Annegamenti: Ravenna, muore in mare per salvare il figlio

(ANSA) – RAVENNA, 16 GIU – Un uomo di 51 anni è annegato a Punta Marina, sul litorale di Ravenna, per salvare il figlio di otto anni. Luigi Marchi, la vittima, è di Riva del Garda (Trento), dove lavorava come assicuratore. Si trovava in vacanza sul lido ravennate. Al momento dell’incidente, intorno alle 15, il mare era mosso, forza 4. Padre e figlio erano in acqua. Il bambino, che indossava un giubbotto gonfiabile, si è trovato in difficoltà: le onde lo stavano trascinando al largo e non riusciva a riavvicinarsi a riva. Il padre ha cercato di raggiungerlo a nuoto, ma è stato sopraffatto a sua volta dalla forza delle onde. Alcuni bagnini di salvataggio, vedendo i due in pericolo, li hanno raggiunti e hanno tratto in salvo il bambino. Il padre è stato recuperato già privo di sensi. Inutile l’intervento dei sanitari del 118, arrivati con ambulanza e auto medicalizzata: non hanno potuto fare altro che constatare la morte dell’uomo. (ANSA).

Condividi: