Usa 2016: Washington Post contro Trump, proposto il black out

Pubblicato il 15 giugno 2016 da redazione

Usa 2016, Trump contro Washington Post: ritirato accredito ai giornalisti

Usa 2016, Trump contro Washington Post: ritirato accredito ai giornalisti

NEW YORK. – Un black out dei media contro Donald Trump: lo ha proposto il columnist del Washington Post Dana Milbank dopo il clamoroso annuncio che il candidato repubblicano ha ritirato le credenziali al quotidiano del Watergate per un titolo forzato dopo la strage di Orlando.

“Trump va ben oltre Nixon quanto ad ostilità nei confronti dei media”, ha scritto Milbank sul giornale della capitale. “Per fortuna c’è una risposta adeguata alle sue liste nere: un black out di Trump”. Che non significa, spiega il columnist, smettere totalmente di seguire il tycoon nelle sue quotidiane sparate a tutto campo: “Sarebbe venir meno al nostro dovere civico di cronisti”.

Milbank suggerisce invece di por fine alla pubblicità gratuita e acritica che finora il grosso della stampa ha regalato al miliardario e che lo ha aiutato a conquistare la nomination repubblicana. Tra Trump e la stampa il rapporto non è semplice: “Se eletto non butterò fuori i giornalisti dai briefing della Casa Bianca”, ha detto il tycoon spiegando alla Cnn perché è diverso adesso: “Ora sono un candidato, prendo in affitto grandi spazi e ho facoltà di scelta, ossia di negare l’accesso ai membri della stampa”.

Succede proprio così: prima di ogni evento i giornalisti, nelle liste nere o no, devono chiedere il permesso di entrare. Vengono poi avvertiti se la richiesta è stata accolta. Le liste nere sono ormai affollatissime.

Bandi simili a quelli del Post sono stati imposti a singoli reporter di Politico, Huffington Post, BuzzFeed, Gawker, Foreign Policy, Fusion, Univision, Mother Jones, il New Hampshire Union Leader, il Des Moines Register e il Daily Beast.

Il New York Times ha chiesto al miliardario cosa ha provocato il bando a tutto campo del Post: “E’ stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso”. Anche il quotidiano di New York sta giocando col fuoco: “E’ sempre possibile, è sempre possibile”, ha risposto il tycoon al titolare della nuova rubrica Mediator.

“Trump rifiuta il ruolo della stampa libera e indipendente”, ha detto il direttore del Post Martin Baron.

Tra le altre iniziative dell’agenda presidenziale del tycoon c’è quella di “aprire” le leggi sulla diffamazione per portare più facilmente in tribunale giornalisti. Trump ha anche suggerito che userà le norme anti-trust contro Jeff Bezos di Amazon, il proprietario del Post mentre il suo accolito Roger Stone ha proposto che, da presidente, Trump attacchi la CNN revocandogli la licenza di andare in onda.

(di Alessandra Baldini/ANSA)

Ultima ora

21:24Milan: P.Berlusconi ‘trattativa conclusa, no colpi di scena’

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Le trattative sono state concluse" e "non sono ovviamente previsti" colpi di scena: così Paolo Berlusconi sulla cessione del Milan alla cordata cinese guidata da Sino-Europe Sports. "Non credo ci siano degli investitori che dopo aver investito 200 milioni di euro dicano 'scusa ho sbagliato'. C'è qualcuno - ha sorriso Paolo Berlusconi, vice presidente rossonero e fratello del presidente Silvio Berlusconi - che potrebbe anche augurarselo, in quanto il Milan oggi dopo la rivalutazione e la scoperta di nuovi giovani può essere ancora più interessante per un eventuale acquirente. Ma non ho mai visto un investitore così poco avveduto da mettere lì 200 milioni e poi tirarsi fuori, avendo un oggetto che assolutamente vale".

21:21Calcio: Squinzi, vorrei Berardi bandiera permanente Sassuolo

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Fino al termine della stagione sicuramente resta, per noi Berardi è una bandiera e faremo di tutto perché diventi una bandiera permanente". Giorgio Squinzi blinda così la stella del suo Sassuolo, senza però escludere definitivamente la partenza di Defrel. "E' un giocatore in cui crediamo tantissimo, ha contribuito ad alleggerire l'assenza di Berardi nella prima parte della stagione e speriamo di poterlo avere per tutto il campionato - ha detto il presidente del Sassuolo a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' - Non mi interesso direttamente di mercato, per noi è un giocatore importante come Acerbi e tanti altri".

