Obama attacca Trump su Islam, tradisce i nostri valori

Pubblicato il 14 giugno 2016 da redazione

obama

WASHINGTON. – All’indomani della strage di Orlando, Barack Obama scende in campo contro il rischio di una guerra tra religioni, di un conflitto di civiltà. E condanna con fermezza la retorica anti Islam e anti immigrati del candidato presidenziale repubblicano Donald Trump, che “tradisce i valori dell’America”, rilanciando la sua proposta di un bando dei musulmani in Usa.

Analoga la reazione della candidata democratica Hillary Clinton, che incontrerà il rivale Bernie Sanders alla fine delle (ininfluenti) primarie nella capitale nel tentativo, dopo aver intascato la nomination, di unire il partito e fare fronte comune contro Trump, mentre il Wp rivela l’hackeraggio dell’intelligence russa contro entrambi i partiti.

Anche Paul Ryan, il leader dei repubblicani alla Camera, ha preso le distanze dalla proposta di Trump di bandire l’arrivo dei seguaci di Maometto, confermando l’imbarazzo del Grand Old Party: “non riflette i nostri principi, non è nell’interesse del Paese”.

Ma a lanciare la requisitoria più dura è stato Obama, che giovedì andrà a Orlando per incontrare i sopravvissuti e i parenti della vittime. E’ il presidente americano ad ammonire, pur senza chiamarlo per nome, che Trump sta propagando un atteggiamento mentale pericoloso che rievoca “i periodi più bui della storia Usa”.

“Sentiamo discorsi che additano gli immigranti e suggeriscono che intere comunità religiose sono complici della violenza”, ha esordito, invitando a non cadere “nella trappola di dipingere tutti i musulmani con una larga pennellata e sottintendere che siamo in guerra con una intera religione, facendo così il gioco dei terroristi”.

“Gli Usa sono fondati sulla libertà di fede, non ci sono test religiosi in America”, ha puntualizzato. “Cominceremo a trattare tutti i musulmani americani diversamente? Cominceremo a sottoporli a sorveglianza speciale? Cominceremo a discriminarli per la loro fede?”, ha incalzato alzando il tono di voce e chiedendo se i dirigenti repubblicani sono d’accordo con questa visione. Ed evidenziando tra l’altro che il killer di Orlando, come quelli di San Bernardino, era un cittadino americano.

Il “vero nemico è l’Isis”, ha sottolineato Obama, vantando i successi della lotta contro il Califfato ma invitando a non usare l’espressione ‘Islam radicale’ che Trump gli aveva rimproverato di non aver pronunciato, accusandolo quasi di connivenza e chiedendone le dimissioni: “Non c’è niente di magico in questa espressione, è un punto di vista politico, non una strategia”.

Meglio invece concentrarsi su un giro di vite contro le armi facili, ha rilanciato, sfidando il Congresso ad agire. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Hillary, che ha criticato Trump per le sue “invettive bizzarre” e le sue “menzogne dimostrative” dopo la strage di Orlando.

Il piano anti immigrazione e il bando contro i musulmani proposti dal tycoon, ha denunciato, non avrebbero “salvato una sola vita”: l’autore del massacro, infatti, “non era nato in Afghanistan come ha detto ieri Trump, ma nel Qeens, a New York, proprio dove è nato lo stesso Trump”.

La campagna elettorale ormai è dominata dai temi sollevati dalla sparatoria di Orlando: gay, armi e lotta al terrorismo. Ma ora c’è anche l’ombra dello spionaggio informatico russo, come ha rivelato il Wp.

Hacker legati all’intelligence russa sono penetrati nella rete dei computer del comitato nazionale democratico e hanno avuto accesso all’intero database delle indagini sul passato di Trump, il candidato per il quale ‘tifa’ il leader del Cremlino Vladimir Putin.

Ma le intrusioni sono state bipartisan, violando il network sia di Hillary che del tycoon, nonché i pc di alcune commissioni repubblicane. Spionaggio tradizionale, stando agli esperti, secondo cui Mosca vuole capire meglio le dinamiche di questa campagna senza precedenti, nonché i punti forti e deboli dei candidati alla Casa Bianca.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

03:26Terremoti, scossa magnitudo 3.4 in provincia di Messina

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 è stata registrata alle 22:20 di ieri sulla costa nordest della Sicilia, in provincia di Messina. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 6 km di profondità ed epicentro tra Longi e Frazzanò. Non si segnalano danni a persone o cose. Un'altra scossa, di magnitudo 3, è stata poi registrata alle 23:50 al largo delle isole Eolie, con ipocentro a 14 km di profondità ed epicentro 13 km a sudovest di Leni (isola di Salina). Anche in questo caso non si segnalano danni.

