Brexit: allarme Fmi e Bce, instabilità e danni alla crescita

Pubblicato il 16 giugno 2016 da redazione

Britain's Prime Minister David Cameron addresses members of a World Economic Forum event focusing on Britain's  EU referendum in London, Tuesday, May 17, 2016. (ANSA/AP Photo/Frank Augstein, Pool)

Britain’s Prime Minister David Cameron addresses members of a World Economic Forum event focusing on Britain’s EU referendum in London, Tuesday, May 17, 2016. (ANSA/AP Photo/Frank Augstein, Pool)

LUSSEMBURGO. – La Brexit fa sempre più paura e adesso l’allarme lo attivano, quasi all’unisono, Fondo monetario internazionale e Banca centrale europea. Entrambe le istituzioni avvertono che i rischi per l’economia della zona euro sono alti, soprattutto perché la ripresa non si è ancora consolidata e un’eventuale uscita della Gran Bretagna dall’Ue la indebolirebbe ancora di più.

Senza considerare le ripercussioni politiche: le divisioni e le tensioni emerse con la crisi dei rifugiati sarebbero esacerbate, lasciando crescere incertezza ed euroscetticismo, già ai livelli di allerta.

L’Italia non sarebbe ovviamente immune: anche se non esiste un rischio specifico, spiega il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan, “è esposta a questi rischi perché fa parte dell’Europa che è la zona immediatamente più esposta”.

Un pericolo che si riflette già nello spread, salito a 160 punti base per la prima volta da luglio scorso, e nella Borsa di Milano, maglia nera in Europa.

Nella sua analisi annuale sull’Eurozona (Article IV) il Fondo monetario scrive che “la crisi dei rifugiati ha messo in evidenza le divisioni politiche di Eurolandia, che potrebbero aumentare se i controlli ai confini persisteranno, mettendo a rischio la libertà di movimento nel mercato unico”.

La gestione della crisi migratoria ha ampliato “in modo sostanziale” i “rischi politici” nell’area euro. E “un voto a favore della Brexit, o anche un risultato non chiaro, potrebbero esacerbare queste tensioni, contribuendo a un ulteriore euroscetticismo e all’incertezza”. Inoltre, “se gli scambi globali rallentassero, questo potrebbe avere effetti sulla domanda interna”. Con ricadute immediate sulla fragile ripresa della zona euro.

“Servono azioni collettive forti per calmare l’euroscetticismo e rinnovare la fiducia nell’unione monetaria. Senza azioni decise a sostegno della crescita e per rafforzare l’integrazione, l’area euro potrebbe essere soggetta a instabilità e ripetute crisi di fiducia”, è l’analisi senza mezzi termini del Fondo, discussa all’Eurogruppo.

“Non ho mai visto una discussione così appassionata”, ha commentato il direttore del Fmi Christine Lagarde, che però non ha voluto fare ulteriori commenti sul voto britannico. “Per rispetto alla deputata uccisa”, la Lagarde non ha risposto alle domande sul tema, seguita dal presidente dell’Eurogruppo Dijsselbloem.

In ogni caso non era un tema della riunione e il presidente ha escluso che ci si stia preparando a piani di emergenza. Ma a protezione dell’Eurozona resta sempre la Bce, consapevole del rischio Brexit.

Nell’ultimo bollettino lo inserisce tra i “i rischi al ribasso”, assieme “all’andamento dell’economia mondiale e ad altri rischi geopolitici”. La stessa crescita inglese, scrive, “è potenzialmente limitata dall’incertezza circa il referendum”. Anche per questo, “se necessario per il conseguimento del suo obiettivo, agirà ricorrendo a tutti gli strumenti disponibili nell’ambito del suo mandato”.

(dell’inviata Chiara De Felice/ANSA)

  • ROBERTO

    Dopo aver disintegrato la Grecia, ridotto l’economia allo stremo di molti paesi come l’Italia, ma che fanno, minacciano pure?
    Penso proprio che sia urgente smantellare quanto prima questo funesto fondo monetario fatto da fraudolenti banche e banchieri.
    Quanto prima.

