Giaccherini e Pellè, due lampi illuminano l’Europeo dell’Italia

Pubblicato il 13 giugno 2016 da ansa

Emanuele Giaccherini (L) of Italy celebrates with teammates after scoring the 1-0 goal during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between  Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Emanuele Giaccherini (L) of Italy celebrates with teammates after scoring the 1-0 goal during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

LIONE. – Due lampi di Giaccherini e Pellè illuminano la notte azzurra a Lione, accendendo così le speranze di un inopinato europeo da protagonista per l’Italia da tutti snobbata alla vigilia.

In una serata dalle strane suggestioni, anche climatiche (prima un diluvio tropicale, poi l’aria tersa del nord) la squadra di Conte viene a capo dell’impegno presumibilmente più difficile del girone, quello con i belgi secondi nella classifica mondiale Fifa, anche al di là del 2-0 finale firmato dal piccolo bolognese e dal calabrese emigrato in Inghilterra.

Trasformano la sfida in un lunghissimo corpo a corpo calcistico contenendo i tanto decantati talenti belgi, gli azzurri: ma non sfigurano affatto. E anzi ai punti meritano pienamente una vittoria che li porta sorprendentemente alla ribalta della rassegna continentale, oltre a garantire quasi la qualificazione agli ottavi di finale.

Ma l’Italia vista a Lione se manterrà le promesse non dovrà certo puntare al passaggio del turno con il ripescaggio delle terze classificate, per il quale potrebbero bastare tre punti: è, al contrario, con la Germania campione del mondo l’unica rappresentativa a non avere vinto di misura.

E soprattutto è apparsa una squadra: con limiti tecnici evidenti, ma con un carattere e una personalità che si esaltano nei difensori e nel metronomo-gladiatore De Rossi oltre che nella vivacità di Candreva. E in un torneo breve come l’europeo, Conte lo sa bene, certe alchimie bastano a fare tanta strada.

Nonostante l’operazione segretezza lanciata dal Ct alla vigilia, l’Italia si è presentata in avvio nella formazione ampiamente prevista: un 5-3-2 furbo (in quanto flessibile negli esterni che erano deputati a scalare e a regalare all’occorrenza a Buffon un difensore in più) imperniato nella difesa juventina con a centrocampo il redivivo De Rossi a contrastare le iniziative avversarie, oltre che a dare i tempi del gioco.

Modalità, queste, recepite dagli interni Parolo e Giaccherini e dagli esterni Candreva e Darmian, mentre in avanti giostrava la coppia di gran parte del girone di qualificazione, Pellè ed Eder.

Wilmots aveva risposto con un 4-2-3-1 nel quale non trovava posto un giocatore della caratura di Mertens, e questo dava il senso dell’abbondanza di talento tra le fila degli avversari degli azzurri. E però oltre alla qualità tecnica nel calcio contano tattica e personalità, così nel primo tempo l’Italia riusciva a imbrigliare in una sorta di match continuo i belgi: magari andavano anche all’angolo, gli azzurri, ma non rischiavano mai il colpo del ko.

Perché la manovra belga, impantanata nella densità a centrocampo degli azzurri, non fluiva e riusciva a produrre solo un paio di tiri pericolosi da lontano, entrambi di Nainggolan, di gran lunga i migliore dei suoi nella prima fase: al 10′ era bravo Buffon a deviare in angolo, al 22′ la palla calciata dal romanista finiva direttamente fuori, anche se di poco.

L’Italia per parte sua si faceva viva dalle parti di Courtois con un tiro vero per la prima volta al 29′ (Pellè calciava a giro, palla a 50 centimetri dal palo. Poi però trovava il colpo d’incontro, potentissimo: un lancio da quarterback di Bonucci attivava in area Giaccherini, bravo a sfruttare un’indecisione di Alderweired: stop perfetto di sinistro del bolognese, e tocco vincente di destro sull’uscita di Courtois.

Emanuele Giaccherini (R) of Italy celebrates with teammates after scoring the 1-0 goal during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between  Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Emanuele Giaccherini (R) of Italy celebrates with teammates after scoring the 1-0 goal during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Insistevano, gli azzurri: e mancavano di poco il raddoppio, prima con una botta di Candreva parata e poi con uno sciagurato colpo di testa di Pellè, liberato da Parolo. Ma chiudevano il tempo inopinatamente in vantaggio.

La ripresa si apriva con un paradosso: un errore di Darmian in attacco innescava un contropiede belga che portava al tiro da solo davanti a Buffon Lukaku, il cui tiraccio apriva il cuore dei tifosi azzurri alla speranza.

Un minuto dopo Pellè falliva ancora la realizzazione da due passi su cross di Candreva (bravo anche Courtois in tuffo). Conte decideva comunque che la sofferenza di Darmian sulla sinistra era troppa, e lo sostituiva al 13′ con De Sciglio.

Wilmots replicava sostituendo Nainggolan con Mertens e si meritava fischi fortissimi dai suoi tifosi. Poi ci provava inserendo Origi e Carrasco, e Conte replicava puntando su Immoble al posto di Eder e Thiago Motta per un De Rossi monumentale.

Il Belgio premeva, ma trovava un’opportuntà vera solo al 37′ su cross di Hazard spizzato malamente da Origi. Poi al 39′ Courtois salvava su gran tiro di Immobile, lanciato in contropiede, replicando la prodezza su tocco ravvicinato di Parolo un minuto dopo.

Graziano Pelle of Italy (L) and Axel Witsel of Belgium in action during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between  Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Graziano Pelle of Italy (L) and Axel Witsel of Belgium in action during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Ma il raddoppio azzurro, meritato, era solo rinviato: in pieno recupero Candreva innescava Pellè che da due passi al volo di destro dava il via alla festa dei sostenitori italiani.

(dall’inviato Piercarlo Presutti/ANSA)

Ultima ora

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

23:05Moglie uccisa a bastonate,rinvio a giudizio per Cagnoni

(ANSA) - RAVENNA, 25 MAG - E' stata depositata la richiesta di rinvio a giudizio per Matteo Cagnoni, il dermatologo 52enne di Ravenna, accusato di aver ucciso a bastonate la moglie Giulia Ballestri,di 39 anni. Le ipotesi di reato formulate dalla procura sono omicidio pluriaggravato da premeditazione, crudeltà e dall'avere agito nei confronti del coniuge, e l'occultamento di cadavere nella cantina della villa dove è stato compiuto il delitto. Matteo Cagnoni é in carcere dal 19 settembre scorso, giorno del fermo a Firenze, con l'accusa di avere ucciso tre giorni prima a bastonate in una villa di famiglia di Ravenna, da tempo disabitata, la moglie. Secondo quanto contestato dai Pm Alessandro Mancini e Cristina D'Aniello sulla base delle indagini della polizia, la premeditazione sul delitto la si può dedurre in particolare da due elementi: sin dal 14 settembre Cagnoni aveva dato disposizione alla segreteria della clinica di Bologna dove prestava attività ambulatoriale, di annullare tutti gli appuntamenti per il 16, giorno del delitto.

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

Archivio Ultima ora