Brexit: allarme Fmi e Bce, instabilità e danni alla crescita

Pubblicato il 16 giugno 2016 da redazione

Britain's Prime Minister David Cameron addresses members of a World Economic Forum event focusing on Britain's  EU referendum in London, Tuesday, May 17, 2016. (ANSA/AP Photo/Frank Augstein, Pool)

Britain’s Prime Minister David Cameron addresses members of a World Economic Forum event focusing on Britain’s EU referendum in London, Tuesday, May 17, 2016. (ANSA/AP Photo/Frank Augstein, Pool)

LUSSEMBURGO. – La Brexit fa sempre più paura e adesso l’allarme lo attivano, quasi all’unisono, Fondo monetario internazionale e Banca centrale europea. Entrambe le istituzioni avvertono che i rischi per l’economia della zona euro sono alti, soprattutto perché la ripresa non si è ancora consolidata e un’eventuale uscita della Gran Bretagna dall’Ue la indebolirebbe ancora di più.

Senza considerare le ripercussioni politiche: le divisioni e le tensioni emerse con la crisi dei rifugiati sarebbero esacerbate, lasciando crescere incertezza ed euroscetticismo, già ai livelli di allerta.

L’Italia non sarebbe ovviamente immune: anche se non esiste un rischio specifico, spiega il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan, “è esposta a questi rischi perché fa parte dell’Europa che è la zona immediatamente più esposta”.

Un pericolo che si riflette già nello spread, salito a 160 punti base per la prima volta da luglio scorso, e nella Borsa di Milano, maglia nera in Europa.

Nella sua analisi annuale sull’Eurozona (Article IV) il Fondo monetario scrive che “la crisi dei rifugiati ha messo in evidenza le divisioni politiche di Eurolandia, che potrebbero aumentare se i controlli ai confini persisteranno, mettendo a rischio la libertà di movimento nel mercato unico”.

La gestione della crisi migratoria ha ampliato “in modo sostanziale” i “rischi politici” nell’area euro. E “un voto a favore della Brexit, o anche un risultato non chiaro, potrebbero esacerbare queste tensioni, contribuendo a un ulteriore euroscetticismo e all’incertezza”. Inoltre, “se gli scambi globali rallentassero, questo potrebbe avere effetti sulla domanda interna”. Con ricadute immediate sulla fragile ripresa della zona euro.

“Servono azioni collettive forti per calmare l’euroscetticismo e rinnovare la fiducia nell’unione monetaria. Senza azioni decise a sostegno della crescita e per rafforzare l’integrazione, l’area euro potrebbe essere soggetta a instabilità e ripetute crisi di fiducia”, è l’analisi senza mezzi termini del Fondo, discussa all’Eurogruppo.

“Non ho mai visto una discussione così appassionata”, ha commentato il direttore del Fmi Christine Lagarde, che però non ha voluto fare ulteriori commenti sul voto britannico. “Per rispetto alla deputata uccisa”, la Lagarde non ha risposto alle domande sul tema, seguita dal presidente dell’Eurogruppo Dijsselbloem.

In ogni caso non era un tema della riunione e il presidente ha escluso che ci si stia preparando a piani di emergenza. Ma a protezione dell’Eurozona resta sempre la Bce, consapevole del rischio Brexit.

Nell’ultimo bollettino lo inserisce tra i “i rischi al ribasso”, assieme “all’andamento dell’economia mondiale e ad altri rischi geopolitici”. La stessa crescita inglese, scrive, “è potenzialmente limitata dall’incertezza circa il referendum”. Anche per questo, “se necessario per il conseguimento del suo obiettivo, agirà ricorrendo a tutti gli strumenti disponibili nell’ambito del suo mandato”.

(dell’inviata Chiara De Felice/ANSA)

  • ROBERTO

    Dopo aver disintegrato la Grecia, ridotto l’economia allo stremo di molti paesi come l’Italia, ma che fanno, minacciano pure?
    Penso proprio che sia urgente smantellare quanto prima questo funesto fondo monetario fatto da fraudolenti banche e banchieri.
    Quanto prima.

  • ROBERTO

    Dall’articolo (22.06.2016): il messaggio di Juncker suona come una vera e propria minaccia. A febbraio il premier David Cameron “ha ottenuto il massimo di quello che poteva avere, e noi abbiamo concesso il massimo di quello che potevamo dare”, dice Juncker.”

    No c’è dubbio che questa istituzione denominata UE, in realtà composta da una potente fetta del mondo criminale finanziario di ispirazione e costituzione massonica, si basi su un modello di governo oligarchico intro-continentale, finalizzato a prendere sempre più dominio degli stati, e che per questo non sia controllabile dai singoli governi appartenenti all’Europa, divenendo di fatto pericoloso proprio perché ha in deroga la gestione del potere politico economico degli stessi stati. Motivo per cui si rende necessario il suo smantellamento quanto prima, se non altro per le politiche suicide che stanno indebitando e portando volutamente in default i bilanci degli stati membri, con lo scopo di poterli controllare attraverso il debito sovrano. Vedi il dissolvimento della Grecia fatto da politici corrotti e banche, in intesa proprio con la demagogica istituzione di questa UE, peraltro autoreferenziale e autocelebrativa.

    Testuali parole riferite contro una nazione europea, parole che calpestano la sua sovranità e dignità, proferite dal presidente della Commissione UE, Jean-Claude Juncker: “Noi abbiamo concesso il massimo”. “NOI ABBIAMO CONCESSO” >> Evidente che si sono innalzati al diritto di concedere o meno. Questa deriva è molto pericolosa perché ora attraverso il meccanismo di stampa del denaro utile al fabbisogno degli Stati, grazie all’organo bancario da loro (UE) controllato (BCE), emettono denaro nostro a prestito, quindi stanziamenti, fondi, con l’intento di produrre un debito nei loro (BCE) confronti, un debito in realtà fittizio, perché i soldi non sono di loro proprietà, ma solamente fabbricati (stampa monetaria). Si capisce che attraverso questa escamotage, l’organizzazione UE-BCE entra con forza nel merito delle politiche fiscali ed economiche interne agli stati che si sono costituiti membri, rei di aver accolto l’ideale confederativo apparentemente presentato come cosa buona, grazie a governi compiacenti e ammanicati alla stessa struttura creditizia europea (BCE), che ebbero occultato il fatto che gli stati avrebbero perso la loro autonomia economica, finanziaria e politica. Questa UE non va bene, non v’è dubbio che debba essere ridimensionata (uscire) e poi smantellata, a favore del ripristino della sovranità degli stati europei in una politica di pace e cooperazione. Questo tipo di governo centrale definito confederale, viene improntato dalle strutture finanziarie ma non dalla società; motivo per cui rimane per la maggior parte un potere occulto e svincolato dal controllo dei cittadini e quindi degli stati europei. La sua struttura verticistica è pensata per essere incontrollabile e inattaccabile grazie al fatto di non aver bisogno del voto dei cittadini europei. Si elegge quindi per delega da organi secondari, eppure impone e dispone di tutti gli strumenti per attuare incontrastata una vera e propria sudditanza nei confronti degli Stati, grazie alle strumentalizzazione delle tasse invocate per far fronte al debito. Faccio notare la frase: “politica del rigore” una frase invocata per richiamare l’impegno da parte dei governi ad assolvere il “prestito, guarda caso, contratto proprio con la BCE e guarda caso per effetto dalla politica imposta dalla UE.

    LA GRECIA INSEGNA
    La Grecia, in realtà, per la UE-BCE è stata semplicemente un banco di prova.
    UE-BCE avevano già scritto tutto con l’apporto del governo interno, che le vicende giudiziarie comprovano fosse corrotto. Ed ora, l’economia greca, è in preda alle scellerate privatizzazioni, quindi distrutta e svenduta definitivamente.
    Vogliamo questo anche per gli altri paesi? Se questo vogliamo, è sufficiente delegare la politica degli Stati alla UE, e la stampa di denaro alla BCE.

  • ROBERTO

    Dall’articolo (22.06.2016): il messaggio di Juncker suona come una vera e propria minaccia. A febbraio il premier David Cameron “ha ottenuto il massimo di quello che poteva avere, e noi abbiamo concesso il massimo di quello che potevamo dare”, dice Juncker.”

    No c’è dubbio che questa istituzione denominata UE, in realtà composta da una potente fetta del mondo finanziario di ispirazione e costituzione massonica, si basi su un modello di governo oligarchico intro-continentale, finalizzato a prendere sempre più dominio degli stati, e che per questo non sia controllabile dai singoli governi appartenenti all’Europa, divenendo di fatto pericoloso proprio perché ha in deroga la gestione del potere politico economico degli stessi stati. Motivo per cui si rende necessario il suo smantellamento quanto prima, se non altro per le politiche suicide che stanno indebitando e portando volutamente in default i bilanci degli stati membri, con lo scopo di poterli controllare attraverso il debito sovrano. Vedi il dissolvimento della Grecia fatto da politici corrotti e banche, in intesa proprio con la demagogica istituzione di questa UE, peraltro autoreferenziale e autocelebrativa.

    Testuali parole riferite contro una nazione europea, parole che calpestano la sua sovranità e dignità, proferite dal presidente della Commissione UE, Jean-Claude Juncker: “Noi abbiamo concesso il massimo”. “NOI ABBIAMO CONCESSO” >> Evidente che si sono innalzati al diritto di concedere o meno. Questa deriva è molto pericolosa perché ora attraverso il meccanismo di stampa del denaro utile al fabbisogno degli Stati, grazie all’organo bancario da loro (UE) controllato (BCE), emettono denaro nostro a prestito, quindi stanziamenti, fondi, con l’intento di produrre un debito nei loro (BCE) confronti, un debito in realtà fittizio, perché i soldi non sono di loro proprietà, ma solamente fabbricati (stampa monetaria). Si capisce che attraverso questa escamotage, l’organizzazione UE-BCE-FMI entra con forza nel merito delle politiche fiscali ed economiche interne agli stati che si sono costituiti membri, rei di aver accolto l’ideale confederativo apparentemente presentato come cosa buona, grazie a governi compiacenti e ammanicati alla stessa struttura creditizia europea (BCE), che ebbero occultato il fatto che, entrandovi, gli stati, avrebbero perso la loro autonomia economica, finanziaria e politica. Questa UE non va bene, non v’è dubbio che debba essere ridimensionata (uscire) e poi smantellata, a favore del ripristino della sovranità degli stati europei in una politica di pace e cooperazione. Questo tipo di governo centrale definito confederale, viene improntato dalle strutture finanziarie ma non dalla società; motivo per cui rimane per la maggior parte un potere occulto e svincolato dal controllo dei cittadini e quindi degli stati europei. La sua struttura verticistica è pensata per essere incontrollabile e inattaccabile grazie al fatto di non aver bisogno del voto dei cittadini europei. Si elegge quindi per delega da organi secondari, eppure impone e dispone di tutti gli strumenti per attuare incontrastata una vera e propria sudditanza nei confronti degli Stati, grazie alle strumentalizzazione delle tasse invocate per far fronte al debito. Faccio notare la frase: “politica del rigore” una frase invocata per richiamare l’impegno da parte dei governi ad assolvere il “prestito, guarda caso, contratto proprio con la BCE e guarda caso per effetto dalla politica imposta dalla UE.

