Prima nave nel nuovo Canale Panama, un’opera “italiana”

Canale Panama: prima nave nelle nuove chiuse
Canale Panama: prima nave nelle nuove chiuse
Canale Panama: prima nave nelle nuove chiuse

PANAMA CITY. – Caldo umido, pioggia tropicale a sprazzi, uomini che hanno lavorato a lungo e ora nei loro caschi da cantiere aspettano ansia: è il clima che accoglie la prima nave a entrare nelle nuove chiuse del Canale di Panama per il test che precede l’inaugurazione ufficiale del 26 giugno. A fine mese arriveranno capi di Stato e di Governo chiamati dal presidente panamense Varela, ma ora è il momento dell’orgoglio, molto italiano, di chi ha partecipato alla costruzione della più grande opera ingegneristica del mondo.

Un orgoglio fortemente ‘made in Italy’ perché la capofila non solo operativa del progetto è la Salini Impregilo, che quasi tre anni fa ha sostituito la spagnola Sacyr (entrambe al 48% nel consorzio) e ha sbloccato i lavori per concludere l’opera.

Il contenzioso con l’Autorità del canale panamense per circa due miliardi di dollari su tre miliardi e mezzo di preventivo proseguirà per anni di fronte alla camera arbitrale di Miami, ma intanto il nuovo canale è stato concluso, consegnato e, ora, testato con successo.

“Di italiano c’è molto in questa opera, che dovrà durare almeno altri 100 anni così come da contratto – spiega all’Ansa Michele Chiesa, il project manager del cantiere delle chiuse sull’Atlantico – con le paratoie da migliaia di tonnellate che sono state completamente prodotte in Italia (dalla Cimolai e poi trasportate già montate via mare, Ndr.) e il software di controllo che è tutto ‘made in Italy'”, realizzato dalla Selex.

Ci vorrà poi anche peso politico per affrontare la questione degli enormi extracosti, dovuti anche a errate indagini geologiche del committente. Per ora un ‘pre-arbitrato’ previsto dal contratto ha riconosciuto alle imprese 230 di 460 milioni richiesti dopo che l’Autorità del canale aveva rifiutato oltre 90 ‘claims’.

Succede nelle grandi opere di costruzione, ma qui si è dovuto finire il lavoro, perché la rivoluzione che porta nei commerci mondiali non può aspettare. Le navi che potranno passare ora, con le vecchie chiuse che continuano comunque a funzionare, potranno avere una capacità quasi quadrupla rispetto alle Panamax e molti porti, specie statunitensi, si stanno adattando con importanti lavori di ampliamento.

Tra i tanti a guardare con interesse all’opera è la Cina, che a parole vorrebbe costruire un altro canale in Nicaragua, ma che si potrebbe accontentare di un ‘suo’ ampliamento vicino all’attuale. Si vedrà, ma qualche segnale c’è: stranamente il sorteggio tra un centinaio di navi per il primo passaggio ufficiale il giorno dell’inaugurazione ha premiato proprio un gruppo cinese, già oggi primo cliente del canale.

(Dall’inviato Alfonso Neri/ANSA)

Condividi: