ex presidenti degli Stati Uniti.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

00:45Georgia: hotel in fiamme a Batumi, almeno 12 morti

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - E' di almeno 12 morti il bilancio di un incendio divampato in un hotel a Batumi, cittadina della Georgia che si affaccia sul Mar Nero. Lo scrivono i media russi citando il ministero dell'Interno georgiano. "In base alle nostre informazioni, 12 persone hanno perso la vita nell'incendio e sono state tutte identificate", ha precisato la stessa fonte, aggiungendo che oltre 100 persone sono state evacuate dalla struttura in fiamme. Un'inchiesta è stata aperta per chiarire le cause del rogo. (ANSA)

23:01Undicenne incinta dopo violenza, arrestato vicino casa

(ANSA) - TORINO, 24 NOV - Incinta, dopo una violenza sessuale, a soli 11 anni. Un uomo di 35 anni è stato arrestato dalla polizia, a Torino, perché accusato di aver abusato della figlia di una vicina di casa di cui si prendeva cura quando i genitori non c'erano. La piccola, lo scorso 17 novembre, è stata accompagnata all'ospedale dalla mamma perché "aveva la pancia gonfia". I medici le hanno spiegato che, in realtà, aspettava un bimbo. Al momento l'uomo, difeso dall'avvocato Wilmer Perga, si è avvalso della facoltà di non rispondere. (ANSA).

22:59Droga: cocaina in thermos figlio 14 mesi, padre arrestato

(ANSA) - SINALUNGA (SIENA), 24 NOV - Nascondeva la cocaina nel thermos del figlio di 14 mesi per svolgere indisturbato la sua attività di spaccio. Per questo un 32enne di origini albanesi ma da tempo in Italia, residente a Sinalunga (Siena) è stato arrestato dalla Polizia con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L'uomo, giudicato per direttissima, si trova ora ai domiciliari. Gli investigatori della Sezione Antidroga della Squadra Mobile da tempo monitoravano le attività dell'uomo e ieri sera, lo hanno fermato a bordo della sua auto per un controllo. A bordo c'erano due pacchetti sottovuoto con 50 grammi di cocaina ciascuno. A casa, nel corso della perquisizione, i poliziotti hanno trovato altri due pacchetti sottovuoto di oltre 50 grammi ciascuno di cocaina e un altro involucro termosaldato, contenente più di 12 grammi della stessa droga, nascosto dentro al thermos del piccolo, in cucina.

22:58Sieropositivo fa credere di essere sano per rapporti,fermato

(ANSA) - FIRENZE, 24 NOV - Avrebbe preteso rapporti non protetti pur sapendo di esser sieropositivo, convincendo i partner di essere sano e di avere un'allergia al lattice. In questo modo l'uomo, un 24enne originario della Romania, residente a Firenze, avrebbe infettato il suo compagno, e dopo la fine della loro relazione avrebbe continuato ad avere rapporti non protetti con altri partner, risultati poi negativi al test dell'Hiv. Per il 24enne è scattato l'arresto, in esecuzione di una misura di custodia cautelare in carcere disposta dal gip di Firenze Paola Belsito su richiesta della pm Christine Von Borries: lesioni gravissime e tentate lesioni gravissime le accuse contestate.

22:48Calcio:striscioni pro Mladic,Zenit sotto inchiesta da Uefa

(ANSA) - NYON (SVIZZERA), 24 NOV - L'Uefa ha avviato un procedimento a carico dello Zenit di San Pietroburgo, dopo che i suoi tifosi, ieri nel corso del match di Europa League contro i macedoni del Vardar, hanno srotolato uno striscione di dieci metri inneggiante al criminale di guerra Ratko Mladic. Si tratta del generale serbo che, per le atrocità commesse durante il conflitto nella ex Jugoslavia, mercoledì scorso è stato condannato all'ergastolo per genocidio e crimini contro l'umanità dal Tribunale internazionale delle Nazioni Unite. In Russia Mladic ha sempre goduto di simpatie tra gruppi di fanatici nazionalisti e razzisti e ora anche gli ultrà dello Zenit gli hanno voluto testimoniare la loro 'vicinanza'. Per questo ora il club allenato da Roberto Mancini rischia un provvedimento disciplinare da parte dell'Uefa.

22:38Calcio: già in 50.000 per Napoli-Juventus

(ANSA) - NAPOLI, 24 NOV - Sono già 50.000 gli spettatori che hanno il biglietto in tasca per Napoli-Juventus di venerdì primo dicembre. Il Napoli ha, infatti, comunicato che, finora, sono circa 50.000 i biglietti venduti, compresa la quota abbonati, che a Napoli da anni è particolarmente bassa e conta solo 6.000 fedelissimi. Per il big match contro i bianconeri ci sarà quindi il tutto esaurito e, verosimilmente, si va verso un record d'incasso.

22:17Violenza donne: ‘Non sei da sola’ su grattacielo Pirelli

(ANSA) - MILANO, 24 NOV - In vista della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che ricorre domani, la facciata principale di Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale della Lombardia, si è illuminata questa sera con la scritta "Non sei da sola": un'iniziativa simbolica, viene spiegato in una nota, "per dire basta alle violenze sulle donne e ricordare che in Lombardia ci sono leggi per la tutela delle vittime". Lo stesso messaggio si "accenderà" sul Pirellone anche domani e domenica sera. Nel primo semestre 2017 sono state 3 mila e 737 le donne che hanno chiesto aiuto ai centri antiviolenza, mentre 189 donne e 154 minori sono ospiti delle case rifugio. "La retorica non serve. Servono azioni mirate e concrete di educazione, rispetto e insieme di prevenzione e contrasto ad un fenomeno che ha dati preoccupanti", sottolinea il presidente dell'Assemblea lombarda Raffaele Cattaneo.

Archivio Ultima ora