21:21Rigopiano: fiaccolata a Chieti,solidarietà a Di Michelangelo

(ANSA) - CHIETI, 23 GEN - Circa 250 persone hanno preso parte a Chieti a una fiaccolata di solidarietà per la famiglia di Domenico Di Michelangelo, il poliziotto in servizio a Osimo e originario di Chieti che, insieme alla moglie Marina Serraiocco, è fra i dispersi dell'hotel Rigopiano di Farindola (Pescara); il figlio della coppia, Samuel, è uno dei quattro bimbi salvati. Alla fiaccolata - dalla chiesa del Sacro Cuore, attraverso via d'Aragona, con sosta di qualche minuto in via Smargiassi, davanti alla casa in cui la famiglia Di Michelangelo ha vissuto per alcuni anni - ha preso parte il fratello di Domenico, Alessandro, anche lui poliziotto, in servizio a Chieti. In corteo anche il sindaco della città, Umberto Di Primio, e molti appartenenti alla Polizia di Stato. "Siamo il gruppo 'I ragazzi del muretto' e siamo cresciuti con la montagna - dice Maria Elena Carulli - Siamo amici storici di Dino (così chiamano Domenico). Questa fiaccolata è un po' per esorcizzare il dolore, un po' per stare vicini ai famigliari"."Serve concretezza, l'unico modo abbiamo pensato fosse questa fiaccolata. Vorremmo fare anche una raccolta fondi, ma vorremmo chiedere alla famiglia se è d'accordo". "Con Dino condividevamo anche la passione del calcio fin da piccoli, quando abbiamo cominciato a giocare con la Polisportiva Virtus Sacro Cuore. Con questa fiaccolata - dice Alessandro Ghionni - vogliamo dare un segnale forte di speranza e vicinanza alla famiglia".(ANSA).

21:19Bimba marocchina muore in ospedale, segni di malnutrizione

(ANSA) - NOVARA, 23 GEN - La procura di Novara ha aperto un'inchiesta su una bambina marocchina di 5 anni morta nei giorni scorsi all'ospedale Maggiore, dove era arrivata con gravi sintomi di malnutrizione e disidratazione. Si attendono ora i risultati dell'esame autoptico per stabilire l'esatta causa della morte. Dai primi accertamenti i genitori, che avevano portato la bimba in ospedale dopo che si era sentita male mentre viaggiava in treno dalla Lombardia al Piemonte, sembrano essere sprovvisti di regolare permesso di soggiorno. Dopo la morte della figlia, i genitori, che dovrebbero essere residenti nella provincia di Bergamo, non hanno più fatto ritorno a Novara. Ad avviare l'indagine è stata una segnalazione dei sanitari dell'ospedale.(ANSA).

21:19Nigeria: bombardati per errore, 236 i morti

(ANSA) - MAIDUGURI (NIGERIA), 23 GEN - E' salito a 236 morti il bilancio delle vittime del bombardamento di un campo profughi compiuto per errore nel nord-est della Nigeria da un jet dell'aeronautica militare nigeriana lo scorso 17 gennaio. Lo hanno reso noto le autorità, aggiungendo che quasi tutte le vittime sono morte sul posto, a Rann, dilaniate e bruciate dalle bombe sganciate dal caccia che - secondo fonti ufficiali - credeva di attaccare un accampamento degli integralisti islamici Boko Haram. In un primo tempo era stato detto che le vittime erano più di cento, la maggior parte sfollati già sopravvissuti alla furia dei Boko Haram ma anche molti medici, infermieri e operatori umanitari di Medici senza Frontiere e della Croce Rossa internazionale.

21:15Calcio: Ranieri, per Napoli è sfida aperta con Real Madrid

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - Il Napoli ha chance di superare il Real Madrid e la Juventus non deve sottovalutare il Porto. Questo il pensiero di Claudio Ranieri sulle italiane superstiti in Champions League. "Sarri sta facendo giocare bene il Napoli, è una squadra compatta mentre il Real Madrid lascia spesso qualcosa in difesa. E' una sfida aperta - ha spiegato l'allenatore del Leicester, a Milano per ricevere il 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' - La Juventus? Non si può programmare di vincere la Champions, si va partita per partita, e il Porto non si può sottovalutare il Porto". Dando uno sguardo alla Serie A, Ranieri ha notato che "la Juventus sta facendo il suo solito campionato, è solida e forte come società, mentre le altre sono in fase evolutiva. Auguro a tutte - ha aggiunto l'allenatore - di raggiungere al più presto il livello della Juventus. Il gap si è molto ridotto e questo fa bene al calcio italiano".

21:15Comuni: Pizzarotti candidato, sarò a capo di lista civica

(ANSA) - PARMA, 23 GEN - Dopo l'annuncio di sabato scorso, oggi Federico Pizzarotti ha presentato ufficialmente la sua candidatura per il secondo mandato di sindaco di Parma. "Sarò a capo di un movimento veramente civico - ha sottolineato - e rispetto a cinque anni fa saremo più liberi di ascoltare i cittadini". "Possibili alleanze? Tutti sono ben accetti, ma ovviamente parlo di cittadini - ha risposto - Chi vorrà fare questo percorso con noi sarà ben accetto. Il tema dei partiti non ci ha mai appassionato. Di cappelli in questi anni ce ne hanno messi tanti, forse mi manca solo quello di Forza Italia. Noi badiamo ad altro, ai contenuti". Ma si parla di un nuovo feeling con il futuro partito di Pisapia? ''L'ho letto sui giornali ma nessuno mi ha chiamato e tantomeno ci tengo - ha sottolineato Pizzarotti - Forse ci tirano in ballo perché siamo utili a loro visto i grandi risultati che abbiamo ottenuto qui a Parma. Pensiamo solo alla città''.(ANSA).

Archivio Ultima ora