Migranti: strage di bambini nel Sahara, in 20 morti di sete

Pubblicato il 16 giugno 2016 da redazione

Migranti: strage di bambini nel Sahara, in 20 morti di sete

Migranti: strage di bambini nel Sahara, in 20 morti di sete

BRUXELLES. – La strage di 20 bambini e 14 adulti, morti di sete, dopo essere stati abbandonati dai trafficanti di esseri umani nel deserto del Sahara, è l’ultima pagina cupa nella grande tragedia dei migranti.

Secondo il ministro dell’Interno nigerino Mohammed Bazoum, venti bambini, cinque uomini, e nove donne sono stati trovati nella regione di Agadez, vicino ad Assamaka, un posto di frontiera tra il Niger e l’Algeria, dove le temperature raggiungono picchi roventi: un punto di passaggio privilegiato per raggiungere i porti di imbarco in Libia e Algeria, verso l’Italia.

La morte risale a circa una settimana fa, fra il 6 e il 12 giugno, e al momento le autorità sono riuscite ad identificare solo una coppia di nigeriani di 26 anni.

La maggior parte dei bambini che riescono ad arrivare in Italia raccontano di essere stati vittime di gravissimi abusi, sfruttamento e torture scioccanti durante il loro viaggio verso la Libia attraverso i Paesi dell’Africa subsahariana, rileva d’altra parte l’ong Save the children che invita i leader europei a non “alzare ponti levatoi”.

Secondo l’Organizzazione mondiale per le migrazioni (Oim), lo scorso anno sono stati 120mila i migranti che hanno attraversato il Niger passando per Agadez, ma per quest’anno le stime saranno probabilmente viste al rialzo.

La Commissione europea ha identificato il Paese, dove in passato Bruxelles aveva già messo in piedi un progetto pilota, come uno dei primi destinatari dei ‘compact’ (fondi per la crescita e lo sviluppo in cambio della collaborazione nella gestione dei flussi) per fermare l’emorragia verso l’Europa e colpire le reti dei trafficanti, che si arricchiscono mandando i migranti verso l’Italia allo sbaraglio, a bordo di imbarcazioni capaci a malapena di galleggiare.

A confermare la crescente precarietà dei mezzi usati per le traversate sono anche i dati diffusi da Frontex, che parlano di una cifra record di 13mila migranti salvati nel Mediterraneo centrale in una sola settimana, tra il 20 ed il 27 maggio.

E se l’accordo Ue-Turchia ha fatto calare drasticamente gli arrivi dei migranti sulle coste della Grecia (a maggio si sono registrate 1500 persone sbarcate, -60%) in Italia i numeri si mantengono sui livelli del 2015, anche se maggio ha segnato un raddoppio rispetto ad aprile.

Proprio perché la rotta dall’Africa verso le coste italiane continua ad essere sotto pressione, il direttore esecutivo di Frontex, Fabrice Leggeri, oltre a pianificare lo spostamento di equipaggiamento tecnico e di guardie di frontiera dall’Egeo, ha rivolto “un appello agli Stati affinché forniscano a Frontex più imbarcazioni per dare pieno supporto” alle autorità italiane.

Eurostat rivela intanto come l’Italia, nonostante una diminuzione del 10% rispetto all’ultimo trimestre 2015, sia il secondo Paese in Europa per richieste d’asilo (22.335; 8%), dopo la Germania (175mila; 61%), nei primi tre mesi 2016. A chiedere protezione internazionale sono stati soprattutto pachistani (4.125; 18%), nigeriani (3.535; 16%) e gambiani (1.940; 9%).

In totale in Ue le domande presentate sono state 287.085 contro le 426mila dell’ultimo trimestre 2015 (-33%), con i siriani, gli afghani e gli iracheni al top di richieste.

Ma il sistema europeo è ingolfato. Sono oltre un milione le richieste d’asilo ancora all’attenzione delle autorità dei Paesi europei. A fine marzo 2015 erano poco più della metà, circa 560mila. Con 473mila richieste all’esame (il 47% dell’Ue) la Germania si trova di gran lunga a gestire la quota più importante. L’Italia è quarta con 60.000, dopo Svezia e Austria.

(di Patrizia Antonini/ANSAmed)

Ultima ora

18:23Detenuto sale su tetto carceri Regina Coeli per protesta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un detenuto recluso nel carcere romano di Regina Coeli è salito per protesta sul tetto dell'istituto. L'uomo, un romeno di 30 anni, è stato condannato pochi giorni fa a 10 anni per violenza sessuale. Il detenuto si sarebbe arrampicato dal cortile dell'VIII sezione al finestrone del terzo piano usando i fili del parafulmine presenti lungo il muro, agevolato da una struttura fisica piuttosto esile. L'uomo, uno straniero, è stato subito raggiunto dal personale della polizia penitenziaria. Per scongiurare ogni pericolo sono intervenuti anche i vigili del fuoco visto che il detenuto minacciava di gettarsi nel vuoto. Dopo aver ottenuto di parlare con la direttrice del carcere, l'uomo si calmato ed è stato riportato in cella. "L'intervento immediato e tempestivo del personale di polizia penitenziaria ha scongiurato un ennesimo evento tragico". Lo dice Pompeo Mannone, segretario della Fns Cisl. "Il personale - aggiunge - continua ad operare con professionalità pur in presenza di condizioni di grave carenza".

17:49Appalti: Cara Mineo, processo immediato per Castiglione

(ANSA) - CATANIA, 24 MAR - Ha chiesto e ottenuto dal Gip di Catania, Santino Mirabella, il giudizio immediato il sottosegretario all'Agricoltura, Giuseppe Castiglione, che esce così dall'udienza di rinvio a giudizio del 28 marzo prossimo sugli appalti per la gestione del Cara di Mineo. "Ho scelto io stesso il rito immediato - spiega Castiglione - perché ritengo che questa vicenda debba essere sottoposta, al più presto ️e nel più breve tempo possibile, al vaglio del Tribunale con tutte le garanzie difensive previste dal codice di rito e dalla Costituzione, per pervenire a una sentenza di assoluzione". Castiglione si dice "sicuro di poter radicalmente smentire l'ipotesi accusatoria, dimostrando l'infondatezza di tutte le contestazioni, a dir poco fantasiose, che mi vengono addebitate" e che "al termine di questa dolorosa vicenda, la mia dignità morale e la mia attività amministrativa, sempre improntata alla legittimità e alla trasparenza, riceveranno giustizia".

17:39Calcio: Callejon, sarebbe meraviglioso scudetto a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 24 MAR - "Vincere lo scudetto a Napoli sarebbe meraviglioso, sarebbe un sogno per tutti". Lo ha detto José Maria Callejon in un'intervista a Radio Kiss Kiss Napoli. "Vincere a Napoli - ha detto l'esterno spagnolo - è molto difficile, Maradona qui ha vinto due scudetti, noi ci proviamo ogni anno e speriamo di avere qualche chance in futuro. Callejon ha parlato della necessità del Napoli di avere sempre la giusta personalità: "Noi - ha spiegato - sentiamo di essere una squadra importante, ma dobbiamo averne la consapevolezza sempre, perché penso che a volte non abbiamo in testa questo concetto. Anche chi è in panchina o in tribuna deve essere consapevole che siamo una squadra di alto livello".

17:28Mafia: Cdm scioglie Comune Lavagna

(ANSA) - GENOVA, 24 MAR - Il Consiglio dei ministri ha sciolto il Consiglio comunale di Lavagna per infiltrazioni mafiose. La decisione è stata presa stamani a norma dell' articolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, su proposta del Ministro dell'interno Marco Minniti. Il Consiglio dei ministri ha deliberato lo scioglimento per infiltrazioni da parte della criminalità organizzata del Consiglio comunale di Lavagna (Genova) si legge nel comunicato stampa del Consiglio dei ministri. La decisione segue le indagini della magistratura antimafia di Genova che la scorsa estate portarono all'arresto di otto persone tra cui il sindaco Giuseppe Sanguineti e l'ex parlamentare Gabriella Mondello. La scorsa settimana l'indagine ha avuto un seguito che ha portato ad altri arresti e ha svelato gli interessi della 'ndrangheta sul territorio comunale. Due ordini di custodia hanno raggiunto i fratelli Francesco Antonio e Antonio Rodà, già in carcere, e sono finiti in manette Paolo Paltrinieri e Alfred Remilli.

17:20Casa: Monsignor Zuppi, sia un diritto di tutti

(ANSA) - BOLOGNA, 24 MAR - Monsignor Zuppi apre le porte all'Acer (Azienda casa Emilia-Romagna) in vista di una possibile collaborazione fra l'arcidiocesi e l'ente sul tema della ristrutturazione di immobili di proprietà di parrocchie, istituti, fondazioni e opere diocesane, da destinare - secondo quanto scritto oggi dal 'Resto del Carlino' - ai piani di edilizia popolare. Stamattina l'arcivescovo di Bologna ha incontrato il presidente dell'Acer Alessandro Alberani negli uffici dell'ente di Piazza della Resistenza: "Un buon punto di partenza - ha detto monsignor Zuppi a margine della conferenza stampa di presentazione del musical 'I ragazzi di don Zeno' - speriamo che possa aiutare a valorizzare alcune possibilità che abbiamo, a rispondere all'interesse dell'Acer e all'interesse di tutti, cioè che la casa sia un diritto". (ANSA).

17:18Calcio: U16, prima vittoria Panico sulla panchina azzurra

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - A due giorni dall'esordio sulla panchina dell'Under 16, l'Italia di Patrizia Panico - prima donna a guidare una nazionale maschile azzurra - riscatta la sconfitta (1-4) subita nell'amichevole del 'Bentegodi' con la Germania. A Caldiero Terme, in uno stadio gremito e vestito a festa per l'occasione, l'Italia ha battuto 3-2 i pari età tedeschi nel replay della sfida di mercoledì, un match che aveva visto anche il primo rigore 'annullato' nella storia del calcio italiano grazie all'ausilio della VAR. Azzurrini in vantaggio al 13' con il gol del centrocampista dell'Atalanta Emmanuel Gyabuaa. Raddoppio in chiusura di tempo con Riccardo Tonin. All'8' della ripresa Roberto Piccoli, autore del gol della bandiera due giorni fa al 'Bentegodi', ha finalizzato una ripartenza portando a tre le reti di vantaggio dell'Italia e rendendo quindi vano il tentativo di rimonta dei tedeschi, a segno al 50' e al 57' con Bozdogan e Vangu Bukusu sugli sviluppi di due calci piazzati.

17:08Calcio: U21, convocato portiere Juventus Mulyadi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - E' stato convocato dalla Nazionale Under 21 il portiere della Juventus Emil Audero Mulyadi. Il giocatore si aggregherà al gruppo in serata, in vista dell'amichevole Italia-Spagna, in programma lunedì 27 marzo allo stadio Olimpico di Roma.

Archivio Ultima ora