Sequestro area 255 ettari per verifica inquinamento

(ANSA) – PERUGIA, 15 GIU – Sottoposta a sequestro preventivo per svolgere analisi finalizzate ad approfondire gli accertamenti su un eventuale inquinamento (finora non emerso) un’area di 255 ettari tra Piegaro e Panicale. Comprende l’ex bacino minerario in passato utilizzato per l’estrazione della lignite da parte dell’Enel, due pozzi in località Tavernelle e il terreno della vecchia centrale di Pietrafitta (non più attiva da anni). Il provvedimento, disposto dalla procura di Perugia, è stato eseguito dai carabinieri del Nucleo operativo ecologico e dalle stazioni di Piegaro e Panicale. L’area è stata sequestrata dopo una prima fase di accertamenti con prelievi e campionamenti eseguiti dai tecnici dell’Arpa e della Usl. Verranno ora fatti – hanno reso noto gli stessi investigatori – ulteriori approfondimenti sul terreno e sulle acque (in superficie e in profondità) per accertare la sussistenza di eventuali criticità ambientali e sanitarie. Al momento non sono comunque emerse prove di un inquinamento della zona.

Condividi: