L’abbraccio di Obama a Orlando, tra i familiari delle vittime

Pubblicato il 16 giugno 2016 da redazione

strage-orlando

WASHINGTON. – Per la nona volta durante il suo mandato presidenziale Barack Obama ferma tutto e parte per portare il suo sostegno ad una comunità colpita al cuore dalla violenza cieca. Questa volta la destinazione è Orlando, in Florida, dove è giunto per abbracciare i familiari delle vittime della strage al Pulse, per portare il suo conforto ai sopravvissuti dilaniati dal dolore e dalla colpa di essere sfuggiti alla mano omicida, per ringraziare di persona chi ha prestato i primi soccorsi, i medici, gli infermieri, le forze dell’ordine precipitatesi nella notte tra sabato e domenica al night club da cui giungeva il grido d’aiuto.

Obama vuole farlo lontano dai riflettori. Pubblicamente il presidente ha già parlato e in più di una occasione dopo la strage. Questo è il momento di portare un messaggio intimo, di mostrare – con accanto il vicepresidente Joe Biden – come gli americani “restano uno al fianco uno dell’altro”, come l’America si stringe attorno ad Orlando.

“Non c’è modo più tangibile di manifestare il suo sostegno se non recandosi nella città dove ha avuto luogo questo orrendo episodio”, ha spiegato la Casa Bianca. E di tangibile Obama a Orlando trova il dolore: in corteo verso il luogo dove incontra la comunità, a due miglia circa dal Pulse, scorrono davanti agli occhi del commander in chief giunto da Washington i segni profondi lasciati dalla violenza scatenata da Omar Mateen, tra le bandiere arcobaleno e quel cartello affisso all’ingresso di una rivendita di Harley-Davidson: “Pregate per Orlando”.

Così, dopo il monito fermo e determinato con cui Obama ha puntato il dito contro l’intolleranza e la violenza, guardando dritto negli occhi degli oppositori politici, adesso è il giorno dell’unità. A dimostrarlo le immagini dell’arrivo del presidente in Florida: scende dalla scaletta dell’Air Force One seguito da Marco Rubio.

Il senatore repubblicano della Florida ed ex candidato per la nomination repubblicana che contro Obama si è scagliato con vigore durante la sua campagna, ha volato con lui dalla capitale fino al suo Stato. I due hanno parlato, senza dubbio, ma di ciò che in queste ore è l’unico argomento possibile: “Questo è un momento in cui democratici e repubblicani possono dimostrare che, quando negli Stati Uniti d’America una comunità viene attaccata, gli Stati Uniti d’America restano uniti”, commenta la Casa Bianca ribadendo un appello ripetuto più volte da Obama.

E le prime prove di unità sono in corso al Congresso dove, nonostante le posizioni di Donald Trump a riguardo, si intravedono i segnali di un’intesa tra democratici e repubblicani per una stretta sulle armi. La svolta dopo l’intervento fiume di quasi 15 ore del senatore democratico del Connecticut Chris Murphy.

Era già mattina quando si è conclusa la maratona guidata da Murphy e quando il senatore ha reso noto che ci sono adesso i presupposti per una intesa con i repubblicani disposti a votare alcune misure chiave sui controlli, consentendo quindi l’approvazione di emendamenti che prevedono maggiori verifiche sui singoli acquirenti di armi e il divieto di vendita a sospettati di terrorismo.

Intanto continuano le indagini sulle dinamiche dell’attacco al club gay ed emergono altri dettagli su Omar Mateen e sulla strage: secondo quanto si apprende ora, il killer scambiava sms con la moglie durante l’attacco. Non è chiaro tuttavia se la donna fosse consapevole di quanto stesse accadendo. Lo riferisce la Cnn citando fonti.

Mentre emerge in maniera sempre più evidente l’uso intenso che Mateen faceva dei social media, luogo privilegiato dove scatenare tutto il suo odio. “I veri musulmani non accetteranno mai i modi osceni di vita dell’Occidente”, scriveva tra l’altro su alcuni degli almeno cinque profili a lui associati.

Per questo adesso si chiede l’aiuto di Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook, per assistere gli inquirenti nel tracciare l’attività del killer sul social media.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

22:06Calcio: Bonucci “Milan di nuovo al vertice, uniti si può”

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - "Riportare il Milan ai vertici italiani ed europei. Uniti si può". Leonardo Bonucci inizia l'avventura rossonera ispirandosi ai fasti del passato e alla difesa che ha fatto grande questa squadra. "Quando pensi al Milan, vieni subito attratto dalla sua storia, da quella dei campioni che hanno vestito la sua maglia - ha scritto il difensore su Instagram -. Penso a Baresi, Costacurta, Maldini, Nesta, Tassotti. Li ammiro per quello che hanno dato al calcio e a questo Club. Loro sono nella leggenda, io arrivo oggi, per iniziare a scrivere una nuova pagina della storia rossonera e della mia carriera". Nel post accompagnato dall'hashtag 'più affamato che mai', firmato come sempre con le iniziali e il numero 19 (che ora gli contende il compagno di squadra Kessie), Bonucci aggiunge: "Inizia una nuova sfida, una nuova avventura assieme a compagni che come me hanno tanta fame e voglia di vincere. Ringrazio la Società tutta".

21:56Incendi: folla ringrazia pompieri caserma Grosseto

(ANSA) - GROSSETO, 20 LUG - Centinaia di cittadini di Grosseto stasera ringraziano i vigili del fuoco nella caserma del locale comando provinciale per l'impegno profuso nello spegnimento dei numerosi incendi che hanno colpito la Maremma, roghi che hanno arrecato danni ingenti al territorio e alle cose (abitazioni e auto attaccate nella pineta di Marina di Grosseto). Vengono sventolate bandiere tricolori, sono esposti striscioni con scritte tipo 'Milioni di questi vigili, grazie di tutto', sono lanciate frasi di incitamento. Mogli e figli dei vigili del fuoco indossano magliette di colore bianco e rosso in cui si esprime l'orgoglio di essere familiari dei pompieri. I vigili sono schierati in divisa operativa e coi mezzi antincendio nel piazzale della caserma. L'iniziativa di riunirsi presso la caserma 'Carnicelli', per ringraziare i pompieri, è stata proposta su Facebook da alcuni privati cittadini e sta riscuotendo un grande seguito.

21:35Calcio: Donnarumma, strana sensazione allenarsi col fratello

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - Oltre all'ingaggio da top player, gli allenamenti con il fratello Antonio sono la principale novità per Gigi Donnarumma, dopo il rinnovo di contratto con il Milan. "È una strana sensazione, non mi ero mai allenato con lui. Con Antonio e Marco Storari lavoriamo bene", ha sorriso il 18enne portiere rossonero, durante una chiacchierata con l'ex compagno di squadra e ora club manager Christian Abbiati, organizzata a Guangzhou, prima della partenza per Shenzhen, sede dell'ultima amichevole della tournée cinese, sabato contro il Bayern Monaco. "Ci sono tanti nuovi, e quelli vecchi li stanno facendo sentire a casa - ha spiegato Donnarumma -. La società sta facendo un grandissimo lavoro, quelli che sono arrivati sono tutti bravissimi giocatori si stanno adattando molto bene". Infine, ad Abbiati che gli domandava quale fosse il suo idolo, Donnarumma ha risposto: "È stato sempre Buffon, poi c'eri tu che facevi il portiere nella squadra per la quale tifavo. In Nazionale Gigi mi aiuta tanto, cerco di imitare Neuer".

21:29O.J. Simpson ottiene libertà condizionale

(ANSA) - NEW YORK, 20 LUG - O.J. Simpson ha ottenuto la liberta' condizionale. La decisione è stata annunciata al termine di 20 minuti di deliberazione. Simpson potrà lasciare il carcere l'1 ottobre.

21:18Tabaccaio morì in tentativo rapina, un indagato dopo 3 anni

(ANSA) - ASTI, 20 LUG - Svolta nelle indagini per l'omicidio di Manuel Bacco, il tabaccaio di 37 anni ucciso a colpi di pistola ad Asti, nel suo negozio di corso Alba nel 2014. A quasi tre anni dal delitto, un astigiano di 24 anni è finito nel registro degli indagati. La rendo noto l'avvocato Claudia Malabaila, che difende il giovane insieme al collega Roberto Caranzano. "Oggi c'è stato un interrogatorio in Procura durato quattro ore - conferma Malabaila - il mio cliente si è dichiarato innocente". Le indagini sull'omicidio proseguono nel più stretto riserbo di Procura e carabinieri. Il delitto la sera del 19 dicembre di tre anni fa. I malviventi puntavano all'incasso della giornata, ma la reazione del tabaccaio, intervenuto per difendere la moglie strattonata da uno dei banditi, ha fatto perdere loro il controllo. Colpita a bruciapelo al torace, la vittima era morta sul colpo.(ANSA).

21:15Governo: Speranza, le ultime scelte non ci convincono

(ANSA) - POTENZA, 20 LUG - "Le ultime scelte del Governo non ci convincono". Così Roberto Speranza (Mdp), a Potenza, ha risposto alle domande dei giornalisti sulle recenti vicende politiche. In particolare, Speranza ha fatto riferimento "alla scelta di rinviare lo Ius soli, non avendo il coraggio di andare avanti, e alla scelta di reinserire i voucher nella manovrina".

21:11Renzi, onore armi a Costa, per governo non cambia niente

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Credo che il ministro Costa abbia dimostrato di avere delle idee, che io non condivido, ma alle quali tiene. Onore delle armi". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi alla presentazione del suo libro a Roma. "Per il governo non cambia niente".

Archivio Ultima ora