Obama attacca Trump su Islam, tradisce i nostri valori

Pubblicato il 14 giugno 2016 da redazione

obama

WASHINGTON. – All’indomani della strage di Orlando, Barack Obama scende in campo contro il rischio di una guerra tra religioni, di un conflitto di civiltà. E condanna con fermezza la retorica anti Islam e anti immigrati del candidato presidenziale repubblicano Donald Trump, che “tradisce i valori dell’America”, rilanciando la sua proposta di un bando dei musulmani in Usa.

Analoga la reazione della candidata democratica Hillary Clinton, che incontrerà il rivale Bernie Sanders alla fine delle (ininfluenti) primarie nella capitale nel tentativo, dopo aver intascato la nomination, di unire il partito e fare fronte comune contro Trump, mentre il Wp rivela l’hackeraggio dell’intelligence russa contro entrambi i partiti.

Anche Paul Ryan, il leader dei repubblicani alla Camera, ha preso le distanze dalla proposta di Trump di bandire l’arrivo dei seguaci di Maometto, confermando l’imbarazzo del Grand Old Party: “non riflette i nostri principi, non è nell’interesse del Paese”.

Ma a lanciare la requisitoria più dura è stato Obama, che giovedì andrà a Orlando per incontrare i sopravvissuti e i parenti della vittime. E’ il presidente americano ad ammonire, pur senza chiamarlo per nome, che Trump sta propagando un atteggiamento mentale pericoloso che rievoca “i periodi più bui della storia Usa”.

“Sentiamo discorsi che additano gli immigranti e suggeriscono che intere comunità religiose sono complici della violenza”, ha esordito, invitando a non cadere “nella trappola di dipingere tutti i musulmani con una larga pennellata e sottintendere che siamo in guerra con una intera religione, facendo così il gioco dei terroristi”.

“Gli Usa sono fondati sulla libertà di fede, non ci sono test religiosi in America”, ha puntualizzato. “Cominceremo a trattare tutti i musulmani americani diversamente? Cominceremo a sottoporli a sorveglianza speciale? Cominceremo a discriminarli per la loro fede?”, ha incalzato alzando il tono di voce e chiedendo se i dirigenti repubblicani sono d’accordo con questa visione. Ed evidenziando tra l’altro che il killer di Orlando, come quelli di San Bernardino, era un cittadino americano.

Il “vero nemico è l’Isis”, ha sottolineato Obama, vantando i successi della lotta contro il Califfato ma invitando a non usare l’espressione ‘Islam radicale’ che Trump gli aveva rimproverato di non aver pronunciato, accusandolo quasi di connivenza e chiedendone le dimissioni: “Non c’è niente di magico in questa espressione, è un punto di vista politico, non una strategia”.

Meglio invece concentrarsi su un giro di vite contro le armi facili, ha rilanciato, sfidando il Congresso ad agire. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Hillary, che ha criticato Trump per le sue “invettive bizzarre” e le sue “menzogne dimostrative” dopo la strage di Orlando.

Il piano anti immigrazione e il bando contro i musulmani proposti dal tycoon, ha denunciato, non avrebbero “salvato una sola vita”: l’autore del massacro, infatti, “non era nato in Afghanistan come ha detto ieri Trump, ma nel Qeens, a New York, proprio dove è nato lo stesso Trump”.

La campagna elettorale ormai è dominata dai temi sollevati dalla sparatoria di Orlando: gay, armi e lotta al terrorismo. Ma ora c’è anche l’ombra dello spionaggio informatico russo, come ha rivelato il Wp.

Hacker legati all’intelligence russa sono penetrati nella rete dei computer del comitato nazionale democratico e hanno avuto accesso all’intero database delle indagini sul passato di Trump, il candidato per il quale ‘tifa’ il leader del Cremlino Vladimir Putin.

Ma le intrusioni sono state bipartisan, violando il network sia di Hillary che del tycoon, nonché i pc di alcune commissioni repubblicane. Spionaggio tradizionale, stando agli esperti, secondo cui Mosca vuole capire meglio le dinamiche di questa campagna senza precedenti, nonché i punti forti e deboli dei candidati alla Casa Bianca.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

17:47Calcio: Zidane, non posso immaginare Real senza Ronaldo

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Non posso immaginare un Real Madrid senza Cristiano": all'indomani delle indiscrezioni della stampa che ventilano una possibile uscita del 5 volte Pallone d'Oro, il tecnico merengue getta acqua sul fuoco: "E' nella squadra in cui deve stare - ha detto Zizou nella conferenza stampa alla vigilia del match di Coppa del Re contro il Leganes - Il club, i tifosi, tutti lo amano e, ripeto, non vedo un Real senza di lui. Quello che mi interessa è la parte sportiva. Siamo in un momento difficile, ma lui è lì. Cristiano deve pensare a giocare, come ha sempre fatto. Non voglio parlare del contratto o di altre cose. Di questo deve parlarne col club. Quello che mi interessa è quello che fa sul campo. Il resto lo gestisce lui e io non mi intrometto", ha aggiunto.

