Giaccherini e Pellè, due lampi illuminano l’Europeo dell’Italia

Pubblicato il 13 giugno 2016 da ansa

Emanuele Giaccherini (L) of Italy celebrates with teammates after scoring the 1-0 goal during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between  Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Emanuele Giaccherini (L) of Italy celebrates with teammates after scoring the 1-0 goal during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

LIONE. – Due lampi di Giaccherini e Pellè illuminano la notte azzurra a Lione, accendendo così le speranze di un inopinato europeo da protagonista per l’Italia da tutti snobbata alla vigilia.

In una serata dalle strane suggestioni, anche climatiche (prima un diluvio tropicale, poi l’aria tersa del nord) la squadra di Conte viene a capo dell’impegno presumibilmente più difficile del girone, quello con i belgi secondi nella classifica mondiale Fifa, anche al di là del 2-0 finale firmato dal piccolo bolognese e dal calabrese emigrato in Inghilterra.

Trasformano la sfida in un lunghissimo corpo a corpo calcistico contenendo i tanto decantati talenti belgi, gli azzurri: ma non sfigurano affatto. E anzi ai punti meritano pienamente una vittoria che li porta sorprendentemente alla ribalta della rassegna continentale, oltre a garantire quasi la qualificazione agli ottavi di finale.

Ma l’Italia vista a Lione se manterrà le promesse non dovrà certo puntare al passaggio del turno con il ripescaggio delle terze classificate, per il quale potrebbero bastare tre punti: è, al contrario, con la Germania campione del mondo l’unica rappresentativa a non avere vinto di misura.

E soprattutto è apparsa una squadra: con limiti tecnici evidenti, ma con un carattere e una personalità che si esaltano nei difensori e nel metronomo-gladiatore De Rossi oltre che nella vivacità di Candreva. E in un torneo breve come l’europeo, Conte lo sa bene, certe alchimie bastano a fare tanta strada.

Nonostante l’operazione segretezza lanciata dal Ct alla vigilia, l’Italia si è presentata in avvio nella formazione ampiamente prevista: un 5-3-2 furbo (in quanto flessibile negli esterni che erano deputati a scalare e a regalare all’occorrenza a Buffon un difensore in più) imperniato nella difesa juventina con a centrocampo il redivivo De Rossi a contrastare le iniziative avversarie, oltre che a dare i tempi del gioco.

Modalità, queste, recepite dagli interni Parolo e Giaccherini e dagli esterni Candreva e Darmian, mentre in avanti giostrava la coppia di gran parte del girone di qualificazione, Pellè ed Eder.

Wilmots aveva risposto con un 4-2-3-1 nel quale non trovava posto un giocatore della caratura di Mertens, e questo dava il senso dell’abbondanza di talento tra le fila degli avversari degli azzurri. E però oltre alla qualità tecnica nel calcio contano tattica e personalità, così nel primo tempo l’Italia riusciva a imbrigliare in una sorta di match continuo i belgi: magari andavano anche all’angolo, gli azzurri, ma non rischiavano mai il colpo del ko.

Perché la manovra belga, impantanata nella densità a centrocampo degli azzurri, non fluiva e riusciva a produrre solo un paio di tiri pericolosi da lontano, entrambi di Nainggolan, di gran lunga i migliore dei suoi nella prima fase: al 10′ era bravo Buffon a deviare in angolo, al 22′ la palla calciata dal romanista finiva direttamente fuori, anche se di poco.

L’Italia per parte sua si faceva viva dalle parti di Courtois con un tiro vero per la prima volta al 29′ (Pellè calciava a giro, palla a 50 centimetri dal palo. Poi però trovava il colpo d’incontro, potentissimo: un lancio da quarterback di Bonucci attivava in area Giaccherini, bravo a sfruttare un’indecisione di Alderweired: stop perfetto di sinistro del bolognese, e tocco vincente di destro sull’uscita di Courtois.

Emanuele Giaccherini (R) of Italy celebrates with teammates after scoring the 1-0 goal during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between  Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Emanuele Giaccherini (R) of Italy celebrates with teammates after scoring the 1-0 goal during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Insistevano, gli azzurri: e mancavano di poco il raddoppio, prima con una botta di Candreva parata e poi con uno sciagurato colpo di testa di Pellè, liberato da Parolo. Ma chiudevano il tempo inopinatamente in vantaggio.

La ripresa si apriva con un paradosso: un errore di Darmian in attacco innescava un contropiede belga che portava al tiro da solo davanti a Buffon Lukaku, il cui tiraccio apriva il cuore dei tifosi azzurri alla speranza.

Un minuto dopo Pellè falliva ancora la realizzazione da due passi su cross di Candreva (bravo anche Courtois in tuffo). Conte decideva comunque che la sofferenza di Darmian sulla sinistra era troppa, e lo sostituiva al 13′ con De Sciglio.

Wilmots replicava sostituendo Nainggolan con Mertens e si meritava fischi fortissimi dai suoi tifosi. Poi ci provava inserendo Origi e Carrasco, e Conte replicava puntando su Immoble al posto di Eder e Thiago Motta per un De Rossi monumentale.

Il Belgio premeva, ma trovava un’opportuntà vera solo al 37′ su cross di Hazard spizzato malamente da Origi. Poi al 39′ Courtois salvava su gran tiro di Immobile, lanciato in contropiede, replicando la prodezza su tocco ravvicinato di Parolo un minuto dopo.

Graziano Pelle of Italy (L) and Axel Witsel of Belgium in action during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between  Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Graziano Pelle of Italy (L) and Axel Witsel of Belgium in action during the UEFA EURO 2016 group E preliminary round match between Belgium and Italy at Stade de Lyon in Lyon, France, 13 June 2016.

Ma il raddoppio azzurro, meritato, era solo rinviato: in pieno recupero Candreva innescava Pellè che da due passi al volo di destro dava il via alla festa dei sostenitori italiani.

(dall’inviato Piercarlo Presutti/ANSA)

Ultima ora

09:59Baby gang: due minori denunciati dalla Polizia a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - La Polizia di Stato di Napoli ha individuato e denunciato due minori che la sera di domenica scorsa, nei pressi della stazione Policlinico della metropolitana, senza motivo, hanno insultato, aggredito e preso a pugni un sedicenne, Ciro, che riportò la rottura del setto nasale. Il giovane, intorno alle 21.30, insieme ad altri compagni, stava tornando a casa dopo una partita di calcetto. Alle forze dell'ordine riferì di essere stato avvicinato da un gruppo di ragazzi, di età compresa tra 16 e 18 anni, che non conosceva i quali prima hanno iniziato ad insultarlo, poi lo hanno colpito al volto con un pugno, rompendogli il naso. A seguito delle numerose aggressioni che si sono susseguite in città e in provincia il ministro dell'Interno, Marco Minniti, nel corso di una riunione in Prefettura, ha disposto una serie di iniziative per fronteggiare il fenomeno delle baby gang.

08:07Svezia: esplosione a Malmo, arrestati due sospetti

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Due giovani sui 20 anni sono stati arrestati a Malmo perchè sospettati dell'attentato avvenuto ieri sera ai danni di una stazione di polizia della cittadina svedese, che avrebbe avuto come obiettivo proprio le forze dell'ordine. Lo scoppio, fortissimo, sarebbe stato provocato, secondo gli ultimi accertamenti, da un oggetto esplosivo contenente trotile (simile al tritolo) e non da una bomba a mano come riferito in un primo momento. E' stato udito in tutta la città, e ha danneggiato l'ingresso della stazione di polizia di Rosengard, nel quartiere di Helsingborg, e alcune auto parcheggiate nelle vicinanze, senza causare danni alle persone. Gli arresti sono stati confermati da fonti della polizia, ma devono ancora essere convalidati. La polizia ritiene che il gesto intimidatorio fosse "direttamente indirizzato alla polizia e alla sua attività". Sarebbe quindi da far risalire alla criminalità comune e non a un atto terroristico

