Mein Kampf in regalo con il Giornale, sdegno di ebrei e Israele

Pubblicato il 10 giugno 2016 da redazione

main

ROMA. – “Domani in regalo il Mein Kampf”. Il Giornale pubblicherà in allegato il manifesto politico di Adolf Hitler. Pubblicizzata oggi sulle pagine dello stesso quotidiano diretto da Alessandro Sallusti, l’iniziativa suscita polemiche e sdegno tra gli ebrei italiani e in Israele, ma non solo.

“Un fatto squallido, lontano anni luce da qualsiasi logica di studio e approfondimento della Shoah”, ha commentato il presidente dell’Unione delle Comunità ebraiche italiane, Renzo Gattegna, definendo “indecente” l’operazione del Giornale.

“Sorpresa” è invece stata espressa dall’ambasciata israeliana a Roma. “Se ce lo avessero chiesto – hanno riferito fonti della sede diplomatica all’Ansa – avremmo consigliato di distribuire libri molto più adeguati per studiare e capire la Shoah”.

Da Israele il direttore del Centro Wiesenthal di Gerusalemme, Efraim Zurroff, ha infine condannato l’operazione commerciale: “Che qualcuno abbia pensato di usare il ‘Mein Kampf’ per accrescere le vendite è un fatto senza precedenti e allarmante”, ha detto. “A quanto pare – ha aggiunto – quel giornale ha fiutato che c’è richiesta, che sia curiosità o identificazione”.

Il direttore Sallusti ha provato a smorzare le polemiche, “tutte legittime, alcune comprensibili”: “Vogliamo far conoscere l’origine della più grande tragedia del Novecento condannando nella maniera più assoluta un’ideologia su cui il nostro giudizio è chiarissimo”, ha sottolineato. Insomma, far capire “dove e perché è nato il male assoluto”.

L’edizione pubblicata domani – ormai scaduti, dopo 70 anni, i diritti d’autore – sarà quella integrale e originale italiana del 1937 (il ‘Mein Kampf’ fu scritto tra il ’25 e il ’27), con un’introduzione storica e critica di Francesco Perfetti, docente di Storia contemporanea all’Università Luiss di Roma.

Il libro sarà distribuito in allegato al primo volume di una nuova collana storica del Giornale – che comincia con la ‘Storia del Terzo Reich’ di William Shirer – al prezzo di 11,90 euro. “Piaccia o no, il Mein Kampf è un documento storico importante. Se all’epoca fosse stato letto con più attenzione molte cose si sarebbero potute evitare e prevenire”, ha spiegato Perfetti all’Ansa.

E la scelta di pubblicare l’edizione del 1937, ha aggiunto, “serve proprio a dare il senso di quel momento storico”, comunque da accompagnare con “una rilettura storica e critica” come quella di Shirer.

Si tratta invece di una decisione “assurda” per lo studioso Frediano Sessi, secondo il quale andrebbe al contrario pubblicata non l’edizione del ’37 ma “una versione critica e soprattutto annotata”. Come quella uscita lo scorso gennaio in Germania, dove le 3.500 note critiche realizzate da un pool di studiosi di diverse discipline superano il testo scritto dal Fuhrer: due terzi del libro è infatti costituito da introduzioni, commenti, indici, richiami.

“Sarebbe utile per tutti – ha sottolineato Sessi – faticoso ma necessario”. “Difficile considerare la distribuzione gratuita del Mein Kampf un arricchimento culturale. Va maneggiato con cura, non letto sotto l’ombrellone”, ha infine commentato su twitter il presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti Enzo Iacopino.

(di Laurence Figà-Talamanca/ANSA)

Ultima ora

08:06Wp, legali Trump studiano come minare l’inchiesta Russiagate

(ANSA) - WASHINGTON, 21 LUG - Alcuni degli avvocati che assistono il presidente Donald Trump stanno esplorando modi per limitare o minare l'inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller sul cosiddetto 'Russiagate', nel tentativo di montare il caso su quanto presumono costituisca conflitto di interesse. Lo scrive il Washington Post citando fonti informate, secondo cui inoltre i legali di Trump stanno esaminando i termini della facolta' del presidente di concedere amnistia. Per il New York Times componenti della squadra del presidente, tra avvocati e collaboratori, stanno passando al setaccio il vissuto professionale e politico degli investigatori che collaborano con il procuratore speciale.