    LA GRECIA INSEGNA
    La Grecia, in realtà, per la UE-BCE è stata semplicemente un banco di prova.
    UE-BCE avevano già scritto tutto con l’apporto del governo interno, che le vicende giudiziarie comprovano fosse corrotto. Ed ora, l’economia greca, è in preda alle scellerate privatizzazioni, quindi distrutta e svenduta definitivamente.
    Vogliamo questo anche per gli altri paesi? Se questo vogliamo, è sufficiente delegare la politica degli Stati alla UE, e la stampa di denaro alla BCE.

  • ROBERTO

    IL LORO BIGLIETTO DA VISITA
    .

Ultima ora

22:34Accoltellato fuori locale durante lite per gelosia, grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un ragazzo è stato accoltellato la scorsa notte davanti a un locale all'Eur, dove alcune settimane fa furono esplosi all'esterno alcuni colpi d'arma da fuoco. La polizia ha arrestato un 21enne, coetaneo del ferito. Potrebbe essere la gelosia il movente dell'aggressione. Alle 4 le pattuglie del reparto Volanti e del commissariato Esposizione sono intervenute nella discoteca per una lite violenta tra ragazzi. L'arrestato e un suo amico, romani, usciti dal locale avrebbero aggredito un giovane, colpevole, a loro dire, di aver trascorso la serata con la ex fidanzata del primo. Durante l'aggressione l'arrestato ha estratto un coltello e ha colpito la vittima 4 volte prima di essere fermato dagli addetti alla sicurezza del locale e da altri ragazzi. Il ferito è stato portato al pronto soccorso in codice rosso, l'arrestato nel carcere di Regina Coeli. Il suo complice, fuggito, è stato rintracciato dai poliziotti dopo una breve indagine e denunciato in stato di libertà per concorso nel reato di tentato omicidio.

22:22Moto: Qatar, Vinales torna davanti nella Fp3

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Maverick Vinales riprende il comando delle prove libere del Gran Premio del Qatar, prima prova del Mondiale 2017, classe MotoGp: in testa nella Fp1 e 5/o nella Fp2, lo spagnolo della Yamaha torna in vetta nella Fp3, seppur con un tempo di oltre mezzo secondo più lento di quello di ieri (1'54"834 contro 1'54"316). Sul circuito di Losail, dove si corre in notturna, spicca il balzo di Andrea Iannone: il pilota della Suzuki, dopo un 13/o e un 15/o posto mai sotto l'1'56, ottiene un brillante 1'54"848, 2/o tempo. In ritardo Valentino Rossi in 1'55"790: è solo 13/o nella Fp3, ma accede alla Q2 di domani grazie all'1'55"414 della Fp2, 10/o tempo combinato. Fuori dalla Q2, invece, Jorge Lorenzo su Ducati, cui non basta l'1'55"461: è 9/o nella Fp3, ma 12/o nella combinata. Accedono quindi alla Q2: Vinales (1'54"316), Iannone (+0"532), Marc Marquez (+0"596), Johann Zarco (+0"692), Andrea Dovizioso (+0"726), Scott Redding (+0"769), Dani Pedrosa (+0"797), Jonas Folger (+0"892), Cal Crutchlow (+0"895) e Rossi (+1"098).

21:38Pop.Vicenza: nuovo interrogatorio Zonin, 5 ore davanti Pm

(ANSA) - VICENZA, 24 MAR - E' durato fino al primo pomeriggio il nuovo interrogatorio di Gianni Zonin, l'ex presidente della Banca Popolare di Vicenza, indagato per aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza. Zonin, che era già stato sentito una prima volta mercoledì scorso, è rimasto per oltre cinque ore davanti ai pubblici ministeri Gianni Pipeschi e Luigi Salvadori, che conducono l'inchiesta sul tracollo dell'istituto di credito berico. L'ex presidente, da quanto si è appreso, ha risposto a tutte le domande di merito fatte dai magistrati e non dovrebbero essere previsti altri interrogatori. I Pm non avrebbero mosso a Zonin nuove contestazioni, e l'ex presidente avrebbe sostanzialmente ribadito la sua estraneità alle vicende di natura penale al centro delle indagini coordinate dalla procura vicentina.

