Euro2016: Svezia paura azzurra, “o cambiamo o poche possibilità”

Pubblicato il 15 giugno 2016 da redazione

Ibrahimović e compagni esultano dopo l'autorete di Clark

Ibrahimović e compagni esultano dopo l’autorete di Clark

PORNICHET (FRANCIA). – Il mare c’è, ma è grigio come il cielo e trasmette visioni oniriche poco propizie, in prossimità del match contro l’Italia che, contro il Belgio, ha lanciato segnali inequivocabili. Che gli svedesi, dal loro ritiro in questa cittadina della Loira atlantica, a pochi passi dal mare grigio e quasi sempre agitato, hanno raccolto, con preoccupazione e inquietudine. Sinistri presagi.

Gli azzurri “preoccupano”, ammette candidamente Albin Ekdal, ex centrocampista di Juve, Cagliari Siena e Bologna, perché nessuno si aspettava “che fossero così forti”. Ibra gigioneggia sul terreno del campo sportivo di Saint-Nazaire, intitolato al politico socialista Leo Lagrange, sa bene che la Svezia è nei suoi piedi e si atteggia a stella di prima grandezza.

Entra in campo per ultimo, poi si siede in panchina, quindi comincia a calciare quasi con noia. Un paio di parabole e poi si risiede. Il ct Hamren, con il quale il bomber del PSG non è stato tenero dopo l’Irlanda, spera che accenda la luce, abbagliando l’impermeabile difesa dell’Italia.

“Se la Svezia è quella vista contro l’Irlanda, allora le chance che possa ottenere un risultato positivo sono praticamente nulle”, taglia corto il figlio di Gunnar Nordahl, Thomas, che oggi fa il giornalista, dopo essere stato calciatore (della Nazionale, dell’Anderlecht “mi aveva comprato la Juve, ma le frontiere erano chiuse e mi ‘parcheggiò’ nella squadra di Bruxelles”) e allenatore.

“Solo Ibra può risolvere la faccenda, in patria c’è molta delusione, io confido nell’orgoglio della Svezia. Ma l’Italia è forte. Mi sento svedese, ero a ‘Messico ’70’, ma in panchina, vidi segnare Domenghini a Toluca, contro di noi: sarei felice se agli ottavi andassero Italia e Svezia”.

“L’Italia è più forte di quanto mi aspettassi – le parole di Ekdal -: la squadra da battere era il Belgio, ma adesso ho cambiato idea. Gli azzurri sono sempre molto disciplinati e concentrati in difesa, ci aspetta una partita davvero molto difficile. A Parigi non abbiamo disputato la partita che volevamo, la squadra dovrà adesso essere più alta, perché l’Italia non è l’Irlanda. Quando parleremo dei nostri prossimi avversari dobbiamo individuare qualche suo difetto. Ibra? E’ il nostro giocatore più forte, il nostro capitano e, quando parla, lo ascoltiamo tutti: nella Svezia, però, siamo tutti importanti”.

Contro l’Italia Ekdal auspica una Svezia che “giochi molto meglio, altrimenti contro l’Italia diventa tutto molto più difficile”. Ma non solo: “Dobbiamo dare più palloni a Ibra, aiutarlo e sostenerlo di più. Fa reparto da solo, ma la squadra deve supportarlo”.

“E’ difficile dire con quale arma si potrà combattere l’Italia, la difesa mi è sembrata molto in palla, però ogni squadra ha un punto debole”, spiega il centrocampista che adesso gioca nell’Amburgo. Il ricordo va all’unico europrecedente di un passato piuttosto recente.

Ekdal ricorda benissimo la sfida disputata all’Europeo, in Portogallo, nel 2004, e conclusa con un pareggio che poi sarebbe stato l’aperitivo del ‘biscotto’ indigesto agli azzurri, sfornato al termine del match fra Svezia e Danimarca.

Un 2-2 beffardo quanto scorretto. “Speriamo che Ibra faccia un numero con il tacco – ammette Ekdal, ricordando il gol realizzato da Zlatan -. Mi piacerebbe se venerdì riuscissimo a fare una partita simile, magari questa volta a conquistare i tre punti”.

(dell’inviato Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

07:18Terrorismo: blitz a Venezia, sgominata cellula jihadista

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Un blitz di Polizia di Stato e Carabinieri è scattato durante la notte nei confronti di una cellula jihadista in pieno centro a Venezia: tre persone arrestate e un minore fermato, tutti originari del Kosovo e residenti in Italia con regolare permesso di soggiorno; 12 le perquisizioni tra il capoluogo, Mestre e Treviso.

23:43Trump: Ivanka ‘assunta’ come dipendente federale

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Ivanka Trump sara' assunta come dipendente federale nel ruolo di assistente del padre alla Casa Bianca. Non percepira' pero' alcuno stipendio, cosi'come avviene per il marito Jared Kushner. Lo ha annunciato la stessa figlia del presidente americano, spiegando che la decisione e' stata presa per porre fine alle preoccupazioni di tipo etico solevate da piu' parti e legate alla sua presenza alla Casa Bianca dove ha anche un ufficio.

22:56Calcio: Messi “Nessuna offesa, le mie erano parole al vento”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Non volevo insultare l'assistente, le mie erano solo parole al vento". Così Leo Messi si discolpa, secondo quanto apprende La Nacion, nell'arringa difensiva che l'Afa (la Federcalcio argentina) presenterà alla Commissione d'appello della Fifa, nel tentativo di ricevere uno sconto sulle quattro giornate di squalifica inflitte alla 'Pulce' per le offese rivolte a un assistente dopo la sfida contro il Cile. Nel caso in cui in appello dovessero essere confermate le giornate di stop a Messi, l'Afa si rivolgerà al Tas di Losanna; in questo caso, però, i tempi della sentenza si allungherebbero fino alla fine dell'estate prossima. In particolare, nel ricorso, la Federcalcio argentina sottolinea di come l'arbitro brasiliano Ricci, nelle 16 pagine di relazione presentata alla Fifa, non abbia menzionato l'alterco verbale fra Messi e l'assistente.

21:05Migranti: #Withrefugees, scatti per capire un dramma

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Grazie alla fotografia sono i migranti che ci parlano. E' nel diffondere questa consapevolezza che l'immagine può davvero rappresentare un veicolo importante per far capire le problematiche di queste persone che attraversano il mondo". Lo ha detto Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell'Unhcr, l'agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite. L'occasione per una riflessione sulle migrazioni è stata l'inaugurazione della mostra #Withrefugees - Fotografi per i rifugiati, oggi, alla spazio Big Santa Marta di Milano. A promuovere la serata è stata MIA Photo fair (la fiera internazionale della fotografia), che apre proprio nel giorno dell'approvazione della legge sulla protezione dei minori stranieri non accompagnati. A essere esposti sono 45 scatti di fotografi che si sono dedicati al tema: Yuri Catania, Franco Paggetti, Pierre Andrè Podbilesky, Massimo Sestini e Paolo Solari Bozzi, che hanno messo le loro opere a disposizione per beneficenza.

20:54Trump: Moore, con nuove norme clima iniziata estinzione vita

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Donald Trump ha appena "iniziato l'estinzione della vita umana sulla terra": ne e' convinto il regista liberal Michael Moore, facendo riferimento all'ordine esecutivo firmato dal presidente americano che spazza via le normative ambientali del predecessore Barack Obama. "Gli storici nel prossimo futuro (e potrebbe essere l'unico futuro che abbiamo) ricorderanno il 28 marzo 2017 come il giorno dell'inizio dell'estinzione della vita umana sulla terra", ha scritto in un post su Facebook. A suo parere, firmando il decreto che ordina di rivedere le norme per la riduzione delle emissioni di gas serra nelle industrie, Trump ha "dichiarato guerra al pianeta e ai suoi abitanti".

20:52Calcio: Lazio, Anderson “La Roma? Pensiamo a noi stessi”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "La Roma? Pensiamo solo a noi, non a quello che dicono loro. Giocheranno coi loro tifosi ma, se saremo intelligenti, facciamo una grande partita". Così Felipe Anderson, intervistato a Mediaset premium, parla della sfida di ritorno di Coppa Italia contro la Roma, in programma il 4 aprile. Si riparte dal 2-0 sei biancocelesti dell'andata, ma per il brasiliano conta prima di tutto fare bene contro il Sassuolo in campionato. "Questa per noi è una settimana decisiva - spiega l'ex Santos - dobbiamo centrare due obiettivi di stagione, non bisogna sbagliare. Pensiamo prima al Sassuolo, poi al derby". Protagonista della sua miglior stagione a livello di continuità, per Anderson è sempre vivo il sogno della Seleçao: "Giocare il Mondiale è un mio obiettivo - conclude l'attaccante dei biancocelesti - ma so che devo dare il massimo qui, voglio finire bene e sperare di conquistare la Nazionale".

20:41Deltaplano precipita in provincia di Modena, grave 56enne

(ANSA) - MODENA, 29 MAR - Un deltaplano con a bordo un 56enne, D.B., si è schiantato al suolo, in un terreno agricolo, intorno alle 18 a Campogalliano, in provincia di Modena. L'uomo, proprietario sia del velivolo che del terreno agricolo dove è avvenuto l'incidente, in via Vandelli, è stato soccorso dai sanitari del 118, intervenuti con l'ambulanza e con l'elisoccorso. Il ferito, cosciente ma con gravi ferite ad una gamba, è stato così portato all'ospedale Maggiore di Bologna con l'elicottero. Le sue condizioni sono gravi. In via Vandelli sono intervenuti anche i vigili del fuoco ed i carabinieri. Tutte le ipotesi sono al vaglio, ma si propende per un guasto tecnico del deltaplano, che, a quanto pare, è precipitato mentre era ancora in fase di decollo. A chiamare i soccorsi sono stati i parenti del 56enne, che hanno udito il rumore dello schianto. (ANSA).

Archivio Ultima ora