Mafia: killer clan Strisciuglio Bari si pente per amore

Pubblicato il 17 giugno 2016 da ansa

(ANSA) – BARI, 17 GIU – Si è pentito per amore di sua moglie e di sua figlia appena nata il killer del clan Strisciuglio, Michele Miccoli, 36enne barese ritenuto dalla Dda il referente dell’organizzazione mafiosa nel quartiere San Paolo. Il pluripregiudicato, in carcere da quasi un decennio per scontare condanne definitive per i reati di rapina e traffico di droga, ha scelto di collaborare con la giustizia dopo aver avuto una bambina. Il desiderio di dare alla sua famiglia un’opportunità di vita diversa l’ha convinto a pentirsi. Agli inquirenti baresi dell’Antimafia ha raccontato in più di mille pagine decine di omicidi, auto accusandosi di alcuni di questi delitti, oltre che della gestione dei traffici illeciti del clan, dalla droga alle estorsione, e ai rapporti con le altre organizzazioni criminali della città. Le sue dichiarazioni sono state prodotto dal pm della Dda di Bari Patrizia Rautiis nell’udienza preliminare nei confronti di 49 presunti affiliati tra cui anche il capo clan, Domenico Strisciuglio.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

22:22Calcio: Ausilio, Pastore? Staremo attenti alle occasioni

(ANSA) - MILANO, 19 NOV - "Pastore? Siamo l'Inter, abbiamo il dovere di dover stare attenti a quei giocatori che possono fare al caso nostro. Il mercato di gennaio non mi fa impazzire, perché le occasioni sono rare". Il direttore sportivo dell'Inter Piero Ausilio, prima della partita contro l'Atalanta a San Siro, non si sbilancia sul futuro dell'attaccante del Psg Javier Pastore che ieri sera ha aperto ad un possibile ritorno in Italia proprio nel mercato di riparazione. "Ci sono ragazzi che lavorano per un'occasione - spiega Ausilio commentando la chance che Spalletti ha concesso a Santon - arriva il momento per tutti, come stasera con Santon e sarà lo stesso per Joao Mario".

21:17Calcio: Hamsik, con il Milan vittoria della pazienza

(ANSA) - NAPOLI, 19 NOV - "Dopo il pareggio col Chievo, volevamo tornare a vincere, ma sapevamo di dover affrontare un buon avversario. Siamo stati pazienti, sapevamo che prima o poi avremmo superato il muro difensivo del Milan". Marek Hamsik, come è ormai consuetudine, affida al proprio sito ufficiale il commento della partita giocata ieri sera al San Paolo. "E' stato fondamentale - dice lo slovacco - segnare un gol nel primo tempo e alla fine abbiamo vinto ottenendo tre punti importanti contro una squadra di qualità". "Fino ad ora - conclude Hamsik - 11 vittorie e due pareggi. E' fantastico! Il campionato però è ancora lungo dobbiamo continuare così e rimanere concentrati. Martedì ci aspetta la sfida in Champions contro lo Shakhtar. Faremo di tutto per vincere".

21:14Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Risultati della 6/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo: Imoco Conegliano - Saugella Monza 3-0 Igor Novara - Foppapedretti Bergamo 3-0 Unet Busto Arsizio - Sab Legnano 3-0 Il Bisonte Firenze - Pomì Casalmaggiore 3-2 Lardini Filottrano - Liu Jo Modena 0-3 Mycicero Pesaro - Del Bene Scandicci 2-3 - Classifica: Conegliano 18; Scandicci e Novara 17; Busto Arsizio 15; Modena 9; Pesaro 8; Monza e Legnano 6; Firenze 5; Casalmaggiore 4; Filottrano 3; Bergamo 0.

21:12Rugby: Eccellenza, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Risultati della settima giornata del campionato di rugby di Eccellenza: Femi-Cz Rovigo- Patarò Calvisano 23-20 Lafert San Donà - Petrarca Padova 14-22 Viadana - Conad Reggio Emilia 31-17 Aeroporti I Medicei - Fiamme Oro 16-20 Lazio - Mogliano 24-20 - Classifica: Patarò Calvisano 29; Femi-Cz Rovigo 27; Petrarca Padova 26; Viadana 20; Fiamme Oro 19; Lafert San Donà 18; I Medicei 17; Lazio 6; Conad Reggio E. 5; Mogliano 4.

21:05Usa: capo armi nucleari, mi opporrei a ordine illegale Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - Il generale dell'aviazione John Hyten, capo del comando strategico Usa (Stratcom), e' pronto a disobbedire al presidente Donald Trump se ordinasse un attacco nucleare "illegale". "Come capo dello Stratcom, io consiglio il presidente. Lui mi dira' cosa fare", ha spiegato alla platea di un forum sulla sicurezza a Nova Scotia, Canada. "E se - ha proseguito l'ufficiale, che supervisiona l'arsenale nucleare Usa - e' illegale, indovinate cosa accadra'? Diro', 'signor presidente, questo e' illegale'. E poi? Lui dira' 'cosa sarebbe legale?'. E troveremo delle opzioni, con un mix di capacita' di risposta a qualsiasi situazione. Questo e' il modo in cui funzionano le cose. Non e' complicato". Le sue parole arrivano pochi giorni dopo che il Senato, per la prima volta in oltre 40 anni, sull'onda delle minacce del presidente alla Corea del nord, ha discusso le prerogative nucleari del 'Commander in chief' in caso di conflitto.

20:38Calcio: Ferrero, oggi Samp è la 500 che supera una Ferrari

(ANSA) - GENOVA, 19 NOV - Massimo Ferrero scatenato dopo il successo della sua Sampdoria contro la Juventus. Il presidente blucerchiato si è affidato al cinema e ad un film storico come "Il sorpasso" riproducendo anche il suono di un clacson. "Io mi sono comprato una trombetta e ho cominciato a suonare: ero con la 500 ma davanti avevo una Ferrari e si sono scansati e li ho superati". Il successo mantiene però la Sampdoria con i piedi per terra. "Futuro? Volare basso e schivare il sasso, adesso pensiamo al Bologna. Oggi - ha aggiunto Ferrero - abbiamo riequilibrato il campionato, la gente va più volentieri allo stadio, gode di più e c'è più competizione, sennò vince sempre la Juventus".

20:32Calcio: Allegri, la Nazionale? Io voglio proseguire con Juve

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Voglio proseguire con la Juventus, costruire la squadra per il futuro e vincere titoli. Non ho ancora la testa per andare in Nazionale, quello del c.t. è l'ultimo dei problemi della Federazione. Dovranno strutturare l'Italia come un club". Così Massimiliano Allegri, dai microfoni Rai, sull'eventualità che il tecnico della Juve riceva una chiamata da via Allegri con l'offerta della panchina della nazionale. E cosa pensi Allegri del presidente della Figc Carlo Tavecchio? "Non so cosa voglia fare l'Associazione Italiana Allenatori - risponde Allegri - ne parlerò con il presidente e cercherò di capire cosa vuole fare per il bene del calcio. È responsabilità di Tavecchio decidere se dimettersi o no, oggi c'è un consiglio direttivo e questa sera sapremo come orientarci".

Archivio Ultima ora