Referendum Revocatorio in Venezuela, il Cne si arrende all’evidenza

Pubblicato il 13 giugno 2016 da redazione

revocatorio

di Mauro Bafile

CARACAS – Finalmente si è pronunciato. Il Consiglio Nazionale Elettorale, dopo un lungo silenzio, ha dato risposta alle insistenti richieste dell’Opposizione. Dei quasi due milioni di firme consegnate dal Tavolo dell’Unità per esigere l’avvio del processo che prima della fine dell’anno dovrebbe condurre alla realizzazione del Referendum Revocatorio, sono risultate valide un milione 352 mila e 52. Ne erano sufficienti poco più di 195 mila.

Gli esponenti del Psuv e del Governo hanno già fatto sapere che esigeranno si faccia luce sull’origine delle oltre 600 mila firme escluse dall’organismo elettorale. Ritengono che dietro la raccolta delle firme, avvenuta in tempo record contro ogni pronostico, vi siano gravi irregolarità che potrebbero addirittura inficiare tutto il processo iniziato per destituire il capo dello Stato, Nicolás Maduro, attraverso i meccanismi contemplati dalla Costituzione.

E’ nel loro diritto denunciare ed esigere. Ed è giusto che, se vi sono state irregolarità, i venezuelani ne siano informati e i colpevoli castigati.

Dal canto suo, il presidente Maduro ha già detto che, la presenza di circa un 30 per cento di firme “irregolari” tra le quasi due milioni presentate dall’Opposizione, rende poco credibile la pretesa di un Referendum Revocatorio.

Ha poi accusato l’Opposizione di aver falsificato un gran numero di firme. Il capo dello Stato ha sostenuto che oltre 10 mila appartengono a persone già decedute e quasi 2 mila a delinquenti in carcere che, per legge, sono esclusi dall’esercizio di questo diritto.

Per l’Opposizione si apre un nuovo capitolo. I venezuelani le cui firme sono state ritenute valide dal Cne, infatti, avranno due settimane per reiterare la propria volontà. Coloro che desiderano ritirare la propria firma, non più convinti dei benefici del Referendum, potranno farlo dal 13 al 17 del corrente mese.

Chi, invece, è convinto del contrario potrà ratificare la propria firma dal 20 al 24 giugno. Tutti dovranno recarsi presso l’ufficio principale del Cne nello Stato in cui votano. Ad esempio, chi lo fa nello Stato Miranda dovrà recarsi presso l’ufficio del Cne a Los Teques, cittadina a a circa 30/35 chilometri dalla capitale.

L’organismo elettorale, una volta conclusa la ratifica delle firme per il Referendum avrà 20 giorni per procedere ad una loro ulteriore revisione. Se il numero delle firme valide sarà sufficiente, il Tavolo dell’Unità avrà appena tre giorni per raccogliere il 20 per cento delle firme degli iscritti alle liste elettorali(ovvero, quasi 4 milioni) ed indire il referendum prima della fine dell’anno.

Il cammino verso il Referendum è ancora molto lungo. E, sebbene la Costituzione lo prevedesse piuttosto semplice, il regolamento approvato dal Cne l’ha reso assai complesso. L’organismo elettorale è stato accusato dal Tavolo dell’Unità di ritardare con ogni mezzo a sua disposizione, il cronoprogramma del Referendum.

La consulta popolare, per garantire la possibilità di un cambio di governo, e non la sola destituzione del capo dello Stato, dovrà realizzarsi prima del 10 gennaio del prossimo anno. Oltre quella data il Paese assisterebbe a un “Referendum gattopardiano”.

Insomma, si procederebbe effettivamente alla destituzione del capo dello Stato ma non a un cambio di governo né a nuove elezioni. Il vicepresidente di turno assumerebbe ogni responsabilità. Un cambio di “forma” ma non di “fondo”.

Firma-para-el-Referendum

La politica si muove in trincee opposte. E sia nell’uno sia nell’altro fronte i leader politici cominciano a muovere le proprie pedine. In casa del Psuv, la lotta fratricida è per la conquista della vicepresidenza, la quale è oggi saldamente in mano a Aristòbulo Isturiz. Ma fino a quando?

Intanto le azioni per frenare il malcontento si fanno sempre più stringenti. La dissidenza, in seno al Psuv, interpreta il malessere che scorre nelle file del “chavismo” e condanna l’incapacità del presidente Maduro di reagire di fronte alla crisi che attraversa il paese.

La “purga” – allo stile “staliniano” si mugugna nei corridoi del Psuv – pare sia iniziata con l’irruzione della polizia nella sede di “Marea Socialista”. La critica del politologo Nicner Evans, che non può certo essere accusato di appartenere all’Opposizione, è assai dura.

In un articolo su “Aporrea.com”, il noto analista condanna la perquisizione degli uffici di “Marea Socialista” e accusa il governo di voler imporre un “pensiero unico”, il suo. A parere di Evans, si vuole distruggere la possibilità della sinistra razionale di porsi come alternativa “al disastro del governo del presidente Maduro”.

E sottolinea che così si nega “il pluralismo democratico”. Il politologo ha anche rilevato che è in atto un confronto assai duro tra l’1 per cento che vive del sudore di chi lavora e ha conti nei paradisi fiscali e il 99 per cento dei venezuelani che vive del proprio lavoro e vuole progredire.

Quanto accade con “Marea Socialista” pare sia solo la punta dell’Iceberg. Il malcontento, in seno al Psuv, cova e cresce in attesa di uno scontro aperto che pare oramai inevitabile e che potrebbe provocare l’implosione del partito o, in ogni caso, un suo ulteriore indebolimento.

Se la situazione politica del paese non è precipitata e il presidente Maduro si mantiene ancora saldo nel potere, stando agli esperti in materia, è più per demerito dell’Opposizione che per merito del Governo che si limita a “vivacchiare”, forte del controllo dei “Poteri Pubblici”, evitando di prendere una qualsiasi iniziativa.

La situazione in seno al Tavolo dell’Unità non è poi molto diversa da quella che vive il Psuv. Il suo Segretario Esecutivo, Jesùs “Chuo” Torrealba, fa ormai fatica a mantenerne il controllo. L’unità dell’Opposizione, stretta attorno alla consulta popolare, è, di fatto, solo apparente. La lotta tra i leader per emergere e per imporsi si produce all’ombra del Referendum. Si muovono pedine, e si avanza con attenzione e prudente diplomazia.

Henry Ramos Allup, dal Parlamento ha fatto sua la bandiera della “Carta Democratica” approfittando delle relazioni internazionali che Acción Democrática ha saputo tessere e curare fin dalla sua fondazione. Nell’ambito interno è evidente il tentativo di stringere alleanza con Henry Falcón e il Partito Un Nuevo Tiempo.

Dal canto suo, Henrique Capriles Radonskisi si è impossessato della bandiera del Referendum Revocatorio. Già candidato alla presidenza della Repubblica, ora cerca un avvicinamento con Leopoldo López e Voluntad Popular, sicuro che quest’ultimo non potrà partecipare a una campagna presidenziale, qualora si realizzasse il Referendum prima della fine dell’anno.

Mentre le forze politiche si ricompongono e ricompattano su fronti opposti, la missione diplomatica dell’ex premier spagnolo, José Luis Zapatero, può considerarsi conclusa. Il suo fallimento, come i tentativi di chi lo ha preceduto, è oggi una realtà.

D’altronde, la premessa sulla quale sembra fosse impostato il negoziato era inaccettabile per l’Opposizione: la libertà dei prigionieri politici – ai quali sarebbe stata assicurata “casa per carcere” – a cambio di rimandare la realizzazione del referendum adopo il 2017. Una richiesta, qualora effettivamente sia stata avanzata, assurda e inaccettabile per l’Opposizione che sul Referendum si gioca il proprio avvenire.

venezuela-1

Se il panorama politico si presenta con toni assai cupi, non meno preoccupante appare quanto sta accadendo nell’ambito sociale. La morte del connazionale Mauro Monciatti, sulla quale ancora oggi si tessono speculazioni e sulla quale purtroppo sembrano esserci più dubbi che certezze, ha posto di nuovo l’accento sul tema dell’insicurezza.

Stando allo studio realizzato dall’Istituto di Scienze Penali e Criminalistiche, negli ultimi 150 giorni il fenomeno dei sequestri si sarebbe quintuplicato, se paragonato con lo stesso periodo dello scorso anno. E, assieme al fenomeno dei sequestri, è cresciuto anche il numero dei delitti ad esso collegato: l’omicidio, le lesioni e, purtroppo, i casi di violazione. I venezuelani, senza alcuna esclusione, vivono schiavi del terrore psicologico.

D’altro canto, la Ong Amnistia Internazionale ha denunciato anch’essa la mancanza di generi alimentari e medicine sottolineando che il Venezuela è sull’orlo di un’immane “catastrofe umanitaria”. A questo punto, non deve sorprendere la crescente ondata di saccheggi e proteste che, in questi giorni, la Polizia e l’Esercito hanno represso con particolare violenza.

Ormai, le Forze dell’Ordine fanno fatica a controllare le tante manifestazioni di protesta che, come piccoli incendi, si verificano qua e là, in ogni angolo del Paese. Il governo continua ad accusare l’Opposizione di essere responsabile della mancanza di alimenti e di essere protagonista di una presunta “guerra economica”. Ma, come il pastorello nella favola attribuita ad Esopo, pare abbia perso oggi ogni credibilità.

Ultima ora

12:35Incendiari arrestati in flagrante a Viterbo e nel messinese

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Cinque incendiari sono stati bloccati dai Carabinieri nel messinese e a Montalto di Castro, in provincia di Viterbo, mentre davano fuoco a delle sterpaglie. Sui monti Peloritani, a ridosso della strada Asi, i militari dell'Arma che stavano perlustrando la zona dopo i diversi incendi dei giorni scorsi, hanno arrestato un uomo di 28 anni: hanno visto un bagliore e, dopo essersi nascosti dietro un cespuglio, hanno sorpreso il giovane mentre si allontanava. "E' stata una bravata": così, invece, si sono giustificati 4 ragazzi, un 21enne e tre 16enni che sono stati sorpresi dai Carabinieri ad appiccare il fuoco ad un bosco di pini e cerri lungo la litoranea a Montalto di Castro. I militari hanno sorpreso i quattro amici, tutti provenienti da Roma, mentre davano alle fiamme il terzo rogo dopo averne appiccato altri due a poca distanza. Il maggiorenne è stato arrestato mentre i tre 16enni sono stati deferiti alla Procura di Roma, tutti per il reato di incendio doloso.

12:10Migranti: Usa, almeno 8 morti a San Antonio in Texas

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - E' di almeno otto morti, tra cui due bambini, il primo bilancio di un dramma dell'immigrazione clandestina a San Antonio, in Texas. Secondo FoxNews, in un camion con rimorchio, parcheggiato nei pressi di un Wal-Mart della città texana, la polizia ha trovato, oltre agli otto cadaveri, altre 30 persone, tra cui 20 in gravi condizioni. L'autista è stato arrestato. Il capo della Polizia di San Antonio, William McManus, ha detto che i corpi sono stati scoperti dopo una telefonata nella serata di sabato, riferisce la Cnn. "Abbiamo ricevuto una telefonata da un impiegato di Walmart per effettuare un controllo a un rimorchio parcheggiato lì davanti", ha detto McManus durante una conferenza stampa. "L'impiegato era stato avvicinato da qualcuno del camion che gli aveva chiesto dell'acqua. Dopo avergli dato una bottiglia ci ha chiamato e al nostro arrivo abbiamo trovato 8 cadaveri nel retro del rimorchio", ha aggiunto.

