Obama attacca Trump su Islam, tradisce i nostri valori

Pubblicato il 14 giugno 2016 da redazione

obama

WASHINGTON. – All’indomani della strage di Orlando, Barack Obama scende in campo contro il rischio di una guerra tra religioni, di un conflitto di civiltà. E condanna con fermezza la retorica anti Islam e anti immigrati del candidato presidenziale repubblicano Donald Trump, che “tradisce i valori dell’America”, rilanciando la sua proposta di un bando dei musulmani in Usa.

Analoga la reazione della candidata democratica Hillary Clinton, che incontrerà il rivale Bernie Sanders alla fine delle (ininfluenti) primarie nella capitale nel tentativo, dopo aver intascato la nomination, di unire il partito e fare fronte comune contro Trump, mentre il Wp rivela l’hackeraggio dell’intelligence russa contro entrambi i partiti.

Anche Paul Ryan, il leader dei repubblicani alla Camera, ha preso le distanze dalla proposta di Trump di bandire l’arrivo dei seguaci di Maometto, confermando l’imbarazzo del Grand Old Party: “non riflette i nostri principi, non è nell’interesse del Paese”.

Ma a lanciare la requisitoria più dura è stato Obama, che giovedì andrà a Orlando per incontrare i sopravvissuti e i parenti della vittime. E’ il presidente americano ad ammonire, pur senza chiamarlo per nome, che Trump sta propagando un atteggiamento mentale pericoloso che rievoca “i periodi più bui della storia Usa”.

“Sentiamo discorsi che additano gli immigranti e suggeriscono che intere comunità religiose sono complici della violenza”, ha esordito, invitando a non cadere “nella trappola di dipingere tutti i musulmani con una larga pennellata e sottintendere che siamo in guerra con una intera religione, facendo così il gioco dei terroristi”.

“Gli Usa sono fondati sulla libertà di fede, non ci sono test religiosi in America”, ha puntualizzato. “Cominceremo a trattare tutti i musulmani americani diversamente? Cominceremo a sottoporli a sorveglianza speciale? Cominceremo a discriminarli per la loro fede?”, ha incalzato alzando il tono di voce e chiedendo se i dirigenti repubblicani sono d’accordo con questa visione. Ed evidenziando tra l’altro che il killer di Orlando, come quelli di San Bernardino, era un cittadino americano.

Il “vero nemico è l’Isis”, ha sottolineato Obama, vantando i successi della lotta contro il Califfato ma invitando a non usare l’espressione ‘Islam radicale’ che Trump gli aveva rimproverato di non aver pronunciato, accusandolo quasi di connivenza e chiedendone le dimissioni: “Non c’è niente di magico in questa espressione, è un punto di vista politico, non una strategia”.

Meglio invece concentrarsi su un giro di vite contro le armi facili, ha rilanciato, sfidando il Congresso ad agire. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Hillary, che ha criticato Trump per le sue “invettive bizzarre” e le sue “menzogne dimostrative” dopo la strage di Orlando.

Il piano anti immigrazione e il bando contro i musulmani proposti dal tycoon, ha denunciato, non avrebbero “salvato una sola vita”: l’autore del massacro, infatti, “non era nato in Afghanistan come ha detto ieri Trump, ma nel Qeens, a New York, proprio dove è nato lo stesso Trump”.

La campagna elettorale ormai è dominata dai temi sollevati dalla sparatoria di Orlando: gay, armi e lotta al terrorismo. Ma ora c’è anche l’ombra dello spionaggio informatico russo, come ha rivelato il Wp.

Hacker legati all’intelligence russa sono penetrati nella rete dei computer del comitato nazionale democratico e hanno avuto accesso all’intero database delle indagini sul passato di Trump, il candidato per il quale ‘tifa’ il leader del Cremlino Vladimir Putin.

Ma le intrusioni sono state bipartisan, violando il network sia di Hillary che del tycoon, nonché i pc di alcune commissioni repubblicane. Spionaggio tradizionale, stando agli esperti, secondo cui Mosca vuole capire meglio le dinamiche di questa campagna senza precedenti, nonché i punti forti e deboli dei candidati alla Casa Bianca.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

02:41Manchester: esplosione a concerto, forse terrorismo

(ANSA) - LONDRA, 23 MAG - Paura e sangue in Gran Bretagna, nella Manchester Arena, dove una potente esplosione ha causato morti e feriti. L'episodio è trattato dagli inquirenti come un fatto di terrorismo. Alcune testimonianze fanno riferimento ad almeno "20-30 persone" viste a terra. L'episodio, descritto subito dagli investigatori come "un serio incidente", ha tutta l'aria di essere un attacco compiuto con un ordigno, anche se al momento non vi sono conferme. E' avvenuto ieri sera subito dopo la fine di un concerto di Ariana Grande - pop star americana 24enne, rimasta illesa secondo una sua portavoce - e ha scatenato il panico fra la gente. La struttura, la più grande arena indoor d'Europa, con una capienza di oltre 21.000 posti, era affollata soprattutto di giovani e giovanissimi. Immagini registrate da testimoni oculari hanno mostrato scene di terrore, con urla seguite dal fuggi fuggi generale. Mentre la polizia accorreva in forze e così pure i mezzi di soccorso.

01:47Wp, Trump sollecito’ aiuto due capi 007 contro Fbi

(ANSA) - WASHINGTON, 23 MAG - Donald Trump chiese invano lo scorso marzo ai capi di due agenzie di intelligence di negare pubblicamente l'esistenza di qualsiasi prova di collusione tra il suo entourage e i russi per smontare l'inchiesta dell'Fbi. Lo rivela il Wp citando due dirigenti americani attuali e due ex. La richiesta fu rivolta a Daniel Coats, capo della National Intelligence (Dia), e all'ammiraglio Michael S. Rogers, direttore della National Security Agency (Nsa).

01:44Manchester: morti e feriti a concerto

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Ci sono alcuni morti e feriti a causa dell'incidente avvenuto in serata alla Manchester Arena, dove e' stata udita 'almeno una esplosione' che ha scatenato il panico fra migliaia di persone subito dopo la conclusione di un concerto della cantante americana Ariana Grande. Lo riferisce la polizia della città britannica. Stando alle prime informazioni l'esplosione sarebbe avvenuta nella zona delle biglietterie, subito fuori dall'arena, che può contenere circa 20.000 spettatori.

01:44Svezia: tracce esplosivo in borsa, evacuato scalo

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' stato evacuato in Svezia l'aeroporto internazionale di Goteborg Landvetter, dopo che in un bagaglio lasciato incustodito sono state rilevate tracce di esplosivo. La borsa abbandonata era nell'area partenze, che è stata subito evacuata, transennata e raggiunta da polizia e artificieri. L'allarme è scattato verso le 21 di ieri. Il bagaglio sospetto è stato trovato vicino a un banco informazioni e dopo che la sicurezza non è riuscita a trovarne il proprietario sono scattati gli accertamenti, dai quali è risultata la presenza di tracce di esplosivo. La polizia svedese afferma che per ora non si può parlare di una situazione di "minaccia effettiva", ma le indagini sono ancora in corso.

23:47Calcio: Quagliarella, a Schick dico di restare alla Samp

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Consiglio a Schick di restare un altro anno alla Sampdoria per confermare quanto di buono fatto e continuare a crescere. Non ho mai giocato con un calciatore simile". Fabio Quagliarella, vincitore del 22esimo 'Premio Gentleman', suggerisce al suo compagno di aspettare a lasciare Genova, ma concede un indizio sull'altro oggetto del desiderio del mercato, Muriel: "Muriel è nell'età giusta per poter partire se ci sono delle richieste che soddisfano il presidente. Contro l'Udinese non ha fatto una cosa bella, ma si è reso conto dell'errore. Non c'è stato alcuna rissa con Danilo e alla fine ha chiesto scusa". Quagliarella conferma il suo desiderio di restare alla Samp ("ho ancora due anni di contratto") e spende parole al miele per Francesco Totti: "E' una leggenda. Sono orgoglioso si averci giocato contro. Un ragazzo eccezionale, c'e solo da togliersi il cappello. Non mi permetto di dire nulla a Spalletti, ma Totti non va trattato così".

23:44Calcio: Montella, il Milan vuole tenere Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Il rinnovo di Donnarumma? So che la società sta facendo degli sforzi enormi per riconoscere le grandi qualità di Gigio. Voglio bene come a un figlio a Donnarumma, ma ora deve fare una scelta e capire cosa vuole fare da grande perché é anche diventato maggiorenne. Ma con la massima serenità perché la società sta facendo di tutto per tenerlo". Così Vincenzo Montella a margine del 22esimo Premio Gentleman, parla delle trattative per il rinnovo di Donnarumma, ma non svela nulla su chi sarà il prossimo centravanti del Milan: "Chi sarà il prossimo numero 9 tra Keita, Kalinic e Morata? Forse nessuno dei tre. La maglia numero 9 è di Lapadula e per il momento se la tiene lui".

23:15Calcio: Pescara batte Palermo 2-0

(ANSA) - PESCARA, 22 MAG - Il Pescara ha battuto 2-0 il Palermo nel posticipo della 37/a giornata della serie A di calcio, partita che ha messo di fronte due formazioni già retrocesse. Gli abruzzesi sono passati in vantaggio al 15' con la prima rete in A del croato Robert Muric. Nel finale dell'incontro è giunto il raddoppio siglato dal suo sostituto, il romeno Mitrita. Il Pescara ha così vinto la terza partita in campionato.

Archivio Ultima ora