21:20Studente morto a Valencia: legale ‘chiesta nuova autopsia’

(ANSA) - ANCONA, 24 MAR - ''Ho già inoltrato alla procura di Roma una richiesta di nuova autopsia''. Lo ha detto all'ANSA l'avv. Igor Giostra, legale della famiglia di Giacomo Nicolai, lo studente 24enne di Fermo trovato morto in casa a Valencia, dove frequentava l'Erasmus, con tre coltellate al petto, che secondo la polizia spagnola si sarebbe auto inflitto. La salma rientra in queste ore in Italia, a Fiumicino. Ma bisognerà attendere il nulla osta per il passaporto mortuario prima del trasferimento a Fermo. Sulle modalità del decesso del giovane, iscritto a Ingegneria a Torino, la famiglia nutre molti dubbi. Se ieri il padre Stefano sembrava aver accettato la tesi del suicidio (''non c'è alcun giallo da alimentare, né questioni da porre o chiarezze da chiedere''), la madre, Erminia Fidanza, avvocato, rileva: ''sul corpo ci sono tre ferite da coltello, inferte con una lama di soli 7 cm: il primo colpo te lo puoi procurare, il secondo già mi pare difficile, ma il terzo...''. Ora sarà la magistratura italiana a fare chiarezza.

21:07Sicurezza: giudice Treviso “si arma”, Anm Veneto si dissocia

(ANSA) - VENEZIA, 24 MAR - "La Giunta veneta dell'Associazione nazionale magistrati resta sgomenta dinanzi alle esternazioni pubbliche del collega Angelo Mascolo, dallo stesso inviate ai giornali locali, e se ne dissocia e riservandosi di interessarne il collegio dei probiviri per le valutazioni disciplinari". Lo si legge in una nota dell'Anm veneta in riferimento alle affermazioni del giudice trevigiano che, sentendosi non protetto dallo Stato, ha deciso di armarsi. "I magistrati veneti, a differenza del collega Mascolo - rileva l'Anm -, credono profondamente nello Stato e si impegnano ogni giorno a difenderlo e a difendere tutti i cittadini senza ricorrere alla violenza o alle forme di vendetta e omicidio che il collega Mascolo richiama a sproposito e pare anzi auspicare; lo fanno, ogni giorno, nel rispetto delle leggi e dei principi di civiltà giuridica che connotano il nostro paese e che hanno consentito di debellare il terrorismo politico e ridimensionare la mafia".

20:38Calcio: Lega Pro, Taranto-Paganese si recupera il 19 aprile

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Taranto-Paganese, la gara di Lega Pro (girone C) originariamente in programma domenica ma rinviata in seguito all'aggressione subita mercoledì scorso da calciatori, tecnici e dirigenti della società pugliese, verrà recuperata mercoledì 19 aprile alle ore 14.30. Lo comunica la Lega Pro precisando che si tratta della prima data utile, considerando la programmazione a mercoledì 5 aprile del turno infrasettimanale della 14/a giornata di ritorno ed a sabato 14 aprile della 16/a giornata. (ANSA).

20:30Alto Adige: Corte Suprema Vienna boccia doppio passaporto

(ANSA) - BOLZANO, 24 MAR - Dopo il Tribunale amministrativo ora anche la Corte costituzionale di Vienna ha respinto il ricorso, presentato da esponenti della Südtiroler Freiheit e dei Freiheitlichen, per il doppio passaporto per i sudtirolesi. I partiti di opposizione di lingua tedesca in consiglio provinciale a Bolzano da tempo si battono per il riconoscimento della doppia cittadinanza per i discendenti dei cittadini dell'impero austro-ungarico in Alto Adige. La legge austriaca del 1925, alla quale faceva riferimento il ricorso, secondo la Suprema Corte di Vienna non è applicabile per gli altoatesini che non hanno mai avuto diritto di cittadinanza austriaca.

Archivio Ultima ora