Afghani d’America, dopo Orlando siamo tornati all’11 settembre

Pubblicato il 15 giugno 2016 da redazione

orlando

NEW YORK. – Per gli afghani d’America è stato uno dei giorni più bui, proprio come 15 anni fa quando hanno scoperto che gli attacchi nel 2001 erano stati organizzati dall’Afghanistan, da al Qaeda. “Non importa cosa lo ha spinto – ha detto Waheed Momand, presidente della maggiore non profit afghana degli Usa – è sbagliato. Ci dispiace per le vittime e ci dispiace per il dolore delle loro famiglie. Il fatto che questa persona fosse di origine afghane ci fa sentire anche peggio”.

“E’ stato come tornare indietro all’11 settembre”. A Little Kabul a Fremont in California, casa della più grande comunità afghana degli Stati Uniti, regnano rabbia, shock e sconforto per la strage commessa a Orlando da Omar Mateen, un loro connazionale.

In città c’è anche chi teme ripercussioni contro la comunità afghana. “Avevo qualche timore ad uscire dopo la strage – ha detto Mojgan Mohammad Partes, titolare di un forno – la gente è arrabbiata ed è comprensibile”.

Ma non ci stanno ad essere giudicati tutti colpevoli. “La gente non dovrebbe giudicare gli afghani – commenta Bilal Miskeenyar, un residente di Fremont – da una sola mela marcia”. A suo avviso ciò che ha spinto Mateen a compiere una simile mattanza è stato l’odio.

A Fremont gli afghani sono arrivati dopo l’invasione russa nel 1979 la California ha aperto le porte a coloro che avevano lo status di rifugiati politici. Da allora si sono perfettamente integrati ed ora non ci stanno ad essere giudicati tutti colpevoli.

E proprio come immediatamente dopo gli attacchi dell’11 settembre, anche in questo caso a Fremont è in programma una veglia e una cerimonia interreligiosa per ricordare le vittime e per condannare ogni forma di terrorismo.

Ultima ora

17:05Gb:ceo British Airways,’sistemi funzionano ma ancora disagi’

(ANSA) - LONDRA, 28 MAG - "Molti" sistemi informatici di British Airways sono tornati alla normalità ma i passeggeri devono ancora affrontare cancellazioni di voli e ritardi. Lo ha detto il 'ceo' della compagnia aerea Alex Cruz dopo che sono andati in tilt i computer del gruppo britannico. Il vettore prevede per oggi un ritorno alla "quasi normalità" all'aeroporto di Gatwick mentre ad Heathrow dovrebbero essere operativi tutti i voli a lunga distanza. Cruz in un video si è scusato affermando che tutto questo è stato "orribile" per i passeggeri.

17:02F1: Monaco, Raikkonen “secondo posto non è bella sensazione”

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Per me un secondo posto non è una bellissima sensazione". Un laconico Kimi Raikkonen non nasconde la sua delusione intervistato da Nico Rosberg sotto il podio di Montecarlo. "Le cose però vanno così, proveremo a migliorare ma davvero oggi mi auguravo di portare a casa qualcosa di più", si è limitato ad aggiungere il ferrarista.

16:58F1:Vettel canta sul podio inno Mameli, Raikkonen impassibile

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Sebastian Vettel, sorridente e felice, intona anche qualche brano dell'Inno di Mameli dal podio di Montecarlo, dopo aver conquistato la prima vittoria con le Rosse nel Gp di Monaco dal 2001. All'entusiasmo del tedesco, pur contenuto dalla presenza delle Altezze del Principato alle sue spalle, ha fatto da contraltare la fredda compostezza di Kimi Raikkonen, impassibile e immobile nonostante il secondo posto.

16:58Usa: 8 morti in sparatoria Mississippi

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Otto morti, fra i quali il vice sceriffo. E' il bilancio della sparatoria avvenute nella contea di Lincoln, in Mississippi nella notte di sabato. Le autorita' stanno indagando e un uomo e' sotto custodia della polizia. La polizia sta raccogliendo le prove per cercare nelle tre diverse abitazioni dove il sospettato ha colpito per cercare di capire se conoscesse le sue vittime.

16:56F1: Monaco, Vettel “fantastico weekend per la Ferrari”

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "E' incredibile. E' un fantastico weekend per la Ferrari. E' stata una gara davvero tirata. Speravo di fare una partenza migliore, e nella prima parte ci sono stati dei momenti in cui ero in difficoltà con le gomme". Queste le prima parole di Sebastian Vettel dopo la premiazione al Gp di Montecarlo, intervistato dal campione del mondo in carica, Nico Rosberg. "Poi però prima del pit stop le gomme sono tornate a darmi buone sensazioni e ho sfruttato la finestra", ha aggiunto spiegando il momento in cui, grazie ai pit stop, è riuscito a sopravanzare Kimi Raikkonen. Qualche problema alla ripartenza dopo l'ingresso della safety car, nel finale di gara: "Era davvero difficile con le gomme che si erano raffreddate, ma ho tenuto duro. E' stato davvero un ottimo lavoro del team".

16:55F1: Monaco, urlo Vettel “gran lavoro, grande piacere”

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Sì, sì', siiì!. Grande lavoro ragazzi, molto buono!" Sebastian Vettel entusiasta dopo la vittoria nel Gp di Monaco urla la sua gioia via radio ai box. "Oggi è davvero un grande piacere", ha aggiunto il tedesco dopo il terzo successo stagionale. All'arrivo ai box, Vettel è stato travolto dalla gioia dei suoi meccanici.

16:51Mucche al mare, transumanza arriva in spiaggia

(ANSA) - OLBIA, 28 MAG - L'estate in Sardegna è iniziata con circa un mese di anticipo. Le temperature elevate di questi giorni hanno 'suggerito' anche alle ormai note mucche di Bèrchida di fare un 'salto' in spiaggia. Non una spiaggia qualsiasi, ma uno degli arenili più belli al mondo, quello che si trova a pochi chilometri da Siniscola (Nuoro). La fotografia, pubblicata su Facebook da Annamaria Profili, è stata scattata oggi nella spiaggia semideserta, dove gli animali hanno fatto una sosta durante la loro transumanza dai monti alle zone costiere. Un'immagine che trasmette la vera essenza di una Sardegna ancora pura e selvaggia. La mandria di erbivori è perfettamente a suo agio sulla sabbia candida a pochi passi dal bagnasciuga e dal mare cristallino. Le mucche bianche, di razza charolaise, appartengono alla famiglia Contu che da generazioni si occupa di questo tipo di allevamento. In primavera la mandria viene spostata sulla costa per consentire il riposo ai pascoli della campagna. La transumanza delle mucche di Bèrchida avviene due volte l'anno con una "passeggiata" di circa 20 chilometri. Una volta al 'mare' la mandria trova tutto ciò di cui ha bisogno, compresa acqua fresca a volontà grazie alla presenza di un fiume a pochi metri dalla spiaggia. (ANSA).

Archivio Ultima ora