A San Pietroburgo prove di disgelo tra Russia e Ue

Pubblicato il 16 giugno 2016 da redazione

pitrob

SAN PIETROBURGO. – Guardare al futuro, con orgoglio e senza preoccuparsi troppo per quel presente fatto di sanzioni e crisi economica. Lo spirito del 20esimo forum economico internazionale di San Pietroburgo (Spief) sta tutto qui. Una prova di forza, da parte della Russia, che punta sull’originale format del forum – incontri tra grande politica e grande impresa – per rilanciare la cooperazione internazionale.

E se tutta l’attenzione è concentrata sull’intervento dello ‘zar’ Vladimir Putin, Mosca incassa nella prima giornata di lavori l’apertura – con la condizionale – del presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker: “Sono qui – ha detto – per costruire ponti”.

E lo ha ribadito anche il premier Matteo Renzi, che interverrà domani. “La Russia deve rispettare gli accordi di Minsk e la sovranità dell’Ucraina ma è sbagliata filosofia del tutti contro tutti, da ‘guerra fredda bis’. La Russia può e deve essere alleato della comunità internazionale nella lotta al terrorismo”, ha detto il premier a Tg2.

Juncker è intervenuto al fianco del segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon al primo appuntamento decisivo dello Spief – “c’è chi non è felice per la mia presenza qui ma io lo sono” – per ribadire che Ue e Russia “devono dialogare” nonostante il regime sanzionatorio.

“Nelle prossime settimane – a luglio bisogna decidere sul rinnovo delle sanzioni, ndr – l’Ue terrà importanti meeting, passeremo ore a parlare della Russia&hellip ecco, io credo che si debba anche parlare con la Russia”.

Un passaggio molto applaudito dalla platea. Juncker, infatti, ha poi incontrato Putin in un bilaterale in cui, secondo i russi, si è parlato del “futuro delle relazioni fra Ue e Mosca” ma non di “sanzioni” (per quanto Juncker abbia invece annunciato il contrario). Fin qui i ponti. Poi i puntini (sulle ‘i’).

“Le azioni della Russia in Ucraina – ha ammonito Juncker – hanno scosso le fondamenta della sicurezza in Europa: sono azioni che non possono essere ignorate. Il nostro percorso di dialogo inizia con la totale implementazione degli accordi di Minsk: su Minsk l’Ue è unita e così è il G7. Un’Ucraina stabile e democratica è nell’interessa della Russia e della sua economia”.

Fissati i paletti dell’operazione “ricucitura” – l’Europa d’altra parte ha dovuto fare i conti con una serie di crisi, l’ultima delle quali si chiama Brexit, e non ne ha bisogno di altre, tanto meno, appunto, quella dell’uscita della Gran Bretagna dal club dei 28, che per quanto da evitare “non metterebbe a rischio la vita dell’Ue” – al forum si sono registrati altri ‘posizionamenti’ favorevoli al disgelo sulla rotta Mosca-Bruxelles.

L’ex presidente francese Nicolas Sarkozy ha definito l’idea d’integrare l’Ucraina nella Nato “un errore” e ha promesso che presto farà “proposte al riguardo”. Sarkozy ha poi sottolineato che Europa e Russia devono lavorare insieme, “mano nella mano”, e una nuova guerra fredda “non è nell’interesse dell’Europa”.

Il punto è che tra gli operatori economici si respira ormai la volontà di tornare al ‘business as usual’ e di cogliere tutte le opportunità che la nuova politica industriale del governo ha varato. Un fedelissimo di Putin come l’ex ministro delle Finanze Alexei Kudrin – ora consulente del presidente sulla riforme economiche – ha per esempio detto che la Russia deve smettere di usare l’energia come una “leva politica” e concentrarsi sulle misure per dare fiato “alla classe medio-bassa”, la più colpita dalla crisi.

Messaggi incoraggianti. L’aspetto economico non è secondario. La Russia si aspetta di firmare in questi giorni intese per un controvalore pari a “miliardi di euro” e l’Italia è in prima fila, unico paese ad avere allo Spief un padiglione proprio.

La Gazprom e la Shell hanno ad esempio firmato un memorandum of understanding per progetti di gas liquefatto nel Baltico. Domani tocca all’Italia con l’intervento di Renzi alla plenaria del forum e a seguire la firma di diverse intese italo-russe. In attesa del disgelo definitivo, il dialogo passa anche e soprattutto dagli affari.

(dell’inviato Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

23:05Moglie uccisa a bastonate,rinvio a giudizio per Cagnoni

(ANSA) - RAVENNA, 25 MAG - E' stata depositata la richiesta di rinvio a giudizio per Matteo Cagnoni, il dermatologo 52enne di Ravenna, accusato di aver ucciso a bastonate la moglie Giulia Ballestri,di 39 anni. Le ipotesi di reato formulate dalla procura sono omicidio pluriaggravato da premeditazione, crudeltà e dall'avere agito nei confronti del coniuge, e l'occultamento di cadavere nella cantina della villa dove è stato compiuto il delitto. Matteo Cagnoni é in carcere dal 19 settembre scorso, giorno del fermo a Firenze, con l'accusa di avere ucciso tre giorni prima a bastonate in una villa di famiglia di Ravenna, da tempo disabitata, la moglie. Secondo quanto contestato dai Pm Alessandro Mancini e Cristina D'Aniello sulla base delle indagini della polizia, la premeditazione sul delitto la si può dedurre in particolare da due elementi: sin dal 14 settembre Cagnoni aveva dato disposizione alla segreteria della clinica di Bologna dove prestava attività ambulatoriale, di annullare tutti gli appuntamenti per il 16, giorno del delitto.

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

Archivio Ultima ora