Referendum Revocatorio in Venezuela, il Cne si arrende all’evidenza

Pubblicato il 13 giugno 2016 da redazione

revocatorio

di Mauro Bafile

CARACAS – Finalmente si è pronunciato. Il Consiglio Nazionale Elettorale, dopo un lungo silenzio, ha dato risposta alle insistenti richieste dell’Opposizione. Dei quasi due milioni di firme consegnate dal Tavolo dell’Unità per esigere l’avvio del processo che prima della fine dell’anno dovrebbe condurre alla realizzazione del Referendum Revocatorio, sono risultate valide un milione 352 mila e 52. Ne erano sufficienti poco più di 195 mila.

Gli esponenti del Psuv e del Governo hanno già fatto sapere che esigeranno si faccia luce sull’origine delle oltre 600 mila firme escluse dall’organismo elettorale. Ritengono che dietro la raccolta delle firme, avvenuta in tempo record contro ogni pronostico, vi siano gravi irregolarità che potrebbero addirittura inficiare tutto il processo iniziato per destituire il capo dello Stato, Nicolás Maduro, attraverso i meccanismi contemplati dalla Costituzione.

E’ nel loro diritto denunciare ed esigere. Ed è giusto che, se vi sono state irregolarità, i venezuelani ne siano informati e i colpevoli castigati.

Dal canto suo, il presidente Maduro ha già detto che, la presenza di circa un 30 per cento di firme “irregolari” tra le quasi due milioni presentate dall’Opposizione, rende poco credibile la pretesa di un Referendum Revocatorio.

Ha poi accusato l’Opposizione di aver falsificato un gran numero di firme. Il capo dello Stato ha sostenuto che oltre 10 mila appartengono a persone già decedute e quasi 2 mila a delinquenti in carcere che, per legge, sono esclusi dall’esercizio di questo diritto.

Per l’Opposizione si apre un nuovo capitolo. I venezuelani le cui firme sono state ritenute valide dal Cne, infatti, avranno due settimane per reiterare la propria volontà. Coloro che desiderano ritirare la propria firma, non più convinti dei benefici del Referendum, potranno farlo dal 13 al 17 del corrente mese.

Chi, invece, è convinto del contrario potrà ratificare la propria firma dal 20 al 24 giugno. Tutti dovranno recarsi presso l’ufficio principale del Cne nello Stato in cui votano. Ad esempio, chi lo fa nello Stato Miranda dovrà recarsi presso l’ufficio del Cne a Los Teques, cittadina a a circa 30/35 chilometri dalla capitale.

L’organismo elettorale, una volta conclusa la ratifica delle firme per il Referendum avrà 20 giorni per procedere ad una loro ulteriore revisione. Se il numero delle firme valide sarà sufficiente, il Tavolo dell’Unità avrà appena tre giorni per raccogliere il 20 per cento delle firme degli iscritti alle liste elettorali(ovvero, quasi 4 milioni) ed indire il referendum prima della fine dell’anno.

Il cammino verso il Referendum è ancora molto lungo. E, sebbene la Costituzione lo prevedesse piuttosto semplice, il regolamento approvato dal Cne l’ha reso assai complesso. L’organismo elettorale è stato accusato dal Tavolo dell’Unità di ritardare con ogni mezzo a sua disposizione, il cronoprogramma del Referendum.

La consulta popolare, per garantire la possibilità di un cambio di governo, e non la sola destituzione del capo dello Stato, dovrà realizzarsi prima del 10 gennaio del prossimo anno. Oltre quella data il Paese assisterebbe a un “Referendum gattopardiano”.

Insomma, si procederebbe effettivamente alla destituzione del capo dello Stato ma non a un cambio di governo né a nuove elezioni. Il vicepresidente di turno assumerebbe ogni responsabilità. Un cambio di “forma” ma non di “fondo”.

Firma-para-el-Referendum

La politica si muove in trincee opposte. E sia nell’uno sia nell’altro fronte i leader politici cominciano a muovere le proprie pedine. In casa del Psuv, la lotta fratricida è per la conquista della vicepresidenza, la quale è oggi saldamente in mano a Aristòbulo Isturiz. Ma fino a quando?

Intanto le azioni per frenare il malcontento si fanno sempre più stringenti. La dissidenza, in seno al Psuv, interpreta il malessere che scorre nelle file del “chavismo” e condanna l’incapacità del presidente Maduro di reagire di fronte alla crisi che attraversa il paese.

La “purga” – allo stile “staliniano” si mugugna nei corridoi del Psuv – pare sia iniziata con l’irruzione della polizia nella sede di “Marea Socialista”. La critica del politologo Nicner Evans, che non può certo essere accusato di appartenere all’Opposizione, è assai dura.

In un articolo su “Aporrea.com”, il noto analista condanna la perquisizione degli uffici di “Marea Socialista” e accusa il governo di voler imporre un “pensiero unico”, il suo. A parere di Evans, si vuole distruggere la possibilità della sinistra razionale di porsi come alternativa “al disastro del governo del presidente Maduro”.

E sottolinea che così si nega “il pluralismo democratico”. Il politologo ha anche rilevato che è in atto un confronto assai duro tra l’1 per cento che vive del sudore di chi lavora e ha conti nei paradisi fiscali e il 99 per cento dei venezuelani che vive del proprio lavoro e vuole progredire.

Quanto accade con “Marea Socialista” pare sia solo la punta dell’Iceberg. Il malcontento, in seno al Psuv, cova e cresce in attesa di uno scontro aperto che pare oramai inevitabile e che potrebbe provocare l’implosione del partito o, in ogni caso, un suo ulteriore indebolimento.

Se la situazione politica del paese non è precipitata e il presidente Maduro si mantiene ancora saldo nel potere, stando agli esperti in materia, è più per demerito dell’Opposizione che per merito del Governo che si limita a “vivacchiare”, forte del controllo dei “Poteri Pubblici”, evitando di prendere una qualsiasi iniziativa.

La situazione in seno al Tavolo dell’Unità non è poi molto diversa da quella che vive il Psuv. Il suo Segretario Esecutivo, Jesùs “Chuo” Torrealba, fa ormai fatica a mantenerne il controllo. L’unità dell’Opposizione, stretta attorno alla consulta popolare, è, di fatto, solo apparente. La lotta tra i leader per emergere e per imporsi si produce all’ombra del Referendum. Si muovono pedine, e si avanza con attenzione e prudente diplomazia.

Henry Ramos Allup, dal Parlamento ha fatto sua la bandiera della “Carta Democratica” approfittando delle relazioni internazionali che Acción Democrática ha saputo tessere e curare fin dalla sua fondazione. Nell’ambito interno è evidente il tentativo di stringere alleanza con Henry Falcón e il Partito Un Nuevo Tiempo.

Dal canto suo, Henrique Capriles Radonskisi si è impossessato della bandiera del Referendum Revocatorio. Già candidato alla presidenza della Repubblica, ora cerca un avvicinamento con Leopoldo López e Voluntad Popular, sicuro che quest’ultimo non potrà partecipare a una campagna presidenziale, qualora si realizzasse il Referendum prima della fine dell’anno.

Mentre le forze politiche si ricompongono e ricompattano su fronti opposti, la missione diplomatica dell’ex premier spagnolo, José Luis Zapatero, può considerarsi conclusa. Il suo fallimento, come i tentativi di chi lo ha preceduto, è oggi una realtà.

D’altronde, la premessa sulla quale sembra fosse impostato il negoziato era inaccettabile per l’Opposizione: la libertà dei prigionieri politici – ai quali sarebbe stata assicurata “casa per carcere” – a cambio di rimandare la realizzazione del referendum adopo il 2017. Una richiesta, qualora effettivamente sia stata avanzata, assurda e inaccettabile per l’Opposizione che sul Referendum si gioca il proprio avvenire.

venezuela-1

Se il panorama politico si presenta con toni assai cupi, non meno preoccupante appare quanto sta accadendo nell’ambito sociale. La morte del connazionale Mauro Monciatti, sulla quale ancora oggi si tessono speculazioni e sulla quale purtroppo sembrano esserci più dubbi che certezze, ha posto di nuovo l’accento sul tema dell’insicurezza.

Stando allo studio realizzato dall’Istituto di Scienze Penali e Criminalistiche, negli ultimi 150 giorni il fenomeno dei sequestri si sarebbe quintuplicato, se paragonato con lo stesso periodo dello scorso anno. E, assieme al fenomeno dei sequestri, è cresciuto anche il numero dei delitti ad esso collegato: l’omicidio, le lesioni e, purtroppo, i casi di violazione. I venezuelani, senza alcuna esclusione, vivono schiavi del terrore psicologico.

D’altro canto, la Ong Amnistia Internazionale ha denunciato anch’essa la mancanza di generi alimentari e medicine sottolineando che il Venezuela è sull’orlo di un’immane “catastrofe umanitaria”. A questo punto, non deve sorprendere la crescente ondata di saccheggi e proteste che, in questi giorni, la Polizia e l’Esercito hanno represso con particolare violenza.

Ormai, le Forze dell’Ordine fanno fatica a controllare le tante manifestazioni di protesta che, come piccoli incendi, si verificano qua e là, in ogni angolo del Paese. Il governo continua ad accusare l’Opposizione di essere responsabile della mancanza di alimenti e di essere protagonista di una presunta “guerra economica”. Ma, come il pastorello nella favola attribuita ad Esopo, pare abbia perso oggi ogni credibilità.

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora