Dopo Orlando, Parigi. Nuovo flop sui lupi solitari

Pubblicato il 14 giugno 2016 da redazione

Orlando

PARIGI. – Dopo Orlando Parigi. Nuovo flop degli 007 sui lupi solitari. Schedati, seguiti, intercettati, ma fermarli tutti è praticamente impossibile. Come Omar Mateen, il killer affiliato allo Stato islamico che in Florida ha colpito la comunità gay uccidendo 49 persone, anche Larossi Aballa, il jihadista venticinquenne che ha ucciso una coppia di funzionari di polizia nell’hinterland di Parigi era ben noto alla polizia.

Dopo aver scontato il carcere dal 2013 per il suo coinvolgimento in una filiera jihadista in Pakistan, il ragazzo con passaporto francese non era uscito dal mirino dell’antiterrorismo. Negli ultimi mesi era coinvolto in un’inchiesta su un’altra filiera jihadista siriana ed era seguito dalla SDAT, la Direzione antiterrorismo. Inoltre, era schedato “S”, il livello che indica gli individui radicalizzati a rischio.

Secondo I-Télé, mentre in Francia si levano gli interrogativi su un nuovo flop degli 007, sotto controllo c’era anche la sua utenza telefonica. Per Marc Trévidic, ex magistrato dell’antiterrorismo di Parigi, si tratta di una vecchia conoscenza: “Fui io stesso ad interrogarlo e a iscriverlo nel registro degli indagati” nell’ambito dell’indagine sulle filiere pakistane, racconta al Figaro.fr, aggiungendo:

“Voleva combattere la jihad questo è sicuro, si era addestrato in Francia non militarmente ma fisicamente. Concretamente però, all’epoca, a parte le cattive frequentazioni e qualche footing per curare il fisico, non c’era molto da un punto di vista penale”.

Pressoché impossibile, dunque, trattenerlo in gattabuia. Del resto, da quando ha ritrovato la libertà, il ragazzo di Mantes-La-Jolie ha fatto in modo di non destare sospetti. Nel gennaio scorso ha addirittura aperto un fast-food. Una vita apparentemente banale, insomma, proprio come tanti altri che da un momento all’altro sono passati all’azione.

Ancora fresca nella memoria è la sanguinaria spedizione della coppia killer di San Bernardino o gli spietati fratelli ceceni Dzhokar e Tamerlan Tsarnaev, gli stragisti della maratona di Boston del 2013.

L’Isis e i social network hanno portato a una evoluzione in senso sempre più letale del fenomeno del terrorista “fai da te” da quando nel dicembre 2001, ancora con le macerie delle Twin Tower, l’attentatore solitario Robert Reid, ispirato da al Qaida, tentò di far saltare in aria il volo Parigi Miami con l’esplosivo che aveva nascosto nelle scarpe.

Da Reid, inglese-giamaicano finito a scontare un ergastolo nel carcere di massima sicurezza di Florence in Arizona fino a tanti altri, come Mohammed Merah (Tolosa e Montauban), i fratelli Kouachi (Charlie Hebdo), Amedy Coulibaly (HyperCacher) o molto prima il nigeriano 23enne Umar Faruk Abdulmutallab, indottrinato da Anwar al-Awlaki, l’imam radicale americano-yemenita ucciso da un drone Usa nel 2011 in Yemen.

Umar, ragazzo di buona famiglia, studente di ingegneria a Londra, aveva nascosto il plastico nelle mutande prima di imbarcarsi sul volo di Natale 2009 Amsterdam-Detroit: complotto sventato, a differenza dell’azione di Nidal Malik Hasan, medico dell’esercito Usa di origini palestinesi. Nel 2008 fece strage a Fort Hood: 13 morti e 32 feriti. Anche lui era un discepolo di Awlaki.

(di Paolo Levi/ANSA)

Ultima ora

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

21:40Atletica: Mondiali cross, il Kenya detta legge

(ANSA) - KAMPALA, 26 MAR - L'infinito dualismo tra Kenya ed Etiopia ha appena scritto un nuovo capitolo della sua storia ai Mondiali di corsa campestre. Oggi a Kampala, in Uganda, 12 sono le medaglie con la bandiera keniana (4 ori, 5 argenti e 3 bronzi), mentre 9 (4 ori, 4 argenti e 1 bronzo) quelle per i colori etiopi. I padroni di casa dell'Uganda festeggiano con tre podi (1 oro e 2 bronzi), poi Turchia, Eritrea e Bahrain si aggiudicano un bronzo a testa. Nella gara senior maschile si conferma il keniano Leonard Kamworor, mentre la connazionale Irene Cheptai vince il titolo fra le donne. Qui succede qualcosa mai verificatosi prima: 6 atlete ai primi 6 posti dell'ordine d'arrivo, tutte con la stessa bandiera, quella del Kenya che per il sesto anno consecutivo si aggiudica l'oro individuale Senior. La campionessa del mondo è Irene Cheptai, la meno pronosticata alla vigilia. Nell'Under 20, l'etiope Letesenbet Gidey ripete il successo femminile di due anni fa, invece l'ugandese Jacop Kiplimo conquista in casa l'oro juniores.

21:30Calcio: Clericus Cup, niente 4/i,eliminata Chape pontificia

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' domenica di passione quella trascorsa alla Clericus Cup, dove ci sono stati i verdetti nel girone C e D. Le titolate Mater Ecclesiae e Redemptoris Mater attendevano insieme alla sorpresa Collegio Pio Brasiliano l'altra qualificata ai quarti di finale in maggio. Il pass tra le migliori 8 va al Pio Latinamericano, che con una rete del polacco Malczewski supera la mista formata dai Missionari devoti al beato Giuseppe Allamano e dai seminaristi del Collegio Santa Monica. Questi ultimi a fine partita erano inconsolabili, visto che si sono visti annullare 4 gol, tutti per fuorigioco a loro dire inesistenti. Ricca di significato la prima vittoria del Chape Cusmano Belga, sul Vaticano Anselmiano, squadre entrambe eliminate, ma battagliere. Dopo essere passata in svantaggio, la Chape pontificia reagisce e ribalta il risultato con 2 gol del congolese Mutombo e uno di Fukimuasi. Felice padre Adenis, anima del Collegio: "Una bella vittoria per chiudere al meglio il torneo e onorare il ricordo dei caduti della Chape".

21:18Coni: Malagò, è difficile dare sufficienza alla Raggi

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "E' una ferita che brucia ancora. Non mi aspettavo dalla Raggi che non ci fosse neanche la possibilità di interloquire e di spiegare il progetto". Così il presidente del Coni Giovanni Malagò, nel corso del 'Faccia a faccia' su La7, risponde a una domanda sulla candidatura sfumata di Roma per l'Olimpiade del 2024. Era un affare a rischio? "No - risponde Malago' -, sono cambiate le regole del gioco. Si trattava di fare opere temporanee e utilizzare gli impianti che c'erano. Per la prima volta il Cio donava un miliardo e 700 milioni di dollari a chi avrebbe vinto la competizione". Quindi Malagò che voto dà alla sindaca Virginia Raggi per quanto fatto finora? "La sufficienza è difficile dargliela", risponde il presidente del Coni, secondo il quale un primo cittadino di Roma "deve essere un tecnico, fuori dai partiti politici e senza cambiali da pagare". Il discorso va poi sul ministro dello Sport Luca Lotti: "gli dico grazie, è una persona attenta e sensibile alle istanze del nostro mondo. Se doveva dimettersi?No".

20:59Pallavolo: playoff Superlega, risultati semifinali scudetto

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Risultati delle partite di gara-2 delle semifinali scudetto della Superlega di pallavolo: Azimut Modena - Lube Civitanova 3-1 (21-25, 27-25, 25-16, 34-32) Sir Conad Perugia - Diatec Trentino 3-1 (30-28, 20-25, 25-19, 25-22) (giocata ieri) In entrambi i casi la situazione nella serie è di 1-1. I match di gara-3 (Lube-Azimut e Diatec-Sir Conad) sono in programma il 9 aprile.

20:17Pestato da gruppo di giovani, 20enne in fin di vita

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Lotta tra la vita e la morte un ragazzo ventenne di Alatri, nel Frusinate, massacrato di botte da un gruppo di giovani nella notte tra venerdì e sabato scorsi. Lo si apprende da fonti sanitarie. Trasportato in gravissime condizioni al Policlinico Umberto I di Roma è ricoverato in terapia intensiva.

Archivio Ultima ora