Usa 2016: Washington Post contro Trump, proposto il black out

Pubblicato il 15 giugno 2016 da redazione

Usa 2016, Trump contro Washington Post: ritirato accredito ai giornalisti

Usa 2016, Trump contro Washington Post: ritirato accredito ai giornalisti

NEW YORK. – Un black out dei media contro Donald Trump: lo ha proposto il columnist del Washington Post Dana Milbank dopo il clamoroso annuncio che il candidato repubblicano ha ritirato le credenziali al quotidiano del Watergate per un titolo forzato dopo la strage di Orlando.

“Trump va ben oltre Nixon quanto ad ostilità nei confronti dei media”, ha scritto Milbank sul giornale della capitale. “Per fortuna c’è una risposta adeguata alle sue liste nere: un black out di Trump”. Che non significa, spiega il columnist, smettere totalmente di seguire il tycoon nelle sue quotidiane sparate a tutto campo: “Sarebbe venir meno al nostro dovere civico di cronisti”.

Milbank suggerisce invece di por fine alla pubblicità gratuita e acritica che finora il grosso della stampa ha regalato al miliardario e che lo ha aiutato a conquistare la nomination repubblicana. Tra Trump e la stampa il rapporto non è semplice: “Se eletto non butterò fuori i giornalisti dai briefing della Casa Bianca”, ha detto il tycoon spiegando alla Cnn perché è diverso adesso: “Ora sono un candidato, prendo in affitto grandi spazi e ho facoltà di scelta, ossia di negare l’accesso ai membri della stampa”.

Succede proprio così: prima di ogni evento i giornalisti, nelle liste nere o no, devono chiedere il permesso di entrare. Vengono poi avvertiti se la richiesta è stata accolta. Le liste nere sono ormai affollatissime.

Bandi simili a quelli del Post sono stati imposti a singoli reporter di Politico, Huffington Post, BuzzFeed, Gawker, Foreign Policy, Fusion, Univision, Mother Jones, il New Hampshire Union Leader, il Des Moines Register e il Daily Beast.

Il New York Times ha chiesto al miliardario cosa ha provocato il bando a tutto campo del Post: “E’ stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso”. Anche il quotidiano di New York sta giocando col fuoco: “E’ sempre possibile, è sempre possibile”, ha risposto il tycoon al titolare della nuova rubrica Mediator.

“Trump rifiuta il ruolo della stampa libera e indipendente”, ha detto il direttore del Post Martin Baron.

Tra le altre iniziative dell’agenda presidenziale del tycoon c’è quella di “aprire” le leggi sulla diffamazione per portare più facilmente in tribunale giornalisti. Trump ha anche suggerito che userà le norme anti-trust contro Jeff Bezos di Amazon, il proprietario del Post mentre il suo accolito Roger Stone ha proposto che, da presidente, Trump attacchi la CNN revocandogli la licenza di andare in onda.

(di Alessandra Baldini/ANSA)

Ultima ora

05:30Giappone:bilancio valanga Tochigi sale a 9 morti e 40 feriti

TOKYO - Ammonta a 9 il bilancio finale delle vittime della valanga che si e' abbattuta nella prefettura di Tochigi, a circa 100 km a nord di Tokyo, nel corso di un evento di arrampicata in programma a inizio settimana. Le autorita' municipali hanno confermato la morte di 8 studenti di scuola superiore e un insegnante, oltre al ferimento di 40 persone. La polizia ha aperto un'indagine sui motivi per i quali la manifestazione era stata organizzata malgrado la forte nevicata, circa 30 centimetri di neve, caduta il giorno prima sul villaggio.

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

03:24Trump: Usa valutano ruolo maggiore in conflitto in Yemen

NEW YORK - Gli Stati Uniti valutano la possibilita' di rafforzare il loro ruolo nel conflitto in Yemen aiutando direttamente gli alleati del Golfo nella battaglia contro i ribelli sciiti Houthi. Lo riporta la stampa americana citando alcune fonti. La maggiore assistenza americana potrebbe includere anche un sostegno dal punta di vista dell'intellingence.

03:21Trump: Giuliani legale turco che ha violato sanzioni Iran

NEW YORK - Rudolph Giuliani, l'ex sindaco di New York e alleato di Donald Trump, entra nella squadra legale di Reza Zarrab, il trader di oro turco arrestato per aver violato le sanzioni americane contro l'Iran. Un caso gia' al centro delle relazioni fra Turchia e Stati Uniti. Lo riporta il New York Times, sottolineando che Giuliani e un altro legale, Michael Mukasey, hanno incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan nell'ambito degli sforzi per difendere Zarrab.

Archivio Ultima ora