Brexit: allarme Fmi e Bce, instabilità e danni alla crescita

Pubblicato il 16 giugno 2016 da redazione

Britain's Prime Minister David Cameron addresses members of a World Economic Forum event focusing on Britain's  EU referendum in London, Tuesday, May 17, 2016. (ANSA/AP Photo/Frank Augstein, Pool)

Britain’s Prime Minister David Cameron addresses members of a World Economic Forum event focusing on Britain’s EU referendum in London, Tuesday, May 17, 2016. (ANSA/AP Photo/Frank Augstein, Pool)

LUSSEMBURGO. – La Brexit fa sempre più paura e adesso l’allarme lo attivano, quasi all’unisono, Fondo monetario internazionale e Banca centrale europea. Entrambe le istituzioni avvertono che i rischi per l’economia della zona euro sono alti, soprattutto perché la ripresa non si è ancora consolidata e un’eventuale uscita della Gran Bretagna dall’Ue la indebolirebbe ancora di più.

Senza considerare le ripercussioni politiche: le divisioni e le tensioni emerse con la crisi dei rifugiati sarebbero esacerbate, lasciando crescere incertezza ed euroscetticismo, già ai livelli di allerta.

L’Italia non sarebbe ovviamente immune: anche se non esiste un rischio specifico, spiega il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan, “è esposta a questi rischi perché fa parte dell’Europa che è la zona immediatamente più esposta”.

Un pericolo che si riflette già nello spread, salito a 160 punti base per la prima volta da luglio scorso, e nella Borsa di Milano, maglia nera in Europa.

Nella sua analisi annuale sull’Eurozona (Article IV) il Fondo monetario scrive che “la crisi dei rifugiati ha messo in evidenza le divisioni politiche di Eurolandia, che potrebbero aumentare se i controlli ai confini persisteranno, mettendo a rischio la libertà di movimento nel mercato unico”.

La gestione della crisi migratoria ha ampliato “in modo sostanziale” i “rischi politici” nell’area euro. E “un voto a favore della Brexit, o anche un risultato non chiaro, potrebbero esacerbare queste tensioni, contribuendo a un ulteriore euroscetticismo e all’incertezza”. Inoltre, “se gli scambi globali rallentassero, questo potrebbe avere effetti sulla domanda interna”. Con ricadute immediate sulla fragile ripresa della zona euro.

“Servono azioni collettive forti per calmare l’euroscetticismo e rinnovare la fiducia nell’unione monetaria. Senza azioni decise a sostegno della crescita e per rafforzare l’integrazione, l’area euro potrebbe essere soggetta a instabilità e ripetute crisi di fiducia”, è l’analisi senza mezzi termini del Fondo, discussa all’Eurogruppo.

“Non ho mai visto una discussione così appassionata”, ha commentato il direttore del Fmi Christine Lagarde, che però non ha voluto fare ulteriori commenti sul voto britannico. “Per rispetto alla deputata uccisa”, la Lagarde non ha risposto alle domande sul tema, seguita dal presidente dell’Eurogruppo Dijsselbloem.

In ogni caso non era un tema della riunione e il presidente ha escluso che ci si stia preparando a piani di emergenza. Ma a protezione dell’Eurozona resta sempre la Bce, consapevole del rischio Brexit.

Nell’ultimo bollettino lo inserisce tra i “i rischi al ribasso”, assieme “all’andamento dell’economia mondiale e ad altri rischi geopolitici”. La stessa crescita inglese, scrive, “è potenzialmente limitata dall’incertezza circa il referendum”. Anche per questo, “se necessario per il conseguimento del suo obiettivo, agirà ricorrendo a tutti gli strumenti disponibili nell’ambito del suo mandato”.

(dell’inviata Chiara De Felice/ANSA)

  • ROBERTO

    Dopo aver disintegrato la Grecia, ridotto l’economia allo stremo di molti paesi come l’Italia, ma che fanno, minacciano pure?
    Penso proprio che sia urgente smantellare quanto prima questo funesto fondo monetario fatto da fraudolenti banche e banchieri.
    Quanto prima.

  • ROBERTO

    Dall’articolo (22.06.2016): il messaggio di Juncker suona come una vera e propria minaccia. A febbraio il premier David Cameron “ha ottenuto il massimo di quello che poteva avere, e noi abbiamo concesso il massimo di quello che potevamo dare”, dice Juncker.”

    No c’è dubbio che questa istituzione denominata UE, in realtà composta da una potente fetta del mondo criminale finanziario di ispirazione e costituzione massonica, si basi su un modello di governo oligarchico intro-continentale, finalizzato a prendere sempre più dominio degli stati, e che per questo non sia controllabile dai singoli governi appartenenti all’Europa, divenendo di fatto pericoloso proprio perché ha in deroga la gestione del potere politico economico degli stessi stati. Motivo per cui si rende necessario il suo smantellamento quanto prima, se non altro per le politiche suicide che stanno indebitando e portando volutamente in default i bilanci degli stati membri, con lo scopo di poterli controllare attraverso il debito sovrano. Vedi il dissolvimento della Grecia fatto da politici corrotti e banche, in intesa proprio con la demagogica istituzione di questa UE, peraltro autoreferenziale e autocelebrativa.

    Testuali parole riferite contro una nazione europea, parole che calpestano la sua sovranità e dignità, proferite dal presidente della Commissione UE, Jean-Claude Juncker: “Noi abbiamo concesso il massimo”. “NOI ABBIAMO CONCESSO” >> Evidente che si sono innalzati al diritto di concedere o meno. Questa deriva è molto pericolosa perché ora attraverso il meccanismo di stampa del denaro utile al fabbisogno degli Stati, grazie all’organo bancario da loro (UE) controllato (BCE), emettono denaro nostro a prestito, quindi stanziamenti, fondi, con l’intento di produrre un debito nei loro (BCE) confronti, un debito in realtà fittizio, perché i soldi non sono di loro proprietà, ma solamente fabbricati (stampa monetaria). Si capisce che attraverso questa escamotage, l’organizzazione UE-BCE entra con forza nel merito delle politiche fiscali ed economiche interne agli stati che si sono costituiti membri, rei di aver accolto l’ideale confederativo apparentemente presentato come cosa buona, grazie a governi compiacenti e ammanicati alla stessa struttura creditizia europea (BCE), che ebbero occultato il fatto che gli stati avrebbero perso la loro autonomia economica, finanziaria e politica. Questa UE non va bene, non v’è dubbio che debba essere ridimensionata (uscire) e poi smantellata, a favore del ripristino della sovranità degli stati europei in una politica di pace e cooperazione. Questo tipo di governo centrale definito confederale, viene improntato dalle strutture finanziarie ma non dalla società; motivo per cui rimane per la maggior parte un potere occulto e svincolato dal controllo dei cittadini e quindi degli stati europei. La sua struttura verticistica è pensata per essere incontrollabile e inattaccabile grazie al fatto di non aver bisogno del voto dei cittadini europei. Si elegge quindi per delega da organi secondari, eppure impone e dispone di tutti gli strumenti per attuare incontrastata una vera e propria sudditanza nei confronti degli Stati, grazie alle strumentalizzazione delle tasse invocate per far fronte al debito. Faccio notare la frase: “politica del rigore” una frase invocata per richiamare l’impegno da parte dei governi ad assolvere il “prestito, guarda caso, contratto proprio con la BCE e guarda caso per effetto dalla politica imposta dalla UE.

    LA GRECIA INSEGNA
    La Grecia, in realtà, per la UE-BCE è stata semplicemente un banco di prova.
    UE-BCE avevano già scritto tutto con l’apporto del governo interno, che le vicende giudiziarie comprovano fosse corrotto. Ed ora, l’economia greca, è in preda alle scellerate privatizzazioni, quindi distrutta e svenduta definitivamente.
    Vogliamo questo anche per gli altri paesi? Se questo vogliamo, è sufficiente delegare la politica degli Stati alla UE, e la stampa di denaro alla BCE.

  • ROBERTO

    Dall’articolo (22.06.2016): il messaggio di Juncker suona come una vera e propria minaccia. A febbraio il premier David Cameron “ha ottenuto il massimo di quello che poteva avere, e noi abbiamo concesso il massimo di quello che potevamo dare”, dice Juncker.”

    No c’è dubbio che questa istituzione denominata UE, in realtà composta da una potente fetta del mondo finanziario di ispirazione e costituzione massonica, si basi su un modello di governo oligarchico intro-continentale, finalizzato a prendere sempre più dominio degli stati, e che per questo non sia controllabile dai singoli governi appartenenti all’Europa, divenendo di fatto pericoloso proprio perché ha in deroga la gestione del potere politico economico degli stessi stati. Motivo per cui si rende necessario il suo smantellamento quanto prima, se non altro per le politiche suicide che stanno indebitando e portando volutamente in default i bilanci degli stati membri, con lo scopo di poterli controllare attraverso il debito sovrano. Vedi il dissolvimento della Grecia fatto da politici corrotti e banche, in intesa proprio con la demagogica istituzione di questa UE, peraltro autoreferenziale e autocelebrativa.

    Testuali parole riferite contro una nazione europea, parole che calpestano la sua sovranità e dignità, proferite dal presidente della Commissione UE, Jean-Claude Juncker: “Noi abbiamo concesso il massimo”. “NOI ABBIAMO CONCESSO” >> Evidente che si sono innalzati al diritto di concedere o meno. Questa deriva è molto pericolosa perché ora attraverso il meccanismo di stampa del denaro utile al fabbisogno degli Stati, grazie all’organo bancario da loro (UE) controllato (BCE), emettono denaro nostro a prestito, quindi stanziamenti, fondi, con l’intento di produrre un debito nei loro (BCE) confronti, un debito in realtà fittizio, perché i soldi non sono di loro proprietà, ma solamente fabbricati (stampa monetaria). Si capisce che attraverso questa escamotage, l’organizzazione UE-BCE-FMI entra con forza nel merito delle politiche fiscali ed economiche interne agli stati che si sono costituiti membri, rei di aver accolto l’ideale confederativo apparentemente presentato come cosa buona, grazie a governi compiacenti e ammanicati alla stessa struttura creditizia europea (BCE), che ebbero occultato il fatto che, entrandovi, gli stati, avrebbero perso la loro autonomia economica, finanziaria e politica. Questa UE non va bene, non v’è dubbio che debba essere ridimensionata (uscire) e poi smantellata, a favore del ripristino della sovranità degli stati europei in una politica di pace e cooperazione. Questo tipo di governo centrale definito confederale, viene improntato dalle strutture finanziarie ma non dalla società; motivo per cui rimane per la maggior parte un potere occulto e svincolato dal controllo dei cittadini e quindi degli stati europei. La sua struttura verticistica è pensata per essere incontrollabile e inattaccabile grazie al fatto di non aver bisogno del voto dei cittadini europei. Si elegge quindi per delega da organi secondari, eppure impone e dispone di tutti gli strumenti per attuare incontrastata una vera e propria sudditanza nei confronti degli Stati, grazie alle strumentalizzazione delle tasse invocate per far fronte al debito. Faccio notare la frase: “politica del rigore” una frase invocata per richiamare l’impegno da parte dei governi ad assolvere il “prestito, guarda caso, contratto proprio con la BCE e guarda caso per effetto dalla politica imposta dalla UE.

    LA GRECIA INSEGNA
    La Grecia, in realtà, per la UE-BCE è stata semplicemente un banco di prova.
    UE-BCE avevano già scritto tutto con l’apporto del governo interno, che le vicende giudiziarie comprovano fosse corrotto. Ed ora, l’economia greca, è in preda alle scellerate privatizzazioni, quindi distrutta e svenduta definitivamente.
    Vogliamo questo anche per gli altri paesi? Se questo vogliamo, è sufficiente delegare la politica degli Stati alla UE, e la stampa di denaro alla BCE.

  • ROBERTO

    IL LORO BIGLIETTO DA VISITA
    .

Ultima ora

21:30Calcio: Manchester, lutto al braccio e minuto di silenzio

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Manchester United e Ajax, squadre finaliste di Europa League, hanno osservato un minuto di silenzio prima della partita in corso ora alla Friends Arena di Stoccolma, in onore delle vittime dell'attentato di lunedì sera al concerto di Ariana Grande. Ben prima del termine dell'omaggio, con i giocatori abbracciati in mezzo al campo, il pubblico non ha trattenuto il silenzio e si è unito in un applauso inneggiando alla città colpita dal terrorismo. La squadra di Mourinho gioca con il lutto al braccio.

21:08Calcio: Mourinho, giocheremo senza felicità

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Mi aspetto una grande partita e mi aspetto che il Manchester United non sia giudicato da questa partita per tutta la stagione: ma soprattutto, giochiamo una finale di Europa League senza la felicità che comporterebbe". Così José Mourinho parla della sfida all'Ajax, tornando ad esprimere il dolore per l'attentato di Manchester. "Di solito, partite così si giocano con la felicità dentro - ha detto il tecnico portoghese pochi minuti prima del fischio d'inizio a Stoccolma - ma questa volta non è così, non può essere così".

21:03Bambino investito da un’auto a Roma, è grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Un bambino di 5 anni è stato investito da un'auto nel pomeriggio a Roma. E' accaduto in via Laodicea, zona San Paolo. Il piccolo è stato trasportato in gravi condizioni dal 118 in ospedale. Sembra fosse in compagnia di uno zio quando è stato travolto. Sul posto per i rilievi la polizia locale. Dalle primissime informazioni, sembra che il bambino sia sbucato all'improvviso tra le auto in sosta per attraversare quando l'auto lo ha investito in una stradina stretta che costeggia un piccolo parco pubblico. Secondo quanto si è appreso, in quel punto non ci sarebbero le strisce pedonali. Il piccolo è stato trasportato in ospedale in codice rosso, ma sembrerebbe non sia in pericolo di vita. La polizia locale sta effettuando accertamenti per ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente. Sono state raccolte alcune testimonianze. Sembrerebbe che il bimbo sia un nomade e che quando è stato investito fosse in compagnia di uno zio.

20:58Ddl toghe sporche: Senato approva all’unanimità

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - L'Aula di Palazzo Madama approva il ddl che inasprisce le pene per i magistrati che commettono i reati contro la Pubblica Amministrazione con 178 sì, senza contrari né astenuti. Il provvedimento passa ora all'esame della Camera

20:53Renzi, Rosatellum ha numeri Camera, vediamo se a Senato

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "La mia posizione è il Mattarellum, al Mattarellum dicono di no. Abbiamo presentato il Rosatellum, secondo me alla Camera i numeri potrebbe averli: bisogna che gli altri ci dicano se li ha anche al Senato o no". Lo dice Matteo Renzi, interpellato a margine del Maurizio Costanzo Show. "Vediamo un po', il punto vero è che noi stiamo facendo le cose sul serio per accogliere l'invito del presidente della Repubblica, dopodiché gli italiani valuteranno chi sta dalla parte della soluzione e chi no", aggiunge.

20:49G7: Politico, Trump mantiene incertezze su commercio e clima

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAG - Commercio e clima tengono in sospeso il testo del comunicato finale del G7 di Taormina a causa delle incertezze mantenute sino ad oggi dagli americani. Lo scrive Politico, citando alcuni dirigenti e diplomatici stranieri e uno americano. Finora, secondo Politico, la parte statunitense ha sottoposto punti generici che impediscono di definire con precisione le posizioni che i leader discuteranno venerdì e sabato in Sicilia. Un dirigente americano che ha visto i 'key point' Usa ha riferito che Washington ha accettato di includere solo un linguaggio generico nel 'communique' del G7, come "promuovere la prosperità economica e la crescita globale". E ha anticipato che Trump parlerà "delle pratiche commerciali sleali e di altre questioni globali, come il ruolo dell'innovazione nell'economia, l'uguaglianza delle donne e la sicurezza alimentare". (ANSA).

20:38Blitz Gdf in filiale Unicredit a Olbia, s’indaga per usura

(ANSA) - OLBIA, 24 MAG - La Guardia di finanza di Olbia ha acquisito una serie di documenti in una filiale Unicredit della città gallurese, relativi a finanziamenti erogati alla Cite Commerciale Srl,a seguito del fallimento di quest'ultima. Oggi al direttore della filiale è stato notificato un ordine di esibizione firmato dal Procuratore della Repubblica di Tempio, Domenico Fiordalisi. L'attività, coordinata dal maggiore delle Fiamme gialle Marco Salvagno, è stata disposta nell'ambito di un'inchiesta che ipotizza il reato di usura ai danni della società olbiese. La Cite commerciale srl, che si occupava della vendita di materiale e impianti idraulici, era fallita a causa di debiti per una somma vicina ai 3 milioni di euro maturati con le banche. La Procura di Tempio sta procedendo con le indagini per verificare se i tassi applicati ai prestiti avessero superato i limiti previsti dalla legge. Si parla di interessi sui prestiti che arriverebbero, stando ai conteggi effettuati da un consulente, sino al 18 per cento. (ANSA).

Archivio Ultima ora