  • ROBERTO

    Dall’articolo (22.06.2016): il messaggio di Juncker suona come una vera e propria minaccia. A febbraio il premier David Cameron “ha ottenuto il massimo di quello che poteva avere, e noi abbiamo concesso il massimo di quello che potevamo dare”, dice Juncker.”

    No c’è dubbio che questa istituzione denominata UE, in realtà composta da una potente fetta del mondo criminale finanziario di ispirazione e costituzione massonica, si basi su un modello di governo oligarchico intro-continentale, finalizzato a prendere sempre più dominio degli stati, e che per questo non sia controllabile dai singoli governi appartenenti all’Europa, divenendo di fatto pericoloso proprio perché ha in deroga la gestione del potere politico economico degli stessi stati. Motivo per cui si rende necessario il suo smantellamento quanto prima, se non altro per le politiche suicide che stanno indebitando e portando volutamente in default i bilanci degli stati membri, con lo scopo di poterli controllare attraverso il debito sovrano. Vedi il dissolvimento della Grecia fatto da politici corrotti e banche, in intesa proprio con la demagogica istituzione di questa UE, peraltro autoreferenziale e autocelebrativa.

    Testuali parole riferite contro una nazione europea, parole che calpestano la sua sovranità e dignità, proferite dal presidente della Commissione UE, Jean-Claude Juncker: “Noi abbiamo concesso il massimo”. “NOI ABBIAMO CONCESSO” >> Evidente che si sono innalzati al diritto di concedere o meno. Questa deriva è molto pericolosa perché ora attraverso il meccanismo di stampa del denaro utile al fabbisogno degli Stati, grazie all’organo bancario da loro (UE) controllato (BCE), emettono denaro nostro a prestito, quindi stanziamenti, fondi, con l’intento di produrre un debito nei loro (BCE) confronti, un debito in realtà fittizio, perché i soldi non sono di loro proprietà, ma solamente fabbricati (stampa monetaria). Si capisce che attraverso questa escamotage, l’organizzazione UE-BCE entra con forza nel merito delle politiche fiscali ed economiche interne agli stati che si sono costituiti membri, rei di aver accolto l’ideale confederativo apparentemente presentato come cosa buona, grazie a governi compiacenti e ammanicati alla stessa struttura creditizia europea (BCE), che ebbero occultato il fatto che gli stati avrebbero perso la loro autonomia economica, finanziaria e politica. Questa UE non va bene, non v’è dubbio che debba essere ridimensionata (uscire) e poi smantellata, a favore del ripristino della sovranità degli stati europei in una politica di pace e cooperazione. Questo tipo di governo centrale definito confederale, viene improntato dalle strutture finanziarie ma non dalla società; motivo per cui rimane per la maggior parte un potere occulto e svincolato dal controllo dei cittadini e quindi degli stati europei. La sua struttura verticistica è pensata per essere incontrollabile e inattaccabile grazie al fatto di non aver bisogno del voto dei cittadini europei. Si elegge quindi per delega da organi secondari, eppure impone e dispone di tutti gli strumenti per attuare incontrastata una vera e propria sudditanza nei confronti degli Stati, grazie alle strumentalizzazione delle tasse invocate per far fronte al debito. Faccio notare la frase: “politica del rigore” una frase invocata per richiamare l’impegno da parte dei governi ad assolvere il “prestito, guarda caso, contratto proprio con la BCE e guarda caso per effetto dalla politica imposta dalla UE.

    LA GRECIA INSEGNA
    La Grecia, in realtà, per la UE-BCE è stata semplicemente un banco di prova.
    UE-BCE avevano già scritto tutto con l’apporto del governo interno, che le vicende giudiziarie comprovano fosse corrotto. Ed ora, l’economia greca, è in preda alle scellerate privatizzazioni, quindi distrutta e svenduta definitivamente.
    Vogliamo questo anche per gli altri paesi? Se questo vogliamo, è sufficiente delegare la politica degli Stati alla UE, e la stampa di denaro alla BCE.

  • ROBERTO

    Dall’articolo (22.06.2016): il messaggio di Juncker suona come una vera e propria minaccia. A febbraio il premier David Cameron “ha ottenuto il massimo di quello che poteva avere, e noi abbiamo concesso il massimo di quello che potevamo dare”, dice Juncker.”

    No c’è dubbio che questa istituzione denominata UE, in realtà composta da una potente fetta del mondo finanziario di ispirazione e costituzione massonica, si basi su un modello di governo oligarchico intro-continentale, finalizzato a prendere sempre più dominio degli stati, e che per questo non sia controllabile dai singoli governi appartenenti all’Europa, divenendo di fatto pericoloso proprio perché ha in deroga la gestione del potere politico economico degli stessi stati. Motivo per cui si rende necessario il suo smantellamento quanto prima, se non altro per le politiche suicide che stanno indebitando e portando volutamente in default i bilanci degli stati membri, con lo scopo di poterli controllare attraverso il debito sovrano. Vedi il dissolvimento della Grecia fatto da politici corrotti e banche, in intesa proprio con la demagogica istituzione di questa UE, peraltro autoreferenziale e autocelebrativa.

    Testuali parole riferite contro una nazione europea, parole che calpestano la sua sovranità e dignità, proferite dal presidente della Commissione UE, Jean-Claude Juncker: “Noi abbiamo concesso il massimo”. “NOI ABBIAMO CONCESSO” >> Evidente che si sono innalzati al diritto di concedere o meno. Questa deriva è molto pericolosa perché ora attraverso il meccanismo di stampa del denaro utile al fabbisogno degli Stati, grazie all’organo bancario da loro (UE) controllato (BCE), emettono denaro nostro a prestito, quindi stanziamenti, fondi, con l’intento di produrre un debito nei loro (BCE) confronti, un debito in realtà fittizio, perché i soldi non sono di loro proprietà, ma solamente fabbricati (stampa monetaria). Si capisce che attraverso questa escamotage, l’organizzazione UE-BCE-FMI entra con forza nel merito delle politiche fiscali ed economiche interne agli stati che si sono costituiti membri, rei di aver accolto l’ideale confederativo apparentemente presentato come cosa buona, grazie a governi compiacenti e ammanicati alla stessa struttura creditizia europea (BCE), che ebbero occultato il fatto che, entrandovi, gli stati, avrebbero perso la loro autonomia economica, finanziaria e politica. Questa UE non va bene, non v’è dubbio che debba essere ridimensionata (uscire) e poi smantellata, a favore del ripristino della sovranità degli stati europei in una politica di pace e cooperazione. Questo tipo di governo centrale definito confederale, viene improntato dalle strutture finanziarie ma non dalla società; motivo per cui rimane per la maggior parte un potere occulto e svincolato dal controllo dei cittadini e quindi degli stati europei. La sua struttura verticistica è pensata per essere incontrollabile e inattaccabile grazie al fatto di non aver bisogno del voto dei cittadini europei. Si elegge quindi per delega da organi secondari, eppure impone e dispone di tutti gli strumenti per attuare incontrastata una vera e propria sudditanza nei confronti degli Stati, grazie alle strumentalizzazione delle tasse invocate per far fronte al debito. Faccio notare la frase: “politica del rigore” una frase invocata per richiamare l’impegno da parte dei governi ad assolvere il “prestito, guarda caso, contratto proprio con la BCE e guarda caso per effetto dalla politica imposta dalla UE.

    LA GRECIA INSEGNA
    La Grecia, in realtà, per la UE-BCE è stata semplicemente un banco di prova.
    UE-BCE avevano già scritto tutto con l’apporto del governo interno, che le vicende giudiziarie comprovano fosse corrotto. Ed ora, l’economia greca, è in preda alle scellerate privatizzazioni, quindi distrutta e svenduta definitivamente.
    Vogliamo questo anche per gli altri paesi? Se questo vogliamo, è sufficiente delegare la politica degli Stati alla UE, e la stampa di denaro alla BCE.

  • ROBERTO

    IL LORO BIGLIETTO DA VISITA
    .

Ultima ora

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

Archivio Ultima ora