01:19Calcio: 3-2 al Bologna, Inter ai quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'Inter vola ai quarti di finale di Coppa Italia, battendo il Bologna 3-2 a San Siro. Ma la squadra di Pioli ha avuto bisogno dei tempi supplementari per eliminare i rossoblù che, sotto 2-0, erano riusciti a mettere a segno la rimonta: l'Inter passa in vantaggio al 34' grazie al gol-capolavoro di Murillo. Il colombiano, sul corner di Joao Mario, batte Da Costa con una rovesciata spettacolare. Cinque minuti più tardi arriva il raddoppio con Palacio. Ma il Bologna trova la forza per reagire e al 43' riapre il match con il gol di Dzemaili. Nella ripresa arriva il pari, grazie alla rete di Donsah al 28'. Rimonta completata per la squadra di Donadoni che costringe così Pioli ai tempi supplementari. All'8 del primo extra time però l'Inter si riporta in vantaggio con Candreva che decide così la sfida e manda i nerazzurri avanti.

23:43Calcio: Coppa d’Africa, Mali-Egitto 0-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Esordio in Coppa d'Africa senza reti per l'Egitto di Hector Cuper e del giallorosso Salah. I Faraoni infatti sono stati fermati sullo 0-0 dal Mali, in un match valido per il girone D del torneo.

22:45Calcio:Ceferin in Russia’Uefa favorevole Mondiale allargato’

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - ''Tutte le confederazioni sono nettamente a favore dell'espansione delle partecipanti alla Coppa del Mondo FIFA a 48 squadre a partire dal 2026. Di conseguenza, l'Uefa ha deciso di aderire nel sostenere il nuovo formato della competizione''. Parola del presidente dell'Uefa, Aleksander Ceferin in una intervista alla Tass nel suo primo viaggio pubblico in Russia da numero uno dell'organo che governa il calcio europeo. ''Siamo soddisfatti del fatto che la durata dei Mondiali non aumenterà, questione questa importante per i club preoccupati per il maggior impegno dei rispettivi giocatori''. Ceferin ha risposto così ad una domanda sul fatto che il calcio russo come gli altri sport abbia problemi di doping: ''L'Uefa sta facendo il massimo nella lotta contro il doping. Test rigorosi vengono effettuati sia in occasione dei match internazionali e che delle competizioni Uefa per club. A dicembre abbiamo deciso di mettere in atto un nuovo protocollo per quanto riguarda la conservazione dei campioni''

22:34Prete litiga con amante e le rompe un dito, condanna 2 mesi

(ANSA) - RAVENNA, 17 GEN - Un prete è stato condannato a due mesi di carcere per avere fratturato in canonica un dito a quella che era stata per cinque mesi la sua perpetua e amante. Ma è stato assolto dall'accusa di violenza sessuale (per induzione) perché la perizia psichiatrica disposta dal Tribunale di Ravenna ha stabilito che la giovane, pur segnata da gravi problematiche emotive, era consapevole delle sue azioni. Si è chiuso così il rito abbreviato condizionato a carico di don Alessio Baggetto, 43 anni, all'epoca dei fatti, nel 2013, parroco di Punta Marina Terme, sul litorale ravennate. Per lui la Procura aveva chiesto due anni e mezzo di reclusione. Mentre la difesa - avvocato Enrico Maria Saviotti - aveva chiesto l'assoluzione anche per le lesioni in quanto il prete si sarebbe semplicemente difeso dal lancio di una statuetta in gesso della Madonna. La ragazza - una 26enne dell'est europeo il cui amministratore di sostegno è l'avvocato Christian Biserni - nel frattempo si è sposata e vive a Roma.

22:27Concorsi pilotati: giudici Bari, rete nazionale di controllo

(ANSA) - BARI, 17 GEN - A pilotare i concorsi universitari di cardiologia fino al 2004 c'era "una vera e propria rete nazionale di controllo". Ne è convinto il tribunale di Bari che, tuttavia, nella sentenza dell'ottobre scorso di cui sono state depositate in questi giorni le motivazioni, ha dovuto dichiarare la prescrizione del reato di associazione per delinquere. Nel processo erano imputati il cardiologo barese Paolo Rizzon, arrestato nell'ambito di questa indagine nel 2004 e ritenuto tra i presunti capi dell'associazione, suo figlio Brian Peter e altri due docenti universitari. Con quella sentenza i giudici baresi avevano anche assolto nel merito Rizzon da cinque accuse di falso e tre di truffa. Con riferimento all'ipotesi di associazione per delinquere, i giudici scrivono che "l'istruttoria dibattimentale ha acclarato che gli imputati hanno agito all'interno di un accordo criminoso, destinato a durare nel tempo". Hanno dovuto però prendere atto della prescrizione.

21:57Calcio: Samp prolunga il contratto a Puggioni

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - La Sampdoria ufficializzerà nei prossimi giorni l'adeguamento dell'ingaggio e l'allungamento del contratto al portiere Christian Puggioni. Un premio per l'estremo difensore, che oggi compie 35 anni, anche alla luce dell'ottimo rendimento del giocatore che sta sostituendo il titolare Emiliano Viviano che si era infortunato ad ottobre. Il contratto di Puggioni scade il prossimo giugno, la Sampdoria vuole allungarlo di un'altra stagione.

Archivio Ultima ora