Doping: Bolt, Carter? Mi addolora restituire oro Pechino

(ANSA) – KINGSTON, 12 GIU – “Sono addolorato al pensiero di dover restituire uno degli ori vinti a Pechino”. Intervistato dal ‘Jamaica Gleaner’ dopo la vittoria in 9.88 nei 100 del meeting di Kingston, Usain Bolt commenta la notizia della positività al doping di Nesta Carter, suo compagno di staffetta nella gara della 4X100 vinta dai giamaicani ai Giochi in Cina. Anche le controanalisi effettuate con i nuovi metodi hanno dato lo stesso esito, e quindi ora i componenti del quartetto caraibico, che vinse a ritmo di nuovo record del mondo, dovranno restituire le medaglie. “E’ qualcosa che spezza il cuore – dice ancora Bolt -. Uno lavora anni per accumulare medaglie d’oro e diventare un campione, e poi succedono queste cose. E allora ti si spezza il cuore. Ma so che nella vita può accadere, e se dovrò restituire la mia medaglia d’oro non creerò problemi”. Cosa pensa di Bolt di Carter? “Per lui deve essere dura – risponde -,e in questo momento si sentirà frustrato. Non sono contento di questa situazione, è spiacevole anche per l’atletica”.

Condividi: