Renzi, con il no al Referendum governabilità a rischio

Pubblicato il 10 giugno 2016 da redazione

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento al 46° Convegno dei Giovani Industriali di Santa  Margherita Ligure (Genova), 10 giugno 2016. ANSA/LUCA ZENNARO

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento al 46° Convegno dei Giovani Industriali di Santa Margherita Ligure (Genova), 10 giugno 2016. ANSA/LUCA ZENNARO

S.MARGHERITA LIGURE. – “Il referendum costituzionale non è lo spartiacque sul futuro di un presidente del Consiglio o di un altro, ma è lo spartiacque per capire se il Paese è governabile o no”. Matteo Renzi parla ad una platea che sente fortemente suo il fronte per le riforme, e che su questa strada è pronta a sostenerlo.

L’incontro tra il premier ed i Giovani Imprenditori di Confindustria, al tradizionale convegno di Santa Margherita Ligure, è in un clima di sintonia: si danno del tu, tante le domande dalla sala gremita ed il premier che si sofferma più volte a scherzare tra una risposta e l’altra, in un’ora e mezza di dialogo.

“C’è una domanda anche cattiva?”, scherza Renzi, che pungola le imprese: “Smettiamola di lamentarci e mettiamoci a lavorare”, “rimbocchiamoci le maniche”. E garantisce: “Chi fa l’imprenditore non senta lo Stato come un ostacolo”, può anzi essere “il suo principale alleato”.

La sintonia tra l’azione fin qui portata avanti dal governo e gli industriali è in poche parole: “Voi parlavate dell’articolo 18 nei vostri convegni. Non c’è più”. E’ anche l’occasione per un confronto a distanza con il presidente dell’Anm, Piercamillo Davigo, che sullo stesso palco ed alla stessa platea ha parlato poche ore prima.

Contro la corruzione servono poteri che la Costituzione riserva alla magistratura, e che quindi l’Anac di Raffale Cantone non ha, dice Davigo. “Rispetto tutte le opinioni ma penso che l’Anac di Raffaele Cantone sia particolarmente utile. Se non ci fosse stata Anac non saremmo intervenuti su Mose ed Expo, centinaia di appalti sarebbero finiti in un vicolo cieco”, ribatte Renzi.

E ancora, sul codice degli appalti: “E’ tutta roba che non serve a niente”, incalza il magistrato. E il premier: strumenti “utili”, “a me pare si sia fatto un passo avanti non indietro”. Nei prossimi 10 anni, dice ancora Renzi, ci sarà un “nuovo paradigma produttivo e anche economico, ci saranno molte opportunità in più e molti problemi nuovi, molti vincenti e molti perdenti.

Se l’Italia prova a cambiare profondamente e rimettersi in gioco, credo che abbia le caratteristiche di essere fra quelli che saranno i nuovi vincitori”. E’ una Italia che oggi “deve tornare a credere che possa farcela”, e “lo spirito di impresa è un punto chiave”, dice ancora agli imprenditori under 40.

Renzi accenna a più misure del Governo a favore delle imprese, e sul fronte del fisco sottolinea l’obiettivo della semplificazione. Quello della zavorra delle tasse è un fronte su cui giovani di Confindustria, nella relazione del presidente Marco Gay, lo hanno incalzato ancora: “Ci aspettiamo dal Governo serietà e coerenza per realizzare nella prossima legge di stabilità il taglio dell’Ires di quattro punti, come era stato promesso”.

Il tema della riforma della contrattazione per rilanciare la produttività è uno dei più sentiti oggi in via dell’Astronomia. Anche qui il premier è in sintonia: dopo la “spinta alla flessibilità” adesso “occorre un grandissimo investimento sulla produttività”, un obiettivo che è “affidato alla contrattazione delle parti, anche se noi siamo pronti a intervenire se necessario”, dice alla platea sottolineando anche che “nella testa di Padoan, Calenda e Nannicini, una squadra di cui sono fiero che lavora su settori economici, la produttività è la priorità nella legge di stabilità”.

Un cenno anche al progetto di integrare Anas e Fs: “Pensate se si mettessero insieme, pensatelo in Italia ma soprattutto all’estero. All’estero c’è un sacco di ricchezza che stiamo buttando via… c’è da divertirsi”.

E ancora, sui cavalli di battaglia del pressing degli industriali sul Governo: “Non guardate alla pubblica amministrazione come un ostacolo insormontabile, siamo a metà dell’opera”; e sugli investimenti per le infrastrutture da rilanciare dice: “Siamo tornati a 58 miliardi a biennio, siamo a metà strada tra il momento pre-crisi (40 miliardi nel 2008) ed il punto più basso della crisi nel 2012-2013 (quando si erano dimezzati)”.