08:04Mo: attentato contro rabbino, uccisi 2 palestinesi

(ANSA) - TEL AVIV, 18 GEN - Al termine di un prolungato scontro a fuoco l'esercito israeliano ha ucciso la scorsa notte a Jenin (Cisgiordania) due palestinesi responsabili, secondo la versione ufficiale, della uccisione di un rabbino avvenuta una settimana fa. Uno di essi era figlio di un dirigente di Hamas. Lo riferisce la radio militare secondo cui altri membri della stessa cellula sono stati arrestati. Feriti due militari israeliani, uno dei quali versa in condizioni gravi.La radio militare ha precisato che nell' operazione un'unità di elite israeliana ha localizzato i ricercati in un edificio ed ha ingaggiato uno scontro a fuoco. Ma presto è stata circondata da centinaia di abitanti del rione che hanno scagliato contro i militari sassi ed altri oggetti. Di conseguenza altre unità dell'esercito hanno fatto ingresso a Jenin. L' operazione si è conclusa con la demolizione dell' edificio dove si nascondevano i ricercati palestinesi.

01:32Calcio: Chelsea soffre, col Norwich passa solo ai rigori

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Soffre il Chelsea di Conte in Fa Cup. Sono serviti i rigori ai Blues per decidere la gara con il Norwich e accedere al quarto turno della Coppa: avanti con Batshuayi a segno al 10' del secondo tempo, il Chelsea si fa acciuffare nel recupero subendo la rete di Lewis. Sull'1-1 anche dopo i tempi supplementari, la squadra di Conte dal dischetto però fa la differenza (5-3) e si guadagna seppure a fatica il passaggio di turno.

00:54Calcio: Messi sbaglia rigore, Barca cade in Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Barcellona non è imbattibile. Con un gol di Melendo all'88' l'Espanyol si aggiudica il derby di Coppa del Re, valido per l'andata dei quarti di finale. Dopo aver dominato il match, i blaugrana si devono arrendere anche di fronte alla serata super del portiere dell'Espanyol, Diego Lopez, che para anche il rigore calciato da Lionel Messi. Tra una settimana al Camp Nou il ritorno che vale l'accesso alla semifinale.

00:30Calcio: Psg a valanga in Ligue1, Ranieri beffato al 95′

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Un Psg senza pietà liquida la pratica Digione (travolto 8-0 con) e mantiene a debita distanza (-11) il Lione da stasera secondo solitario in classifica dopo il successo per 2-0 sul campo del Guingamp e la frenata del Monaco, fermato ieri dal Nizza. Nella 21ma giornata di Ligue1, al Parco dei Principi è stata davvero una formalità per la squadra di Unay Emery, già sul 4-0 dopo il primo tempo, fa altrettanto nella ripresa chiudendo con otto reti: doppio Di Maria, Cavani (che tocca quota 156 ed eguaglia Ibrahimovic come miglior realizzatore nella storia del Psg), poker di Neymar, a segno anche Mbappe. Beffa in peno recupero invece per il Nantes di Claudio Ranieri, raggiunto sull'1-1 a Tolosa da un rigore di Gradel al 95'. In Classifica guida solitario il Psg con 56 punti, davanti a Lione (45), Marsiglia (44), Monaco (43) e Nantes (34).

00:09Parte un colpo di pistola, uccide la fidanzata

(ANSA) - VILLA D'ALME' (BERGAMO), 17 GEN - Una giovane donna è morta questa sera, uccisa da un colpo di pistola, pare sparato accidentalmente dal fidanzato, una guardia giurata. L'episodio nella casa di quest'ultimo, in via dei Mille a Villa d'Almè. In casa c'erano anche i genitori del ragazzo, tra cui il padre che è un carabiniere andato da poco in pensione. L'allarme è stato immediato, ma per la ragazza non c'era più nulla da fare. Le notizie sono ancora frammentarie: all'abitazione sono giunti i carabinieri della Scientifica e il pubblico ministero di turno, Maria Cristina Rota.

Archivio Ultima ora