07:58Venezuela: ucciso manifestante 24enne in periferia Caracas

(ANSA) - CARACAS, 20 LUG - Un giovane manifestante è morto e almeno altri due sono rimasti feriti oggi dopo essere stati raggiunti da spari di arma da fuoco nel quartiere di Santa Eulalia, a Los Teques, una zona popolare nell'hinterland di Caracas. La notizia, diffusa da vari media locali, è stata confermata dalla deputata Delsa Solorzano, che ha identificato la vittima come Ronney Tejera, di 24 anni. Si tratta della 96/a persona uccisa dall'inizio delle proteste antigovernative che si susseguono in Venezuela da inizio aprile. Fonti locali citate dalla stessa Solorzano hanno indicato che "uomini vestiti di nero" e presunti agenti della polizia hanno aperto il fuoco contro un gruppo nel quale si trovava Tejera e gli altri manifestanti che sono rimasti feriti.

07:50Gerusalemme: Città vecchia chiusa a chi ha meno 50 anni

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 LUG - La polizia di Gerusalemme ha adottato misure di emergenza per prevenire disordini oggi durante le preghiere del venerdi'. In particolare - ha reso noto una portavoce - l'ingresso in Citta' Vecchia e alla Spianata delle moschee sara' limitato ai musulmani di eta' superiore ai 50 anni, mentre per le donne non ci sono limitazioni. ''Sappiamo - ha precisato - che elementi estremisti vogliono infrangere l'ordine pubblico ricorrendo a violenze''. Ieri in quella zona si sono verificati incidenti. Intanto il governo israeliano ha deciso che i metal detector alla Spianata delle Moschee restano.

07:45Gerusalemme: Città vecchia chiusa a chi ha meno 50 anni

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 LUG - La polizia di Gerusalemme ha adottato misure di emergenza per prevenire disordini oggi durante le preghiere del venerdi'. In particolare - ha reso noto una portavoce - l'ingresso in Citta' Vecchia e alla Spianata delle moschee sara' limitato ai musulmani di eta' superiore ai 50 anni, mentre per le donne non ci sono limitazioni. ''Sappiamo - ha precisato - che elementi estremisti vogliono infrangere l'ordine pubblico ricorrendo a violenze''. Ieri in quella zona si sono verificati incidenti. Intanto il governo israeliano ha deciso che i metal detector alla Spianata delle Moschee restano.

07:41Terremoto Kos: anche piccolo tsunami

(ANSA) - KOS (GRECIA), 21 LUG - Alcuni testimoni oculari sull'isola di Kos hanno visto il mare ''gonfiarsi'' dopo la scossa di terremoto di magnitudo 6.7 che nella notte ha provocato anche uno tsunami circoscritto. Le autorita' avevano avvertito in effetti della possibilita' di un piccolo maremoto dopo il sisma dell'1.30 della notte ora locale. L'acqua ha invaso una strada di fronte al mare e parte dell'abitato principale dell'isola, dove si trova anche la ''citta' vecchia''. Un'imbarcazione e' stata spinta sulla strada principale e diverse automobili si sono scontrate fra loro a causa dell'innalzamento del livello dell'acqua.

07:32Terremoti: Kos, soccorsi cercano persone intrappolate

KOS (GRECIA) - I soccorritori stanno cercando di recuperare persone intrappolate nell'isola greca di Kos dove un terremoto di magnitudo 6,7 ha colpito l'area nella notte. Le autorita' hanno confermato la morte di due persone mentre circa altre 30 sono ferite. Il sindaco di Kos Giorgos Kyritsis ha detto ai media locali che le costruzioni nel centro della localita' turistica sono state danneggiate ma quelle situate nel resto dell'isola sembrano non aver subito danni.

07:16Terremoti: scossa 6,7 in Mar Egeo, due morti a Kos

ATENE - Due persone sono morte e una dozzina sono rimaste ferite nell'isola greca di Kos, nel mar Egeo, a causa di una scossa di terremoto di magnitudo 6,7 che ha colpito la citta' turca di Bodrum (l'antica Alicarnasso), la costa turca meridionale e le vicine isole greche. La notizia e' riportata fra l'altro dal Daily Mail on line, che parla anche di un'allerta tsunami.

Archivio Ultima ora