Obama attacca Trump su Islam, tradisce i nostri valori

Pubblicato il 14 giugno 2016 da redazione

obama

WASHINGTON. – All’indomani della strage di Orlando, Barack Obama scende in campo contro il rischio di una guerra tra religioni, di un conflitto di civiltà. E condanna con fermezza la retorica anti Islam e anti immigrati del candidato presidenziale repubblicano Donald Trump, che “tradisce i valori dell’America”, rilanciando la sua proposta di un bando dei musulmani in Usa.

Analoga la reazione della candidata democratica Hillary Clinton, che incontrerà il rivale Bernie Sanders alla fine delle (ininfluenti) primarie nella capitale nel tentativo, dopo aver intascato la nomination, di unire il partito e fare fronte comune contro Trump, mentre il Wp rivela l’hackeraggio dell’intelligence russa contro entrambi i partiti.

Anche Paul Ryan, il leader dei repubblicani alla Camera, ha preso le distanze dalla proposta di Trump di bandire l’arrivo dei seguaci di Maometto, confermando l’imbarazzo del Grand Old Party: “non riflette i nostri principi, non è nell’interesse del Paese”.

Ma a lanciare la requisitoria più dura è stato Obama, che giovedì andrà a Orlando per incontrare i sopravvissuti e i parenti della vittime. E’ il presidente americano ad ammonire, pur senza chiamarlo per nome, che Trump sta propagando un atteggiamento mentale pericoloso che rievoca “i periodi più bui della storia Usa”.

“Sentiamo discorsi che additano gli immigranti e suggeriscono che intere comunità religiose sono complici della violenza”, ha esordito, invitando a non cadere “nella trappola di dipingere tutti i musulmani con una larga pennellata e sottintendere che siamo in guerra con una intera religione, facendo così il gioco dei terroristi”.

“Gli Usa sono fondati sulla libertà di fede, non ci sono test religiosi in America”, ha puntualizzato. “Cominceremo a trattare tutti i musulmani americani diversamente? Cominceremo a sottoporli a sorveglianza speciale? Cominceremo a discriminarli per la loro fede?”, ha incalzato alzando il tono di voce e chiedendo se i dirigenti repubblicani sono d’accordo con questa visione. Ed evidenziando tra l’altro che il killer di Orlando, come quelli di San Bernardino, era un cittadino americano.

Il “vero nemico è l’Isis”, ha sottolineato Obama, vantando i successi della lotta contro il Califfato ma invitando a non usare l’espressione ‘Islam radicale’ che Trump gli aveva rimproverato di non aver pronunciato, accusandolo quasi di connivenza e chiedendone le dimissioni: “Non c’è niente di magico in questa espressione, è un punto di vista politico, non una strategia”.

Meglio invece concentrarsi su un giro di vite contro le armi facili, ha rilanciato, sfidando il Congresso ad agire. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Hillary, che ha criticato Trump per le sue “invettive bizzarre” e le sue “menzogne dimostrative” dopo la strage di Orlando.

Il piano anti immigrazione e il bando contro i musulmani proposti dal tycoon, ha denunciato, non avrebbero “salvato una sola vita”: l’autore del massacro, infatti, “non era nato in Afghanistan come ha detto ieri Trump, ma nel Qeens, a New York, proprio dove è nato lo stesso Trump”.

La campagna elettorale ormai è dominata dai temi sollevati dalla sparatoria di Orlando: gay, armi e lotta al terrorismo. Ma ora c’è anche l’ombra dello spionaggio informatico russo, come ha rivelato il Wp.

Hacker legati all’intelligence russa sono penetrati nella rete dei computer del comitato nazionale democratico e hanno avuto accesso all’intero database delle indagini sul passato di Trump, il candidato per il quale ‘tifa’ il leader del Cremlino Vladimir Putin.

Ma le intrusioni sono state bipartisan, violando il network sia di Hillary che del tycoon, nonché i pc di alcune commissioni repubblicane. Spionaggio tradizionale, stando agli esperti, secondo cui Mosca vuole capire meglio le dinamiche di questa campagna senza precedenti, nonché i punti forti e deboli dei candidati alla Casa Bianca.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

19:32Pugilato: Europei Youth, 4 azzurri sul ring, vincono in 2

(ANSA) - ANTALYA (TURCHIA), 22 OTT - L'arena dell'OzkaymakFalez Hotel di Antalya è il ringside degli Europei Youth di Boxe. Sette gli azzurri, selezionati da coach Coletta, e 4 quelli saliti oggi sul ring nella 2/a giornata. Il primo a combattere è il veneto Adami che, superando 4-1 l'armeno Bazeyan, passa ai quarti dei 52 Kg: martedì 24 se la vedrà con il turco Demirhan. Passa ai quarti, nei 60 Kg, anche Gasparri che, battendo 4-1 il bosniaco Blazevic, si guadagna il match con il polacco Durckaz. Perde (4-1) negli ottavi dei 69 Kg Buremi, sconfitto dall'azero Njat. Sconfitta per Pugliara (ottavi 91 Kg) nel match con il georgiano Yordanyan. "Buon match quello di Adami - commenta il ct Coletta -, che avuto il solo difetto di essersi lasciato prendere dalla confusione dell'avversario. Vittoria, comunque, strameritata. Buremi ha perso un match in cui ha dato veramente tutto, avendo un fortissimo dolore al deltoide. Bene Gasparri: ha vinto in maniera chiara e netta ed è in crescita".

19:21Gb: testimone, sequestratore sarebbe marito d’una dipendente

(ANSA) - LONDRA, 22 OTT - L'uomo armato che risulta aver preso oggi in ostaggio due persone della sala da bowling 'Bowl Mfa', nell'area commerciale e di divertimento del Bermuda Park di Nuneaton, in Inghilterra, sarebbe "il marito" o il fidanzato o un ex di una delle dipendenti della struttura. Lo ha detto a SkyNews il chief executive della stessa struttura, Mehdi Amshar.

19:21Referendum: Bossi, spero più del 34% in Lombardia

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - "Spero di più": così il presidente della Lega, Umberto Bossi, ha risposto sull'obiettivo del 34% di affluenza fissato dal governatore Maroni per il referendum sull'autonomia della Lombardia. Bossi è stato interpellato al seggio di via Fabriano, non lontano dalla sede federale di via Bellerio a Milano, dove ha da poco votato. Bossi è apparso incuriosito dal voto elettronico. "Per me sì", l'indipendenza resta un sogno. Ma i referendum di Lombardia e Veneto "non sono inutili, sono l'unica possibilità di tamponare la crisi sociale che arriva", ha detto Bossi, rispondendo ai giornalisti al seggio in cui ha votato a Milano. E se non passano i referendum? "Vuol dire che quelli del Nord - ha risposto - vogliono l'indipendenza e sono stufi dei farabutti romani che hanno alle spalle e prendono i loro soldi. L'autonomia blocca l'indipendenza".

19:07Nudo davanti a David Michelangelo, denunciato da polizia

(ANSA) - FIRENZE, 22 OTT - Si è completamente denudato davanti al David di Michelangelo alla Galleria dell'Accademia di Firenze, in mezzo a decine di visitatori sorpresi: è accaduto nel pomeriggio di oggi nella Tribuna che ospita la celebre scultura per vedere la quale ogni giorno c'è una lunga coda di turisti. Protagonista del gesto un giovane uomo che, una volta liberatosi degli indumenti e rimasto completamente nudo, ha assunto una posa plastica davanti alla statua gridando anche frasi incomprensibili. I custodi in servizio alla Galleria hanno cercato di coprirlo e lo hanno convinto ad avviarsi all'uscita, mentre altri addetti chiamavano la polizia che, intervenuta, lo ha denunciato per atti osceni in un luogo pubblico frequentato anche da minori. Si tratta, secondo quanto appreso, di uno spagnolo 28enne che, tre anni fa, aveva compiuto un gesto simile davanti alla Venere di Botticelli, agli Uffizi: anche allora scattò un'analoga denuncia.(ANSA).

19:01Chiesa: S.Antonio Padova, accolto nuovo delegato pontificio

(ANSA) - PADOVA, 22 OTT - La Basilica di Sant'Antonio, a Padova, ha accolto mons. Fabio Dal Cin, che prende il posto di mons. Giovanni Tonucci, come delegato pontificio. Varcata la soglia principale, Dal Cin ha baciato il Crocifisso e ha celebrato la messa; quindi, dopo la comunione, ha offerto una lampada votiva alla tomba del Santo con cui illuminare il cammino della comunità, ha chiesto a Sant'Antonio di sostenerlo nel suo compito e ha posato la mano sulla pietra della tomba. "Vi ringrazio tutti della presenza e delle preghiere che farete per me - ha detto - Rivolgo a papa Francesco la mia gratitudine per questo incarico, che mi permetterà di tenere un piede in Veneto. Perché questa è la mia terra e vi sono molto legato". Tra i presenti anche il sindaco Sergio Giordani, che ha dato il benvenuto a monsignor Dal Cin ricordando la figura di Sant'Antonio: "In una società attraversata, oggi più che mai, da tensioni e violenze, la voce di sant'Antonio, il suo messaggio di pace, risuona forte e limpido in tutto il mondo".

19:01Gb: allerta in bowling, ‘non è terrorismo’

(ANSA) - LONDRA, 22 OTT - "L'incidente" in corso nella sala bowling del Beruda Park di Nuneaton, in Inghilterra centrale, "non è legato ad alcuna attività terroristica". Lo assicura la polizia locale, precisando che gli agenti sono al lavoro per cercare di sbloccare la situazione. Il servizio ambulanze di zona precisa da parte sua di aver inviato alcuni mezzi a scopo precauzionale, ma che al momento non risultano feriti.

18:52Gb: testimone, ‘uomo armato e due ostaggi in bowling’

(ANSA) - LONDRA, 22 OTT - Sarebbero 2 gli ostaggi trattenuti da un uomo armato nella sala bowling del Bermuda Park, un'area commerciale di Nuneaton, in Inghilterra. Lo riferisce un testimone citato dal Mail online, mentre altri affermano di aver sentito parlare gli agenti di "ostaggi", ma senza fare numeri. La situazione appare ora di stallo, con una trentina di poliziotti che circondano l'area sorvolata pure da un elicottero. Il Bermuda Park, affollato di famiglie e bambini nel pomeriggio domenicale, è ora bloccato: non si entra né si esce.

Archivio Ultima ora