Giaccherini e Pellè, due lampi illuminano l’Europeo dell’Italia

Pubblicato il 13 giugno 2016 da ansa

Emanuele Giaccherini (L) of Italy celebrates with teammates after scoring the 1-0 goal during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between  Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Emanuele Giaccherini (L) of Italy celebrates with teammates after scoring the 1-0 goal during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

LIONE. – Due lampi di Giaccherini e Pellè illuminano la notte azzurra a Lione, accendendo così le speranze di un inopinato europeo da protagonista per l’Italia da tutti snobbata alla vigilia.

In una serata dalle strane suggestioni, anche climatiche (prima un diluvio tropicale, poi l’aria tersa del nord) la squadra di Conte viene a capo dell’impegno presumibilmente più difficile del girone, quello con i belgi secondi nella classifica mondiale Fifa, anche al di là del 2-0 finale firmato dal piccolo bolognese e dal calabrese emigrato in Inghilterra.

Trasformano la sfida in un lunghissimo corpo a corpo calcistico contenendo i tanto decantati talenti belgi, gli azzurri: ma non sfigurano affatto. E anzi ai punti meritano pienamente una vittoria che li porta sorprendentemente alla ribalta della rassegna continentale, oltre a garantire quasi la qualificazione agli ottavi di finale.

Ma l’Italia vista a Lione se manterrà le promesse non dovrà certo puntare al passaggio del turno con il ripescaggio delle terze classificate, per il quale potrebbero bastare tre punti: è, al contrario, con la Germania campione del mondo l’unica rappresentativa a non avere vinto di misura.

E soprattutto è apparsa una squadra: con limiti tecnici evidenti, ma con un carattere e una personalità che si esaltano nei difensori e nel metronomo-gladiatore De Rossi oltre che nella vivacità di Candreva. E in un torneo breve come l’europeo, Conte lo sa bene, certe alchimie bastano a fare tanta strada.

Nonostante l’operazione segretezza lanciata dal Ct alla vigilia, l’Italia si è presentata in avvio nella formazione ampiamente prevista: un 5-3-2 furbo (in quanto flessibile negli esterni che erano deputati a scalare e a regalare all’occorrenza a Buffon un difensore in più) imperniato nella difesa juventina con a centrocampo il redivivo De Rossi a contrastare le iniziative avversarie, oltre che a dare i tempi del gioco.

Modalità, queste, recepite dagli interni Parolo e Giaccherini e dagli esterni Candreva e Darmian, mentre in avanti giostrava la coppia di gran parte del girone di qualificazione, Pellè ed Eder.

Wilmots aveva risposto con un 4-2-3-1 nel quale non trovava posto un giocatore della caratura di Mertens, e questo dava il senso dell’abbondanza di talento tra le fila degli avversari degli azzurri. E però oltre alla qualità tecnica nel calcio contano tattica e personalità, così nel primo tempo l’Italia riusciva a imbrigliare in una sorta di match continuo i belgi: magari andavano anche all’angolo, gli azzurri, ma non rischiavano mai il colpo del ko.

Perché la manovra belga, impantanata nella densità a centrocampo degli azzurri, non fluiva e riusciva a produrre solo un paio di tiri pericolosi da lontano, entrambi di Nainggolan, di gran lunga i migliore dei suoi nella prima fase: al 10′ era bravo Buffon a deviare in angolo, al 22′ la palla calciata dal romanista finiva direttamente fuori, anche se di poco.

L’Italia per parte sua si faceva viva dalle parti di Courtois con un tiro vero per la prima volta al 29′ (Pellè calciava a giro, palla a 50 centimetri dal palo. Poi però trovava il colpo d’incontro, potentissimo: un lancio da quarterback di Bonucci attivava in area Giaccherini, bravo a sfruttare un’indecisione di Alderweired: stop perfetto di sinistro del bolognese, e tocco vincente di destro sull’uscita di Courtois.

Emanuele Giaccherini (R) of Italy celebrates with teammates after scoring the 1-0 goal during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between  Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Emanuele Giaccherini (R) of Italy celebrates with teammates after scoring the 1-0 goal during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Insistevano, gli azzurri: e mancavano di poco il raddoppio, prima con una botta di Candreva parata e poi con uno sciagurato colpo di testa di Pellè, liberato da Parolo. Ma chiudevano il tempo inopinatamente in vantaggio.

La ripresa si apriva con un paradosso: un errore di Darmian in attacco innescava un contropiede belga che portava al tiro da solo davanti a Buffon Lukaku, il cui tiraccio apriva il cuore dei tifosi azzurri alla speranza.

Un minuto dopo Pellè falliva ancora la realizzazione da due passi su cross di Candreva (bravo anche Courtois in tuffo). Conte decideva comunque che la sofferenza di Darmian sulla sinistra era troppa, e lo sostituiva al 13′ con De Sciglio.

Wilmots replicava sostituendo Nainggolan con Mertens e si meritava fischi fortissimi dai suoi tifosi. Poi ci provava inserendo Origi e Carrasco, e Conte replicava puntando su Immoble al posto di Eder e Thiago Motta per un De Rossi monumentale.

Il Belgio premeva, ma trovava un’opportuntà vera solo al 37′ su cross di Hazard spizzato malamente da Origi. Poi al 39′ Courtois salvava su gran tiro di Immobile, lanciato in contropiede, replicando la prodezza su tocco ravvicinato di Parolo un minuto dopo.

Graziano Pelle of Italy (L) and Axel Witsel of Belgium in action during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between  Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Graziano Pelle of Italy (L) and Axel Witsel of Belgium in action during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Ma il raddoppio azzurro, meritato, era solo rinviato: in pieno recupero Candreva innescava Pellè che da due passi al volo di destro dava il via alla festa dei sostenitori italiani.

(dall’inviato Piercarlo Presutti/ANSA)

Ultima ora

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

21:42In sala con i propri cani, iniziativa del Museo del Cinema

(ANSA) - TORINO, 17 OTT - Una cinquantina di cani sono andati oggi...al cinema, con i loro padroni, per partecipare ad un evento speciale promosso dal Museo del Cinema di Torino in occasione della mostra in corso alla Mole Antonelliana 'Bestiale! Animal Film Stars' dedicata agli animali sul grande schermo, a cura di Davide Ferrario e Donata Pesenti Campagnoni. In sala, al Cinema Massimo, c'era anche Randy Haberkamp, dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences venuto appositamente da Los Angeles. Dopo un suo saluto padroni e animali hanno assistito alla proiezione di 'Clash of the Wolves' di Noel Mason Smith, del 1925, nella versione restaurata dalla Library of Congress di Washington, accompagnato al pianoforte dal maestro Stefano Maccagno. Il film racconta di Lobo, il famosissimo Rin Tin Tin, leader di un branco di lupi su cui è stata messa una taglia. Grazie alle sue amicizie e alla sua furbizie, il gruppo si salverà.(ANSA).

21:41Aborto: comune del Varesotto, area cimitero per feti

(ANSA) - SARONNO (VARESE), 17 OTT - Un'area del cimitero di Saronno (Varese) sarà destinata ai feti abortivi, spontanei o volontari, a seguito di un accordo stipulato all'amministrazione comunale del Comune con l'associazione "Difendere la vita con Maria". Lo rende noto l'ente locale. Ogni mese l'amministrazione organizzerà una cerimonia, alla presenza di un sacerdote, al termine della quale saranno interrati i feti raccolti in apposite scatole di colore bianco. Ci sarà anche un cippo dove sarà indicata la data della sepoltura.

21:27Di Francesco, a Stamford Bridge la Roma vuole 3 punti

(ANSA) - LONDRA, 17 OTT - Il Chelsea è "forte, anzi fortissimo", ma la Roma a Stamford bridge giocherà per i tre punti. Questa la promessa di Eusebio Di Francesco, alla vigilia della sfida contro i 'Blues'. "Avrò la possibilità di cambiare qualcosa rispetto alla partita con il Napoli, qualcosa farò ma sono decisioni che prenderò domani. La cosa più importante in questo momento, comunque, è preparare la partita per conquistare i tre punti. Il Chelsea è una squadra forte, anzi fortissima. Ma per crescere bisogna puntare sempre al massimo".

21:20Champions:Di Francesco, con Chelsea voglio approccio diverso

(ANSA) - LONDRA, 17 OTT - Eusebio Di Francesco promette contro il Chelsea un approccio differente rispetto a quello, troppo morbido, che ha condizionato l'ultima uscita contro il Napoli. "Sicuramente voglio un approccio differente - le parole dell'allenatore della Roma -. E i ragazzi lo sanno benissimo. Ma dall'altra parte ci sarà una squadra che ha una faccia feroce, perché ha appena perso contro l'ultima in classifica (il Crystal Palace, nell'ultimo turno di Premier League). Nonostante l'approccio sbagliato, comunque, nel complesso generale sabato la squadra ha reagito alla grande, e non c'è un grande divario con il Napoli. Questa consapevolezza ci deve dare forza".

21:03Calcio: Zaccheroni negli Emirati, mi chiedono i risultati

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Il presidente e la Federazione mi hanno chiesto di ottenere dei risultati e io farò il possibile, anzi l'impossibile, per centrare questi obiettivi. La Coppa d'Asia verrà organizzata qui, negli Emirati arabi, e noi dovremo assolutamente essere i protagonisti di questa competizione fra due anni. Può rappresentare un trampolino di lancio per successive competizioni che affronteremo". Così Alberto Zaccheroni nella conferenza stampa di presentazione, a Dubai, da nuovo ct della Nazionale. Gli emiri hanno scelto 'Zac' dopo avere incassato l'eliminazione dalla fase finale dei Mondiali 2018 e avere sollevato dall'incarico di ct l'argentino Edgardo Bauza. Zaccheroni ha già vinto la Coppa d'Asia alla guida del Giappone, nel 2011. Sull'account Twitter della Federcalcio di Abu Dhabi c'è un messaggio dedicato al tecnico italiano, che recita: "Benvenuto Capitano". Anche l'ambasciata italiana degli Emirati ha voluto accogliere il tecnico: "Benvenuto Zaccheroni, ti auguriamo il meglio in questo meraviglioso Paese".

Archivio Ultima ora