Renzi, con il no al Referendum governabilità a rischio

Pubblicato il 10 giugno 2016 da redazione

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento al 46° Convegno dei Giovani Industriali di Santa  Margherita Ligure (Genova), 10 giugno 2016. ANSA/LUCA ZENNARO

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento al 46° Convegno dei Giovani Industriali di Santa Margherita Ligure (Genova), 10 giugno 2016. ANSA/LUCA ZENNARO

S.MARGHERITA LIGURE. – “Il referendum costituzionale non è lo spartiacque sul futuro di un presidente del Consiglio o di un altro, ma è lo spartiacque per capire se il Paese è governabile o no”. Matteo Renzi parla ad una platea che sente fortemente suo il fronte per le riforme, e che su questa strada è pronta a sostenerlo.

L’incontro tra il premier ed i Giovani Imprenditori di Confindustria, al tradizionale convegno di Santa Margherita Ligure, è in un clima di sintonia: si danno del tu, tante le domande dalla sala gremita ed il premier che si sofferma più volte a scherzare tra una risposta e l’altra, in un’ora e mezza di dialogo.

“C’è una domanda anche cattiva?”, scherza Renzi, che pungola le imprese: “Smettiamola di lamentarci e mettiamoci a lavorare”, “rimbocchiamoci le maniche”. E garantisce: “Chi fa l’imprenditore non senta lo Stato come un ostacolo”, può anzi essere “il suo principale alleato”.

La sintonia tra l’azione fin qui portata avanti dal governo e gli industriali è in poche parole: “Voi parlavate dell’articolo 18 nei vostri convegni. Non c’è più”. E’ anche l’occasione per un confronto a distanza con il presidente dell’Anm, Piercamillo Davigo, che sullo stesso palco ed alla stessa platea ha parlato poche ore prima.

Contro la corruzione servono poteri che la Costituzione riserva alla magistratura, e che quindi l’Anac di Raffale Cantone non ha, dice Davigo. “Rispetto tutte le opinioni ma penso che l’Anac di Raffaele Cantone sia particolarmente utile. Se non ci fosse stata Anac non saremmo intervenuti su Mose ed Expo, centinaia di appalti sarebbero finiti in un vicolo cieco”, ribatte Renzi.

E ancora, sul codice degli appalti: “E’ tutta roba che non serve a niente”, incalza il magistrato. E il premier: strumenti “utili”, “a me pare si sia fatto un passo avanti non indietro”. Nei prossimi 10 anni, dice ancora Renzi, ci sarà un “nuovo paradigma produttivo e anche economico, ci saranno molte opportunità in più e molti problemi nuovi, molti vincenti e molti perdenti.

Se l’Italia prova a cambiare profondamente e rimettersi in gioco, credo che abbia le caratteristiche di essere fra quelli che saranno i nuovi vincitori”. E’ una Italia che oggi “deve tornare a credere che possa farcela”, e “lo spirito di impresa è un punto chiave”, dice ancora agli imprenditori under 40.

Renzi accenna a più misure del Governo a favore delle imprese, e sul fronte del fisco sottolinea l’obiettivo della semplificazione. Quello della zavorra delle tasse è un fronte su cui giovani di Confindustria, nella relazione del presidente Marco Gay, lo hanno incalzato ancora: “Ci aspettiamo dal Governo serietà e coerenza per realizzare nella prossima legge di stabilità il taglio dell’Ires di quattro punti, come era stato promesso”.

Il tema della riforma della contrattazione per rilanciare la produttività è uno dei più sentiti oggi in via dell’Astronomia. Anche qui il premier è in sintonia: dopo la “spinta alla flessibilità” adesso “occorre un grandissimo investimento sulla produttività”, un obiettivo che è “affidato alla contrattazione delle parti, anche se noi siamo pronti a intervenire se necessario”, dice alla platea sottolineando anche che “nella testa di Padoan, Calenda e Nannicini, una squadra di cui sono fiero che lavora su settori economici, la produttività è la priorità nella legge di stabilità”.

Un cenno anche al progetto di integrare Anas e Fs: “Pensate se si mettessero insieme, pensatelo in Italia ma soprattutto all’estero. All’estero c’è un sacco di ricchezza che stiamo buttando via… c’è da divertirsi”.

E ancora, sui cavalli di battaglia del pressing degli industriali sul Governo: “Non guardate alla pubblica amministrazione come un ostacolo insormontabile, siamo a metà dell’opera”; e sugli investimenti per le infrastrutture da rilanciare dice: “Siamo tornati a 58 miliardi a biennio, siamo a metà strada tra il momento pre-crisi (40 miliardi nel 2008) ed il punto più basso della crisi nel 2012-2013 (quando si erano dimezzati)”.

Ultima ora

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

Archivio Ultima ora