Ultima ora

11:17Moto: Australia, Petrucci “aiutare Dovizioso? non necessario

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Aiutare Dovizioso ? non penso che ne abbia bisogno. Io farò la mia gara e spero sempre di stare davanti": Danilo Petrucci reduce dal brillante terzo posto nel motogp di Motegi in Giappone in sella alla sua Ducati Pramac, rilancia le sue quotazioni e speranze in vista del motogp di Phillip island in Australia, che si correrà domenica. Petrucci è stato a lungo in testa alla gara domenica scorsa, prima di cedere le armi al duello finale che ha visto protagonisti Marc Marquez e Andrea Dovisioso, con quest'ultimo poi vincitore. "A Motegi -dice il pilota italiano in conferenza stampa- avevo una linea diversa, non è che mi sia fatto sorpassare da Dovizioso. E' stato un sorpasso normale. Aiutarlo? Non penso che abbia davvero bisogno del mio aiuto, nel 99% delle volte è più veloce, sia in gara sia nelle qualifiche e non abbiamo delle indicazioni particolari dal team". (ANSA).

11:12Bankitalia: P.Chigi, Gentiloni tutelerà autonomia

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Fonti di Palazzo Chigi smentiscono le ricostruzioni "di vario segno" apparse oggi sui quotidiani in merito alla vicenda Bankitalia. Le stesse fonti sottolineano che sul tema della Banca d'Italia le decisioni del Presidente del Consiglio "saranno basate sulle prerogative a lui attribuite dalla legge ed ispirate esclusivamente al criterio di salvaguardia dell'autonomia dell'Istituto".

11:12Cannabis: Camera, ok pdl su uso medico, passa al Senato

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Sì dell'Aula della Camera alla proposta di legge sulla coltivazione e la somministrazione della cannabis ad uso medico. I voti a favore sono stati 317, 40 i contrari, 13 gli astenuti. Il testo passa al Senato. Contro hanno votato i deputati di Fi e Lega. Direzione Italia si è astenuta.

11:11Don Pallù a Firenze, all’aeroporto accolto da canti

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - Ha ringraziato il Signore appena arrivato all'aeroporto di Firenze don Maurizio Pallù, il missionario di origine fiorentine rapito e poi liberato in Nigeria nei giorni scorsi. Ad accoglierlo una folla di fedeli, molti dei quali condividono con lui il cammino neocatecumenale, amici ed un gruppo di giovani che l'hanno salutato cantando canzoni religiosi accompagnandosi con la chitarra. Don Pallù ha abbracciato tutti. Ad attenderlo anche il sindaco di Firenze Dario Nardella che ha incontrato il sacerdote in forma privata appena è sceso dall'aereo. "Il Signore ci ha aiutato": sono state le prime parole del sacerdote, appena atterrato: "Cristo è risorto, è il Signore della vita e della morte - ha poi aggiunto - Evangelizzeremo la Nigeria, l'Africa, il mondo".

11:06Moto: Australia, Rossi “dolori a spalla dopo ultima caduta”

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Ancora problemi e problemini fisici per Valentino Rossi, in quest'anno davvero sfortunato pe rlui. "Sono sofferente alla spalla per la caduta in Giappone, ma sembra che non sia rotto niente" ha detto oggi il Dottore a Phillip Island, dove domenica si correrà il motogp. "Mi fa un po' male, spero che non mi dia fastidio mentre guido. E' importante continuare a lavorare al box per l'anno prossimo ma anche per il finale di quest'anno, a cominciare da questo weekend. Spero che si corra sull'asciutto, sul bagnato siamo in grande difficoltà". (ANSA).

11:04Traffico di migranti: operazione Gdf, arresti nel Salento

(ANSA) - LECCE, 19 OTT - I finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria di Lecce, dello Scico di Roma e della Sezione Operativa navale di Otranto (Lecce) stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare restrittiva della libertà personale nei confronti di sette persone ritenute appartenenti ad un gruppo criminale trans-nazionale dedito al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina via mare. L'inchiesta è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Lecce.

11:00Usuraio e falso cieco arrestato dai finanzieri a Taranto

(ANSA) - TARANTO, 19 OTT - Usuraio e falso cieco: sono le accuse contestate a un 63enne di Taranto, ex dipendente di banca, ora in pensione, arrestato e posto ai domiciliari dai militari del Nucleo di polizia tributaria in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Giuseppe Tommasino su richiesta del sostituto procuratore Lucia Isceri. Su disposizione dell'autorità giudiziaria è stato eseguito nei confronti del 63enne un sequestro preventivo per equivalente di beni e disponibilità finanziarie, fino alla concorrenza della somma di 100mila euro. Le indagini sono partite nel settembre 2016 in seguito alla denuncia presentata da una persona che si era rivolta all'uomo per ottenere un prestito e aveva dovuto pagare interessi a tassi da usura. Ma le vittime dello 'strozzinaggio' sarebbero state numerose, tra le quali persone in stato di bisogno e piccoli imprenditori, come il titolare di uno storico esercizio commerciale della città vecchia di Taranto, costretto alla chiusura.

Archivio Ultima ora