17:43M5S: parlamentarie, si punta a prima lista già giovedì sera

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Una prima lista provvisoria di vincitori da diffondere giovedì sera: è questo l'obiettivo al quale puntano, secondo diverse fonti parlamentari, i vertici del M5S. Le votazioni online potrebbero essere prorogate anche domani dalle 10 alle 14 visti i rallentamenti registrati sul sistema Rousseau ma, nonostante questo, il Movimento starebbe puntando ad annunciare una prima lista di vincitori prima della kermesse prevista a Pescara (rpt, Pescara) venerdì, sabato e domenica, kermesse dedicata proprio all'illustrazione del programma M5S agli attivisti e a chi siederà in Parlamento. Difficile, quindi, che la lista dei candidati sia diffusa durante l'evento pescarese con il rischio che diversi partecipanti si ritroverebbero esclusi "in diretta". Sulla lista provvisoria, comunque, i vertici faranno un'ulteriore verifica, in particolare sui certificati penali e sulle indagini a carico. In alcuni casi, infatti, i candidati non hanno fatto in tempo a inviare le certificazioni giudiziarie richieste.

17:40M5S: escluso da parlamentarie il vignettista ‘Marione’

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - C'è anche il vignettista Marione tra gli autocandidati al M5s che non hanno passato il vaglio delle selezioni. Lo annuncia lui stesso su Twitter dove posta la sua "comunicazione importante". "Non risulto tra i candidati. Per cui non potrete votarmi. Grazie a tutti coloro che mi stanno scrivendo, mi dispiace", scrive il disegnatore che si era candidato avvertendo: "Domani sceglieremo i nostri candidati portavoce in Parlamento. Ancora non so se sarò tra questi. Qualora fosse, e qualcuno volesse votarmi, vi avviso subito: non sarò 'moderato', non sarò 'diplomatico', non smetterò di essere 'intransigente' contro chi ha distrutto il Paese".

17:34Camera: Boldrini, per me ultima seduta, sono emozionata

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Questa è l'ultima seduta che presiedo, c'è un po' di emozione. Si chiude una parentesi". Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini ad alcuni giornalisti primi dell'inizio della seduta della Camera dedicata alle missioni all'estero. La presidente ha incontrato il gruppetto dei giornalisti, che stavano conversando con Pino Pisicchio, capogruppo del Misto, e si è fermata per salutare e per fare gli auguri di buon anno e poi, sorridendo, ha osservato che di lì a poco sarebbe iniziata per lei "l'ultima seduta".

17:27M5S: parlamentarie, su blog ancora proteste, verso ricorsi

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Ancora proteste sul blog di Beppe Grillo per i rallentamenti che si registrano sulla piattaforma Rousseau in questo secondo giorno di votazioni. "Votare su Rousseau è roba da fanta-horror", scrive un utente di Palermo laddove Vincenzo chiede: "E' normale che ci siano tutte queste difficoltà per votare? Si può ipotizzare interventi esterni tendenti a incasinare il blog?". In diversi chiedono l'intervento dei vertici mentre alcuni utenti, più benevoli, invitano alla calma: "Ci vuole solo un po' di pazienza che è la virtù dei forti", scrive Adelaide. Intanto gli esclusi dalle parlamentarie sembrano attrezzarsi per una pioggia di ricorsi. "Mi hanno chiamato in una trentina tra ieri e oggi ma ho declinato l'incarico perché lo ritengo contrario ai principi che mi stanno portando a difendere gli iscritti alla prima associazione del M5S", spiega l'avvocato Lorenzo Borré osservando: "chi si è candidato ha infatti accettato si aderire alla terza associazione contro la quale ci stiamo battendo".

17:10Sculacciata in ufficio, per giudice non è reato

(ANSA) - VICENZA, 17 GEN - Una sculacciata data in ufficio, seppur davanti agli altri colleghi, ma con "spirito goliardico", e senza morbosità, non sconfina nella violazione penale. Questa è la decisione assunta dal gip del Tribunale di Vicenza che ha archiviato un'inchiesta a carico di un dirigente 38enne accusato di violenza sessuale da un'impiegata, nell'ipotesi lieve delle molestie. La donna, in tre distinte occasioni, aveva ricevuto dal 38enne, suo diretto responsabile, delle pacche sul sedere mentre passava tra le scrivanie. Nell'esposto l'impiegata lo aveva accusato anche di ingiurie, per il modo brusco con cui veniva invitata a svolgere le sue mansioni; ma il reato, nel frattempo depenalizzato, è perseguibile solo nel civile. La Procura aveva raccolto le testimonianze dei colleghi della vittima, che avrebbero 'derubricato' a gesto goliardico, seppur eccessivo, le sculacciate, distribuite dal dirigente un po' a tutti i componenti dell'ufficio. Su questa base il pm ha chiesto l'archiviazione, accolta dal giudice.

16:55Diciottenne ucciso: tutta Crotone a dargli l’ultimo saluto

(ANSA) - CROTONE, 17 GEN - Migliaia di persone, praticamente tutta la città, hanno voluto dare il loro commosso ultimo saluto a Giuseppe Parretta, il 18enne ucciso sabato scorso a Crotone. Una partecipazione tanto imponente da non poter essere contenuta nella basilica cattedrale dove si sono svolti i funerali. E così la piazza antistante e quelle limitrofe si sono riempite di uomini, donne, ragazzi raccolti nel dolore, conseguenza di un evento vissuto come un lutto collettivo, ma anche accomunati da un sentimento di solidarietà e vicinanza alla famiglia della vittima. "Mio figlio - ha detto la mamma Katia Villirillo - era un piccolo grande uomo". Le esequie sono state officiate dal rettore don Serafino Parisi e concelebrate da tutti i parroci della città con la bara bianca poggiata ai piedi dell'altare. Don Serafino ha detto che si "sta manifestando una pacifica rivolta morale, un malessere che ha un duplice significato: la vicinanza della comunità ai familiari ed il rifiuto e il disgusto per quello che è accaduto". (ANSA).

Archivio Ultima ora