12:10Calcio: Cuadrado, “Barca è grande squadra ma anche la Juve”

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - La Juventus "è una grande squadra e non è cambiata molto rispetto all'anno scorso". La sconfitta col Barcellona, nella prima amichevole della tournee americana, non fa cambiare idea sulla Juventus a Cuadrado. "Gli spagnoli sono un grandi avversari - aggiunge sul sito internet del club bianconero - sempre molto difficili da affrontare". Per lo juventino l'importante ora è continuare a "lavorare per trovare la migliore condizione e per conoscere il più in fretta possibile i nuovi compagni. Ora - conclude - dobbiamo prepararci bene, per arrivare pronti alla Supercoppa".

11:49Brexit: ministro Gb, deve verificarsi entro marzo 2019

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Due anni di negoziati al massimo per la Brexit, da chiudere possibilmente entro il marzo 2019, e comunque prima di elezioni politiche in Gran Bretagna. Lo suggerisce Liam Fox, un euroscettico, attualmente ministro per il commercio con l'estero. Lo stesso Fox lo ha detto oggi all'Andrew Marr Show della Bbc. Il ministro si trova attualmente negli Stati Uniti, per una serie di colloqui sulle future relazioni commerciali tra Gb e Usa.

11:32Incendi: in Sicilia continua rogo in riserva dello Zingaro

(ANSA) - PALERMO, 23 LUG - Brucia ormai da quasi 24 ore la parte sud della Riserva naturale dello Zingaro, in provincia di Trapani, dopo l'incendio scoppiato nel pomeriggio di ieri. Sul posto stanno operando forestali, vigili del fuoco e 3 Canadair, uno dei quali arrivato in supporto questa mattina ai due che già da ieri erano in azione. La parte sud della riserva è in cenere e non si possono ancora valutare i danni del resto del'area. La riserva, che si estende dal mare verso la collina, aveva già subito un incendio devastante nel 2012. Nella zona è arrivato anche l'assessore regionale all'Agricoltura, Antonello Cracolici, insieme al direttore della riserva. Il sindaco di Castellammare del Golfo, Nicolò Coppola, ha spiegato che stanotte sono stati evacuati per prudenza anche alcuni alberghi e villette, mentre gruppi di volontari hanno operato nel tentativo di creare barriere naturali alle fiamme, diserbando alcune aree.

11:31Donna seminuda trovata morta per strada a Palermo

(ANSA) - PALERMO, 23 LUG - Una donna è stata trovata morta a Palermo in corso dei Mille, una strada molto trafficata alla periferia orientale della città. A notare il cadavere, che era adagiato tra due auto, è stato un passante che ha chiamato la polizia. La donna era seminuda e con i vestiti strappati. È il secondo caso a Palermo in pochi giorni: lo scorso nove luglio il cadavere di un'altra donna era stato scoperto sempre nella zona di Corso dei Mille. La vittima, tra i 25 e i 35 anni, era stata trovata priva di documenti accanto ad alcuni cassonetti dei rifiuti; non presentava segni di violenza sul corpo. Sui due ritrovamenti indaga la squadra mobile.

11:28Calcio: Chiellini, dura con Messi e Neymar se non sei al top

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - "E' veramente difficile affrontare Messi e Neymar quando non si è al massimo". Dura la vita del difensore per Giorgio Chiellini, protagonista nell'amichevole che la Juventus ha perso negli Stati Uniti contro il Barcellona. "Era la prima partita, un match difficile", aggiunge sul sito internet del club. "Abbiamo avuto una sola settimana di allenamenti - osserva il giocatore, autore del gol della bandiera che non ha evitato alla Juve la sconfitta per 2-1 contro gli spagnoli -. Siamo soddisfatti, e ora continuiamo a lavorare per migliorare la condizione".

Archivio Ultima ora